Spilinga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spilinga
comune
Spilinga – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Vibo Valentia-Stemma.png Vibo Valentia
Amministrazione
Sindaco Franco Barbalace (lista civica) dal 03/04/2005
Territorio
Coordinate 38°37′00″N 15°54′00″E / 38.616667°N 15.9°E38.616667; 15.9 (Spilinga)Coordinate: 38°37′00″N 15°54′00″E / 38.616667°N 15.9°E38.616667; 15.9 (Spilinga)
Altitudine 455 m s.l.m.
Superficie 18 km²
Abitanti 1 504[1] (30-06-2011)
Densità 83,56 ab./km²
Frazioni Monte Poro, Panaìa
Comuni confinanti Drapia, Joppolo, Limbadi, Nicotera, Ricadi, Rombiolo, Zungri
Altre informazioni
Cod. postale 89864
Prefisso 0963
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 102042
Cod. catastale I905
Targa VV
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti spilingesi (o spilingoti)
Giorno festivo sagra dell'nduja 8 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Spilinga
Posizione del comune di Spilinga nella provincia di Vibo Valentia
Posizione del comune di Spilinga nella provincia di Vibo Valentia
Sito istituzionale

Spìlinga (l'accento è sulla prima i: Spìlinga) è un comune di 1.504 abitanti della provincia di Vibo Valentia.
Le risorse principali del comune di Spilinga sono l'agricoltura e l'allevamento di bovini e di suini: nota è la 'nduja, un salume prodotto con le parti grasse del suino, con l'aggiunta del peperoncino piccante calabrese; ogni anno l`8 agosto si celebra la sagra della 'nduja.

Sebbene il comune non ne sia naturalmente vocato, recentemente anche il turismo estivo sta assumendo un ruolo importante per il comune, grazie soprattutto alla stretta vicinanza con le località balneari del comune di Ricadi e di Tropea per cui offre sistemazioni extra-alberghiere.

È anche sede dal 2010 del "Festival Internazionale della Lyra del Mediterraneo".

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010[3] i cittadini stranieri residenti erano 71 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Madonna delle Fonti[modifica | modifica sorgente]

Il Santuario della Madonna della Fontana, o delle Fonti, si trova a breve distanza dall'abitato, in un’antica grotta eremitica. Il culto alla Madonna delle Fonti risale all'inizio del Novecento, da quando, secondo la tradizione orale, la Madonna si manifestò in sogno alla signora Domenica Muià, invitandola ad andare nel luogo dove ora sorge il Santuario. Nel punto in cui oggi si conserva la nicchia originale, la signora Muià avrebbe trovato la statua della Madonna. La chiesetta fu costruita nel 1920[4], e con il passare del tempo è divenuta meta di pellegrinaggi.

Altri luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa di San Giovanni Battista: la struttura risale al 1645[5]
  • Chiesa di Carciadi: dedicata a S. Maria della Misericordia, fa capolino dal punto più alto dell'abitato
  • Acquedotto rurale: a circa due chilometri dall'abitato, sulla strada per Vibo Valentia. La struttura in pietra ad archi rievoca lo stile degli antichi acquedotti romani
  • Grotte eremitiche: nei dintorni di Spilinga si trovano diverse grotte, per la maggior parte grotte naturali, scelte dagli eremiti in epoca medievale come luogo di rifugio e di preghiera. Di particolare interesse è la grotta di San Leo, nella valle fra Spilinga e Carìa, in cui rimangono cinque frammenti di affreschi del XVI sec.[6]
  • Valle Ruffa: attraversata dalla fiumara del Capo Vaticano, o della Ruffa[7], si estende lungo i confini dei Comuni di Drapìa, Spilinga e Ricadi. Molto interessante sotto l'aspetto naturalistico, ospita una ricca varietà di fauna e di flora (è presente fra l'altro una rara felce tropicale, la Woodwardia radicans). La valle è interessante anche da un punto di vista storico: lungo il percorso del torrente si incontrano i resti di antichi mulini, alcuni ancora ben conservati, altri ridotti a ruderi. La gran parte di questi mulini è stata attiva fino agli anni cinquanta e costituiva un'importante risorsa economica

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  4. ^ G. Aceto, I Santuari della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, Rubbettino Editore, 2003
  5. ^ www.comune.spilinga.vv.it. URL consultato il 28 febbraio 2014.
  6. ^ G. Musolino, Santi eremiti italogreci. Grotte e chiese rupestri in Calabria, Rubbettino Editore, 2002
  7. ^ Statistica delle acque fluenti nel territorio di Tropea.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

La nduja di Spilinga

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calabria