Renzo Vespignani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lorenzo Vespignani, detto Renzo (Roma, 19 febbraio 1924Roma, 26 aprile 2001), è stato un pittore, illustratore, scenografo e incisore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Roma il 19 febbraio 1924 da Guido Vespignani ed Ester Molinari, bisnipote di Virginio Vespignani, famoso architetto. Dopo la morte del padre, stimato chirurgo e cardiologo, dovette, giovanissimo, trasferirsi con la madre nella zona proletaria di Portonaccio, adiacente al quartiere San Lorenzo, dove crebbe.

Qui, durante il periodo di occupazione nazista della Capitale, alla macchia come tanti suoi coetanei, cominciò a disegnare, cercando di rappresentare la realtà crudele, sporca e patetica attorno a lui: lo squallore del paesaggio urbano di periferia, le rovine e le macerie causate dai bombardamenti, il dramma degli emarginati e la povertà del quotidiano.

La sua arte non si limitò alla sola esperienza pittorica, fu illustratore di moltissimi capolavori. Importante anche la sua attività di scenografo: lavoro' per “I giorni contati” e “L'assassino” di Elio Petri, “Maratona di danza” e “Le Bassaridi” di Hans Werner Henze, “I sette peccati capitali” e “La madre” di Bertolt Brecht, “Jenufa” di Leoš Janáček. Come incisore produsse più di quattrocento titoli in acquaforte, vernice molle e litografia.

La carriera[modifica | modifica sorgente]

Iniziò a dipingere durante l'occupazione nazista, nascosto presso l'incisore Lino Bianchi Barriviera, suo primo maestro. Altri importanti punti di riferimento, che influirono sui suoi esordi artistici, furono Alberto Ziveri e Luigi Bartolini mentre, soprattutto nei suoi primi quadri, sembra evidente l'influsso di espressionisti come George Grosz e Otto Dix. Nel 1945 espone la sua prima personale e comincia a collaborare a varie riviste politico-letterarie (Domenica, Folla, Mercurio, La Fiera Letteraria) con scritti, illustrazioni e disegni satirici.

Il suo lavoro, tra il '44 e il '48 descrive il volonteroso e maldestro tentativo[non chiaro] di resurrezione di un'Italia umiliata, affamata e distrutta dalla guerra.

Nel 1956 fonda, con altri intellettuali, la rivista Città Aperta, incentrata sui problemi della cultura urbana.

Nel 1961 è fra i vincitori del Premio Spoleto; agli artisti prescelti fu dedicato un saggio corredato dalla riproduzione in grande formato (bianco e nero e quadricromie) delle opere esposte. [1]

Tra gli artisti a lui vicini si ricordano Giuseppe Zigaina (e la cosiddetta Scuola di Portonaccio[2]) e, dopo il '63, quelli del gruppo denominato Il pro e il contro[3], da lui fondato insieme a Ugo Attardi, Fernando Farulli, Ennio Calabria, Piero Guccione e Alberto Gianquinto.

Dal 1969, Vespignani lavora a grandi cicli pittorici dedicati alla crisi della società del benessere: Imbarco per Citera (1969), riguardante il ceto intellettuale coinvolto nel '68; Album di Famiglia (1971), uno sguardo polemico sulla sua personale quotidianità; Tra due guerre (1973-1975) un'analisi inflessibile sul perbenismo e l'autoritarismo piccolo-borghese in Italia; Come mosche nel miele (1984) dedicato a Pier Paolo Pasolini. Nel 1991 espone a Roma 124 opere, tra le quali il ciclo Manatthan Transfert[4], una critica all’insostenibile delirio esistenziale dell’American way of life.

Strettissimo il suo rapporto con la letteratura. Vespignani illustra il Decameron del Boccaccio, poesie e prose del Leopardi, le Opere Complete di Majakowskij, i Quattro Quartetti di Eliot, i Racconti di Kafka, i Sonetti del Belli, le Poesie del Porta, il Testamento di Villon e La Question di Alleg.

Nel 1999 viene eletto Presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca e nominato Grand'ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana.

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

« Per uno scrittore, almeno apparentemente, parrebbe più facile il far coincidere i due momenti di razionalizzazione: quello stilistico e quello ideologico. Assunto il mondo popolare come oggetto, magari solo di pura denuncia o di dolorosa descrizione, egli avrà sempre la possibilità della "mimesis", in cui far rivivere nella sua vita, far parlare nella sua lingua, quel mondo. Il pittore - Vespignani - ha fermo, nelle sue linee esterne, davanti a sé, quel mondo: i luoghi dove il proletariato lavora, soffre, ha le sue disperate allegrie, i suoi tremendi grigiori, le sue tristezze senza fondo: riprodurlo significa necessariamente giungere a una contaminazione stilistica. »
(Pierpaolo Pasolini a proposito dell'amico Vespignani nel 1956[senza fonte])

La pittura di Vespignani è estremamente realista, e vuole essere testimonianza e denuncia sociale contro la progressiva alienazione dell'uomo, prima umiliato dagli orrori della guerra e poi soffocato dagli scempio edilizi prodotti dal capitalismo. Secondo Vespignani, infatti, la ricostruzione del dopoguerra fece emergere l'avidità della nuova borghesia dedita alla speculazione e allo sfruttamento della natura e degli individui, in un contesto in cui si affermava come dominante il modello economico e sociale statunitense, che assurgeva a valore l'arricchimento, mortificando i più deboli e la loro dignità.[senza fonte]

I tristi paesaggi di periferia dei suoi primi quadri escludono la presenza di figure umane, che si ritrovano invece nei suoi primi ritratti, icone di emarginati dalle fisionomie patetiche che vengono dipinti con minuziosa veridicità. Dagli anni sessanta la sua opera diventa più decadente, caratterizzandosi nel continuo trapasso di ombre e di luci, evidente nel bianco e nero dei disegni a china così come nei colori spesso evanescenti delle sue tele. La scomparsa di ogni fiducia nell'uomo di fine millennio si traduce nel dissolvimento apparente del colore che assume spesso tonalità quasi incorporee, come se il pittore volesse rappresentare l'inconsistenza della realtà e i fantasmi delle speranze perdute. [senza fonte]

Opere nei musei[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Francesco Arcangeli, Marco Valsecchi, Giovanni Urbani, Antonello Trombadori, X Premio Spoleto: Ferrari, Pisani, Uncini, Vespignani. 9 - 31 dicembre 1962, ed. Comitato Manifestazioni Città di Spoleto, Spoleto 1963
  2. ^ Scuola di Portonaccio (più corretta la definizione del gallerista Gasparo Del Corso che chiamava Vespignani e i suoi amici di allora - Armando Buratti e Marcello Muccini - "La banda di Portonaccio"
  3. ^ per "Il Pro e Il Contro" non si può dimenticare Giuseppe Guerreschi pittore e i critici d'arte Dario Micacchi, Duilio Morosini e Antonio Del Guercio
  4. ^ Il titolo della mostra era:"Manhattan Transfer"

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A.A.V.V., "Vespignani, Renzo (Lorenzo)", in L'enciclopedia di La Repubblica, Utet, Torino, La Repubblica Roma 2003, vol. 20 pag. 516.
  • CRESPI MORBIO Vittoria (2010), Renzo Vespignani alla Scala, Amici della Scala, Milano, U.Alemandi, Torino 2010, pp. 88.

Citazioni:

  • Antonello Trombadori, Vespignani Tra uomini e no, Spoleto 1963
  • F. May, Vespignani, Catalogo dell'opera incisoria, Roma 1982
  • V. Rivosecchi, A. Trombadori, Roma appena ieri, Roma 1986.

Controllo di autorità VIAF: 42631094