Portale:Charles Dickens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Dickens 1868.jpg

"Dickens narra con tale precisione, con tale minuziosità, da costringerci a seguire il suo sguardo ipnotizzante.
Non aveva lo sguardo magico di Balzac [...], ma uno sguardo tutto terreno, uno sguardo da marinaio,
da cacciatore, uno sguardo di falco per le piccole cose umane.
– Ma sono le piccole cose – disse egli una volta –
che formano il senso della vita."

Stefan Zweig
Benvenuto
Planisphæri cœleste.jpg
Benvenuti nel Portale Charles Dickens, dedicato a questo famosissimo autore inglese, che si propone di illustrare come in una mappa, in modo esauriente ma al contempo interessante le informazioni di Wikipedia riguardanti la sua vita, le sue opere e i loro principali illustratori, la relativa critica e i film tratti da esse. Le sezioni della colonna destra, che cambiano giornalmente, contengono immagini, citazioni, curiosità e voci sui suoi principali romanzi.
Buona esplorazione e buon divertimento!

Charles Dickens
Charles Dickens fu uno scrittore inglese nato a Landport nel 1812 e morto nel 1870 a Gad's Hill, nel Kent.
Charles Dickens - Project Gutenberg eText 13103.jpg
Considerato uno dei maggiori autori inglesi del suo secolo, egli è ritenuto dalla critica il "fondatore" del romanzo sociale, ovvero che tratteggia la vita dei ceti sociali economicamente svantaggiati e denuncia situazioni di sopruso e pregiudizio, per la creazione del quale "unì" due correnti narrative dell'Ottocento, ovvero quella picaresca, utilizzata da scrittori come Henry Fielding e Daniel Defoe, e quella più romantica e sentimentale, cui aderì, per esempio, Laurence Sterne.

Per ciò che riguarda la biografia, è ritenuta determinante nelle sue opere la permanenza della sua famiglia nel carcere per debitori della Marshalsea: infatti suo padre, un impiegato con abitudini superiori ai suoi guadagni, vi fu rinchiuso nel 1824 e solo il piccolo Dickens non lo seguì, essendo stato costretto ad interrompere gli studi per lavorare in una fabbrica di lucido da scarpe; questa combinazione di avvenimenti impresse su di lui un profondo segno, che si ritrova in alcuni suoi romanzi: ad esempio, in La piccola Dorrit, i famigliari della protagonista vivono fra le sbarre da talmente tanto tempo che il suo genitore è chiamato Padre della Marshalsea, mentre in David Copperfield, romanzo parzialmente autobiografico, David lavora per un certo periodo in un'industria, costretto dal malvagio patrigno Murdstone ad appiccicare etichette sulle bottiglie prodotte dalla sua ditta.

Opere
Personaggi
Gli illustratori
Edifici e musei
Avvenimenti

L'incidente ferroviario di Staplehurst è stato un incidente ferroviario accaduto a Staplehurst, nella regione inglese del Kent, che ebbe luogo il 9 giugno 1865 e nel quale persero la vita dieci passeggeri e quaranta restarono feriti. Viene principalmente ricordato poiché coinvolse anche Charles Dickens (che fortunosamente scampò al disastro), il quale viaggiava in un vagone di prima classe di ritorno da un viaggio in Francia, assieme alla sua compagna Ellen Ternan e alla madre di lei.

Nel cinema e nella televisione

Su Il Circolo Pickwick: Il Circolo Pickwick, sceneggiato televisivo in 6 puntate.


Su Nicholas Nickleby: Nicholas Nickleby (film del 2002).


Su Oliver Twist: Le avventure di Oliver Twist (film del 1948) · Oliver & Company, film d'animazione Disney del 1988 · Scodinzola la vita e abbaia l'avventura con Oliver (serie televisiva animata del 1997-1998) · Oliver Twist, film del 2005 diretto da Roman Polanski.


Su La bottega dell'antiquario: La piccola Nell (manga del 1979).


'Su Grandi speranze : Grandi speranze, film del 1946 · Grandi speranze, film del 2012


Su David Copperfield: Davide Copperfield (film del 1935).


Su Canto di Natale: Canto di Natale di Topolino, cortometraggio del 1983. A Christmas Carol, (film d'animazione 3D Disney del 2009), diretto da Robert Zemeckis

Charles Dickens sulla Rete
Altre immagini

Caricature, immagini di famiglia, di abitazioni, di illustratori, festival e altro.

Svuota le chace di questa pagina per vedere correttamente le sezioni sottostanti

Immagine del giorno

Havisham.jpg
Miss Havisham in un'illustrazione di Harry Furniss del 1910
(su Grandi speranze).
Voce del giorno
  • Grandi speranze (titolo originale "Great Expectations") è un romanzo di Charles Dickens scritto e pubblicato tra il 1860 e il 1861, pubblicato per la prima volta a puntate settimanali, dal 1º dicembre 1860 ad agosto 1861 sulla rivista All the Year Round, periodico diretto dallo stesso Dickens, ed è considerata uno dei più grandi e più sofisticati romanzi dell'autore inglese, nonché uno dei suoi più popolari; ebbe inoltre più di 250 adattamenti sul palcoscenico e sullo schermo. Ogni puntata in All the Year Round conteneva due capitoli ed era scritta in modo che "catturasse" i lettori, stimolando la loro curiosità verso il fascicolo successivo. La sua prima apparizione in volume fu in tre tomi, senza illustrazioni, nel luglio del 1861.
    Esso è caratterizzato dal genere detto "bildungsroman", ovvero quel genere di stile che segue le vicende del protagonista nella ricerca della maturità, spesso partendo dall'infanzia, per arrivare alla mezza età: Grandi speranze è appunto la storia dll'orfano Philip Pirrip, detto "Pip", descrivendo la sua vita dai primi giorni della sua infanzia fino all'età adulta, e il protagonista tenta, nel corso del romanzo, di diventare un gentiluomo. La storia ha inoltre dei caratteri semi-autobiografici, come molte opere dell'autore.
    L'intreccio ha inizio dalla vigilia di Natale del 1812 (anno di nascita di Dickens), quando l'orfano ha circa sette anni, e termina nell'inverno del 1840.
Di Charles Dickens hanno detto...

Dell'autore:

« Di tutti i romanzieri dell'età vittoriana [Dickens] è stato probabilmente il più critico verso la stessa età vittoriana»
(Edmund Wilson)

Delle opere:

« [Grandi speranze] è un romanzo che è stato letto dalle classi popolari, e di quanti altri romanzieri si può dire lo stesso? »
(George Orwell)
... e Charles Dickens ha detto...
« Il mio cognome è Pirrip, e il mio nome di battesimo è Philip, ma dato che da bambino non riuscivo mai a pronunciarli correttamente insieme, dai due nomi ne ricavai uno solo meno lungo e più semplice: Pip. Così mi chiamai Pip e finii con l'essere chiamato Pip da tutti e per sempre.

Che il mio cognome fosse Pirrip lo attestano l'epigrafe sulla tomba di mio padre e mia sorella - la signora Joe Gargery - che sposò il fabbro. Dato che non conobbi mai né mio padre né mia madre, né vidi mai ritratto alcuno di loro (poiché essi erano vissuti in un'epoca molto anteriore a quella della fotografia), la prima idea che mi feci dei miei genitori mi fu suggerita dalle loro pietre sepolcrali. »

(Incipit di Grandi speranze)
Curiosità del giorno

Lo sapevi che...

  • ...la figura di Pip di Grandi speranze fu ripresa dagli autori dell'irriverente cartone animato South Park, che hanno creato un personaggio, chiamato appunto Pip, molto povero ed orfano, quale appunto Pip all'inizio della vicenda?
Negli altri progetti
Non sai cosa fare?

Pagine da creare:
PERSONAGGI = Mr. Brownlow (da "Oliver Twist"); Sam Weller (da "Il Circolo Pickwick")
OPERE = .
Pagine da ampliare:
OPERE = Racconto di due città - Casa desolata - Nicholas Nickleby - Le campane - Il patto col fantasma.
BIOGRAFIE= Charles Dickens
ALTRO = Marshalsea.
N.B. Per la stesura della presente sezione è stata usata come rifermento la Categoria su Charles Dickens della Wikipedia inglese, che può comunque presentare varie mancanze: chi trovasse altre voci importanti da creare e/o ampliare non esiti a inserirle.