Nancy (Oliver Twist)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nancy
Nancy coi membri della banda di Fagin
Nancy coi membri della banda di Fagin
Universo Oliver Twist
Saga Le avventure di Oliver Twist
Soprannome Nance
Autore Charles Dickens
1ª app. in 1837
Interpretato da Georgia Brown, Shani Wallis Kay Walsh, e altri.
Specie umana
Sesso femminile
Professione Ladra e Prostituta (Come asserito da Charles Dickens nella prefazione del libro all'edizione del 1841)
Parenti relazione: Amante di Bill Sikes

Nancy è un personaggio letterario nato dalla fantasia di Charles Dickens. Nel romanzo Le avventure di Oliver Twist è la sfortunata amante del criminale Bill Sikes.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Nancy venne portata sulla strada del crimine già all’età di 6 anni da Fagin, un ladro ricettatore di beni rubati che persuade i ragazzini sbandati di Londra a seguirlo nei suoi loschi traffici. La sua esatta età non viene mai menzionata nel libro, comunque è chiaramente una prostituta da dodici anni[1], quindi nelle versioni cinematografiche del romanzo è sempre rappresentata sui 20-25 anni. Nancy fa parte della banda di Fagin, anche se sembra non esserne entusiasta. Sikes e Fagin, dopo che Oliver viene arrestato ingiustamente per furto, si rivolgono a lei, mandandola ad assistere al processo del ragazzo presso il commissariato di polizia, per assicurarsi che il bambino taccia e non li metta nei guai denunciandoli. «Non ti conosce nessuno laggiù» le dicono per convincerla ad andare. In un primo momento lei si rifiuta, poi, presumibilmente per amore di Sikes, accetta e si reca alla caserma. Nancy lavora in un pub come cameriera, beve parecchio, e come secondo lavoro si dedica alla prostituzione. Queste sono le parole che usa Dickens per descriverla alla sua prima apparizione nel romanzo:

« Due giovani signorinelle vennero a far visita ai signorini; una delle due si chiamava Bet e l’altra Nancy. Avevano una grande quantità di capelli, non molto ben pettinati e sia le scarpe sia le calze che portavano alquanto mal ridotte. Né si poteva dire, forse, che fossero precisamente carine, ma avevano le gote molto accese ed erano robuste e allegre.[2] »

Psicologia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

A differenza degli altri personaggi positivi di Oliver Twist, Nancy non è completamente buona, ha dei lati oscuri. È combattuta tra la dedizione verso Sikes e il richiamo della sua coscienza. Nancy è un personaggio importante nel libro, perché è l’unico che non è completamente buono o cattivo, ha maggiore profondità essendo un personaggio più reale e a tutto tondo. È una donna di malaffare dedita al furto e al meretricio, corrotta dagli anni passati nel vizio, degna compare di Fagin e Bill Sikes, ma allo stesso tempo si preoccupa per Oliver in maniera così appassionata che finisce per morire a causa di ciò.
Nancy non possiede il poco credibile immacolato candore di Rose Mayle, ma proprio per questo la sua psicologia è più affascinante e complessa.

La brutale uccisione[modifica | modifica sorgente]

Illustrazione di F.W. Pailthorpe raffigurante l'omicidio di Nancy (1886)

Nancy viene picchiata a morte da Sikes perché creduta erroneamente responsabile di averlo denunciato alla polizia, quando invece stava tentando di non coinvolgerlo nella questione del rapimento di Oliver. Nancy, che si dimostra molto protettiva nei confronti di Oliver e dimostra un grande senso di maternità verso di lui proteggendolo come può, cerca in tutti i modi di non farlo rapire una seconda volta dal clan di Fagin, dopo che il bambino aveva finalmente trovato rifugio nella residenza della famiglia Maylie, che Sikes aveva, senza successo, precedentemente tentato di svaligiare. Ed è sempre lei che fornisce a Rose Maylie e a Mr. Brownlow, i benefattori di Oliver, informazioni circa il fratellastro malvagio di lui, Monks, in combutta con Fagin. Nancy si adopera affinché Bill sia lasciato fuori dalla faccenda dato che è quasi follemente innamorata di lui (si dice che sarebbe stata capace di finire sulla forca al suo posto), ma Fagin, che nel frattempo, sospettando qualcosa, l’aveva fatta seguire da una sua spia, venuto a conoscenza del piano, infuriatosi, racconta tutto a Sikes, naturalmente omettendo di riportare le premure di Nancy verso di lui e ben sapendo che questo avrebbe voluto dire condannare a sicura morte la ragazza. Infine, è proprio il suo omicidio e la conseguente caccia a Sikes, il suo assassino, che porta definitivamente alla rovina la banda di Fagin.

Differenze tra romanzo e musical[modifica | modifica sorgente]

Nel musical Oliver!, il personaggio di Monks non appare nemmeno, e Oliver è ancora tra le grinfie della banda quando Nancy tenta di aiutarlo. Promette di riportare Oliver a Mr. Brownlow sul ponte di Londra a mezzanotte, se Brownlow verrà all’appuntamento da solo e senza polizia. Sikes scopre che la ragazza sta tramando qualcosa, di nascosto segue lei e Oliver fino al ponte, e poi la uccide dopo aver creduto che lo stesse tradendo. Come nel romanzo, ciò porta alla distruzione della banda di Fagin, anche se lo stesso Fagin riesce a scappare e a differenza del libro, non è complice dell’omicidio di Nancy e, in una nuova scena appositamente scritta per il musical, disgustato dal gesto, urla a Sikes «Non avresti dovuto farlo!».

Nancy viene massacrata nella sua abitazione nel romanzo, e anche in tutte le versioni cinematografiche del libro, eccetto che nel musical del 1968 e nella riduzione televisiva britannica del 1997.

Il suo personaggio rappresenta la convinzione di Dickens, secondo la quale, un essere umano, anche se emarginato e scansato dalla società, può ancora conservare qualcosa di buono dentro di sé. Dickens, infine, si difese dalle critiche piovutegli addosso all’epoca per aver incluso nel romanzo una prostituta, scrivendo nella prefazione al romanzo, quando fu pubblicato a puntate, che aveva voluto mostrare il crimine in tutta la sua “deformità”.

Nancy è uno dei primi esempi in letteratura della tipologia del personaggio della “prostituta con un cuore d'oro” — lo stereotipo tragico della donna caduta in disgrazia che passa la sua misera esistenza in mezzo al crimine e al vizio, ma che conserva ancora un animo nobile e compassionevole.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • I gradini della scalinata che porta al London Bridge, ai piedi della quale, nel musical Oliver!, Nancy viene uccisa, sono stati soprannominati "Nancy' Steps", in suo onore.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Come asserito da Charles Dickens nella prefazione all'edizione del 1841 di "Oliver Twist"
  2. ^ Charles Dickens, Le Avventure di Oliver Twist, Mondadori, Milano, 1987, pag. 82 - ISBN 88-04-48052-1
  3. ^ http://www.fidnet.com/~dap1955/dickens/london_bridge.html