Pam Grier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pam Grier nel 2009

Pamela Suzette Grier (Winston-Salem, 26 maggio 1949) è un'attrice statunitense. È stata inclusa dalla rivista Ebony tra le donne più belle del ventesimo secolo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primogenita del meccanico dell'aeronautica statunitense Clarence Grier e dell'infermiera Gwendolyn Samuels, la Grier esordì nel cinema nel 1970, con una piccola parte in Lungo la valle delle bambole, diretto da Russ Meyer.

Si specializzò in ruoli sexy e diventò la regina delle pellicole d'azione, e una delle maggiori icone del genere blaxploitation, con film come Coffy, Foxy Brown e Sheba Baby, diretta più volte da Jack Hill.

Nel 1973 interpretò La rivolta delle gladiatrici, diretta dal regista italiano Joe D'Amato. Nel 1974 apparve senza veli sulla rivista per soli uomini Playboy.

Pam Grier diventò in poco tempo una delle più grandi star afroamericane della storia del cinema. In questi film e in pochi anni Pam Grier riuscì ad imporre sul grande schermo l’immagine di una donna afroamericana indipendente, intelligente e forte.

Negli anni ottanta recitò soprattutto in televisione, tra cui un cameo nella celebre serie Miami Vice.

Ritornò alla ribalta grazie a Quentin Tarantino, che da grande appassionato la ripropose e la reinventò in un ruolo che l'aveva sempre contraddistinta stile blaxploitation anni settanta con la pellicola Jackie Brown dove Pam Grier interpreta una hostess over 40.

Nonostante il successo di questo film, che le valse una nomination ai Golden Globe come migliore attrice protagonista, la Grier non ebbe altri ruoli da protagonista, e tornò a lavorare in televisione.

Dal 2004 è nel cast della serie The L Word, in cui interpreta Kit, la sorella di Bette, interpretata da Jennifer Beals.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 44485178 LCCN: no97071678