Oskar Schindler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Schindler in una placca commemorativa a Francoforte

Oskar Schindler (Svitavy, 28 aprile 1908Hildesheim, 9 ottobre 1974) è stato un imprenditore tedesco, famoso per aver salvato, durante la seconda guerra mondiale, circa 1.100 (secondo altri, come riportato sulla sua lapide, 1.200) ebrei dallo sterminio (Shoah), con il pretesto di impiegarli come personale necessario allo sforzo bellico presso la sua fabbrica di oggetti smaltati, la D.E.F. (Deutsche Emaillewaren-Fabrik), situata in via Lipowa n. 4, nel distretto industriale di Zablocie, a Cracovia.

L'intera vicenda è stata scoperta grazie a un evento casuale: l'incontro tra lo scrittore australiano Thomas Keneally e Leopold Pfefferberg (Poldek), grande amico di Oskar. Keneally entrò nel negozio di Pfefferberg e i due si conobbero. Keneally fu colpito dalla storia che l'amico gli raccontò e, stabiliti contatti con gli altri Schindlerjuden (gli «ebrei di Schindler»), scrisse il romanzo La lista di Schindler da cui, successivamente, è stato tratto il film del 1993 Schindler's List, diretto da Steven Spielberg.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La fabbrica di Schindler a Cracovia
La fabbrica di Schindler a Brněnec, 2004
Targa commemorativa a Cracovia all'ingresso della fabbrica di Oscar Schindler, 2010
Targa commemorativa nella Strada Goettingstrasse 30, Hildesheim, ove visse fra il 1971 e il 1974

Schindler nacque a Zwittau (oggi Svitavy) nel Sudetenland, ovvero nei Sudeti, una regione all'epoca in Austria-Ungheria e successivamente in Cecoslovacchia, dove viveva per la maggior parte popolazione di lingua tedesca. L'annessione di questa alla Germania nazista fu per Schindler l'inizio di un'avventura che lo portò a Cracovia. La città polacca per molto tempo fu la sua dimora.

Qui acquistò a basso prezzo una fabbrica in via Lipowa n. 4, nel quartiere industriale di Zablocie, che chiamò Deutsche Emaillewaren-Fabrik, dove produsse pentolame e in seguito munizioni. Arrivò a occupare, durante la sua attività di imprenditore, circa 1.200 lavoratori ebrei . Alcuni dicono che, almeno inizialmente, abbia agito a scopo di lucro sfruttando il lavoro sottopagato di persone in stato di bisogno, come molti altri imprenditori in tutta la Germania. In seguito, tuttavia, iniziò a difendere attivamente i suoi operai. Egli avrebbe sostenuto che alcuni lavoratori incompetenti erano in realtà essenziali per il buon andamento della fabbrica, e qualsiasi danno che veniva loro fatto, risultava nelle sue proteste e richieste di risarcimento al governo.

L'orrore determinante a cui dovette assistere fu il rastrellamento del 1942 nel ghetto di Cracovia. I soldati stavano trasferendo gli ebrei in un campo di concentramento a Plaszów, e uccisero selvaggiamente molte persone che cercavano di nascondersi nelle proprie case. Dopo il rastrellamento utilizzò ancor più le doti di diplomatico di cui era in possesso per salvare i suoi Schindlerjuden ("gli ebrei di Schindler"). Si accordò con Amon Göth, il comandante di Plaszów, per il trasferimento di 900 ebrei nell'adiacente complesso industriale, dove sarebbero stati relativamente al sicuro dalle angherie delle guardie tedesche.

Quando l'Armata Rossa era ormai prossima a liberare Cracovia, i tedeschi distrussero i campi e uccisero gran parte degli internati. Schindler, tuttavia, riuscì a spostare 1.100 "lavoratori" in una fabbrica a Brunnlitz in Cecoslovacchia, sottocampo del complesso di Gross-Rosen, nell'ottobre 1944. Nel trasferimento, il convoglio della forza lavoro femminile, che partì a distanza di una settimana da quello maschile, venne deviato per un errore burocratico al campo di concentramento di Auschwitz. Schindler riuscì comunque nell'intento di farselo restituire, e tutte le donne raggiunsero definitivamente Brunnlitz, che venne poi liberata nel maggio del 1945.

Alla fine della guerra Schindler riuscì a emigrare in Argentina. Qui fece bancarotta e ritornò in Germania nel 1958, per intraprendere una serie di avventure imprenditoriali di poco successo. Nel 1961, in occasione della sua prima visita in Israele, ricevette l'entusiastica accoglienza di 220 sopravvissuti. Da allora visse tra Israele e Germania. Dal 1971 visse a Hildesheim, in Germania, dove morì il 9 ottobre 1974 in un ospedale.

Per suo stesso volere, la sua salma fu subito traslata e riposa tutt'oggi nel piccolo cimitero francescano cattolico, che si trova vicino al sito della Dormizione di Maria sul monte Sion, nella parte vecchia di Gerusalemme, in Israele. La stessa tomba compare nelle ultime sequenze a colori del film Schindler's List del 1993, quando i veri ebrei superstiti, ormai anziani, vengono accompagnati dagli attori a deporre un sasso sulla lapide (un'usanza ebraica). L'epitaffio sulla lapide recita la scritta Giusto tra i giusti in ebraico e l'indimenticabile salvatore di 1200 ebrei perseguitati in tedesco.

Il 18 luglio 1967, l'apposita commissione israeliana Yad Vashem ha deciso di riconoscere Oskar Schindler Giusto tra le nazioni; tale decisione è stata confermata il 24 giugno 1993 ed estesa alla moglie di Schindler Emilie.

La lista di Schindler[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di Schindler.

Il manoscritto originale della lista di Schindler venne trovato nel 1999 in una valigia che lo stesso imprenditore aveva lasciato nella casa di una coppia di amici a Stoccarda. Nel 2009 fu rinvenuta una copia-carbone della lista in una biblioteca di Sydney, in Australia, in mezzo ai manoscritti di Thomas Keneally. La prima copia venduta apertamente al pubblico è stata messa all'asta su ebay nel luglio 2013, con una base d'asta di tre milioni di dollari.[1][2][3]

La tomba di Oskar Schindler

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica sorgente]

Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 5 novembre 1965

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Silvestro Papa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Silvestro Papa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Schindler’s list will be publicly auctioned — one of only four existing copies in the world | New York Post
  2. ^ http://www.corriere.it/esteri/13_luglio_19/schindler-list-asta-ebay-3-milioni_156a482a-f093-11e2-ac13-57f4c2398ffd.shtml
  3. ^ Original Schindler’s List from Family of Itzhak Stern Dated April 18 1945 | eBay

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 62344363 LCCN: n82088001