eBay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la canzone di Weird Al Yankovic, vedi eBay (singolo).
eBay Inc.
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Borse valori NASDAQ: EBAY
Fondazione 6 settembre 1995
Fondata da Pierre Omidyar
Filiali PayPal
Persone chiave
Settore asta telematica
Prodotti eBay
Fatturato Green Arrow Up.svg 14,07 miliardi $[1] (2012)
Risultato operativo Green Arrow Up.svg 2,88 miliardi $[1] (2012)
Utile netto Red Arrow Down.svg 2,60 miliardi $[1] (2012)
Dipendenti 31.500[2] (2013)
Slogan Qualunque cosa tu stia cercando su eBay c'è
Sito web www.ebay.com
EBay
URL www.ebay.com
Commerciale si
Tipo di sito asta telematica
Registrazione obbligatoria
Proprietario
Creato da Pierre Omidyar
Lancio 6 settembre 1995
Stato attuale attivo
Slogan Qualunque cosa tu stia cercando su eBay c'è

eBay Inc. (NASDAQ: EBAY) è un sito di aste on-line[3] fondato il 6 settembre 1995 da Pierre Omidyar; in Italia è arrivato nel 2001 rilevando il sito iBazar.

eBay è una piattaforma web (marketplace), di fatto molto simile ad un sito di e-commerce, che offre ai propri utenti la possibilità di vendere e comprare oggetti sia nuovi sia usati, in qualsiasi momento, da qualunque postazione Internet e con diverse modalità, incluse le vendite a prezzo fisso e a prezzo dinamico, comunemente definite come "aste online".

Diversi sono i formati di vendita (asta, compralo subito, compralo subito con proposta di acquisto, contatto diretto). La vendita consiste principalmente nell'offerta di un bene o un servizio da parte di venditori professionali e non; gli acquirenti fanno offerte per aggiudicarsi la merce.

Vengono applicate tariffe, interamente a carico dei venditori, sia per pubblicare un qualsiasi tipo di inserzione sia come commissioni sul valore finale dell'oggetto venduto. Gli ultimi rincari del 2010, che distinguono tra privati e venditori professionali, hanno portato aumenti delle tariffe d'inserzione sino all'11% di quanto venduto.

È obbligatoria l'iscrizione gratuita al sito. Qualunque acquirente può essere anche venditore dopo aver fatto una verifica con l'inserimento di un codice che eBay manda presso l'abitazione dello stesso oppure con il controllo dei dati di una carta di credito o di una carta prepagata.

Origini e storia[modifica | modifica sorgente]

Il sito di aste online più conosciuto al mondo è stato fondato a San José, California il 3 settembre 1995 dal programmatore Pierre Omidyar come parte di un suo sito personale.

Il primo oggetto venduto è stato un puntatore laser rotto per $14.83. Stupito dalla vendita riuscita, contattò immediatamente via e-mail l'acquirente chiedendogli se avesse ben compreso la natura dell'oggetto: l'acquirente rispose che collezionava puntatori laser rotti.[4]

Chris Agarpao è stato il primo dipendente della compagnia e Jeffrey Skoll il primo presidente nel 1996. Nel novembre 1996 ha stretto un accordo con la Electronic Travel Auction per utilizzare la tecnologia SmartMarket al fine di vendere biglietti aerei, ferroviari e altri titoli di viaggio.

La compagnia ha mutato il nome da AuctionWeb a eBay nel settembre 1997.

Pierre Omidyar voleva registrare il dominio Echo Bay ma, essendo già stato acquistato da una miniera d'oro, decise per la seconda scelta, eBay.com. Il sito venne posto online nel 1998 e trasformò Omidyar e Skoll in miliardari; in seguito hanno acquistato il sistema di pagamento elettronico PayPal il 14 ottobre 2002 e nel 2005 il sistema di comunicazione VoIP Skype (di proprietà di Microsoft dal 2011). Nel settembre del 2007, l'ufficio stampa di Ebay Italia comunicò di aver tagliato il traguardo dei cinque milioni di utenti registrati.

A partire da marzo 1998 il Presidente e CEO di eBay Inc. è Meg Whitman, che ha permesso all'azienda di diventare il primo mercato online del mondo e il sito principale dedicato al commercio elettronico. Grazie all'esperienza maturata da Meg nella creazione di marchi e nelle tecnologie di consumo, eBay ha raggiunto la posizione attuale di azienda leader in grado di dare nuove forme allo sviluppo del commercio elettronico. È stata annunciata per il 31 marzo 2008 la sostituzione della Whitman con John Donahoe, in precedenza incaricato del commercio principale delle aste[5].

Durante i primi giorni di febbraio 2009 molti venditori italiani hanno ricevuto una e-mail di eBay in cui veniva notificata la comunicazione alla Guardia di Finanza dei loro dati personali, per esplicita richiesta da parte delle Fiamme Gialle stesse. Secondo quanto scritto nell'e-mail, questo provvedimento interessa tutti i venditori a cui eBay ha fatturato un minimo di 1000 Euro annui per gli anni che vanno dal 2003 al 2007, e in cui in tali anni hanno venduto almeno 5 oggetti. Questo avvenimento rappresenta un'importante pietra miliare nella storia di eBay in quanto il primo controllo ad ampio raggio effettuato dalla Guardia di Finanza sui venditori operanti sul sito.[6]

Nell'ottobre del 2011 eBay ha presentato X.Commerce, una piattaforma aperta di incontro tra venditori e sviluppatori di soluzioni per l'e-commerce, per consentire ai commercianti on line di accedere a nuove tecnologie per i loro siti di e-commerce: la piattaforma comprende come primi partner PayPal e Magento.[7]

eBay nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Dalla nascita del sito ufficiale sono state aperte diverse filiali in tutto il globo.

Paese/Nazione Sito Lingua Data di lancio
Argentina Argentina http://www.mercadolibre.com.ar/ Spagnolo 1999 2 agosto
Australia Australia http://www.ebay.com.au/ Inglese 1999 ottobre
Austria Austria http://www.ebay.at/ Tedesco 2000 18 dicembre
Belgio Belgio http://www.ebay.be/ Fiammingo, Francese ?
Brasile Brasile http://www.mercadolivre.com.br/ Portoghese ?
Canada Canada http://www.ebay.ca/ Inglese, Francese 2000 aprile
Cile Cile http://www.mercadolibre.cl/ Spagnolo ?
Cina Cina http://www.ebay.com.cn/ Cinese ?
Colombia Colombia http://www.mercadolibre.com.co/ Spagnolo 2000 22 febbraio
Corea del Sud Corea del Sud http://www.auction.co.kr/default.html Coreano 2001 15 febbraio
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti http://www.ebay.ae/ Inglese ?
Filippine Filippine http://www.ebay.ph/ Inglese 2004 16 novembre
Francia Francia http://www.ebay.fr/ Francese 2000 5 ottobre
Germania Germania http://www.ebay.de/ Tedesco 1999 giugno
Hong Kong Hong Kong http://www.ebay.com.hk/ Cinese, Inglese 2003 21 dicembre
India India http://www.ebay.in/ Inglese ?
Irlanda Irlanda http://www.ebay.ie/ Inglese 2001 29 marzo
Israele Israele http://www.ebay.co.il/ Inglese ?
Italia Italia http://www.ebay.it/ Italiano 2001 15 gennaio
Malesia Malesia http://www.ebay.com.my/ Inglese 2004 1º dicembre
Messico Messico http://www.mercadolibre.com.mx/ Spagnolo ?
Paesi Bassi Paesi Bassi http://www.ebay.nl/ Olandese ?
Nuova Zelanda Nuova Zelanda http://pages.ebay.com/nz Inglese 2001 29 marzo
Polonia Polonia http://www.ebay.pl/ Polacco 2005 22 aprile
Singapore Singapore http://www.ebay.com.sg/ Inglese 2001 24 ottobre
Spagna Spagna http://www.ebay.es/ Spagnolo 2002 8 gennaio
Sudafrica Sudafrica http://www.ebay.co.za/ Inglese ?
Svezia Svezia http://www.tradera.com/ Svedese ?
Svizzera Svizzera http://www.ebay.ch/ Tedesco, Francese 2001 29 marzo
Turchia Turchia http://www.gittigidiyor.com/ Turco ?
Regno Unito Regno Unito http://www.ebay.co.uk/ Inglese 1999 ottobre
Taiwan Taiwan http://twexport.ebay.com/ Cinese ?
Stati Uniti Stati Uniti http://www.ebay.com/ Inglese 1995 3 settembre
Uruguay Uruguay http://www.mercadolibre.com.uy/ Spagnolo ?
Venezuela Venezuela http://www.mercadolibre.com.ve/ Spagnolo ?
Vietnam Vietnam http://www.ebay.vn/ Vietnamita 2007 27 giugno
Grecia Grecia http://www.ebay.gr/ Greco ?
Russia Russia http://www.ebay.ru/ Russo ?

Di seguito vengono elencate in breve le caratteristiche di eBay che lo distinguono da altri siti simili concorrenti: per approfondire potete consultare l'Aiuto di eBay Italia.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Acquirente[modifica | modifica sorgente]

Per essere acquirenti basta registrarsi sul sito, fornendo solo alcuni dati essenziali, tra cui: l'indirizzo dell'abitazione per il ricevimento della merce; a questo punto si può subito cominciare a fare acquisti.

Regole per gli acquirenti[modifica | modifica sorgente]

L'acquirente ha l'obbligo di pagare entro tempi ragionevoli e/o di dare eventuali comunicazioni su eventuali problemi per il saldo della transazione: in caso di insolvenza sarà a discrezione del venditore (eventualmente dopo l'apertura di una controversia) se concludere la transazione senza conseguenze o stimolare l'acquirente ad adempiere il suo compito.

L'utente che acquista gode però anche di diritti chiari e precisi: ricevere la merce entro i tempi stabiliti (da una settimana a massimo un mese), la merce deve corrispondere alla descrizione e all'eventuale foto dell'inserzione ed essere integra.

Se questi diritti vengono violati l'utente, sempre dopo l'apertura di una controversia (su eBay è il metodo di contestazione ufficiale per disguidi), può esser risarcito e ricevere assistenza, tranne nel caso di pagamenti non autorizzati come l'invio di denaro in busta o con altri metodi non sicuri e/o non accettati dal sito.

L'acquirente viene valutato a sua volta dal venditore con il sistema dei feedback: deve quindi comportarsi in maniera consona e diligente esattamente come dovrebbe fare la controparte.

Venditore[modifica | modifica sorgente]

Un venditore può decidere di vendere oggetti propri usati o di aprire un negozio virtuale online su eBay: in ogni caso deve fare la richiesta d'ammissione come venditore non professionale o professionale.

  • Venditore non professionale: scelto da molti utenti privati per la vendita di oggetti propri usati o nuovi (o quasi), comporta il pagamento delle inserzioni e delle commissioni sulle vendite. Rispetto all'acquirente è autorizzato a creare le proprie inserzioni.
  • Venditore professionale: adatto a commercianti e venditori muniti di Partita IVA, permette (a pagamento) l'apertura di un negozio eBay dove esporre in vetrina la merce e altri strumenti specifici; esistono sconti e agevolazioni su inserzioni e commissioni sulle vendite.

Una volta scelto il tipo di profilo eBay comunica (via posta o telefono) nel giro di una settimana un codice segreto che verifica il recapito del futuro venditore. Questa verifica può essere fatta anche inserendo i dati di una carta di credito intestata al venditore. Superata questa formalità, si può cominciare a vendere i propri oggetti sul sito.

Regole venditori[modifica | modifica sorgente]

Professionali o no i venditori devono sempre creare inserzioni corrette (niente spese extra), veritiere (quello che viene descritto deve corrispondere a ciò che viene spedito) e legali (non si possono, ad esempio, vendere armi o animali vivi).

La responsabilità degli oggetti venduti, ai sensi di legge, è totalmente del venditore; inoltre eBay ha avviato una stretta collaborazione con la Guardia di Finanza e vari marchi della moda e del design, per proteggere la proprietà intellettuale ed evitare violazioni di copyright.

In caso di acquirente scorretto o insolvente il venditore (che non ha spedito l'oggetto) se apre una controversia può farsi rimborsare il costo dell'inserzione e delle commissioni per la mancata vendita; alcuni venditori vietano a utenti con un numero di feedback negativo (cioè inferiore a 0) l'acquisto o la partecipazione alle loro aste, al fine di tutelarsi.

PowerSeller[modifica | modifica sorgente]

I venditori eccellenti possono diventare PowerSeller: colonne portanti del sito, sono di solito venditori professionali con elevati volumi di vendite e di transazioni concluse. Il rispetto dei valori condivisi e della filosofia del sito li rendono fiori all'occhiello che spiccano per determinati risultati raggiunti, garantendo un livello di qualità nelle transazioni e una sicurezza che venditori occasionali o inesperti non possono offrire.

Sono distinti in 5 livelli, in base al volume di vendite mensili e al numero di oggetti venduti.

  • Bronzo 1.000 euro 100
  • Argento 3.000 euro 300
  • Oro 10.000 euro 1.000
  • Platino 25.000 euro 2.500
  • Titanio 150.000 euro 5.000

Formati di vendita[modifica | modifica sorgente]

Il fatto che eBay nasca come sito di aste online non vieta altri formati di vendita, più consoni e adatti ai vari tipi di oggetti.

  • Asta online: il prezzo viene stabilito dalle varie offerte, ha una durata variabile (massimo 10 giorni) il venditore fissa quello di partenza (al limite ne può decidere uno di riserva, al di sotto del quale non vendere l'oggetto)
  • Compralo Subito: prezzo fisso, acquisto immediato
  • Nuovo e Subito: (il 2 marzo 2009 questo metodo è stato eliminato) prezzo fisso, acquisto immediato ma viene garantito che l'oggetto non è usato e spedizione con corriere espresso
  • Proposta d'acquisto: l'acquirente propone un prezzo per l'oggetto (di solito viene abbinato al Compralo subito)
  • Contatto diretto: compare il prezzo fissato dal venditore con relativi dati personali; riservato per oggetti molto costosi (auto, barche, moto, quadri)

Metodi di pagamento[modifica | modifica sorgente]

Su eBay sono vigenti due regole fondamentali:

  • ricezione della merce solo dopo il pagamento (ecco spiegata l'importanza dei feedback e delle varie reputazioni venditore/compratore); alcuni accettano il contro assegno ma sono una minoranza.
  • le spese di spedizione (salvo diversa indicazione e/o promozioni del venditore) sono sempre a carico dell'acquirente.

Sono concessi (ma l'accettazione varia da venditore a venditore):

Vaglia postale e bonifico bancario hanno tempi di ricezione di qualche giorno, possono avere costi per il pagatore, sono sicuri ma non sono molto utilizzati a causa dell'onerosità (per i vaglia e per i bonifici bancari che possono non essere gratuiti nella totalità dei casi) e della lentezza del servizio.

I metodi vietati (non ammessi e sanzionabili) sono invece:

Il divieto di questi metodi è scattato per tutelare gli acquirenti e fornire una maggior protezione sul sito (anche se la maggior parte degli utenti la credono una mossa strategica per incentivare PayPal e Ebay); il fatto di esser vietato comunque non impedisce ad acquirente e venditore di accordarsi diversamente e di praticarli comunque (a rischio dell'acquirente di non veder riconosciuto il pagamento). Nonostante la ricarica PostePay sia un servizio sicuro al pari di un bonifico bancario e immediato, viene fortemente sconsigliato da Ebay.

Un utente iscritto a Ebay può mettere in vendita i propri articoli, anche senza aver attivato un account PayPal.

In caso di mancato ricevimento del pagamento e/o della merce si può aprire una controversia, in cui eBay tutela i diritti dell'acquirente richiamando e contattando il venditore (al limite sospendendogli l'account). Se il pagamento è stato eseguito con PayPal, gli acquirenti possono usufruire del Programma di protezione acquirenti PayPal che rimborsa il compratore in caso di oggetto non ricevuto o non conforme alla descrizione. Nel caso del venditore risarcisce le tariffe d'inserzione e consente la rimessa in vendita dell'oggetto non pagato.

Feedback[modifica | modifica sorgente]

Il feedback è un meccanismo di scambio di valutazioni sulla transazione che avviene tra compratore e venditore.

Ne esistono di 3 tipi:

  • Positivo = transazione conclusa con successo, ognuno ha fatto il suo dovere, un punto positivo
  • Neutro = non ha alcun impatto sul punteggio di feedback
  • Negativo = mancato ricevimento della merce, merce contraffatta e/o non corrispondente alla descrizione, un punto negativo

I due punteggi attribuiti in base al tipo di feedback ricevuto determinano una percentuale (ad esempio se sono tutti positivi al 100%) che, a colpo d'occhio, permette subito di capire l'affidabilità del venditore.

A partire dal 20 maggio 2008, i venditori possono rilasciare agli acquirenti solo feedback positivi (o non rilasciarne) in modo che gli acquirenti si sentano liberi di rilasciare giudizi oggettivi sull'esperienza d'acquisto senza temere feedback negativi di ritorsione da parte del venditore. D'altro canto verranno rimossi tutti i feedback negativi o neutri rilasciati da utenti, acquirenti o venditori, sospesi o che non hanno risposto alle controversie.

Al raggiungimento di un determinato numero di feedback negativi eBay può decidere la sospensione, il blocco o la chiusura definitiva dell'account del venditore.

Il punteggio di feedback può venire falsificato da utenti che dispongono di più account o si accordano con altri, e simulano delle finte vendite di oggetti (a sé stessi o a terzi) per scambiarsi e aumentare rapidamente il proprio punteggio di feedback. L'unica verifica sui dati di iscrizione, che sarebbe a garanzia dell'univocità dell'account (una persona=un account), consiste nel calcolo del codice fiscale, facilmente falsificabile con i programmi disponibili in rete.

Stelline[modifica | modifica sorgente]

Il colore della stella accanto al numero dei feedback è ricavato in base al punteggio di feedback ricevuti e al numero delle transazioni compiute su eBay. È una specie d'onorificenza (come viene utilizzata anche da alcuni ristoranti) che rende merito del lavoro svolto sul sito, distinguendo in maniera chiara i vari utenti, dai nuovi iscritti agli esperti arrivando fino ai Powerseller professionali.

  • stella gialla: punteggio di feedback compreso tra 10 e 49
  • stella blu: tra 50 e 99
  • stella turchese: tra 100 e 499
  • stella viola: tra 500 e 999
  • stella rossa: tra 1.000 e 4.999
  • stella verde: tra 5.000 e 9.999
  • stella cadente gialla: tra 10.000 e 24.999
  • stella cadente turchese: tra 25.000 e 49.999
  • stella cadente viola: tra 50.000 e 99.999
  • stella cadente rossa: tra 100.000 e 499.999
  • stella cadente verde: tra 500.000 e 999.999
  • stella cadente argentata: punteggio di feedback pari o superiore a 1.000.000

Tutele e garanzie[modifica | modifica sorgente]

eBay tende a chiudere in automatico le inserzioni che violano i principi del sito (poca chiarezza, metodi di pagamento vietati e via dicendo); tuttavia, se nel post-vendita dovessero insorgere problemi, esiste lo strumento della controversia che permette di fare leva sulla controparte con un'istituzione ufficiale dalla propria parte.

eBay è oggetto di critiche perché avrebbe una struttura organizzativa troppo piccola se proporzionata al giro di affari da gestire, e quindi un servizio al cliente, in particolare una gestione dei reclami e contenziosi, carenti. Le controversie sono gestite per mezzo di e-mail e la mediazione di un membro dello staff di eBay non è assicurata. A richieste precise, l'utente incontra e-mail inviate da risponditori automatici, secondo procedure standardizzate e non derogabili.

L'uso di PayPal, non comunicando i dati della carta ma solo un indirizzo email, è ritenuto abbastanza sicuro; se si considera che il pagamento è gratis per l'acquirente (le spese le sostiene chi incassa la somma) si capisce la ragione del largo utilizzo.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

La controversia, su eBay, è lo strumento per gestire i conflitti che si possono creare tra un acquirente e un venditore nel corso di una compravendita.

Le controversie che possono essere aperte sul sito sono tre: la controversia per oggetto non pagato (che può essere aperta dal venditore), la controversia per oggetto non ricevuto e la controversia per oggetto non conforme alla descrizione (che possono essere aperte dall'acquirente).

La controversia per oggetto non pagato[modifica | modifica sorgente]

La controversia per oggetto non pagato può essere aperta da un venditore, nei confronti di un acquirente insolvente, non prima di 4 e non oltre 45 giorni dalla conclusione dell'asta o dall'acquisto con la funzione "Compralo Subito".

Durante la controversia, il venditore e l'acquirente comunicano, cercando di risolvere i problemi che hanno portato l'acquirente a non pagare l'oggetto aggiudicato. La controversia può essere chiusa solo dal venditore, in qualunque momento dopo la prima risposta dell'acquirente o, in mancanza di comunicazioni dall'acquirente, dopo un minimo di 8 giorni dalla sua apertura.

La controversia per oggetto non pagato non può restare aperta più di 36 giorni dalla data di aggiudicazione dell'oggetto da parte dell'acquirente. Se il venditore non provvede a chiudere la controversia, questa sarà chiusa in automatico da eBay senza che venga preso alcun provvedimento nei confronti dell'acquirente.

Al termine della comunicazione, il venditore può chiudere la controversia scegliendo una delle seguenti opzioni:

  • L'acquirente ha pagato l'oggetto
  • Abbiamo deciso di comune accordo di non concludere la transazione
  • Non voglio più attendere l'acquirente né comunicare con lui

Se il venditore dichiara che l'acquirente ha pagato l'oggetto, nessun provvedimento verrà preso nei confronti del compratore e la compravendita procederà normalmente, con la spedizione dell'oggetto da parte del venditore.

Se, invece, viene scelta l'opzione per la rinuncia a concludere la transazione, eBay chiederà conferma all'acquirente e, in caso di risposta affermativa, la compravendita verrà chiusa senza provvedimenti nei suoi confronti e con il riaccredito al venditore delle commissioni sul valore finale che il sito gli aveva addebitato.

Infine, se il venditore decide di non attendere l'acquirente e di non comunicare più con lui, l'acquirente viene ammonito (tre ammonimenti comportano l'espulsione dal sito) e il venditore ottiene il riaccredito delle commissioni sul valore finale. Inoltre, se l'acquirente non ha risposto alla controversia, perde il diritto al rilascio del feedback, che non sarà conteggiato nel punteggio del venditore.

Controversia per oggetto non ricevuto[modifica | modifica sorgente]

Per un pagamento effettuato con un metodo diverso da PayPal, si può aprire una controversia nello Spazio soluzioni di eBay dopo 10 giorni ed entro 45 giorni dalla data di acquisto.

Il venditore ha 10 giorni per rispondere, passati i quali l'acquirente potrà segnalarlo all'assistenza clienti del sito come venditore inadempiente.

Conclusa la fase di comunicazione tra acquirente e venditore, oppure dopo almeno dieci giorni senza risposte da parte del venditore, l'acquirente può chiudere la controversia scegliendo tra due opzioni:

  • I problemi sono stati risolti
  • I problemi non sono stati risolti.

Se l'acquirente dichiara che i problemi sono stati risolti, la controversia viene chiusa senza che vengano presi provvedimenti nei confronti del venditore. Altrimenti, se il compratore afferma che i problemi non sono stati risolti, il venditore verrà segnalato allo staff del sito, che potrebbe prendere provvedimenti disciplinari nei suoi confronti.

Dal 20 febbraio 2008, il programma di protezione degli acquirenti di eBay non è più attivo. Di conseguenza eBay non rimborsa più gli acquirenti, che saranno protetti solo dal programma antifrode di PayPal.

Controversia per oggetto non conforme alla descrizione[modifica | modifica sorgente]

La controversia per oggetto non conforme alla descrizione viene aperta dall'acquirente che riceve un oggetto che non corrisponde a quanto dichiarato dal venditore nell'inserzione di vendita.

Questa controversia è soggetta alle stesse regole e alla stessa tempistica della controversia per oggetto non ricevuto.

eBay nell'arte[modifica | modifica sorgente]

Alcuni esempi di canzoni famose ispirate a eBay sono eBay di Weird Al Yankovic (parodia di I Want It That Way dei Backstreet Boys), e On eBay dei Chumbawamba.

Ho venduto l'anima su E-bay è un libro di Hemant Mehta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Profilo finanziario eBay su Google Finance
  2. ^ (EN) NASDAQ:EBAY su Google Finance
  3. ^ Documento di accordo utenti presente nella mappa del sito
  4. ^ Come è iniziata eBay?
  5. ^ Meg Whitman to Step Down as President and CEO of eBay, Reuters, 23 gennaio 2008. URL consultato il 24-3-2008.
  6. ^ eBay nella rete delle Fiamme gialle, 7 febbraio 2009. URL consultato il 15-02-2009.
  7. ^ Una piattaforma per il nuovo commerce, 17 ottobre 2011. URL consultato il 25-10-2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]