Oncovirus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Un oncovirus o virus oncogeno (dal greco ὄγνκος ónkos, massa, tumore + virus) è un virus in grado di causare tumori. Attualmente oltre il 15% di tutti i tumori nel mondo è causato da virus oncogeni.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Premi Nobel assegnati per le scoperte su virus oncogeni

Nel 1911 Peyton Rous scopre che può infettare dei polli con il filtrato acellulare ricavato da cellule tumorali estratte da un altro pollo. Gli esperimenti portano alla scoperta del Rous sarcoma virus, primo esemplare di virus oncogeno. A questi risultati si affiancano quelli di Richard Shope che nel 1933 scopre il papilloma virus del coniglio, e di John Bittner che nel 1937 trova il virus del tumore mammario in topo (MMTV). Nel 1966 Rous riceverà il Nobel per la scoperta dell'origine infettiva del cancro[2]

Oncovirus umani[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di oncovirus umani sono:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Murray, Rosenthal, Microbiologia, Napoli, EdiSES, 2007.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Chieco Bianchi, Il contributo dello studio dei virus oncogeni per la ricerca sul cancro a 100 anni dalla scoperta del virus del sarcoma di Rous in Atti: Classe di scienze fisiche, matematiche e naturali, 2011, pp. 1-21.
  2. ^ Luigi Chieco Bianchi, Il contributo dello studio dei virus oncogeni per la ricerca sul cancro a 100 anni dalla scoperta del virus del sarcoma di Rous in Atti: Classe di scienze fisiche, matematiche e naturali, 2011, pp. 1-21.