Classificazione di Baltimore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schema di classificazione inventato da David Baltimore

La Classificazione di Baltimore è una classificazione dei virus, proposta dal biologo David Baltimore premio Nobel per la medicina nel 1975, basato sulla natura e sulla polarità dei genomi virali. I vari gruppi di virus vengono suddivisi in famiglie a seconda della natura del loro genoma (sia esso DNA, RNA, a singolo a doppio filamento) e dal loro tipo di replicazione.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Questo tipo di classificazione permette, oltre che di distinguere il virus dalle proprie caratteristiche genetiche, di poterne identificare il metodo e le vie di replicazione.

  • Classe I: Virus a DNA a doppio filamento.
  • Classe II: Virus a DNA a singolo filamento a senso positivo
  • Classe III: Virus a RNA a doppio filamento
  • Classe IV: Virus a RNA a singolo filamento a senso positivo
  • Classe V: Virus a RNA a singolo filamento a senso negativo
  • Classe VI: Virus a RNA a singolo filamento a senso positivo con intermedio DNA
  • Classe VII: Virus a DNA a doppio filamento con intermedio RNA

Classe I, Virus a dsDNA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Virus a dsDNA.

Questi virus necessitano di utilizzare la DNA polimerasi cellulare, quindi per replicarsi devono trovarsi nel nucleo di una cellula in attiva replicazione. Fanno parte di questa classe per esempio le famiglie Adenoviridae, Herpesviridae, Poxviridae. Quest'ultima rappresenta l'unico esempio conosciuto di virus di questa classe che replichi al di fuori del nucleo.

Classe II, virus a ssDNA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Virus a ssDNA.

La maggior parte dei virus di questa classe hanno genomi circolari, e solitamente il ciclo di replicazione passa attraverso un intermedio a doppio filamento. Ne fanno parte, per esempio, le famiglie Parvoviridae e Anelloviridae.

Classe III, virus a dsRNA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Virus a dsRNA.

Questi virus replicano nel citoplasma e generalmente non necessitano della polimerasi dell'ospite. Esempio: Reoviridae.

Classe IV, virus a ssRNA+[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Virus a ssRNA+.

Come gli altri virus ad RNA, questi sono meno dipendenti dal ciclo cellulare dell'ospite. Esempi: Picornaviridae, Togaviridae.

Classe V, virus a ssRNA-[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Virus a ssRNA-.

Come gli altri virus ad RNA, questi sono meno dipendenti dal ciclo cellulare dell'ospite. Esempi: Orthomyxoviridae, Rhabdoviridae.

Classe VI, retrovirus a ssRNA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Retrovirus a ssRNA.

Questi virus utilizzano la trascrittasi inversa per tradurre il loro genoma ad RNA in un intermedio a DNA che viene replicato nel nucleo cellulare. La famiglia più conosciuta di questo gruppo è quella dei Retroviridae.

Classe VII, retrovirus a dsDNA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Retrovirus a dsDNA.

Questi virus a DNA producono un intermedio ad RNA ed utilizzano la trascrittasi inversa per ritradurlo in DNA. Esempio: Hepadnaviridae

Schema[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microbiologia