Viroide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il viroide è un agente infettivo simile a un virus, scoperto nel 1971 da Theodor O. Diener; è costituito da una piccola molecola di RNA aploide circolare (alcune centinaia di nucleotidi) non rivestita da capside. I viroidi infettano i vegetali, e possono essere trasmessi mediante semi, pollini e strumenti agricoli.

L'RNA non codifica nessuna proteina, ma presenta il fenomeno dell'RNA silencing, con cui causa danni alla cellula infettata; si replica mediante l'RNA polimerasi II della cellula con un intermedio replicativo a doppio filamento. L'unico virus con struttura simile a quella viroide è l'HDV, il virus dell'epatite D.

Viroidi e silenziamento dell'RNA[modifica | modifica sorgente]

C'è stata una grande confusione riguardo a come i viroidi sono in grado di indurre dei sintomi nelle piante senza codificare alcun prodotto delle proteine all'interno della loro sequenza. Gli indizi ora suggeriscono che il silenziamento dell'RNA è coinvolto nel processo. In primo luogo, cambiamenti al genoma viroide possono drammaticamente alterarne la virulenza, questo rispecchia il fatto che qualsiasi siRNA prodotto avrebbe meno basi complementari che si appaiano con l'mRNA bersaglio[senza fonte]. In secondo luogo, i siRNA corrispondenti alle sequenze dei genomi viroidi sono stati isolati dalle piante infette[senza fonte].

Questo risultato indica che quando i viroidi si replicano mediante dsRNA, essi sono bersagliati da un enzima Ribonucleasi III e diviso in più siRNA che sono caricati in cima al complesso di silenziamento RNA-indotto[senza fonte]. I siRNA viroidi contengono effettivamente sequenze in grado di appaiare basi complementari con gli mRNA della pianta stessa, e l'induzione della degradazione o inibizione della traduzione è ciò che causa i classici sintomi viroidi[senza fonte].

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microbiologia