Omar Hasan Ahmad al-Bashir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
ʿOmar Hasan Ahmad al-Bashīr
عمر حسن احمد البشير
Omar al-Bashir, 12th AU Summit, 090131-N-0506A-342.jpg

Presidente del Sudan
In carica
Inizio mandato 16 ottobre 1993
Vice presidente Salva Kiir Mayardit
Ali Osman Taha
Predecessore Ahmed al-Mirghani

Primo ministro del Sudan
Durata mandato 30 giugno 1989 –
16 ottobre 1993
Capo di Stato sé stesso (come Presidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario per la Salvezza Nazionale)
Predecessore Sadiq al-Mahdi
Successore carica abolita

Presidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario per la Salvezza Nazionale
Durata mandato 30 giugno 1989 –
16 ottobre 1993
Predecessore carica creata
Successore sé stesso (come Presidente del Sudan)

Dati generali
Partito politico Partito nazionale del Congresso
Tendenza politica Islamismo
Nazionalismo
Conservatorismo
Nazionalismo arabo
Antisionismo
Alma mater Accademia Militare Egiziana

ʿOmar Hasan Ahmad al-Bashīr (in arabo: عمر حسن احمد البشير; Hosh Bannaga, 1º gennaio 1944) è l'attuale Presidente del Sudan e il capo del Partito nazionale del Congresso. È giunto al potere nel 1989, quando, come colonnello dell'esercito sudanese, ha guidato un gruppo di ufficiali in un incruento colpo di Stato militare che ha rimosso il governo del Primo Ministro Sadiq al-Mahdi.[1] Nel mese di ottobre 2004, il governo di al-Bashīr ha negoziato la fine alla Seconda Guerra Civile Sudanese, una delle più lunghe e cruente guerre del XX secolo, con la concessione di una limitata autonomia al Sudan Meridionale. Da allora, tuttavia, è stato ampiamente criticato per il ruolo svolto nel conflitto del Darfur, dove il genocidio attuato nei confronti della popolazione non afro-araba ha portato alla morte di un numero imprecisato di persone (probabilmente tra le 200.000[2] e le 400.000[3]). Il suo governo ha portato a violenti scontri tra le milizie Janjawid e gruppi di ribelli, come il Fronte di Liberazione Popolare del Sudan, l'Esercito Sudanese di Liberazione Popolare e il Movimento Giustizia e Uguaglianza, sotto forma di guerriglia nella regione del Darfur. La guerra civile ha provocato più di 2,5 milioni di profughi[4], nonché una crisi nelle relazioni diplomatiche tra lo stesso Sudan e il Ciad.[5]

Nel luglio 2008, il procuratore della Corte Penale Internazionale, Luis Moreno-Ocampo, ha accusato al-Bashīr di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra nel Darfur.[6] Il tribunale ha emesso il 4 marzo 2009 un mandato d'arresto per al-Bashir per crimini di guerra e crimini contro l'umanità, ma ha stabilito che non vi erano prove sufficienti per perseguirlo per genocidio.[7][8] Il mandato sarà comunicato al governo sudanese, ma è improbabile che ne venga fatta esecuzione.[8] Al-Bashir è il primo capo di Stato mai incriminato dalla corte[8]. Bashīr ha negato tutte le accuse, aggiungendo che "non valgono l'inchiostro con cui sono scritte".[9]

Dal 7 dicembre al 18 dicembre del 2009 si è tenuto il vertice climatico di Copenaghen e i giudici hanno chiesto al governo danese l'arresto di al-Bashīr nel caso lui si fosse presentato a questo importante incontro.

Il 26 aprile del 2010 al-Bashīr ha vinto nuovamente le prime elezioni multipartitiche della storia del suo paese[10][11] e ha prestato giuramento per il suo nuovo mandato presidenziale il 27 maggio del 2010.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel piccolo villaggio di Hosh Bannaga nel 1944, ma cresciuto a Khartum, al-Bashīr si arruolò giovanissimo nell'esercito sudanese e studiò nell'Accademia Militare Egiziana al Cairo. Salì rapidamente di grado e divenne un paracadutista. Successivamente, al-Bashīr servì nell'esercito egiziano durante la guerra contro Israele nel 1973, detta Guerra del Kippur. Tornato in Sudan dalla Guerra del Kippur, fu posto a capo delle operazioni militari contro il Fronte di Liberazione Popolare del Sudan che avevano luogo nella parte meridionale del paese. Diventato generale già negli anni ottanta, prese il potere tramite un golpe nel 1989, rovesciando il Primo Ministro democraticamente eletto, Sadiq al-Mahdi.

Al-Bashīr mise immediatamente al bando ogni partito politico, censurò la Stampa e sciolse il Parlamento, assumendo su di sé il totale controllo della nazione. Più tardi assunse il ruolo di Presidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario per la Salvezza Nazionale (un organo appena creato con poteri sia legislativi che esecutivi) e si autonominò Capo di Stato, Primo ministro, Capo di Stato Maggiore e ministro della Difesa. Si è insignito inoltre del grado di Feldmaresciallo.

Governo[modifica | modifica wikitesto]

Al-Bashīr si alleò in seguito con Hasan al-Turabi, capo del Fronte Islamico Nazionale, per implementare uno stato fondamentalista islamico nel nord del paese. Al-Bashīr promulgò un nuovo codice penale e mise in vigore la Shari'a nel nord del paese nel 1991, facendo rispettare entrambi da giudici islamici e dalla "polizia di ordine pubblico" (una sorta di polizia religiosa).

al-Bashīr col turbante

Il 16 ottobre 1993 i poteri di al-Bashīr aumentarono vertiginosamente quando, dissolto il Consiglio del Comando Rivoluzionario per la Salvezza Nazionale, fu nominato Presidente del Sudan arrogandosi tutte le prerogative prima dedotte a quell'organo. Nel 1996 al-Bashīr fu eletto Presidente, con un mandato di 5 anni, nelle elezioni generali (naturalmente falsate).

Nel 1998 il Presidente e il suo Comitato Presidenziale promulgarono una nuova Costituzione, mentre nel 1999 egli e il Parlamento emanarono una legge che permetteva la creazione di associazioni politiche minoritarie, critiche verso di lui. Queste associazioni hanno sempre fallito il tentativo di raggiungere una rappresentanza significativa.

Il 12 dicembre 1999 al-Bashīr spodestò il suo vecchio alleato Hasan al-Turabi, all'epoca Presidente del Parlamento, con un colpo di palazzo condotto con truppe e carri armati davanti al palazzo del Parlamento.

Scacchiere internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Al-Bashīr al suo arrivo nella capitale meridionale Giuba, 2011

Secondo il governo sudanese, al-Bashīr avrebbe offerto all'amministrazione Clinton l'arresto e l'estradizione di Osama bin Laden, offrendo anche informazioni di intelligence dettagliate, sebbene gli Stati Uniti neghino ogni addebito.

Nel 1998 gli Stati Uniti bombardarono l'industria farmaceutica di al-Shifa, che avrebbe dovuto produrre segretamente armi chimiche per bin Laden, sebbene gli Stati Uniti non siano mai riusciti a dar prova di questa tesi, e abbiano impedito una commissione d'inchiesta su questo accadimento. Come conseguenza, il Sudan fu posto nella lista dei paesi sostenitori del terrorismo da parte degli Stati Uniti, la cosiddetta lista nera; il governo sudanese e il suo presidente, tuttavia, negano con forza ogni responsabilità o collusione con il terrorismo internazionale.

Al-Bashīr pronunciò una dura condanna degli attentati dell'11 settembre 2001; nel 2002 fece addirittura pressioni su Saddam Hussein per permettere agli ispettori internazionali di controllare il suo arsenale in cerca di armi di distruzione di massa, che non furono mai trovate.

Nonostante i numerosi sforzi di al-Bashīr per negare le sue connessioni con le reti terroristiche, il Sudan rimane costantemente e minuziosamente monitorato dagli Stati Uniti, e non più tardi dell'aprile 2004 il presidente statunitense George W. Bush ha richiesto ad al-Bashīr di sostenere i suoi sforzi nel combattere il terrorismo e di seguirne l'esempio.

Il 14 luglio 2008, il procuratore generale presso la Corte Penale Internazionale chiese che venisse emesso un mandato di cattura nei confronti di al-Bashīr per genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità commessi contro la popolazione civile in Darfur.

La Corte emise il mandato di cattura il 4 marzo 2009, anche se non accolse l'accusa di genocidio; si tratta del primo ordine di arresto emanato nei confronti di un capo di Stato nell'esercizio delle proprie funzioni. Malgrado ciò, l'Unione Africana e la Lega Araba non riconoscono questa incriminazione. Ma al-Bashīr rifiuta di consegnarsi, e molte manifestazioni si sono svolte a Khartūm in suo favore. Dal palco al-Bashīr si scaglia contro Usa, Gran Bretagna e ebrei, accusandoli di essere i responsabili dei veri genocidi del Novecento in Vietnam, in Iraq e in Palestina. Pure la Cina, il più grande acquirente di greggio prodotto in Sudan, è intervenuta in difesa di al-Bashīr.

Il 26 aprile 2010 al-Bashīr ha vinto nuovamente le prime elezioni multipartitiche della storia del suo paese, confermandosi ancora una volta presidente del Sudan, mentre il sud del paese è finito nelle mani di Salva Kiir Mayardit. Il 27 agosto 2010 si è recato in Kenya e non è stato arrestato, stessa cosa è avvenuto quando si è recato in Etiopia, Uganda, Egitto e Nigeria.
Il leader sudanese ʿOmar al-Bashīr ha prestato giuramento per il suo nuovo mandato presidenziale il 27 maggio 2010, ma il presidente sudafricano Jacob Zuma assicurò, durante i mondiali di calcio, che al-Bashīr sarebbe stato arrestato se fosse giunto in Sudafrica per seguire i campionati: "Il Sudafrica rispetta la legge internazionale e certamente siamo rispettosi e firmatari della legge" aggiunse.

Guerra civile[modifica | modifica wikitesto]

Il Sudan è tristemente famoso per la guerra civile che ha dilaniato il paese per più di 19 anni, vedendo contrapposte la parte settentrionale, araba e musulmana, e quella meridionale, cristiana e animista, risultante fino ai giorni nostri in milioni di cristiani del sud uccisi, esiliati, lasciati morire di fame e privati dell'educazione e della dignità umana.

Per via di questi avvenimenti, il Sudan fu fatto oggetto di numerose sanzioni internazionali. L'attenzione occidentale si intensificò nel 2001 con i dirigenti delle Nazioni Unite che domandarono ad al-Bashīr di prodigarsi per la risoluzione del conflitto armato, e per il permesso alle organizzazioni umanitarie e internazionali di entrare nel paese ad alleviare le sofferenze dei profughi. Molti progressi furono fatti durante il 2003, e nel 2004 al-Bashīr acconsentì a garantire un'autonomia alle regioni del sud della durata di 6 anni, alla fine della quale gli abitanti del sud potranno esprimersi sulla loro indipendenza dal Sudan. Tuttavia ha tenuto discorsi e dichiarazioni in cui "sconsiglia" agli abitanti del sud di sostenere l'indipendenza.

Darfur[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Conflitto del Darfur.

Proprio mentre il conflitto quarantennale con il sud del paese stava scemando un nuovo, terribile, conflitto si affacciò nelle province occidentali del Darfur nel primo 2003. Le autorità statunitensi dichiararono nel 2004 che "un genocidio è stato commesso nel Darfur e che il governo sudanese e i Janjawid sono colpevoli, e che il massacro potrebbe ancora essere in atto".

Al-Bashīr dichiarò di aver schiacciato la ribellione nel febbraio 2004; i massacri, tuttavia, continuano ancora oggi, esigendo sempre prezzi in termini di vite umane molto salati, nonostante un cessate-il-fuoco sia stato dichiarato. Nel giugno del 2004, il Segretario di Stato Colin Powell incontrò al-Bashir, incalzandolo a porre termine al conflitto, concludendo la pace con gli abitanti del Darfur e permettendo gli aiuti umanitari nella regione. Tre giorni dopo l'allora Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan incontrò il presidente, domandandogli il disarmo immediato degli Janjawid.

Nel settembre del 2006 al-Bashīr, partecipando all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dichiarò di volere la pace in Darfur e di desiderare che le truppe di pace dell'Unione Africana rimanessero in Darfur sino al suo compimento effettivo. Poco dopo le Nazioni Unite e l'Unione Africana dichiararono che i 7000 uomini del contingente di pace dell'Unione Africana sarebbero rimasti sino alla fine del 2006.

L'11 e il 12 novembre 2007 si sono tenute delle consultazioni tecniche ad alto livello, proposte da diverse lettere del Segretario Generale delle Nazioni Unite e del Presidente dell'Unione Africana, ad Addis Abeba. Hanno partecipato consulenti del governo sudanese, dell'ONU e dell'UA. Sembra tuttavia palese che il conflitto non è stato fermato, e che i massacri stanno continuando tuttora, apparendo molto difficoltoso che essi avvengano senza almeno il tacito consenso del presidente al-Bashīr.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) FACTBOX - Sudan's President Omar Hassan al-Bashir in Reuters, 14 luglio 2008. URL consultato il 14 marzo 2009.
  2. ^ (EN) Q&A: Sudan's Darfur conflict in BBC NEWS. URL consultato il 14 marzo 2009.
  3. ^ Save Darfur, The Genocide in Darfur - Briefing Paper, giugno 2008. URL consultato il 14 marzo 2009.
  4. ^ (EN) Alfred de Montesquiou, African Union Force Ineffective Ineffective, Complain Refugees in Darfur in The Washington Post, 14 ottobre 2006. URL consultato il 14 marzo 2009.
  5. ^ (EN) Sudan cuts Chad ties over attack in BBC NEWS, 11 maggio 2008. URL consultato il 14 marzo 2009.
  6. ^ (EN) Corte Penale Internazionale, ICC Prosecutor presents case against Sudanese President, Hassan Ahmad AL BASHIR, for genocide, crimes against humanity and war crimes in Darfur, 14 luglio 2008. URL consultato il 14 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2009).
  7. ^ (EN) Corte Penale Internazionale, Warrant of Arrest for Omar Hassan Ahmad Al Bashir, 4 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  8. ^ a b c (EN) Warrant issued for Sudan's leader in BBC NEWS, 04 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  9. ^ (EN) SUDAN: The case against Bashir in IRIN News, 04 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  10. ^ (EN) SPLM Kiir to run for president in Sudan 2009 elections in Sudan Tribune, 26 luglio 2008. URL consultato il 14 marzo 2009.
  11. ^ (EN) Eastern Sudan Beja, SPLM discuss electoral alliance in Sudan Tribune, 28 luglio 2008. URL consultato il 14 marzo 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Sudan Successore Flag of Sudan.svg
Ahmed al-Mirghani 1989

Controllo di autorità VIAF: 251919553 LCCN: nb2008023327

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie