Sadiq al-Mahdi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sadiq al-Mahdi

Primo Ministro del Sudan
Durata mandato 27 luglio 1966 –
18 maggio 1967
Predecessore Muhammad Ahmad Mahgoub
Successore Muhammad Ahmad Mahgoub

Primo Ministro del Sudan
Durata mandato 6 maggio 1986 –
30 giugno 1989
Predecessore al-Jazuli Dafalla
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Partito Umma


Ṣādiq al-Mahdī (in arabo: الصادق المهدي, al-Ṣādiq al-Mahdī) (chiamato, in modo marcatamente elogiativo, dai suoi sostenitori Ṣādiq al-Ṣiddīq, che letteralmente significa "Ṣādiq[1] il veridico"), nato il 25 dicembre 1935 a Omdurman nel Sudan) è una figura politica e religiosa sudanese. Capo del Partito Nazionale Umma e Imam - o Mahdi - degli Anṣār[2] (una confraternita sufi).

Vita personale[modifica | modifica sorgente]

Sadiq al-Mahdi è nato il 25 dicembre 1935 nella zona di al-ʿAbbāsiyya a Omdurman (Sudan).[3] Pronipote di Mohamed Ahmed al-Mahdi, Shaykh sudanese che si era autoproclamato Mahdi e che aveva guidato la Guerra Mahdista per la liberazione del Sudan Anglo-Egiziano. È anche lo zio paterno dell'attore anglo-sudanese britannico Alexander Siddig[4], noto soprattutto per aver interpretato il dottor Julian Bashir nella serie televisiva di fantascienza Star Trek: Deep Space Nine.

Vita Politica[modifica | modifica sorgente]

Ṣādiq al-Mahdī è stato Primo ministro del Sudan in due occasioni: nel 1966-67 e dal 1986 fino alla sua destituzione il 30 giugno 1989.
Nel 1986, Sadiq formò un governo di coalizione composto dal Partito Umma (da lui diretto), dal Fronte Nazionale Islamico (FNI), guidato dal cognato islamista ed esponente della ṭarīqa Turābiyya, Hasan al-Turabi, dal Partito democratico unionista (PDU) e da quattro piccoli partiti del Sud. Ṣādiq al-Mahdī dimostrò di essere un leader debole e incapace di governare il Sudan. Il suo governo fu caratterizzato da divisioni, corruzione, rivalità personali, scandali e instabilità politica. Nel 1987, Ṣādiq al-Mahdī sciolse il governo, incapace di redigere un nuovo codice penale per sostituire la Sharīʿa, di raggiungere un accordo con il Fondo Monetario Internazionale, e di risolvere la guerra civile nel Sud.
Per mantenere il sostegno del PDU e dei partiti politici del Sud, Ṣādiq al-Mahdī formò un altro governo di coalizione, che si dimostrò ugualmente inefficace. Nel mese di agosto 1987, il PDU fece cadere il governo.
Una terza coalizione nacque nel maggio 1988. Membri di questa coalizione l'Umma, il PDU, il FNI e alcuni partiti del Sud. Come in passato, però, la coalizione rapidamente si disgregò a causa di incompatibilità politiche fra i suoi membri.
Il 30 giugno 1989, il governo di Ṣādiq al-Mahdī fu rovesciato da un golpe guidato dal colonnello ʿOmar al-Bashīr. Il posto di Primo Ministro del Sudan venne abolito.
Ṣādiq al-Mahdī ha continuato a guidare il partito Umma, in opposizione a ʿOmar al-Bashīr, dopo essere stato spodestato. Ha trascorso un periodo in esilio, ma è ritornato in Sudan nel novembre 2000. Nel luglio del 2008, affermando che il Sudan avrebbe dovuto affrontare una situazione molto difficile, ha deciso di sostenere ʿOmar al-Bashīr nell'accusa di genocidio della Corte Penale Internazionale .

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Che, già di per sé, significa "Il veritiero".
  2. ^ Lett. era il termine con cui, all'epoca del profeta Maometto, si chiamavano i suoi fedeli sostenitori della città-oasi di Yathrib (poi diventata Medina).
  3. ^ Gamal Nkrumah, Sadig Al-Mahdi: The comeback king in Al-Ahram, 15 - 21 luglio 2004. URL consultato il 18 febbraio, 2011.
  4. ^ Gayle Stever, Sid’s Biography, Sidcity.net, 1998, 2008. URL consultato il 23 gennaio 2011.