Al-Ahram

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il quotidiano al-Ahram (in arabo: الأهرام, al-Ahrām , ossia "Le piramidi") fondato nel 1875, è uno dei giornali maggiormente diffusi in Egitto, e il secondo per anzianità dopo al-Waqa'i al-Misriyya ('I fatti egiziani'), fondato nel 1828.

La sede di al-Ahram è al Cairo ed è posto sotto il controllo del ministero egiziano dell'Informazione, ma malgradio ciò la sua opinione è considerata in tutto il mondo arabofono ampiamente autorevole.

Ha due versioni in lingua non araba, una in lingua inglese (Al-Ahram Weekly, fondata nel 1991) e una in francese (Al-Ahram Hebdo).

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Il giornale fu fondato da due fratelli siriani, Bishara e Salim Taqla, che all'epoca vivevano tuttavia ad Alessandria d'Egitto. Inizialmente al-Ahram usciva con cadenza settimanale ogni sabato.

Il giornale fu distribuito in Egitto e nel Mashreq. Due mesi dopo la fondazione del giornale, i fratelli Taqla decisero di trasformarlo in quotidiano. Nel novembre 1899 la sede di al-Ahram fu spostata al Cairo.

Alcuni fra i primi contributori di questo giornale furono dotti religiosi, come Muhammad Abduh e Jamal al-Din al-Afghani.

Scrittori[modifica | modifica wikitesto]

Scrittori di fama che contribuirono al giornale:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]