Accordo di Naivasha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Accordo Comprensivo di Pace
(Accordo di Naivasha)
La suddivisione territoriale del Sudan stabilita nell'Accordo
La suddivisione territoriale del Sudan stabilita nell'Accordo
Contesto Seconda guerra civile sudanese
Firma 9 gennaio 2005
Luogo Naivasha, Kenya Kenya
Condizioni Autonomia del Sudan del Sud; nuova costituzione del Sudan; percorso riconosciuto verso l'indipendenza del Sudan del Sud; fine della guerra civile
Parti Sudan Sudan
Flag of South Sudan.svg Esercito di Liberazione del Popolo di Sudan
voci di trattati presenti su Wikipedia

L'Accordo di Naivasha il cui nome ufficiale è Comprehensive Peace Agreement (anche CPA) è un insieme di accordi sottoscritti nel gennaio 2005 dal Movimento per la Liberazione del Sudan e il governo del Sudan il cui scopo è stato quello di terminare la seconda guerra civile sudanese.

I termini fondamentali dell'Accordo di Naivasha sono:

  • Il Sud avrà autonomia per sei anni, a cui seguirà il Referendum sull'indipendenza del Sudan del Sud del 2011.
  • Entrambe le fazioni del conflitto creeranno una forza congiunta di 39.000 unità se il referendum secessionista deve risultare negativo.
  • I proventi del petrolio saranno divisi equamente tra il governo e i ribelli durante il periodo dei sei anni di transizione.
  • I posti di lavoro di lavoro devono essere ripartiti in base a proporzioni stabilite.
  • La legge islamica si applica solo al nord, mentre l'uso della sharia nel Sud deve essere deciso dall'assemblea eletta.

L'accordo prende il nome da Naivasha, la località del Kenya vicina a Nairobi, in cui si sono svolti gli incontri nel 2004.

Singoli documenti[modifica | modifica wikitesto]

L'Accordo di pace fu il risultato della stipulazione di otto distinti documenti. A parte il primo, tutti gli altri e l'accordo finale furono firmati a Naivasha, in Kenya.

  • Protocollo di Machakos (Capitolo I), firmato a Machakos, in Kenya, il 20 luglio 2002. Accordo sui princìpi generali sulla forma di stato e di governo del Sudan;
  • Protocollo sulla condivisione del potere (Capitolo II), il 26 maggio 2004;
  • Accordo sulla condivisione della ricchezza (Capitolo III), il 7 gennaio 2004;
  • Protocollo sulla risoluzione del conflitto nell'area di Abyei (Capitolo IV), il 26 maggio 2004;
  • Protocollo sulla risoluzione del conflitto negli Stati del Kordofan meridionale e del Nilo Azzurro (Capitolo V), il 26 maggio 2004;
  • Accordo sulle misure di sicurezza (Capitolo VI), il 25 settembre 2003;
  • Cessate-il-fuoco permanente e modalità d'integrazione ed appendici alle misure di sicurezza (Annesso I), il 30 ottobre 2004;
  • Documento sulle modalità di attuazione ed integrazione globale e appendici (Annesso II), il 31 dicembre 2004.

Il testo finale, complessivo, dell'Accordo fu firmato il 9 gennaio 2005 e segnò l'inizio dell'attuazione concreta della pace.