Now You See Me - I maghi del crimine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Now You See Me - I maghi del crimine
Now You See Me - trailer ita.png
Logo italiano del film
Titolo originale Now You See Me
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2013
Durata 115 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere thriller
Regia Louis Leterrier
Soggetto Boaz Yakin, Edward Ricourt
Sceneggiatura Ed Solomon, Boaz Yakin, Edward Ricourt
Produttore Alex Kurtzman, Roberto Orci
Produttore esecutivo Bobby Cohen, Stan Wlodkowski, Boaz Yakin
Casa di produzione K/O Paper Products, Summit Entertainment
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Larry Fong, Mitchell Amundsen
Montaggio Robert Leighton, Vincent Tabaillon
Musiche Brian Tyler
Scenografia Peter Wenham
Costumi Jenny Eagan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Now You See Me - I maghi del crimine (Now You See Me) è un film del 2013 diretto da Louis Leterrier.

Il cast è composto da Mark Ruffalo, Morgan Freeman, Jesse Eisenberg, Isla Fisher, Mélanie Laurent, Michael Caine, Dave Franco e Woody Harrelson.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un gruppo di maghi (il cartomago J. Daniel Atlas, l'escapologo Henley Reeves, il prestigiatore Jack Wilder e il mentalista Merritt McKinney) ricevono dei tarocchi da una misteriosa figura incappucciata che li ha osservati per mesi mentre eseguivano i loro trucchi; seguendo le tracce riportate sulle carte si ritrovano tutti insieme in un appartamento abbandonato dove scoprono degli ologrammi con le istruzioni per complicatissimi numeri di magia. Un anno dopo i maghi, adesso chiamati I Quattro Cavalieri, debuttano in un prestigioso show a Las Vegas sponsorizzato dal magnate di una compagnia assicurativa, Arthur Tressler. Per il numero finale dello spettacolo, i quattro "teletrasportano" un uomo del pubblico a Parigi, nel caveau della sua banca, per poi attivare un getto d'aria che lo riporta a Las Vegas insieme a ben tre milioni di euro, che piovono sul pubblico in delirio. Effettivamente, nello stesso momento il caveau viene aperto e viene trovato vuoto.

L'FBI e l'Interpol incaricano rispettivamente gli agenti Dylan Rhodes e Alma Dray di investigare su questo assurdo caso. L'interrogatorio ai Quattro Cavalieri li lascia senza alcuna risposta, poiché non ci sono prove di come effettivamente essi abbiano fatto a rapinare la banca trovandosi a migliaia di km di distanza. Non potendo addurre come motivazione la vera magia, i quattro vengono rilasciati, nonostante abbiano chiaramente annunciato nuovi "trucchi" di questo tipo.
Rhodes e Dray incontrano allora Thaddeus Bradley, un ex-mago che ora conduce un programma televisivo in cui smaschera i trucchi degli illusionisti: in pochi minuti l'uomo smonta l'intero trucco dei Quattro Cavalieri, dimostrando come non ci sia stata nessuna magia: essi avevano rapinato la banca settimane prima per poi indurre il pubblico a credere di averlo fatto durante lo show mediante delle illusioni.

Lo show successivo dei Quattro Cavalieri si tiene a New Orleans: Rhodes, Dray e Bradley prendono parte al pubblico e assistono a tutto lo spettacolo. A sorpresa, il trucco finale prevede un furto di 140 milioni di dollari dal conto bancario dello stesso Tressler, che vengono dati al pubblico, composto interamente da persone truffate o maltrattate dalla sua compagnia assicurativa.
I maghi riescono a fuggire grazie ai loro trucchi di magia; Tressler, umiliato, si coalizza con Bradley (che poco prima aveva denigrato) perché scopra e fermi i Quattro Cavalieri. Nel frattempo Alma Dray legge di una società segreta chiamata L'Occhio, composta da abili illusionisti che usavano i loro trucchi per rubare ai ricchi e dare ai poveri; inoltre scopre la storia di Lionel Shrike, un mago che molti anni prima era stato smascherato da Bradley e, per riabilitarsi, aveva tentato un pericolosissimo trucco ed era annegato per non essere riuscito ad aprire una cassaforte sott'acqua. La donna pensa che i Quattro Cavalieri possano essere in qualche modo connessi a questi elementi, ma Rhodes, a sua volta umiliato dai maghi, si mostra rabbiosamente scettico.

Nel cellulare di Rhodes viene trovata una cimice, che spiega come i Quattro Cavalieri abbiano potuto prevenire gli attacchi dell'FBI; i maghi vengono localizzati in un appartamento a New York. Atlas, Reeves e McKinney riescono a fuggire, mentre Wilder rimane indietro per difendere un documento; dopo una lotta contro diversi agenti, incluso Rhodes, il mago ruba un'auto e si lancia in una fuga disperata, nel corso della quale l'auto sbanda ed esplode. Rhodes recupera il documento difeso da Wilder e scopre che i Quattro Cavalieri hanno come obiettivo la cassaforte di una particolare azienda, piena di soldi. Quando si precipitano nel posto in cui essa è conservata, lo trovano già vuoto: i Cavalieri hanno già effettuato il furto.
A questo punto diventa chiaro che esiste un "Quinto Cavaliere", ossia una talpa nell'FBI che aiuta i maghi e li informa delle mosse degli agenti. I sospetti ricadono sulla Dray e su Bradley.

La performance finale dei Cavalieri si tiene sul tetto dell'istituto d'arte 5 Pointz; al termine di un rocambolesco inseguimento, i tre maghi saltano da un tetto e si trasformano in una grandissima massa di denaro, che piove sul pubblico.
Rhodes e la Dray comprendono che ormai i maghi sono in salvo e non potranno essere mai più catturati; prima di separarsi, si rivelano amore reciproco e si scambiano un bacio.
In quel momento però un collega di Rhodes si accorge che il denaro è falso: tutto il bottino appare nell'automobile di Bradley, che viene arrestato per il furto.

Rhodes si reca in prigione, dove un furioso Bradley dice di essere stato incastrato e chiede di poter trattare: lui spiegherà come i Quattro Cavalieri abbiano rubato la cassaforte, e in cambio l'FBI lo lascerà andare.
Bradley rivela dunque che i maghi non hanno rubato la cassaforte prima che gli agenti si recassero nella stanza in cui essa si trovava, ma che siano riusciti a farla apparire vuota mediante l'uso di specchi; mentre l'FBI inseguiva i Tre Cavalieri rimasti, la cassaforte era stata rubata da Wilder, che aveva soltanto inscenato la propria morte per poter in seguito agire indisturbato.
Mentre ragiona sul caso, Bradley si rende però conto della verità: il Quinto Cavaliere, nonché la mente dietro l'intero piano dei Quattro Cavalieri, era lo stesso Rhodes. Quando, dopo aver finalmente smascherato tutti i trucchi, Bradley gli chiede perché abbia fatto tutto questo, Rhodes scompare, lasciandolo in prigione senza possibilità di uscire. Poco dopo, finalmente Rhodes si rivela ai Quattro Cavalieri e dà loro accesso all'Occhio.

Giorni dopo, Rhodes si reca a Parigi dove incontra Alma Dray e le spiega i tasselli mancanti della vicenda: in realtà lui è il figlio di Lionel Shrike, il mago smascherato da Bradley; tutto il suo piano era stato organizzato per ottenere vendetta nei confronti di chi lo aveva fatto soffrire.
La banca parigina rapinata e la compagnia assicurativa di Tressler avevano rifiutato di pagare la polizza sulla morte di Shrike, Bradley l'aveva umiliato e smascherato e Elkhorn, la compagnia che produce la cassaforte rubata, aveva prodotto anche quella nella quale Shrike era morto, che non si era aperta perché difettosa.
Rhodes aveva vissuto nella povertà finché non aveva incontrato L'Occhio, grazie al quale era riuscito a compiere la sua vendetta. L'uomo dichiara poi amore a Dray, che non lo rifiuta e decide di non arrestarlo: i due guardano insieme la Senna dal Pont des Arts.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Le riprese del film sono iniziate nell'aprile 2012 e si sono svolte tra Las Vegas, New Orleans, New York e Parigi. Il budget totale del film film è stato di 75 milioni di dollari.[1]

Curiosamente, il regista Leterrier aveva diretto L'incredibile Hulk con Edward Norton, e sia l'attore che il regista erano il lizza per partecipare a The Avengers; poi la Marvel scelse Joss Whedon per la regia e questi scritturò per il ruolo di Bruce Banner/Hulk proprio Ruffalo!

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il 13 maggio 2013 è stato diffuso online il trailer italiano del film.[2]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi dalla Summit Entertainment il 31 maggio 2013. In Italia è uscito l'11 luglio dello stesso anno. Al 20 agosto il film ha incassato complessivamente 274.049.297 $,di cui 116.049.297 $ negli Stati Uniti e 158.000.000 $ nel resto del mondo.[3]

Recensioni[modifica | modifica sorgente]

In Italia, la pellicola ha avuto giudizi contrastanti, a volte entusiasti, altre volte tiepidi, in alcuni casi apertamente delusi:

  • Il rapporto tra reale e finto, tra palcoscenico e vita è il primo comandamento dello spettacolo e la scorciatoia più facile per arrivarci è raccontare una grande magia: vedi il capolavoro teatrale di Eduardo-Strehler e il recente Mago di Oz. La sorpresa, che coinvolge uno del pubblico teletrasportato a distanza con la mente per rubare nel caveau d'una banca di Parigi, facendo poi piovere il bottino in sala, è applicata a un thriller da colpo grosso. Rispettando l'entertainment con l'optional del clima di New Orleans, Louis Leterrier, autore dedito a Hulk e ai Titani, è alle prese con una variazione di Ocean's Eleven al paranormale. Dove la cosa buffa è proprio il clan che conosciamo a rate all'inizio, quattro cavalieri cialtroni del mistero reclutati con lettera anonima: Jesse Eisenberg, il mago da strada, sempre più bravo (Social Network) che seduce con le carte da gioco, un po' David Copperfield; il sensitivo Woody Harrelson che ipnotizza, legge e ricatta mente e portafoglio, il prestigiatore Dave Franco che non disdegna il borseggio, la coraggiosa Isla Fisher che, come Houdini, fa il bagno chiusa a lucchetto in una grande vasca abitata dai piranha. Per buon peso, ecco il detective Mark Ruffalo, poco incline al mistery', e dotato di bella collega, il prestidigitatore telegiornalista Morgan Freeman e infine il jolly miliardario e arrogante Michael Caine. (...) Pur molestato da un titolo inglese, il divertimento originale è assicurato, gli interrogativi pullulano, il gioco è ironico e i caratteri sono un bel campionario umano e disumano arredato con una psicologia turbata e folk. Un insieme che ha solo bisogno di continuare a superarsi nelle sorprese, anche in saldo, ma il congegno è godibile e gli attori stanno al gioco invitando la platea a fare altrettanto, lasciandosi sedurre dalle attrattive extrasensoriali, cioè gli effetti speciali.—Maurizio Porro, "Il Corriere della Sera", 11 luglio 2013
  • Quale soggetto potrebbe essere più congeniale al cinema, spettacolo per eccellenza basato sulla sospensione dell'incredulità e abituato a trescare con i maghi fin dai tempi di Georges Méliès? Malgrado il soggetto intrigante e il ricco cast infra-generazionale, tuttavia, il film non riesce a mantenere fino in fondo le promesse dell'intrigante prima parte. Sarà forse perché lo dirige Louis Leterrier, regista proveniente dal blockbuster (L'incredibile Hulk, Scontro tra titani) quindi incline a fare qualche confusione tra "magia" ed effetti speciali.—Roberto Nepoti, "La Repubblica", 11 luglio 2013
  • Offre una rinfrescante alternativa al blockbuster catastrofico/fantascientifico ed è godibile e divertente come gli incredibili trucchi messi in scena dai maghi protagonisti. (...) Nonostante un eccessivo amore per i movimenti di camera, il francese Louis Leterrier si dimostra regista di smalto, l'affiatato cast è ricco di presenze divistiche (da Mark Ruffalo a Morgan Freeman a Michael Caine) e il film risulta intrigante seppur evanescente.—Alessandra Levantesi Kezich, "La Stampa", 11 luglio 2013
  • Affascinante all'inizio, poi troppo macchinoso, Now You See Me - I maghi del crimine di Louis Leterrier raduna sulla scena quattro celebri illusionisti che con la complicità di trucchi spettacolari mettono a segno serie di rocambolesche rapine a danni di corrotti e potenti uomini d'affari distribuendo la refurtiva tra il pubblico.—Alessandra De Luca, "Avvenire", 11 luglio 2013
  • Frizzante o irritante? È il quesito da sciogliere in questa commedia truffaldina, così dinamica da risultare evanescente, diretta dal quel Leterrier ex pupillo di Luc Besson. (...) Troppo ridicolo per essere un convincente thriller e troppo serioso per ridere al fianco di quattro simpatici illusionisti, peraltro invisibili durante il film. I protagonisti dovevano essere loro (molto divertente Woody Harrelson come ipnotista) mentre purtroppo siamo incollati alle ripicche cliché tra Fbi (Mark Ruffalo) e Interpol (Mélanie Laurent). Colpo di scena prevedibile dove il trucco si vede lontano un miglio.—Francesco Alò, "Il Messaggero", 11 luglio 2013
  • Action spy-story tra il fantasy e l'avventuroso di pura adrenalina e con cast stellare diretto dal regista de 'L'incredibile Hulk', francese ma ormai operativo a Hollywood. Il trucco c'è ma stavolta non si vede davvero e sono bravi gli autori a costruire un racconto avvincente sulle tracce della tradizionale 'caccia al ladro'. Il film è di puro intrattenimento ma si offre alla metafora della crisi contemporanea, declinata sul fallimento dei colossi bancari a Stelle & Strisce che in un batter d'occhio fecero sparire i risparmi di mezza America: e se i soldi fossero scomparsi per effetto della magia?—Anna Maria Pasetti, "Il Fatto Quotidiano", 11 luglio 2013
  • Piacerà anche a chi non ha una stima sconfinata per Louis Leterrier (Scontro tra titani). Tra i suoi meriti in questo film va l'aver rimesso in circolo Mélanie Laurent (Bastardi senza gloria) e l'aver reso sopportabile Woody Harrelson.—Giorgio Carbone, "Libero", 11 luglio 2013
  • Bel thriller che gioca sul fascino dell'occulto ingannando, con l'illusione, anche gli occhi di chi è in sala.—Maurizio Acerbi, "Il Giornale", 11 luglio 2013

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Il 9 agosto 2013, dopo il successo al box office del film, il CEO della Lionsgate annuncia che la produzione del sequel comincerà nel 2014 e uscirà nel 2015.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Now You See Me Box Office, Box Office Mojo. URL consultato il 22 agosto 2013.
  2. ^ Now You See Me – I Maghi del Crimine: ecco il trailer italiano!, ScreenWeek Blog. URL consultato il 3 agosto 2013.
  3. ^ Now You See Me Box Office, Box Office Mojo. URL consultato il 22 agosto 2013.
  4. ^ Den of Geek, 'Now You See Me' to get sequel. URL consultato il 2013-08-09.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema