Mimnermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frammento di un'elegia

Mimnermo Colofonio (Μίμνερμος, Mímnermos; Colofone o Smirne, VII secolo a.C. – prima metà del VI secolo a.C.) è stato un poeta elegiaco e cantore greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Mimnermo ha il significato etimologico di "colui che resiste su l'Ermo", un fiume dell'Eolide, e fu probabilmente attribuito a un avo del poeta a ricordo della sua valorosa partecipazione[1] a una vittoria riportata dai Greci di Smirne contro i Lidi del re Gige in questa località.[2] Della sua vita sono ad oggi giunte pochissime notizie, per lo più abbastanza vaghe. Nacque secondo Strabone a Colofone[3], a Smirne[4] secondo la testimonianza di Pausania il Periegeta, e visse probabilmente tra la seconda metà del VII e l'inizio del VI secolo a.C.[5] Il lessico Suda pone il periodo della sua maturità tra il 632 e il 629 a.C.; tale informazione potrebbe essere confermata dalla notizia riportata da Plutarco[6], secondo cui Mimnermo sarebbe stato testimone di un'eclissi di sole che potrebbe essere identificata con quella di cui fu testimone anche Archiloco nel 647 a.C.[5] Risulta tuttavia possibile che l'eclissi citata da Plutarco sia invece da identificare con quella verificatasi nel 585 a.C.: in tal caso la data di nascita e il periodo di attività di Mimnermo sarebbero da posticipare; ad avvalorare tale ipotesi contribuisce lo scambio di elegie che Mimnermo ebbe con Solone, nato nel 640 a.C. e solo di pochi anni più giovane dello stesso Mimnermo[5]. Confermerebbe tale ipotesi anche il frammento 14 West, in cui Mimnermo racconterebbe la partecipazione di un suo avo alla guerra condotta da Smirne contro il re di Lidia, Gige, morto attorno alla metà del VII secolo a.C.[5]

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Smirneide.

Compose numerose elegie, divise dai filologi alessandrini in due raccolte:

  • Nannò: sillogie dedicate a una flautista (una donna trasgressiva, rispetto allo standard greco).
  • Smirneide: poemetto epico che racconta la guerra dei Greci di Smirne contro i Lidi governati dal re Gige.

Callimaco (IV secolo a.C.) ci dice che sotto il nome di Mimnermo circolavano anche diverse rime sparse. Di tutta la sua produzione poetica, è giunta fino a noi una ventina di frammenti per un totale di circa 80 versi.

Un frammento particolarmente noto e rappresentativo è:

Mimnermo tratta,accanto al mito e all'epos,tematiche come la lode della giovinezza e il biasimo della vecchiaia. I frammenti che ci sono pervenuti sono caratterizzati da un certo pessimismo,che ,al contrario di quanto espresso ad esempio dal Leopardi, non ha uno spessore filosofico: Mimnermo osserva quanto sia breve la durata della giovinezza,ed esorta così il prossimo a gustarla finché sia possibile (carattere edonistico); quest'esortazione però non coincide con carpe diem oraziano: egli non è in grado di godere dell'attimo,per via del senso di precarietà che proviene dal presentimento del sopraggiungere dell'"odiosa vecchiaia".

« Così, lontano da morbi e da affanni penosi
il destino di morte mi colga a sessant'anni »
(Mimnermo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fr. 14 West.
  2. ^ Casertano; Nuzzo, p. 331.
  3. ^ Strabone, Geografia, 14, 643.
  4. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, 9, 29, 4.
  5. ^ a b c d Casertano; Nuzzo, p. 326.
  6. ^ Moralia, 931e.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura critica
  • Mario Casertano, Gianfranco Nuzzo, Storia e testi della letteratura greca. Vol. 1, Palermo, Palumbo Editore, 2003, ISBN 978-88-8020-493-0.
  • G. Tanzolini, Mimnermo (1883), studio annotato del poeta e versione in metrica dei frammenti.
  • Giuseppe Caluci, Frammenti di Mimnermo Colofonio Volgarizzati, Tipogr. Del Commercio Santa Marina, 1830.
  • (EN) Archibald Allen, The fragments of Mimnermus: text and commentary, F. Steiner, 1993, p. 168.
  • D. Campbell, Greek Lyric Poetry (Bristol, ristampa 1998)
Edizioni critiche dei frammenti
  • M. L. West, Iambi et elegi Graeci ante Alexandrum cantati (Oxford Clarendon Press 1971-1972; nuova edizione 1989-1992; ristampa in un solo volume 1998. ISBN 0-19-815266-3)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 249318061 LCCN: n83319399