Mahdia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la città omonima della Guyana, vedi Mahdia (Guyana).
Mahdia
municipalità
المهدية
Mahdia – Stemma
Mahdia – Veduta
Dati amministrativi
Stato Tunisia Tunisia
Governatorato Mahdia
Delegazione Divisione amm grado 2 mancante (man)
Sindaco Mohamed Mehdi Sfar Gandoura
Territorio
Coordinate 35°30′00″N 11°03′36″E / 35.5°N 11.06°E35.5; 11.06 (Mahdia)Coordinate: 35°30′00″N 11°03′36″E / 35.5°N 11.06°E35.5; 11.06 (Mahdia)
Altitudine 0 m s.l.m.
Superficie 645 km²
Abitanti 45 977 (2004)
Densità 71,28 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 5100
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Tunisia
Mahdia
Sito istituzionale

Mahdia (arabo: المهدية, al-Mahdiyya) è una città costiera della Tunisia, posta all'estremità meridionale del Golfo di Hammamet, a 205 km a sud di Tunisi. Capoluogo del governatorato omonimo, costituisce una municipalità di 45977 abitanti (2004).

Costruita all'origine su una penisola di 1400 metri di lunghezza e 500 metri di larghezza, la città è stata uno dei primi porti pescherecci del paese. Col passare degli anni l'attività turistica ha pesato sempre di più sull'economia locale. Infine Mahdia è un centro terziario in sviluppo che presenta da alcuni anni un polo d'insegnamento superiore (rinomata è l'Institut d'économie et de gestion aperto nel 1999).

Se il centro storico di Mahdia è situato sulla penisola, la città moderna si è estesa verso l'entroterra, specialmente i quartieri di Hibun e di Zouila.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I nomi con cui era conosciuta la città nel passato sono Jemma, Aphrodisium e Cap Africa.

Mahdia in età fatimide (X sec.)

La sua posizione strategica e le sue fortificazioni permisero alla città di giocare un ruolo di primo piano nel bacino del Mediterraneo fino al XVI secolo. Il primo stanziamento nell'area dell'attuale Mahdia fu un villaggio fenicio, diventato poi romano con il nome di Aphrodisium.[1] La galea di Mahdia, affondata nel I secolo a.C. e carica di oggetti d'arte ateniesi è stata ritrovata a 6 km a largo di Mahdia. Questo fa della città uno dei più ricchi siti di archeologia sottomarina della Tunisia.

Nel 914 (301 dell'Egira), il primo Imam/Califfo fatimide Ubayd Allah al-Mahdi[2] vi fonda la città attuale, cui dà il suo nome, Al-Mahdiyya.[3] Praticamente inespugnabile da terra e in posizione adatta ai progetti espansionistici della dinastia verso l'Oriente e il Mediterraneo,[4] la città diventa ufficialmente capitale dei Fatimidi nel 921;[2] rango che perderà nel 973 a favore de Il Cairo.[5] Lungo tale arco di tempo vi furono costruiti la residenza califfale e il palazzo del principe erede al-Qa'im bi-amr Allah, la Grande Moschea, un sūq, ben due arsenali e una poderosa cinta muraria dotata di bastioni terrestri e marittimi nella quale risultava inserito il porto, base dell'efficiente flotta navale con cui i califfi Fatimidi tenevano sotto scacco le coste del Mediterraneo. Importante nodo del commercio marittimo, vi fiorirono gli studi e la medicina, la letteratura e la poesia.[6]

Assediata per otto mesi (944-945) dai Kharigiti sotto il comando di Abu Yazid, la città seppe resistere vittoriosamente. Nel 1057, i principi Ziridi vi si rifugiano di fronte alla minaccia dei Banu Hilal. Alla loro corte troverà ospitalità per una ventina d'anni il poeta esule Ibn Hamdīs, massimo esponente della poesia siciliana di lingua araba.

Nel 1087 Mahdia, allora governata dai vassalli ziridi dei Fatimidi, viene attaccata, e per breve tempo conquistata, da Genova e Pisa (con l'aiuto di Salerno, Amalfi e Gaeta) ma l'attacco non sortisce effetti duraturi.

Mahdia assediata. Illustrazione dal Civitates Orbis Terrarum vol. II 57 di Georg Braun e Franz Hogenberg (1575)

Il normanno Ruggero II, Re di Sicilia occupa la città nel 1148 e ne mantiene il potere fino alla sua caduta, nei primi giorni del 1160, per mano degli Almohadi. La città perde così la sua importanza politica a favore di Tunisi.

In epoca hafside, l'anno 1286[7] Mahdia viene attaccata e distrutta dalla flotta aragonese comandata dal celebre ammiraglio Ruggiero di Lauria. Potrà essere parzialmente ricostruita solo nel 1360.[7]

Nel 1390,[8] dopo la perdita delle sue posizioni commerciali in Tunisia a favore della Repubblica di Venezia, la Repubblica di Genova organizza una spedizione militare, volutamente definita una nuova crociata, col pretesto di combattere la pirateria dei barbari contro i cristiani. Ottiene così l'assistenza da parte di un corpo anglo-francese comandato da Luigi II di Borbone. Mahdia, difesa dagli arabi di Bougie (Béjaïa), di Bona, di Costantina e di altri paesi del Maghreb, venuti in soccorso dei tunisini, resistette a tutti gli attacchi, e gli alleati sono obbligati a riprendere il mare dopo sessantun giorni di combattimenti infruttuosi.[9]

Mahdia è presa poi nel XVI secolo dal corsaro Dragut che ne fece il suo rifugio[10]. Carlo V d'Asburgo lasciò la città nel 1550. Gli Spagnoli vi restarono fino al 1554, quando gli Ottomani presero il controllo di Mahdia.[11] La città ritrovò così la sua calma e il suo porto peschereccio rifiorì.

Mahdia fu anche la località dove Khalid Abd al-Wahhab nascose circa due dozzine di Ebrei dai Nazisti durante la Seconda guerra mondiale.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Spiaggia di dune a Mahdia
Battelli nel porto peschereccio di Mahdia

L'economia di Mahdia è principalmente basata su:

Turismo: le sue spiagge di sabbia bianca, i suoi numerosi hotel, la sua storia e l'accoglienza dei suoi abitanti ne fanno una delle stazioni balneari più apprezzate della Tunisia. La zona turistica è situata a nord della città nel quartiere di Hibun;
Pesca: è il primo porto di pesca della Tunisia, è molto animato a certe ore, e possiede dei conservieri per il pesce il blu.
Olio d'oliva: la città si trova a est di un grande uliveto posseduto da varie famiglie note (tra cui BOUSSOFARA) a Mahdia. Vengono prodotti anche paté di olive e sapone.
Tessitura e cucito;
Artigianato del legno.
Notevole è la presenza di fabbriche di confezionamento del pesce, fabbriche di sapone e prodotti chimici... Le industrie sono concentrate nella zona industriale della città

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

  • Aereo: La città si trova a 60 minuti dall'Aeroporto Internazionale di Monastir Habib-Bourguiba.
  • Treno: La città è servita da una linea di treni climatizzati.
  • Strade: Molte strade nazionali servono Mahdia. Un nodo autostradale è attualmente in costruzione.
  • Taxi: Numerosi taxi servono la città a tariffe decisamente basse. Possono a volte prendere simultaneamente più passeggeri con destinazioni differenti.
  • Pullman: Per la maggior parte sono pullman extraurbani. Non è il mezzo più usato.
  • Pullmini privati: chiamati "Lueg", sono piccoli pullman privati che trasportano circa 7 passeggeri più alla volta che portano fuori dalla regione.

Sport[modifica | modifica sorgente]

La pallamano è lo sport principale della regione con il club di Makarem Mahdia, pluricampione nazionale e continentale.

Personalità celebri[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

La municipalità di Mahdia è legata da accordi di cooperazione internazionale e di gemellaggio a varie città del mondo[12]. Tra queste:

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Africa olim Aphrodisium (Gallica)
  2. ^ a b (FR) Storia di Mahdia (Portale educativo tunisino)
  3. ^ Ismaili History, (EN) Foundation of al-Mahdiya
  4. ^ A.A.V.V., Ifriquiya. Tredici secoli d'arte e d'architettura in Tunisia, Electa/Démetér, 2000, 176-177; ISBN 88-435-7412-4 (Electa)
  5. ^ (EN) Mahdia (Enciclopedia dell'Oriente)
  6. ^ A.A.V.V., Ifriquiya. Tredici secoli d'arte e d'architettura in Tunisia, Electa/Démetér, 2000, pp. 40-41, 172; ISBN 88-435-7412-4 (Electa)
  7. ^ a b (FR) (PDF) Dave Delarosbil, Mahdia : histoire et société, éd. Université de Montréal, Montréal, p. 6
  8. ^ (FR) Dalle crociate alla presa di Costantinopoli (Oriente cristiano)
  9. ^ Louis de Mas Latrie, Occhiata delle relazioni commerciali dell'Italia settentrionale con l'Algeria nel Medio Evo, partie II, Imprimerie royale, Paris, 1845
  10. ^ (FR) Ritratto di Dragut (Publius Historicus)
  11. ^ (FR) Jean-François Coustillière, « I corsari tunisini», Monografia della storia navale della Tunisia
  12. ^ (FR) Coopération internationale (Municipalité de Mahdia)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]