Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra
Artista Elton John
Tipo album Live
Pubblicazione giugno 1987
Durata 73 min : 46 s
Dischi 2 (LP 1987), 1 (CD 1998)
Tracce 14 (LP 1987, CD 1998)
Genere Rock sinfonico
Rock
Etichetta Rocket Records
MCA Records (Stati Uniti e Canada)
Festival Records, Australian Broadcasting Corporation, Warner Bros. Records (Australasia e Oceano Pacifico)
Produttore Gus Dudgeon
Arrangiamenti James Newton Howard/Brad Dechter (basati su quelli originali di Paul Buckmaster)
Registrazione Sydney Entertainment Centre, 14 dicembre 1986
Certificazioni
Dischi di platino 1
Elton John - cronologia
Album precedente
(1986)

Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra è un album live, pubblicato nel giugno del 1987 dall'artista britannico Elton John.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Il concerto dal quale venne poi ricavato il doppio LP si svolse al Sydney Entertainment Centre (Australia) il 14 dicembre 1986[1]; era l'ultimo di una lunga serie di concerti eseguiti in territorio australiano negli ultimi due mesi del 1986 (Tour de Force) e si presenta come una delle esibizioni live più imponenti e maestose dell'intera carriera di Elton (il successo del quale aveva toccato in Australia proporzioni rasentanti l'isteria). Gli show erano divisi in due parti distinte: durante la prima, la rockstar indossava vestiti bizzarri (oltre a parrucche Mohawk e simili a quelle di Tina Turner) ed era accompagnata da una band di tredici musicisti. Nella seconda parte, invece, Elton era travestito da Wolfgang Amadeus Mozart (con tanto di parrucca incipriata) ed era accompagnato dalla Melbourne Symphony Orchestra, formata da 88 elementi (in alcuni brani era comunque ancora presente la band). Lo show del 14 dicembre ebbe un successo stratosferico e fu seguito in diretta da oltre 10 milioni di persone[2].

L'album contiene la maggior parte dei brani eseguiti durante la seconda parte del concerto (escluse Saturday Night's Alright for Fighting, Carla Etude, Cold as Christmas (In the Middle of the Year) e Slow Rivers), per la maggior parte vecchie glorie degli anni Settanta rispolverate per l'occasione. La voce di Elton è roca per via di una serie di noduli alle corde vocali, che verranno asportati il 5 gennaio 1987; in seguito all'operazione egli perderà il caratteristico falsetto esibito precedentemente in molte canzoni. Il disco mostra quindi per l'ultima volta il vecchio registro vocale di John.

Live in Australia, album apprezzatissimo dai fans[3], conseguì una #43 UK e una #24 USA. Le versioni live di Your Song, Take Me to the Pilot e Candle in the Wind furono rilasciate come singoli (quest'ultimo brano riporterà Elton ai piani alti delle singles charts); due brani non inclusi nell'LP (Daniel e il medley A Song for You/Blue Eyes/I Guess That's Why They Call It the Blues) vennero poi pubblicati nel singolo di A Word in Spanish (1989). Nel 1998, inoltre, è stata rilasciata la versione rimasterizzata dell'album in CD.

Il concerto è stato anche distribuito in VHS e laserdisc.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Tutti i brani sono stati composti da Elton John e Bernie Taupin.

  1. Sixty Years On – 5:41
  2. I Need You to Turn To – 3:14
  3. The Greatest Discovery – 4:09
  4. Tonight – 7:44
  5. Sorry Seems to Be the Hardest Word – 3:58
  6. The King Must Die – 5:21
  7. Take Me to the Pilot – 4:22
  8. Tiny Dancer – 6:36
  9. Have Mercy on the Criminal – 5:50
  10. Madman Across the Water – 6:38
  11. Candle in the Wind – 4:10
  12. Burn Down the Mission – 5:49
  13. Your Song – 4:04
  14. Don't Let the Sun Go Down on Me – 6:03

Il concerto per intero[modifica | modifica sorgente]

Prima parte: Elton con la band[modifica | modifica sorgente]

  1. Introduzione
  2. One Horse Town
  3. Rocket Man
  4. The Bitch Is Back
  5. Daniel
  6. Medley: A Song For You/Blue Eyes/I Guess That's Why They Call It the Blues
  7. Bennie and the Jets
  8. Introduzione della band
  9. Heartache All Over the World
  10. Sad Songs (Say So Much)
  11. This Town
  12. I'm Still Standing

Seconda parte: Elton con la Melbourne Symphony Orchestra[modifica | modifica sorgente]

  1. Sixty Years On
  2. I Need You to Turn To
  3. The Greatest Discovery
  4. Tonight
  5. Sorry Seems To Be The Hardest Word
  6. The King Must Die
  7. Cold as Christmas (In the Middle of the Year)
  8. Take Me to the Pilot
  9. Carla Etude
  10. Tiny Dancer
  11. Have Mercy on the Criminal
  12. Ringraziamenti del "Tour De Force"
  13. Slow Rivers
  14. Madman Across the Water
  15. Don't Let the Sun Go Down on Me
  16. Candle In The Wind
  17. Burn Down the Mission
  18. Your Song
  19. Saturday Night's Alright for Fighting

VHS ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra
Artista Elton John
Tipo album Video live
Pubblicazione 1986
Durata 114 min : 00 s
Dischi 2
Tracce 17
Genere Rock sinfonico
Rock
Etichetta Virgin Records
Produttore Elton John
Registrazione 14 dicembre 1986 - Sydney Entertainment Centre, Sydney, Australia
Formati VHS, laserdisc (1987)
Elton John - cronologia
Album video precedente
(1985)
Album video successivo
(1990)

VHS 1[modifica | modifica sorgente]

  1. Funeral for a Friend/One Horse Town
  2. Rocket Man
  3. The Bitch Is Back
  4. Daniel
  5. Medley: A Song for You/Blue Eyes/I Guess That's Why They Call It the Blues
  6. Bennie and the Jets
  7. Sad Songs (Say So Much)
  8. I'm Still Standing

VHS 2[modifica | modifica sorgente]

  1. Sixty Years On
  2. I Need You to Turn To
  3. Sorry Seems to Be the Hardest Word
  4. Take Me to the Pilot
  5. Don't Let the Sun Go Down on Me
  6. Candle in the Wind
  7. Burn Down the Mission
  8. Your Song
  9. Saturday Night's Alright for Fighting

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.whizzo.ca/elton/ej1987.html
  2. ^ Elton John: Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra, 1987.
  3. ^ Elton John - Live In Australia (1987)
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock