A Single Man (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A Single Man
Artista Elton John
Tipo album Studio
Pubblicazione 16 ottobre 1978
Durata 48 min : 46 s
Dischi 1
Tracce 11, 11+5 (CD 1998)
Genere Pop
Rock
Piano rock
Pop rock
Glam rock
Etichetta Rocket Records, MCA Records
Produttore Clive Franks, Elton John
Registrazione gennaio-settembre 1978
Formati LP 1978 - CD 1998
Certificazioni
Dischi di platino 1
Elton John - cronologia
Album successivo
(1979)

A Single Man è il diciassettesimo album (il dodicesimo in studio) dell'artista britannico Elton John, pubblicato il 16 ottobre 1978 (due anni dopo l'album Blue Moves e un anno dopo la raccolta Elton John's Greatest Hits Volume II).

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978 Elton John era ritornato sorprendentemente sulle scene mondiali, dopo aver annunciato due anni prima di volersi ritirare dal mondo musicale. Il nuovo album di inediti, A Single Man, costituiva una svolta importante nella carriera artistica della rockstar, in quanto era il suo primo LP realizzato senza il contributo del paroliere e amico di fiducia Bernie Taupin. Per questa produzione John aveva lavorato insieme a un uomo del suo entourage, Gary Osborne, collaboratore peraltro della cantante Kiki Dee, anche se ancora relativamente sconosciuto al pubblico; per questo molti confusero il titolo dell'album (letteralmente Un Uomo Solo), credendo che si riferisse a brani scritti esclusivamente da Elton John. Il disco mette in evidenza diversi musicisti: Clive Franks (che sebbene fosse un tecnico del suono si ritrovò al basso e alla co-produzione), Steve Holley (alla batteria) e Tim Renwick (alla chitarra).

L'album contiene, oltre a brani del calibro di Shine on Through, It Ain't Gonna Be Easy e Madness, anche una hit strumentale (Song for Guy), brano tributo al giovane Guy Burchett, dipendente della Rocket Records deceduto tragicamente in un incidente motociclistico[1]. Il brano è stato un successo mondiale, nonostante in nazioni come Stati Uniti e Canada non abbia raggiunto il successo sperato; l'altro singolo estratto dall'LP è invece la briosa Part-time Love. A Single Man è stato il primo, relativo, insuccesso commerciale di Elton John dopo anni di trionfi, raggiungendo solo la 15ª posizione negli Stati Uniti e l'ottava nel Regno Unito[2].

Nel 1998 l'album è stato ristampato con l'aggiunta di 5 bonus track: Ego, Flinstone Boy, I Cry at Night, Lovesick e Strangers.

Tra le curiosità legate all'album vi è la foto di copertina, in cui Elton John viene ritratto in una parte del Windsor Great Park di Berkshire, inoltre è il primo album in cui la rockstar compare senza i suoi famosi occhiali.

Per molti questo album è considerato quello che chiude un'epoca, quella del periodo d'oro della carriera di Elton John sotto l'aspetto compositivo.

La pubblicazione in Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

A Single Man fu il primo album di Elton John ad essere distribuito ufficialmente in Unione Sovietica (sebbene i precedenti LP fossero stati pubblicati in altre forme), sfruttando l'eco del tour solo piano e percussioni A Single Man in Concert. Nelle esibizioni live del tour, le prime di un artista occidentale nel Paese comunista, Elton è solo al pianoforte, privo del look variopinto e sgargiante esibito anni prima, ed esegue pezzi come Your Song e Daniel; all'inizio della seconda parte dello show lo raggiunge sul palco il funambolico Ray Cooper, che scatena alle percussioni il suo eclettismo e la sua maestria in maniera decisamente espressiva. Vengono esibiti brani come Funeral for a Friend, Bennie & The Jets, Better Off Dead, I Think I'm Going to Kill Myself e Saturday Night's Alright for Fighting/Pinball Wizard, che mandano in delirio il pubblico russo e guadagnano molto a John e Cooper in termini di popolarità. In questo tour si verificano anche imponenti scene di isteria collettiva: la rockstar ammetterà di non aver mai avuto un successo di tali proporzioni[3]. L'album fu comunque intitolato diversamente (Poyot Elton John, ovverosia, in russo, Elton John canta) e due brani (Big Dipper e Part-time Love) furono rimossi per l'argomento trattato nei loro testi. Curiosamente, nel tour A Single Man in Concert Elton esibì anche Part-time Love senza incontrare alcuna resistenza fra le autorità sovietiche.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i brani, salvo dove indicato diversamente, sono di Elton John e Gary Osborne.

  1. Shine on Through – 3:45
  2. Return to Paradise – 4:15
  3. I Don't Care – 4:23
  4. Big Dipper – 4:04
  5. It Ain't Gonna Be Easy – 8:27
  6. Part-Time Love – 3:16
  7. Georgia – 4:50
  8. Shooting Star – 2:44
  9. Madness – 5:53
  10. Reverie (John) – 0:53
  11. Song for Guy (John) – 6:35

Bonus tracks (ristampa 1998)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ego (John, Bernie Taupin) – 4:00
  2. Flinstone Boy (John) – 4:13
  3. I Cry at Night (John, Taupin) – 3:16
  4. Lovesick (John, Taupin) – 3:59
  5. Strangers (John, Osborne)– 4:46

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Elton John: voce, pianoforte, tastiere
  • Steve Holley: batteria
  • Ray Cooper: percussioni
  • Clive Franks: basso
  • Herbie Flowers: basso
  • Tim Renwick: chitarre
  • Davey Johnstone: chitarra
  • B.J. Cole: chitarra steel
  • Pat Alcox: tromba
  • John Crocker: clarinetto
  • Jim Sheperd: trombone
  • Paul Buckmaster: arpa
  • Watford Football Team, South Audley Street Girl's Choir, Vicky Brown, Joanne Stone, Stevie Lange, Gary Osborne, Davey Johnstone e Chris Thompson: cori

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Album - Billboard (America del Nord)

Anno Classifica Posizione
1978 Pop Albums 15

Singoli - Billboard (America del Nord)

Anno Singolo Classifica Posizione
1978 "Ego" Pop Singles 34
1978 "Part-Time Love" Pop Singles 21

B-sides[modifica | modifica wikitesto]

Brano Formato
"I Cry at Night" Part Time Love 7" (US/UK)
"Lovesick" Song for Guy 7" (US/UK)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elton John - Song For Guy (1978)
  2. ^ Elton John - A Single Man (1978)
  3. ^ Elton John live in Russia 1979
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock