John Laurinaitis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Laurinaitis
Fotografia di {{{nome}}}
Nome John Laurinaitis
Ring name Johnny Ace
John Laurinaitis
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita San Bernardino
31 luglio 1965
Altezza dichiarata 195 cm
Peso dichiarato 110 kg
Allenatore Nelson Royal
Debutto 1986
Ritiro 2000
Federazione WWE
Progetto Wrestling

John Laurinaitis (San Bernardino, 31 luglio 1965) è un ex wrestler statunitense.

Fratello del più noto Joe Laurinaitis (Road Warrior Animal), nel passato è stato un lottatore il cui ring name era Johnny Ace. Ha ricoperto il ruolo di Vice Presidente Esecutivo Responsabile per le Relazioni con i Talenti fino a quando John Cena non lo ha fatto licenziare grazie alla vittoria a No Way Out contro Big Show. È anche stato General Manager di RAW e Smackdown.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la sua carriera di wrestler nel 1986; lottò nella Florida Championship Wrestling (FCW) e successivamente nella Jim Crockett Promotion della National Wrestling Alliance (NWA); si trasferì quindi in Giappone, nella All Japan Pro Wrestling (AJPW), dove rimase fino all'anno del suo ritiro, nel 2000. Tornò negli Stati Uniti e, grazie alla sua forte personalità, conquistò il posto di head booker nella World Championship Wrestling (WCW), appartenuto prima a Vince Russo. Entrò poi nella World Wrestling Entertainment (WWE) dopo il fallimento della WCW, dapprima come road agent e successivamente come Vice presidente addetto alle relazioni con i talenti nel 2004, al posto di Jim Ross.

General Manager di Raw e faida con CM Punk (2011 - 2012)[modifica | modifica sorgente]

Nella puntata di Raw del 10 ottobre viene nominato dal Chairman Vince McMahon General Manager di Raw ad interim. La sera stessa annuncia il match per il titolo WWE tra Alberto Del Rio e John Cena a Vengeance, licenzia Jim Ross e riassume The Miz e R-Truth.

Alla fine della puntata annuncia un altro match tra Alberto del Rio e CM Punk contro Miz e Truth. Nella puntata di Raw del 17 ottobre 2011 riassume Jim Ross e lo fa combattere in coppia con John Cena contro Alberto del Rio e Michael Cole. Il 26 dicembre Laurinaitis ha annunciato un gauntlet match per il number one contender al WWE Championship di CM Punk con avversari Jack Swagger, Dolph Ziggler e Mark Henry. Se Punk li avesse sconfitti tutti e tre avrebbe ottenuto un match contro lo stesso Laurinaitis la sera stessa. Mentre CM Punk lottava contro Dolph Ziggler, Laurinaitis è intervenuto e ha distratto Punk, causandone la sconfitta. Il 2 gennaio ne ha causato di nuovo la sconfitta, stavolta per count out, in un incontro valido per il WWE Championship contro Dolph Ziggler, per aver distratto l'arbitro. Nella puntata di Raw andata in onda il 16 gennaio ha ammesso di voler fregare CM Punk, reo di avergli mancato di rispetto, ed ha attaccato Mick Foley, che era intervenuto a difesa di Punk.

Nella puntata di RAW del 23 gennaio 2012, su proposta del campione WWE CM Punk, viene stipulato un match tra quest'ultimo e Laurinaitis, match che alla fine non si svolge come previsto, dato che il GM incarica il suo segretario (David Otunga) di prendere il suo posto. Laurinaitis, che ha guardato tutto da bordo ring, alla fine del match subirà comunque una GTS da Punk finendo al tappeto. Alla Royal Rumble sarà l'arbitro speciale del match tra CM Punk e Dolph Ziggler valevole per il WWE Championship, tuttavia, a sorpresa, lascia il posto da Special Refree e segue il match. Quando CM Punk schiena Ziggler per il conteggio decisivo, il GM entra nel ring e conta insieme all'arbitro designato, compiendo un improvviso turn face e congratulandosi con Punk.

Il 30 gennaio, a Raw, apre la puntata salendo sul ring e parlando del fatto che ha promesso di essere imparziale nel match valido per il WWE Championship della sera prima, e così è stato. Ha poi parlato degli sbagli che ha commesso, dicendo che tutti sbagliano nella vita. Annuncia poi i partecipanti all'Elimination Chamber match che si svolgerà nell'omonimo PPV, valido per il WWE Championship: il campione CM Punk, Kofi Kingston, The Miz, Dolph Ziggler, R-Truth, e Chris Jericho. Anche i match della serata sono stati rivelati: The Miz contro Kofi Kingston, Dolph Ziggler contro il rientrante Randy Orton, Beth Phoenix contro Eve Torres per il Divas Championship, e, dopo l'ingresso sul ring dei due campioni CM Punk e Daniel Bryan, un Champion vs Champion match che li vedrà coinvolti. Alla fine della serata, ritorna sul ring e ricorda al pubblico cos'ha fatto per lo show, dandosi un voto di cinque in una scala da zero a cinque. Viene però interrotto dal COO Triple H, che crede stia mentendo su ciò che dice. Dopo una breve discussione, il GM sta per essere licenziato, quando il tutto viene interrotto dall'arrivo di The Undertaker, che vuole risfidare Triple H a WrestleMania XXVIII dopo 10 mesi di inattività.

Nella puntata di Raw del 13 febbraio, direttamente dal Quartier generale della WWE, gli è stata rinnovata la fiducia e quindi rimarrà a svolgere il suo lavoro di General Manager di Raw.

General Manager di Raw e Smackdown, feud con John Cena e Vince McMahon, alleanza con Big Show e licenziamento (2012)[modifica | modifica sorgente]

A partire dalle prime puntate di febbraio di Raw, John Laurinaitis, con l'iniziativa del suo consulente legale David Otunga, ha l'obiettivo di diventare, oltre che GM del roster rosso, anche di quello di SmackDown. Al pay-per-view Elimination Chamber si tiene un siparietto sul ring nel quale intervengono Mark Henry e i rientranti Alberto Del Rio e Christian, che chiedono la nomina di Laurinaitis come General Manager di Raw e Smackdown. Theodore Long esterna il suo disappunto e i due cominciano un'accesa discussione.

Nella puntata di SmackDown del 21 febbraio ha una discussione come non mai proprio con Laurinaitis perché i due sono in disaccordo su chi sia il vincitore fra CM Punk e Daniel Bryan, visto che nel loro match si sono schienati a vicenda. Poi i due rischiano di mettersi le mani addosso ma l'attuale GM di SmackDown, Teddy Long, se ne va infuriato. Circolano voci nei magazine americani che i due potrebbero affrontarsi a WrestleMania XXVIII per decretare il General Manager unico della WWE. Il 27 febbraio, a Raw, fa finire il match tra Daniel Bryan e CM Punk in No-contest e viene attaccato da Teddy Long, col quale litiga nuovamente, ma vengono separati da David Otunga e Santino Marella. Tramite un comunicato della WWE a fine show, viene annunciato che John Laurinaitis diventerà per una settimana soltanto il General Manager di SmackDown, dal 9 marzo. Nella suddetta puntata, istituisce uno Steel Cage match tra Santino Marella e Jack Swagger per lo United States Championship, in quanto nell'ultima puntata dello show in rosso Swagger ha perso il titolo in favore di Santino. Alla fine è l'italo-canadese a portare a casa la vittoria, mantenendo il titolo. Nella stessa serata, annuncia il match che vedrà affrontarsi Kane e Aksana, la fidanzata di Theodore Long. Il GM di Smackdown chiede di annullare il match, ma Laurinaitis informa Long che invece se la vedranno loro due sul ring, e se Long dovesse vincere il match ci sarà. Più tardi nella serata, il GM di Raw chiama Kane sul ring, ma interviene Randy Orton che lo colpisce con la RKO, mettendolo fuori combattimento, e consentendo a Long di sorprendere Laurinaitis con un roll-up e di vincere il match.

Intanto la WWE, tramite il suo sito, ha ufficializzato l'incontro che vedrà due team a confronto, quello di Teddy Long e quello di John Laurinaitis. Il match si svolgerà a WrestleMania XXVIII in un 12-man tag team match. A WrestleMania XXVIII il team di Laurinaitis sconfigge quello di Teddy Long, e così diventa il General Manager a tutti gli effetti di Raw e di SmackDown. Nella puntata di Raw del 9 aprile, invita a salire sul ring Brock Lesnar e quest'ultimo ha parole "dolci" per il General Manager. Nella stessa sera, ha un diverbio molto acceso con John Cena. A fine puntata, applaude Lesnar in cui quest'ultimo ha attaccato Cena facendo dunque pensare ad un feud fra loro e ad un'alleanza proprio con Brock Lesnar. Nella puntata di Raw del 16 aprile, durante un match di John Cena contro Lord Tensai, Laurinaitis dice a Otunga di interverire nel match e per colpa dell'intervento di quest'ultimo Cena perde il match.

La settimana seguente fa in modo che John Cena e Brock Lesnar firmino il contratto che sancirà il loro match per Extreme Rules. Nello stesso momento, però, Lesnar "minaccia" il GM che se non soddisfarrà le richieste fatte dall'ex lottatore della UFC non combatterà al PPV. Laurinaitis dunque si sente costretto ad accettare tutte le richieste di Brock Lesnar. A Extreme Rules viene a colloquio con Triple H in una telefonata alquanto misteriosa. Nella puntata di Raw del 30 aprile, spende ancora belle parole per Brock Lesnar, e quest'ultimo le riceve ben volentieri. Poco dopo, però, appare come promesso Triple H, che non è d'accordo sul contratto che ha formulato per l'ex lottatore della UFC e lo strappa davanti ai suoi occhi. Nella stessa sera, innervosito per ciò che Triple H ha fatto, va sul ring da John Cena, e gli presenta il suo prossimo avversario per Over the Limit: Lord Tensai, accompagnato come sempre dal maestro Sakamoto. Laurinaitis, assieme a Tensai e al suo maestro, attacca il leader della Cenation proprio sul braccio sinistro (leso dopo l'incontro ad Extreme Rules con Brock Lesnar) e lì clamorosamente il General Manager della WWE gli annuncia che non sarà Tensai il suo avversario, ma bensì egli stesso.

Nella puntata di Raw del 14 maggio licenzia Big Show. Nella stessa sera, mentre era in discussione con il rivale John Cena, arriva l'assistente Eve Torres con in mano una lettera appena arrivata dal consiglio di amministrazione della WWE che comunica che se lo stesso GM dovesse risultare sconfitto domenica ad Over the Limit sarà sollevato dall'incarico. A Over the Limit mantiene il suo incarico di General Manager, sconfiggendo John Cena grazie all'aiuto determinante e inatteso di The Big Show (licenziato dal GM appena una settimana prima), che sferra la W.M.D. ai danni del Leader della Cenation. Nella puntata di Raw seguente il PPV dichiara il suo nuovo rapporto di collaborazione con The Big Show, lo riassume e lo mette subito al prossimo PPV, No Way Out, contro John Cena: il match sarà uno Steel Cage match.

Dal sito WWE.com si apprende che nella puntata di Raw dell'11 giugno tornerà Vince McMahon per valutare l'operato del GM John Laurinaitis e, eventualmente, rimuoverlo dall'incarico. Nella puntata di Raw dell'11 giugno, come promesso, Vince McMahon fa il suo ritorno per valutare l'operato dell'attuale General Manager. Il Chairman della WWE, a fine serata , lo riconferma temporaneamente, perché questa domenica a No Way Out, se Big Show dovesse risultare sconfitto contro John Cena, Laurinaitis verrà immediatamente licenziato. Dopodiché Big Show e Cena, finita la loro discussione, si mettono le mani addosso mettendo anche fuori gioco la security; interviene dunque Mr. McMahon, che accidentalmente viene colpito da una potentissima W.M.D. di Big Show e messo al tappeto. A No Way Out Cena riesce a sconfiggere The Big Show, e così Laurinaitis è stato licenziato e colpito da una potentissima Attitude Adjustment di Cena sul tavolo dei commentatori.

Il giorno dopo, a Raw, riceve prima l'abbandono di Big Show, poi quello di Otunga durante un handicap match contro Cena. In conclusione del match riceve dal rapper di Boston tre Attitude Adjustment e viene infine fatto cedere con la STFU.

Ritorno e storyline con The Rock per Wrestlemania 29 (2013 - presente)[modifica | modifica sorgente]

Laurinaitis fa il suo ritorno durante la puntata di SmackDown del 29 marzo, interrompendo un promo di The Rock e proponendogli un'alleanza in vista del suo scontro a WrestleMania 29 contro John Cena. Tuttavia, a fine discorso, viene attaccato dal People's champion prima con la Rock Bottom e poi con il People's Elbow

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Nel backstage della WWE e nel mondo del wrestling in generale, Laurinaitis è malvisto per le sue azioni. Ecco alcune delle critiche che gli sono state mosse contro[2]:

  • Christian ha lasciato la WWE proprio per colpa di Laurinaitis, che in lui vedeva semplicemente un midcarder che non poteva ambire a qualcosa di più di brevi regni da WWE Intercontinental Champion.
  • Dopo la scoperta da parte della WWE della relazione tra Edge e Lita, fidanzata di Matt Hardy, Laurinaitis ha preferito licenziare Hardy, credendo che era preferibile tenere in federazione Edge e Lita.
  • Durante il funerale di Eddie Guerrero, Laurinaitis ha cercato di mettere sotto contratto alcune stelle della TNA come Mike Tenay, Sting e Konnan. A rivelarlo è stata Miss Jackie, che ha raccontato che suo marito Charlie Haas ha deciso di firmare di nuovo per la WWE durante il funerale di Guerrero perché convinto da Laurinaitis.
  • Molti lo hanno accusato di nepotismo dopo che aveva riassunto suo fratello Road Warrior Animal nella WWE, anche se poi fu costretto dal Consiglio Direttivo a licenziarlo quando Animal iniziò a creare problemi nello spogliatoio.

Titoli e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

All Japan Pro Wrestling

Championship Wrestling from Florida

  • NWA Florida Tag Team Championship (2 - con The Terminator)

Pro Wrestling Illustrated

  • 77º tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (1997)

World Wrestling Entertainment

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • John Laurinaitis è stato il primo a ricoprire la carica di General Manager sia di Smackdown che di Raw contemporaneamente.
  • John Laurinaitis ha due fratelli, Marcus Laurinaitis e Joseph Laurinaitis. Il secondo fratello è stato lottatore nella WWE con il nome di Road Warrior Animal.
  • È stato inserito nel roster di WWE '13.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ WWE Corporate Biography of John Laurinaitis, WWE Corporate. URL consultato il 3 marzo 2011.
  2. ^ You're Next 67, TuttoWrestling.com. URL consultato il 21 febbraio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling