Giorgio Prodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Prodi

Giorgio Prodi (Scandiano, 12 agosto 1928Bologna, 4 dicembre 1987) è stato un oncologo e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Mario, ingegnere, ed Enrica, maestra, è il terzo di nove fratelli (tra cui anche il politico ed economista Romano, il fisico ed europarlamentare Vittorio, il matematico Giovanni e lo storico Paolo).

Ha conseguito una laurea in medicina e chirurgia, e successivamente una in chimica, presso l'Università di Bologna, dove ha poi insegnato, dal 1958, Patologia Generale. In seguito gli fu affidata la prima cattedra di Oncologia dell'ateneo.[1]Direttore dal 1973 dell'Istituto di Cancerologia di Bologna, di cui fu fondatore, e del progetto Biologia cellulare del Cnr[2], pubblicò anche diversi libri riguardo alla medicina ed alla biologia, sviluppando anche, congiuntamente a Thomas Sebeok e Thure von Uexküll, un approccio semiotico alla biologia negli anni Settanta e Ottanta.

Fece parte inoltre del Consiglio Superiore di Sanità della Commissione Oncologica del Ministero della Pubblica Istruzione e fu consulente del Ministero per la Ricerca Scientifica e Tecnologica.

A partire dal 1980, con Il neutrone borghese, ha pubblicato anche alcuni romanzi e racconti, tra cui Lazzaro, biografia romanzata (con riflessi autobiografici) di Lazzaro Spallanzani, per cui è risultato "supervincitore" del Premio Grinzane Cavour. L'ultimo libro è stato Il cane di Pavlov, uscito nel 1987, l'anno stesso della sua morte di cancro, ma altri sono stati pubblicati postumi. Sono stati raccolti tutti nel volume L'opera narrativa, pubblicato nel 2009.

A Giorgio Prodi, l'Università di Bologna ha dedicato il Centro Interdipartimentale di Ricerche sul cancro[3] nonché un'aula situata nel complesso di San Giovanni in Monte [4]. Dal 1988, ogni anno, una conferenza della riunione annuale della Società Italiana di Cancerologia è dedicata a lui. [1]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il neutrone borghese, Bompiani, Milano, 1980
  • L' uso estetico del linguaggio, Il Mulino, Bologna, 1983
  • Lazzaro, Camunia, Brescia, 1985
  • Patologia Generale, con Giovanni Favilli; CEA
  • Il cane di Pavlov, Camunia, Brescia, 1987
  • Alla radice del comportamento morale, Marietti, Milano, 1987
  • Teoria e metodo in biologia e medicina, CLUEB, Bologna, 1989
  • L' individuo e la sua firma. Biologia e cambiamento antropologico, Il Mulino, Bologna, 1989
  • Il profeta, Camunia, Brescia, 1992
  • L'opera narrativa, Diabasis, Reggio Emilia, 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Conferenza "Giorgio Prodi" 2007
  2. ^ È morto ieri a Bologna l'oncologo Giorgio Prodi, da Repubblica
  3. ^ Sito del Centro Interdipartimentale di Ricerche sul cancro "Giorgio Prodi"
  4. ^ Brochure dell'Aula Prodi

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 77208076 SBN: IT\ICCU\CFIV\000013