Ghemon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ghemon Scienz)
Ghemon
Ghemon al Nike Stadium di Milano
Ghemon al Nike Stadium di Milano
Nazionalità Italia Italia
Genere Hip hop soul
Conscious rap[1]
Underground rap
Periodo di attività 1996 – in attività
Gruppo attuale Blue-Nox
Gruppi precedenti Soulville
Album pubblicati 4
Studio 4
Gruppi e artisti correlati DJ Tsura, Fid Mella, Kiave, Mecna
Sito web

Ghemon, pseudonimo di Gianluca Picariello (all'anagrafe Giovanni Luca Picariello), (Avellino, 1º aprile 1982), è un rapper e cantautore italiano. È conosciuto anche come Ghemon Scienz e Gilmar. È membro dei collettivi Blue-Nox e Unlimited Struggle, due crew formate da artisti indipendenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Ghemon incontra l'hip hop per la prima volta nel 1995, avvicinandosi al writing, passione che abbandonerà nel 2001. Nel mondo dei graffiti si presenta con la tag di Kal, pseudonimo consigliato da Mobie, suo compagno nel collettivo KCS (Kella Cessa e Soreta), poi rinominata Vandalos. A causa del writer napoletano Kaf, molto attivo in quel periodo, Ghemon è costretto a cambiare il nome in Esimo, abbreviato in Esi.

Nel 1996 il rapper avellinese, per un breve periodo, diviene membro del gruppo 15 barrato, i cui testi vengono composti in dialetto irpino. Il nome del gruppo fu ideato da Mobie che si ispirò a un autobus cittadino. Insieme al suo amico Domi, Ghemon nel 1997 fonda i Sangamaro ed inizia al lavorare a un primo demo, pubblicato nel 2000 con il titolo di Bloodstains. Quest'ultimo ricevette critiche positive da parte di Aelle, all'epoca la principale pubblicazione di settore, che definisce Bloodstains uno dei lavori più interessanti del 2000. Nello stesso anno Picariello si trasferisce a Roma (da cui poi si sposterà negli anni successivi verso Milano) e si laurea in legge.[1] La vita da fuorisede e l'abbandono del proprio luogo di nascita diventeranno soggetto della canzone La politica del tempo (Johnny), contenuta nell'album La rivincita dei buoni.

A marzo 2005 Ghemon entra a far parte della Soulville Records, un progetto musicale e discografico che propone musica ispirata al soul e all'alternative rap, dando spesso vita a tematiche conscious, lontane dai modelli del classico rap. Nello stesso anno Soulville pubblica gratuitamente il primo EP solista di Ghemon Scienz, intitolato Ufficio immaginazione, che riscuote un buon successo sia da parte della critica, sia da parte del pubblico che apprezza i testi acuti e originali, trasmessi con uno stile chiaro e diretto, e scarica oltre 3.000 copie.[1] Dopo l'estate 2006 Ghemon lascia il progetto Soulville per proseguire da solo il suo percorso musicale.

Qualcosa cambierà e La rivincita dei buoni[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2007, con la collaborazione del disc jockey romano Fester Tarantino, Ghemon pubblica il mixtape Qualcosa cambierà, un progetto composto di venti tracce, di cui 11 inediti, che vede la collaborazione di nomi noti della scena come Fat Fat Corfunk, Kiave, Franco Negrè, Bassi Maestro, Mistaman e molti altri. Il mixtape fa da anticipazione al disco ufficiale, La rivincita dei buoni, pubblicato a dicembre 2007 dalla Self. Il disco contiene poche collaborazioni, tra le quali spiccano quella del cantante soul Al Castellana e dell'MC olandese Pete Philly, ma chiama a raccolta una nutrita schiera di produttori, tra cui il canadese Marco Polo, il francese 20Syl, produttore degli Hocus Pocus e produttori italiani come Donuts e l'Unlimited Struggle. L'impatto del lavoro è molto positivo e Ghemon verrà premiato dalla rivista italiana Basement Magazine come Brand New Artist per la categoria hip-hop al MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti) del 2007.

Cuore + pistola e E poi, all'improvviso, impazzire[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 maggio 2008 Ghemon ha annunciato attraverso il proprio profilo MySpace l'intenzione di realizzare un concept EP con la collaborazione di Macro Macro, intitolato Cuore + pistola.[2] A detta dell'artista, il progetto esula dai canoni classici del rap dal punto di vista musicale, in quanto non è composto da beat ma da semplici campioni, a cui non sono state aggiunte batterie, né sintetizzatori o strumenti di sorta e da quello lirico, perché formato da una sola storia che si dipana lungo le tracce che compongono l'EP. Nonostante fosse già stato proposto su MySpace un brano estratto dall'EP, Splende in eterno, il 7 luglio 2008 Ghemon ha annunciato la posticipazione del progetto a data da destinarsi.[3] Il motivo principale è la nascita dei Ghemon & The 4tet (gruppo formato da Ghemon, DJ Tsura e Fid Mella), il quale ha dato vita all'album E poi, all'improvviso, impazzire.[4] Inizialmente prevista per gennaio 2009,[4] l'album è stato pubblicato il 6 marzo.[5]

Qualcosa è cambiato - Qualcosa cambierà Vol. 2[modifica | modifica wikitesto]

Kiave, Ghemon e Clementino.

Nel 2010 Ghemon svolge una nutrita attività dal vivo in giro per l'Italia e, dopo la fondazione del collettivo Blue Nox (composto da Kiave, Macro Marco, Rafè, Impro, Negrè, Mecna, Hyst e appunto Ghemon), pubblica sul loro sito diversi mini progetti scaricabili gratuitamente, tra cui i brani Canzone appassionata (con DJ Fede), Fantasmi (con gli scratch di DJ Tsura), G.H.E.M.O.N. (con il trombettista Luca Aquino) e l'EP Embrionale, quest'ultimo uscito sotto lo pseudonimo di Gilmar. Inoltre inizia la conduzione settimanale di un suo programma radiofonico, chiamato Radio Fantasma, sulla radio black di iTunes Supreme Radio. A gennaio 2010 pubblica il video di Goccia a goccia con Al Castellana, estratto dall'album E poi, all'improvviso, impazzire.

Il 25 gennaio 2012 esce il terzo album Qualcosa è cambiato - Qualcosa cambierà Vol. 2, sequel del mixtape Qualcosa cambierà Mixtape (2007). In seguito all'uscita del mixtape, è previsto 440/Scritto Nelle Stelle. L'artista ha affermato, sulla sua pagina Facebook, che sarà il suo ultimo disco ufficiale interamente rap, infatti ha deciso di ritirarsi dalla scena hip hop, ma ha comunque dichiarato di non voler abbandonare la musica perché ritenuta la principale forma di espressione dallo stesso Ghemon. L'uscita dell'album, tuttavia, sembra essere stata smentita dall'artista stesso (seppur in modo non ufficiale) in un tweet di risposta ad un fan in data 25 marzo 2013.[6] Successivamente sul suo profilo Twitter ha postato un tweet :' il disco esce quando esce..'. Nel luglio 2012 duetta con Syria per la title track del film Come non detto, mentre ad ottobre dello stesso anno partecipa alla realizzazione dell'EP Per la mia gente - For My People insieme a Bassi Maestro e al beatmaker newyorkese Marco Polo. L'EP riscuote un enorme successo e porta Ghemon in un lungo tour per tutta la Penisola in una inedita formazione con Bassi Maestro al microfono e Marco Polo come DJ. Nello stesso mese Fabri Fibra decide di collaborare proprio con Ghemon nel brano Teoria e pratica RMX, che vede anche la partecipazione di Mecna; il brano ha anticipato l'uscita dell'EP di Fabri Fibra Casus belli.

Eventi recenti, Orchidee[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2013 collabora con Neffa a una versione alternativa di Dove sei, inserita come bonus track digitale dell'album di Neffa Molto calmo. Il 4 agosto 2013 Ghemon annuncia sul suo profilo Twitter il nome del nuovo album, intitolato Orchidee, mentre l'11 dicembre pubblica digitalmente Aspetta un minuto, mixtape contenente brani inediti e altri registrati tra il 2006 e il 2012.

Nel mese di maggio 2014 Ghemon ha rivelato la data di pubblicazione di Orchidee, fissata al 27 maggio dello stesso anno.[7] Contemporaneamente pubblica il primo singolo Adesso sono qui, seguito pochi giorni dopo dal relativo videoclip.[8]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Quello che meglio inquadra Ghemon è il suo modo di scrivere e di proporsi al microfono. Il tentativo è quello di realizzare pezzi profondi e dalle rime curate sotto l'aspetto lessicale, sposando il concetto di "rivoluzione personale": la fedele trasposizione dei rapporti tra le persone, senza dimenticare la critica sociale e quella ai luoghi comuni, evitando l'autocelebrazione e autoreferenzialità frequente nei rapper.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Altre collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Inediti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 – Paolo odia le donne (feat. Tony Fine)
  • 2005 – Sulle batterie 2
  • 2006 – Qualcuno riderà)
  • 2008 – Come la notte col sole
  • 2008 – Dal barbiere skit
  • 2008 – Ho incontrato l'amore ma...
  • 2008 – Jay Dilla Tribute
  • 2008 – La soluzione
  • 2008 – Qualcosa di diverso
  • 2008 – Salto nel vuoto
  • 2008 – Splende in eterno
  • 2010 – Traccia #2 (feat. Luca Aquino)
  • 2012 – Siccome pioveva
  • 2012 – Cobra (Tovalieri)
  • 2012 – Condor (Agostini)
  • 2012 – Smisurata preghiera

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Artista Titolo
2006 Mr. Phil feat. Ghemon Scienz, Soul David, Danno Niente può fermarmi[13]
2007 Ghemon feat. Kiave, Franco Negrè Qualcosa cambierà[14]
2009 Ghemon & The Love 4tet Abbiamo solamente...[15]
Ghemon & The Love 4tet Tu o lei[16]
2010 Ghemon & The Love 4tet feat. Al Castellana Goccia a goccia[17]
2011 Ghemon / Gilmar La luce[18]
2012 Ghemon Fantasmi Pt. 2[19]
Ghemon / Gilmar Siccome pioveva[20]
Ghemon feat. Killacat Un giorno in più dall'eternità[21]
Ghemon / Gilmar La verità (Non abita più qua)[22]
Marco Polo, Bassi Maestro, Ghemon Nonostante tutto[23]
2013 Ghemon / Gilmar Niente di buono[24]
2014 Ghemon Adesso sono qui[8]
2014 Ghemon Quando imparerò

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La biografia di Ghemon Scienz su MTV.it
  2. ^ Ghemon Scienz, Cuore + pistola (info), MySpace, 5 maggio 2008. URL consultato il 27 gennaio 2009.
  3. ^ Ghemon Scienz, Novità, MySpace, 7 luglio 2008. URL consultato il 27 gennaio 2009.
  4. ^ a b  Ghemon and The Love 4tet. YouTube, 22 novembre 2008. URL consultato in data 28 maggio 2014.
  5. ^ E Poi, all'Improvviso, impazzire, iTunes. URL consultato il 28 maggio 2014.
  6. ^ http://s11.postimg.org/maiypf9wz/4izt5s.jpg
  7. ^ Francesca Nera, In casa Macro Beats sbocciano "ORCHIdee": ecco il nuovo album firmato Ghemon, Il Giorno, 26 maggio 2014. URL consultato il 27 maggio 2014.
  8. ^ a b  Ghemon - Adesso Sono Qui (Official Video HD). YouTube, 20 maggio 2014. URL consultato in data 27 maggio 2014.
  9. ^ Il CD: Renegades of Funk
  10. ^ Myspace
  11. ^ K9, Lex Looper, Sky Loopwalker | Brani musicali gratuiti, date dei tour, foto, video
  12. ^ http://www.unlimitedstruggle.com/usf/new-track-ghemon-f-dj-tsura-fantasmi-prod-zonta/
  13. ^  Mr.Phil feat Ghemon Scienz, Souldavid, Danno. YouTube, 6 ottobre 2006
  14. ^  Ghemon feat. Kiave e Franco Negrè-Qualcosa Cambierà. YouTube, 29 marzo 2007. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  15. ^  Ghemon and The Love 4tet - Abbiamo Solamente [video ufficiale]. YouTube, 8 marzo 2009. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  16. ^  Ghemon & The Love 4tet - Tu O Lei [video ufficiale]. YouTube, 27 aprile 2009. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  17. ^  Ghemon & The Love 4Tet feat Al Castellana - Goccia A Goccia [official video]. YouTube, 17 gennaio 2010. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  18. ^  Ghemon / Gilmar - La Luce (Official Video). YouTube, 26 maggio 2011. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  19. ^  Ghemon - Fantasmi pt.2 (Official Video). YouTube, 4 gennaio 2012. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  20. ^  Ghemon/Gilmar - Siccome Pioveva [Slam Poetry]. YouTube, 5 marzo 2012. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  21. ^  Ghemon feat. Killacat - Un Giorno In Più Dell'Eternità (Official Video). YouTube, 17 maggio 2012. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  22. ^  Ghemon - La Verità (Non Abita Più Qua) [Official Video]. YouTube, 27 giugno 2012. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  23. ^  Marco Polo, Bassi Maestro, Ghemon - Nonostante Tutto (Official Video HD). YouTube, 5 dicembre 2012. URL consultato in data 10 aprile 2014.
  24. ^  Ghemon / Gilmar - Niente Di Buono (Prod. Marco Polo) [Official Video]. YouTube, 7 gennaio 2013. URL consultato in data 10 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]