Lupin III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il protagonista della serie, vedi Arsenio Lupin III.
Lupin III
manga
Titolo orig. ルパン三世
(Rupan Sansei)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Monkey Punch (autore originale; per gli altri autori vedere la sezione Manga di altri autori)
Editore Futabasha
1ª edizione 10 agosto 1967 – in corso
Collanaed. Weekly Manga Action
Censura no
Editori it.
1ª edizione it. aprile 1994
Collanaed. it. Mitico (seconda serie)
Periodicità it. mensile (serie giapponesi)
Target shōnen
Generi avventura, azione, umorismo

Lupin III (ルパン三世 Rupan Sansei?) è un manga ideato dal mangaka giapponese Monkey Punch (モンキー・パンチ Monkī Panchi?) nel 1967, liberamente ispirato ai romanzi sul ladro gentiluomo Arsène Lupin scritti da Maurice Leblanc. Dal manga sono stati tratti vari anime.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Lupin III debutta il 10 agosto 1967 sulle pagine di Weekly Manga Action, una rivista settimanale della Futabasha. Il suo autore è Kazuhiko Katō, un mangaka che diventerà famoso col nome d'arte di Monkey Punch. Katō non crea un personaggio ex novo, ma si rifà ad Arsenio Lupin, il protagonista dei racconti e romanzi di Maurice Leblanc, molto amato in Giappone. Il suo Lupin è il nipote del celebre ladro gentiluomo.

Il tratto di Monkey Punch è fresco, dinamico e accattivante; le storie che crea avvincenti, già in linea con quello che Lupin III diverrà in futuro. Per le ricorrenti allusioni sessuali, il manga è rivolto a un pubblico adulto, più precisamente agli universitari. Ma, esattamente per lo stesso motivo, è tra i liceali che suscita il maggior entusiasmo. La prima serie cartacea di Lupin III prosegue sino al maggio 1969. Due anni dopo inizia la pubblicazione della serie Shin bōken ("Nuove avventure"), che prosegue fino all'aprile 1972. Le due serie saranno poi raccolte in un'unica edizione di tankōbon e quindi saranno considerate entrambe come la "prima serie" di Lupin III.

Tra il 1975 e il 1976 Monkey Punch pubblica su Weekly Shōnen Action la serie di 18 episodi Rupan kozō ("Lupin apprendista") e il 23 giugno 1977 inizia a uscire la seconda serie Shin Rupan Sansei ("Nuovo Lupin III") su Weekly Manga Action, che raddoppia le sue vendite. La seconda serie si conclude quattro anni dopo, nel maggio del 1981.

Nell'episodio intitolato Kanketsuhen ("Capitolo finale"), Lupin, assieme ai suoi compagni, si ritrova su un isolotto deserto, che esplode davanti a un attonito Zenigata. A galla sull'acqua rimangono una fondina, una pistola, una spada e un reggiseno; ma potrebbe essere l'ennesima trovata di Lupin per coprire una delle sue fughe rocambolesche. Lo stesso Monkey Punch lascia aperto il finale, ventilando la vaga promessa di un seguito. Nel numero successivo di Weekly Manga Action appare un episodio a sorpresa, con un giovanissimo Lupin alle prese con Zenigata, già adulto ma sprovvisto dei suoi inconfondibili impermeabile e cappello.

Dopo la saltuaria pubblicazione di alcuni episodi, la terza serie di Lupin III esce su Weekly Manga Action solo nel 1997, intitolata semplicemente Lupin III, mentre compare con altri titoli nelle edizioni in tankōbon. Monkey Punch ne è solo il curatore: il disegno è del mangaka Shusay e i testi sono di Satosumi Takaguchi. La serie è composta di soli cinque episodi, che ricalcano l'anime televisivo. Il tratto è ispirato alla prima serie TV e al film Il Castello di Cagliostro.

Un'altra nuova serie dal titolo Lupin III Y, a cura di Masatsuki Yamakami, parte nel 1998 sempre su Weekly Manga Action e si conclude temporaneamente nel 2003. Caratteristica di Yamakami è il tratto simile alla seconda serie e il ricorso frequente a scene di nudo.

Dal 2004 è pubblicata la rivista trimestrale Rupan Sansei official Magazine, che nel 2009 riprende la pubblicazione della serie Lupin III Y e raccoglie articoli sull'universo di Lupin III e manga realizzati da diversi autori.

Nel 2013 è uscito sulla rivista Shōnen Sunday Super un manga diviso in tre capitoli intitolato Rupan Sansei VS Meitantei Conan ("Lupin III VS Detective Conan"), tratto dall'omonimo film per la televisione animato del 2009 che funge da crossover con la serie Detective Conan di Gōshō Aoyama. Esso è disegnato da Yutaka Abe e Denjirō Maru, autori anche di alcuni volumi di Detective Conan Special Cases, ed è pubblicato da Shogakukan, la casa editrice di Detective Conan, e non da Futabasha, quella di Lupin III.

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

La prima serie (comprese le Shin bōken) è pubblicata in Italia da Star Comics con l'etichetta Orion da settembre 2002 a settembre 2003 in 13 volumi, mancante di alcuni episodi.

La seconda serie (denominata in Giappone Shin Rupan Sansei) esce in Italia per Star Comics sulla testata Mitico da aprile 1994 a ottobre 1996 in 31 volumi contenenti 178 episodi sui 190 totali. I primi due volumi sono special, con l'etichetta Mitico e il titolo Le nuove avventure di Lupin III, mentre dal terzo volume sono numerati, con Mitico 1 corrispondente a Lupin III 1.

Vi sono anche fumetti di Lupin III realizzati in Italia. La prima storia, intitolata Alis Plaudo, scritta dai Kappa Boys e disegnata da Monkey Punch, esce su Kappa Magazine nº 22 dell'aprile 1994. In seguito la Kappa Edizioni pubblica fumetti su Lupin III realizzati dai Kappa Boys e da altri autori italiani: il primo, intitolato Lupin III - Il violino degli Holmes è pubblicato nel novembre 1999, a cui segue una serie di 10 albi intitolata Lupin III Millennium, pubblicata fra il 2001 e il 2007.

Lista dei manga[modifica | modifica sorgente]

Manga di Monkey Punch[modifica | modifica sorgente]

Titolo italiano Titolo originale Anno Autore Rivista Durata
Lupin III (prima serie) Rupan Sansei (ルパン三世?) e
Rupan Sansei - Shin bōken (ルパン三世 新冒険? lett. "Lupin III - Nuove avventure"), riuniti in un'unica serie in tankōbon
1967-1969 (prima serie)
1971-1972 (Shin bōken)
Monkey Punch Weekly Manga Action 94 ep. (prima serie)
35 ep. + extra (Shin bōken)
Lupin III - Racconto aggiuntivo Rupan Sansei gaiden (ルパン三世外伝?) 1970 Monkey Punch ?
Lupin apprendista Rupan kozō (ルパン小僧?) 1975-1976 Monkey Punch Weekly Shōnen Action 18 ep.
Lupin III (seconda serie) Shin Rupan Sansei (新ルパン三世 ? lett. "Nuovo Lupin III") 1977-1981 Monkey Punch Weekly Manga Action 189 ep. + extra
Lupin III - È il mio proiettile... incantevole... Rupan Sansei - Ore no judan wa... suteki... (俺の銃弾は…素敵…だぜ?) 1978 Monkey Punch ?
Sexy Lupin III Sexy Rupan Sansei (SEXYルパン・3?) 1984 Monkey Punch ? 2 ep.
Le tattiche di conversazione inglese di Lupin III Rupan Sansei no ei-kaiwa sakusen (ルパン三世の英会話作戦?) 1984 Monkey Punch nessuna
Nuovo Lupin III - La prigione femminile Shin Rupan Sansei - Onna-dake no keimusho (新ルパン三世・女だけの刑務所?) 1985 Monkey Punch ?
Lupin III ~ Alis Plaudo è in italiano 1994 Kappa Boys (storia) e Monkey Punch (disegni) Kappa Magazine (pubblicata da Kappa Edizioni) 1 ep.
M.F.C. M.F.C. 2006-2009 Monkey Punch (idea) e Izo Suzuki (disegni) Rupan Sansei official Magazine

Manga di altri autori[modifica | modifica sorgente]

Titolo italiano Titolo originale Anno Autore Rivista Durata
Lupin VIII Rupan Hassei (ルパン8世?) 1982 Kon Oriharu Hyakuten Comic 6 ep.
Lupin III Rupan Sansei (ルパン三世?) o (nelle edizioni tankōbon)
Rupan Sansei - Takaguchi Shusay supesharu hen (ルパン三世—Takaguchi Shusayスペシャル版? lett. "Lupin III - Edizione speciale di Takaguchi e Shusay") o
Rupan Sansei - Supesharu hen (ルパン三世 スペシャル版? lett. "Lupin III - Edizione speciale") o
LUPIN The 3rd S supesharu hen (LUPIN The 3rd S スペシャル版? lett. "Lupin the 3rd S - Edizione speciale")
1997 Satosumi Takaguchi (storia) e Shusay (disegni) Weekly Manga Action (ripubblicato su Rupan Sansei official Magazine) 5 ep.
Lupin III Y Rupan Sansei Y (ルパン三世Y?) 1998-in corso Masatsuki Yamakami Weekly Manga Action (1998-2003)
Rupan Sansei official Magazine (2009-in corso)
87 ep. (80 su Weekly Manga Action, 7 su Rupan Sansei official Magazine)
Lupin III - Il violino degli Holmes è in italiano 1999 Andrea Baricordi e Gianmaria Liani Costituisce il numero 4 della collana Altrimondi pubblicata da Kappa Edizioni 1 ep.
Lupin III Millennium è in italiano 2001-2007 Kappa Boys e A.A.V.V. nessuna (10 albi) 10 ep.
Lupin III M Rupan Sansei M (ルパン三世M?) 2004-in corso Yukio Miyama Rupan Sansei official Magazine 44 ep. (in corso)
Lupin Chick Lupin Chick (ルパンチック Rupan Chikku?) 2004-in corso Sadatarō Rupan Sansei official Magazine
Ispettore Zenigata Keibu Zenigata (警部銭形?) 2004-in corso Tai Okada Rupan Sansei official Magazine
Lupin III H Rupan Sansei H (ルパン三世H?) 2009-in corso Naoya Hayakawa Rupan Sansei official Magazine
Lupin III VS Detective Conan Rupan Sansei VS Meitantei Conan (ルパン三世VS名探偵コナン?) 2013 Yutaka Abe e Denjirō Maru Shōnen Sunday Super 3 cap.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Lupin III[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arsenio Lupin III.

Arsenio Lupin III (ルパン三世 Rupan Sansei?) è un ladro dalle innumerevoli e incredibili abilità, ricercato dalla polizia di tutto il mondo.

Agile, fisico asciutto, maestro nei travestimenti, trasmette un'impressione di stupidità a chi non lo conosce, mentre è capace di ideare furti geniali. Il suo punto debole sono le belle donne: non può resistere al loro fascino, perdendo la testa.

Nipote del celebre ladro francese Arsenio Lupin, ideatore del premio più ambito dai ladri del globo, il Lupin d'oro, Lupin III sembra nato in Giappone e avrebbe avuto tra i suoi antenati un umile contadino. Afferma però di «aver ricevuto il primo bagno nelle acque gelide della Senna»: questo lascia supporre che, almeno per quanto concerne la serie animata, Lupin sia francese.

Lupin III è un ladro "globale", che realizza le sue imprese criminali tanto in Oriente, quanto nel vecchio continente, passando non poche volte per le Americhe, Stati Uniti in primis. Tokyo, Parigi, New York e Londra sono le abituali dimore della sua banda, che agisce dall'Egitto all'Alaska, dai Tropici all'India, dalla Cina alla Foresta Amazzonica.

Lupin III è allergico al polpo; la sua pistola preferita è una Walther P38,[1] che maneggia con un'abilità inferiore solo a quella di Jigen. Guida solitamente una Mercedes-Benz SSK del 1928, forse appartenuta anche ad Adolf Hitler, che era in grado di raggiungere i 300 km/h: sembra che Lupin l'abbia modificata montando un motore Ferrari[2]. Lo si trova anche al volante di una versione ancora più sportiva, la Mercedes SSKL (dove L sta per light, leggero), di una scattante Fiat 500[3] o di una Morgan 4/4 del 1976.

Daisuke Jigen[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Daisuke Jigen.

Daisuke Jigen (次元大介 Jigen Daisuke?) è un pistolero fenomenale, che non manca mai di tenere tra le labbra un mozzicone spento di sigaretta.

Taciturno, accanito fumatore e bevitore, sospettoso nei confronti delle donne, ma non totalmente immune al loro fascino, Jigen è un pistolero estremamente rapido e con una mira assolutamente infallibile. Con la sua potente rivoltella Smith & Wesson M19 Combat Magnum spara «prontamente, efficacemente e a caso» senza sbagliare mai, aiutandosi a prendere la mira con il suo caratteristico cappello, costantemente calato sugli occhi.

Afferma di aver imparato a sparare da un italiano di nome Giovanni Ignoto, famoso ladro dello stivale. Monkey Punch per il personaggio di Jigen si è ispirato a James Coburn nel film I magnifici sette.[4] Il suo genere di musica preferito è il jazz.

Goemon Ishikawa XIII[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Goemon Ishikawa XIII.

Goemon Ishikawa (石川五ェ門 Ishikawa Goemon?) è un abile samurai, discendente da un'antica dinastia di samurai dedita al furto. Calmo, riflessivo, diffidente verso le donne ma non immune al loro fascino, shintoista, ascolta unicamente musica tradizionale giapponese e mangia solo piatti della cucina tradizionale giapponese.

La sua katana ( animato), chiamata Zantetsu-ken (in inglese iron-cutting sword, in italiano spada che taglia il ferro, tradotto anche in nagashirobi), ereditata dai suoi padri, è capace di tagliare qualsiasi materiale con estrema facilità, tranne il puré di patate (nella serie si fa riferimento al morbido konnyaku). La sua lama, nei cui riflessi Goemon coglie i cattivi presagi, è probabilmente costituita di un metallo estratto da un meteorite e inesistente sulla Terra, e si mantiene sempre al di sopra di una certa temperatura: anche in pieno inverno, dopo un lungo periodo di inutilizzo, è in grado di sciogliere i fiocchi di neve che le cadono sopra.

Goemon maneggia la sua katana con incredibile maestria, con tale precisione e velocità da riuscire a fermare o tagliare i proiettili. Lo stile di combattimento di Goemon si chiama iaijutsu e si differenzia dal kenjutsu per il fatto che la spada viene sguainata solo nel momento del suo uso.[5]

Per il personaggio di Goemon Monkey Punch si è ispirato al ladro giapponese Goemon Ishikawa, vissuto alla fine dell'Era medievale (secolo XVI), del quale è il tredicesimo discendente. Per alcuni aspetti il personaggio di Goemon è ispirato a quello di Kyuzo (久蔵 Kyūzō?) del film di Akira Kurosawa I sette Samurai (1954), interpretato da Seiji Miyaguchi.

Fujiko Mine[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fujiko Mine.

Fujiko Mine (峰不二子 Mine Fujiko?, Margot nella versione italiana della seconda serie televisiva) è una giovane e bella avventuriera, dotata di notevole fascino e forza, egocentrica e scaltra, che persegue principalmente il proprio tornaconto.

Fujiko sfrutta la sua bellezza e il suo talento per accumulare ricchezza, tramite il furto di denaro e preziosi. Truffatrice e doppiogiochista, approfitta di Lupin, che la ama follemente e sarebbe disposto anche a morire per lei, per ottenere il suo aiuto, salvo poi prontamente scaricarlo con disinvoltura. Spesso i suoi piani falliscono e riceve sonore lezioni dallo stesso Lupin che, però, ricade costantemente nelle sue lusinghe, esasperando Jigen e Goemon.

Il suo profumo preferito è lo Chanel n°5; guida una Kawasaki, due Harley-Davidson e un'Austin Mini. Il cognome Mine significa "picco della montagna", un gioco di parole che allude al suo seno procace, come il nome Fujiko, che in italiano potrebbe tradursi con "cime Gemelle". In alcuni special tv è bionda invece che castana.

Koichi Zenigata[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Koichi Zenigata.

L'ispettore Koichi Zenigata (銭形幸一警部 Zenigata Kōichi Keibu?) dell'Interpol è l'acerrimo rivale di Lupin: lo insegue da decenni ma non è mai stato capace di tenerlo in prigione a lungo. Assicurare Lupin alla giustizia in una sfida leale è lo scopo fondamentale della sua vita.

Dapprima membro della Metropolitan Police di Tokyo, quindi Ispettore Capo dell'ICPO, Koichi Zenigata è goffo, sfortunato, oltremodo onesto e rispettoso della legge. Insegue Lupin da talmente tanto tempo e in tutti gli angoli del mondo, che ormai non può fare a meno di lui. È consapevole che, se riuscisse ad acciuffarlo, verrebbe meno la principale spinta vitale della sua esistenza: la sua è però una caccia destinata a essere infruttuosamente eterna. Lupin, infatti, dopo averlo puntualmente coinvolto in una delle sue avventure, riesce immancabilmente a sfuggirgli.

Lupin lo chiama affettuosamente "paparino", "papà Zenigata" o "Zazà" (Tottsan, in giapponese). Il suo nome deriva da Heiji Zenigata, personaggio creato dalla scrittore Kodō Nomura, che arrestava i nemici lanciando monete, proprio come fa Zenigata con le manette.

Animazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lupin III (anime).

La produzione animata su Lupin III è senza precedenti. Dal suo debutto televisivo nel 1971 il successo non è mai venuto meno: le sue avventure continuano a essere replicate sui canali televisivi e si pubblicano DVD un po' in tutto il mondo. Soprattutto in Giappone Lupin è un vero e proprio cult e le nuove produzioni non sono mai cessate.

In Italia sono state realizzate due versioni animate, Planet 0 - Tribute to Lupin III[6] (1990) e Lupin against Tina[7] (1996), entrambe firmate da Mario Verger,[8] andate in onda in Blob e Fuori Orario su Raitre.

Live[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Titolo italiano Titolo originale Anno Regista Durata Giacca
1 Lupin III - La strana strategia psicocinetica (ルパン三世 念力珍作戦 Rupan Sansei - Nenriki chin sakusen?) 1974 Takashi Tsubojima 82' bianca
2 Lupin the Third Lupin the Third 2014 Ryūhei Kitamura 133' rossa

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

Titolo italiano Anno Regista Durata Giacca
1 Arsenio in 10 minuti 2004 Jonny Triviani 10' Rossa
2 Basette 2008 Gabriele Mainetti 16' Rossa

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Titolo italiano Titolo originale Anno Regista Durata Giacca
* Lupin III - Io sono Lupin[9] (ルパン三世 I'm LUPIN Rupan Sansei - I'm Lupin?) 1998 ... ... rossa

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di videogiochi di Lupin III.

Sono stati realizzati tantissimi videogiochi ispirati a Lupin III, quasi tutti disponibili solamente per il mercato giapponese. Due sono usciti anche in Italia: Il tesoro del Re Stregone e Lupin la morte, Zenigata l'amore.

Lupin III in altre opere[modifica | modifica sorgente]

Grazie alla sua popolarità, Lupin III compare in camei o omaggi in altre produzioni:

  • La serie Gintama è famosa per essere ricca di citazioni/parodie fra cui anche Lupin III: Nell'episodio 18 compare un ladro denominato "Maschera di Fundoshi". Al momento della sua presentazione, parte una sequenza animata che fa un palese riferimento all'opening della prima serie di Lupin III. Nell'episodio 19 nell'angolo iniziale del "Professor Ginpachi" Un lettore, un certo Onishi, chiede come mai il protagonista Gintoki Sakata porti sempre lo stesso Kimono. Il ragazzo risponde di possedere 4 kimono tutti identici. Affermando che per un autore sarebbe difficile definire la personalità di un personaggio, se ad ogni episodio ci fosse un cambio d'abito. In seguito prende Lupin III come esempio. Nell'episodio 61 mentre Gintoki & Katsura combattono i pirati alieni Harusame, decidono di mettersi in salvo scappando. Dopo essersi buttati nel vuoto, Katsura improvvisamente tira fuori un paracadute, Gintoki sorpreso chiede al ragazzo se non fosse in realtà Lupin III. Katsura poi risponde con la sua classica battuta confondendosi. La scena viene poi replicata anche nel film Gekijōban Gintama - Shin'yaku Benizakura-hen (2010). All'inizio dell'episodio 97 parte subito la ottava ending "Speed of Flow". La cosa interessante è che compare Catherine con i suoi ex colleghi, che riproducono in tutto per tutto l'opening della prima serie di Lupin III. Con l'aggiunta di alcune scene del film Il Castello di Cagliostro. L'ironia di Hideaki Sorachi non finisce qui, infatti la banda nel corso dell'episodio ha un aspetto quasi identico al trio di Lupin III. Oltre a questo la banda si fa chiamare Cat's Punch, titolo che richiama ovviamente il nome d'arte Monkey Punch. Il capo si chiama Kurikan soprannome del doppiatore Kan'ichi Kurita seconda voce ufficiale di Lupin III. Il clone di Goemon si chiama Yoremon Yon, il clone di Daisuke Jigen è senza nome. Nell'episodio 233 della serie Gintama 2011 compare un personaggio che richiama come aspetto fisico Fujiko Mine. Gli stessi personaggi ne fanno il paragone, la donna si fa chiamare Fumiko
  • Nel primo episodio della serie anime Binbougami ga!, la protagonista Sakura Ichiko viene inseguita dalla dea della sfortuna Momiji. La ragazza turbata dall'accaduto chiede delle spiegazioni, la dea allora decide di accontentarla. Durante la spiegazione Momiji imita il tono di voce di Lupin III. Ichiko glielo fa subito notare. Nell'episodio 3 Momiji spiega che riesce a mantenere le condizione di "fortuna" [10], grazie all'utilizzo di un particolare apparecchio denominato "Barriera d'energia" Ichiko infuriata la spedisce fuori dalla finestra. La ragazza ritorna con una mongolfiera travestita da Lupin III, esclamando la frase "Ci vediamo vecchio" riferimento a Zenigata.
  • Nel terzo episodio della serie anime Haiyore! Nyaruko-san, la protagonista Nyaruko dopo aver sconfitto un gruppo di alieni denominati Nighthaunt & Gaunt, si mette in ginocchio ed esclama la frase "Ancora una volta ho tagliato un oggetto di nessun valore" Tipica frase di Goemon Ishikawa
  • Nel primo episodio della serie anime Monogatari Second Season, una delle protagoniste femminili ovvero Senjogahara Hitagi si offre di ospitare a casa sua Hanekawa Tsubasa: Dopo che casa sua bruciò per eventi misteriosi. Una volta fatta entrare in casa, Senjogahara si inchina è porge una rosa esclamando la frase "Devi sapere che prima vivevo in una casa piuttosto lussuosa. A quei tempi ti avrei potuto dare un'intera stanza, ma per ora è tutto ciò che posso offrirti." E Hanekawa esclama "Non dirlo come Lupin!" la scena della rosa ricorda vagamante quella del film Il castello di Cagliostro.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (JA) copertine del manga
  2. ^ Pilot Film.
  3. ^ Il regista premio Oscar Hayao Miyazaki sarebbe rimasto molto colpito dall'utilitaria torinese durante un viaggio in Italia con il suo disegnatore Yasuo Otsuka alla fine degli anni '60
  4. ^ intervista a Monkey Punch
  5. ^ È bene precisare che il kendo e lo iaido sono due discipline teorizzate in epoca moderna sulla base delle antiche arti di combattimento dei samurai.
  6. ^ Planet O - Tribute to Lupin III
  7. ^ Lupin against Tina
  8. ^ intervista a Bruno Verger
  9. ^ traduzione letterale del titolo originale
  10. ^ Binbougami ga! - scheda di AnimeClick.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]