Hyst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Taiyo Yamanouchi)
Hyst
Nazionalità Italia Italia
Genere Rap
Underground rap
Periodo di attività 1999 – in attività
Album pubblicati 2
Studio 2

Taiyo Yamanouchi, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Hyst (Roma, 4 luglio 1975), è un attore, rapper e illustratore italiano, fratello maggiore del rapper Jesto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Taiyo Yamanouchi è figlio dell'annunciatrice radiotelevisiva e speaker del TG2 Teresa Piazza e dell'attore giapponese Haruhiko Yamanouchi,[1] nonché il fratello maggiore del rapper Jesto.

Carriera da attore[modifica | modifica sorgente]

Hyst entra nel mondo della televisione all'età di vent'anni, recitando nel 1995 ne Il giorno del Nerkiopiteco, un B-Movie amatoriale demenziale curato dall'amico Fabio "Ceppaflex" Pinci, cantante dei Prophilax.

Recita nelle miniserie TV Ultimo - La sfida (1999) ed Ultimo - L'infiltrato (2004), entrambi diretti da Michele Soavi. Nel 2006 conduce il programma di Rai 3 Tintoria insieme a Carolina Marconi, ed è presente nel cast della sit-com Sweet India, in onda su Rai 2. Nel 2007 conduce la seconda serie di Tintoria insieme a Belen Rodriguez. Nel 2008 ritorna con la terza serie di Tintoria accanto ad Ainett Stephens, e Lisa Fusco, recita nel film Questa notte è ancora nostra. Nel 2010 recita in Molto rumore per nulla di William Shakespeare, regia di Loredana Scaramella, al Globe Theatre di Roma.

Carriera musicale[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver partecipato al progetto HP che si ferma alla produzione del CD Ipotesi del 1999, come Hyst produce l'album d'esordio del fratello Jesto, Il mio primo e ultimo disco.

Partecipa all'edizione 2006 della freestyle battle 2theBeat, classificandosi terzo nella serata eliminatoria che lo vede protagonista insieme a Ensi, Kiave e Rob. Fonda la CREW/LABEL di hip hop italiano, la Alto Entertainm\ent, che annovera artisti come gli Apachekipe, Saga, Jimmy, Jesto, Rancore e lo stesso Hyst. Il progetto di etichetta indipendente viene meno a seguito delle defezioni di Rancore e Saga, che preferiscono percorrere sentieri solisti. Restano tuttavia memorabili le esibizioni del collettivo al completo come quello del Body and Soul festival, in cui il generatore elettrico fonde e la Crew continua lo show in Freestyle, intrattenendo la folla in attesa del live di Jeru. Fa parte del collettivo Blue-Nox insieme ad altri importanti esponenti della scena rap italiana come: Kiave, Ghemon, Mecna, Negrè, i Djs Impro e Rafè e il Dj e produttore Macro Marco. il Blog/sito Blue-Nox raccoglie post quotidiani su diverse forme d'arte, dalla musica alle arti grafiche al cinema ed è diventato un punto di riferimento per chi cerca informazioni culturali recenti. Il collettivo si esibisce sia separato, con uno o più artisti, o presentando lo Show completo portando in scena più di due ore di Rap ai massimi livelli.

Partecipa al progetto Opencinema, società di produzione cinematografica fondata da Mario Calamita, con cui realizza il lungometraggio horror Bloodline, distribuito da Cecchigori Group, in qualità di direttore artistico, casting director, acting coach; in più realizza dei bozzetti preparatori, collabora alla sceneggiatura e alla fase di post produzione.

Da alcuni anni si dedica alla regia di videoclip, realizzandone più di venti in meno di due anni, gli ultimi dei quali soprattutto per i soci della crew Blue-Nox.

Organizza e gestisce lui stesso, con la collaborazione di Rey (Red Lights ent) l'evento Hiphop chiamato Ghetto Heaven, che per due stagioni anima l'underground romano, in cui porta a suonare a Roma personaggi come Clementino, i One Mic, Mistaman e Unlimited Struggle e realizzando presentazioni degli album Alto ent come quelli di Jesto e in cui contribuisce all'affermazione di nuove leve come l'Xtreme Team di Canesecco e Gemitaiz. Conduce "Dalla strada alla scena" contest hip-hop romano al Mitreo, e diverse serate organizzate dal sito Honiro.it al Rashomon.

Altri lavori ed esperienze[modifica | modifica sorgente]

Diplomatosi al IV Liceo artistico Alessandro Caravillani lavora spesso nell'ambito dell'illustrazione. A 20 anni pubblica, insieme ad altri amici, il libro Elish di cui è coautore e principale illustratore. Il testo diventa un piccolo culto per la generazione di giocatori di ruolo del periodo in quanto innovativo ed originale. Lavora come Storyboard artist e Concept Designer per cortometraggi, lungometraggi, spot e programmi televisivi. Avendo praticato Arti marziali in alcune occasioni crea dei gruppi di studio in cui lavora come insegnante, in particolare per l'infanzia, sviluppando un concetto di pratica propedeutica, e con gruppi di donne, studiando un metodo di avvicinamento al combattimento per le donne. Compete a livello nazionale nella disciplina del Sanda, durante il periodo in cui si allena con il maestro Danilo Capuzi, direttore della palestra Otzuka club.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Extended play[modifica | modifica sorgente]

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Taiyo Yamanouchi: un rapper in Tintoria. URL consultato il 26-06-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]