Geotrupidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Geotrupidae
Mestkeverklein.jpg
Anoplotrupes stercorosus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Scarabaeiformia
Superfamiglia Scarabaeoidea
Famiglia Geotrupidae
Latreille, 1802
Sottofamiglie

Geotrupidae Latreille, 1802 è una famiglia di insetti dell'Ordine dei coleotteri che comprende una cinquantina di generi e circa 620 Specie in tutto il mondo.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Adulto[modifica | modifica sorgente]

Hanno una lunghezza che va da 10 a più di 30 mm. Il corpo è tozzo di forma ovale o rotondeggiante. Il capo è relativamente piccolo in proporzione al corpo e in alcuni casi ornato da rilievi, tubercoli o corna cefaliche. Gli occhi disposti ai lati del capo, sono divisi in due metà, superiore e inferiore, da una espansione della gena detta "canthus".

Le mandibole sono ben visibili dall'alto. In alcuni generi sono molto sviluppate e atte a tagliare parti tenere di Piante erbacee.

Geohowdenius egeriei, si vedono bene le zampe fossorie e la clava antennale formata da tre articoli

Le antenne sono lamellate come in tutti gli Scarabaeoidea, formate da 11 articoli, carattere questo che li distingue dagli altri appartenenti a questa superfamiglia.Gli ultimi 3 articoli, che sono mobili, formano la clava antennale, asimmetrica e tomentosa.

Il pronoto è in genere più largo che lungo e, in alcune specie, provvisto di corna anche molto sviluppate.

Le elitre possono essere lisce o solcate, ricoprono quasi completamente l'addome lasciando poco scoperti solo gli ultimi segmenti che vanno a formare il pigidio. Alla base delle elitre è ben visibile lo scutello che ha forma triangolare.

Le ali sono nascoste al di sotto delle elitre e in alcune specie sono ridotte e non funzionali.

Le tibie anteriori sono generalmente dentate in modo da favorire l'attività fossoria. Le tibie posteriori sono spesso dotate di rilievi trasversali , carene, in numero variabile e molto utili per la determinazione dei vari gruppi. All'apice delle tibie posteriori e di quelle mediane sono presenti due speroni. I femori anteriori sono muniti, sul loro lato interno, di un cuscinetto ovale di setole biancastre o ramate, oppure di una fila di pori.

Sono insetti spesso muniti di dense setole soprattutto sull'addome. Gli stigmi addominali sono tutti posizionati sulle membrane pleurali.

I colori sono in genere il nero o il marrone, ma spesso si hanno colorazioni metalliche dalle tonalità verdi, bluastre o violacee, queste in molte specie sono limitate però al lato ventrale dell'insetto.

Larva[modifica | modifica sorgente]

La Larva è di tipo melolontiforme, di colore bianco , con corpo molle e capo chitinizzato e munito di robuste mandibole. Hanno antenne composte da tre articoli. Sull'ultimo urite sono presenti dei caratteristici rilievi a cuscinetto che circondano l'apertura anale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Sono insetti per lo più coprofagi ma non mancano le specie fitofaghe o micetofaghe. In alcuni casi specie coprofaghe si adattano anche ad una dieta saprofaga o necrofaga

Quasi tutti i rappresentanti della famiglia scavano delle gallerie sotterranee ramificate, profonde in alcuni casi anche 3 metri, nelle quali trasportano il cibo. Su di esso depongono le uova e su di esso si sviluppano le larve. La maggior parte delle specie scava le gallerie direttamente sotto la fonte di cibo o di fianco ad essa, altre,come i Lethrus o i Thorectes, le scavano anche a parecchi centimetri di distanza. Le operazioni di scavo delle gallerie e accumulo del cibo vengono svolte da entrambi i sessi.[1]

Rapporti con l'uomo[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte di questi insetti ha un'estrema importanza ecologica interrando grandi quantità di escrementi depositate dai grossi erbivori, aumentando così la fertilità del suolo, ma soprattutto eliminando possibili fonti di patogeni.

D'altra parte si sono verificati casi di danni sporadici e di scarsa entità alle coltivazioni, causati essenzialmente dall'attività di scavo , in terreni dove era stata effettuata una concimazione con letame.

Le specie fitofaghe, come Lethrus apterus,possono essere invece dannose ad alcune colture. Si sono infatti verificati casi di attacchi ai giovani germogli di Vite e ad altre piante erbacee.[2]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva dalle parole greche "Geos" che significa terra e "Trypetes" che significa scavatore, in riferimento alle abitudini fossorie di questi insetti.[3].

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La Sistematica di questo gruppo di insetti è stata ed è ancora adesso molto dibattuta e tra gli studiosi vengono di volta in volta considerati monofiletici o polifiletici.

Per molto tempo i Geotrupidae furono considerati una sottofamiglia dei Lucanidae ed erano spesso inclusi in essa anche i Plecomidae[4].

Negli ultimi anni il dibattito si è focalizzato sull'accettare o meno le sottofamiglie dei Bolboceratinae e dei Taurocerastinae o considerarli come famiglie separate. Come conseguenza di ciò il numero di taxa e i rapporti che intercorrono tra essi variano a seconda degli autori.[5][3][4]

Nelle ultimi lavori che riguardano questi insetti , come il "Catalogue of Paleartic Coleoptera" Löbl & Smetana, 2006 , essi vengono divisi in quattro sottofamiglie:

Maschio di Lethrus apterus

Seguendo questa classificazione la famiglia comprende una cinquantina di generi e circa 620 specie.

Specie Italiane[modifica | modifica sorgente]

In Italia sono presenti le seguenti specie[3][7][8]:

Bolboceratinae

Geotrupinae

Galleria di specie italiane[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ermenegildo Tremblay, Entomologia applicata, Vol.IV, part.1, Napoli, Liguori editore, 2000, p. 43.
  2. ^ Ermenegildo Tremblay, Entomologia applicata, Vol.IV, part.1, Napoli, Liguori editore, 2000, p. 44.
  3. ^ a b c Geotrupidae in Scarabeidi.it. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  4. ^ a b c Geotrupidae in sibnef1.eu. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  5. ^ Bolboceratidae in Scarabeidi.it. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  6. ^ Coleoptera : Bolboceratinae
  7. ^ (EN) Taxon details: Geotrupidae in Fauna Europaea version 2.6.2, Fauna Europaea Web Service, 2013. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  8. ^ Fabio Stoch, Family Geotrupidae in Checklist of the Italian fauna online version 2.0, 2003. URL consultato il 12 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi