Fußballsportverein Frankfurt 1899

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fußballsportverein Frankfurt 1899 e.V.
Calcio Football pictogram.svg
FSV Frankfurt.png
Bornheimer, Bernemer, Sportverein
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Blu e Nero.png blu-nero
Dati societari
Città Francoforte
Paese Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Germany.svg DFB
Campionato 2.Bundesliga
Fondazione 1899
Presidente Germania Julius Rosenthal
Allenatore Germania Hans-Jürgen Boysen
Stadio Frankfurter Volksbank Stadion
(10.385 posti)
Sito web www.fsv-frankfurt.de
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Fußballsportverein Frankfurt 1899 e.V., abbreviato in FSV Frankfurt (italiano: FSV Francoforte) è una società calcistica tedesca di Francoforte, città dell'Assia. Attualmente milita in Zweite Bundesliga, la seconda serie del calcio tedesco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra, da quando è stata fondata nel 1899 nel distretto di Bornheim, ha sempre vissuto, salvo qualche raro periodo, sotto l'ombra del ben più blasonato Eintracht Francoforte. L'apice della squadra fu toccato nel 1925, quando perse la finale del campionato di calcio tedesco 1925 per 0-1 contro il Norimberga. Il club giocò anche la finale di DFB-Tschammerpokal (l'odierna Coppa di Germania) del 1938, venendo però battuto 1-3 dal Rapid Vienna.

Dopo aver vinto il campionato organizzato dal VFSV (Verband Süddeutscher Fussball Vereine o Federazione delle società calcistiche della Germania meridionale) nel 1933, l'FSV andò a giocare in Gauliga Südwest, una delle sedici massime divisioni create dal Terzo Reich. Nei cinque anni seguenti la compagine terminò sempre a metà classifica, eccezion fatta per un secondo posto conquistato nel 1939. Nel 1941 la Gauliga Südwest venne divisa in due Gauligen: la Gauliga Westmark e la Gauliga Hessen-Nassau con l'FSV che andò a giocare nella seconda. La squadra finì seconda nel 1943 alle spalle del Kickers Offenbach, e nel 1944 si fuse per un breve periodo con il SG Eintracht Frankfurt per poter giocare durante il tempo di guerra con il nome di KSG Frankfurt (dove la K sta per Kriegspielgemeinschaft).

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale, le autorità alleate sancirono la chiusura di tutte le associazioni, comprese quelle sportive. L'FSV fu ricostituito nel 1945 con il nome di SG Bornheim ed ha ripreso l'attuale denominazione alla fine di quell'anno; il club è stato inserito in Oberliga Süd, a quel tempo la prima divisione, e disputò campionati di media classifica fino al 1962, anno in cui retrocesse. Nel 1963 fu creata l'attuale massima serie, la Bundesliga, e il Francoforte fu relegato a giocare in Regionalliga Süd; retrocesse nel 1968 in Amateurliga (terzo livello) e conquistò la promozione l'anno seguente, poi per tre anni (dalla stagione 1970-71 alla stagione 1972-73) ritornò a giocare in terza divisione. Nel 1975 ritornò prepotentemente in seconda divisione (chiamata come ora Zweite Bundesliga) dopo aver vinto il campionato tedesco amatori. Giocò fino al 1981 nel girone Süd fino a quando in quell'anno venne deciso che la seconda divisione fosse accorpata in un girone unico. L'ultima apparizione della squadra in Zweite Bundesliga risale al 1995 ma l'avventura finì dopo un solo anno dopo essersi classificata al 18º e ultimo posto.

Alla fine della stagione 2006-07 il club è arrivato primo in Oberliga Hessen e ha conquistato la promozione in Regionalliga Süd. Nel campionato di Regionalliga appena concluso, l'FSV ha compiuto l'impresa di raggiungere la promozione da neopromossa ed è tornato nella serie cadetta dopo 13 anni. Dopo una prima parte di campionato con più ombre che luci, la squadra neroazzurra ha disputato un girone di ritorno a dir poco eccezionale, scalando la vetta della classifica proprio all'ultima giornata e vincendo il titolo di campione della Regionalliga Süd a scapito dell'Ingolstadt, anch'esso promosso in Zweite Bundesliga.

Rosa 2013-2014[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 31 gennaio 2014.

N. Ruolo Giocatore
1 Germania P Patric Klandt
3 Germania D Björn Schlicke (capitano)
4 Germania D Nils Teixeira
5 Germania C Manuel Konrad
6 Finlandia C Joni Kauko
8 Germania C Michael Görlitz
9 Albania A Edmond Kapllani
10 Australia A Nikita Rukavytsya
11 Cambogia A Chhunly Pagenburg
14 Camerun C Nestor Djengoue
15 Germania D Alexander Huber
16 Germania D Marc Heitmeier
17 Libano D Joan Oumari
18 Germania D Marcel Kandziora
N. Ruolo Giocatore
19 Germania D Markus Ziereis
20 Australia A Mathew Leckie
21 Germania P Sören Pirson
22 Albania C Odise Roshi
23 Germania C Marcel Kaffenberger
24 Germania P Jannis Pellowski
25 Turchia C Emre Nefiz
26 Germania C Denis Epstein
27 Germania C Ahmed Azaouagh
30 Kosovo C Faton Toski
31 Germania A Tim Heubach
37 Turchia C Zafer Yelen
Paesi Bassi D Tom Beugelsdijk
Italia A Vincenzo Grifo

Rose delle stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]