Episodi di Alias (quarta stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Alias (serie televisiva).

La quarta stagione di Alias è stata trasmessa negli Stati Uniti dal 5 gennaio 2005 al 25 maggio 2005 sul network ABC.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Authorized Personnel Only (part. 1) Solo personale autorizzato (pt. 1) 5 gennaio 2005 16 giugno 2005
2 Authorized Personnel Only (part. 2) Solo personale autorizzato (pt. 2) 5 gennaio 2005 16 giugno 2005
3 The Awful Truth La terribile verità 12 gennaio 2005 23 giugno 2005
4 Ice Ghiaccio 19 gennaio 2005 23 giugno 2005
5 Welcome to Liberty Villiage Benvenuti al Liberty Village 26 gennaio 2005 30 giugno 2005
6 Nocturne Nocturne 9 febbraio 2005 30 giugno 2005
7 Detente Ribellione 16 febbraio 2005 7 luglio 2005
8 Echoes Echi 23 febbraio 2005 7 luglio 2005
9 A Man of His Word Un uomo di parola 2 marzo 2005 14 luglio 2005
10 The Index L'indice 9 marzo 2005 14 luglio 2005
11 The Road Home La strada di casa 16 marzo 2005 21 luglio 2005
12 The Orphan L'orfana 23 marzo 2005 21 luglio 2005
13 Tuesday Quarantena 30 marzo 2005 26 luglio 2005
14 Nightingale Usignolo 6 aprile 2005 26 luglio 2005
15 Pandora Pandora 13 aprile 2005 2 agosto 2005
16 Another Mister Sloane Un altro signor Sloane 20 aprile 2005 2 agosto 2005
17 A Clean Conscience Con la coscienza pulita 27 aprile 2005 9 agosto 2005
18 Mirage Miraggio 4 maggio 2005 9 agosto 2005
19 In Dreams... Sogni... 11 maggio 2005 16 agosto 2005
20 The Descent Discesa 18 maggio 2005 16 agosto 2005
21 Search and Rescue Salvataggio 18 maggio 2005 23 agosto 2005
22 Before the Flood Prima del diluvio 25 maggio 2005 23 agosto 2005

Solo personale autorizzato (pt. 1)[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Siamo su un treno e Sydney, mascherata con un alias molto provocante, sta cercando di prendere qualcosa da una valigetta di un chimico. Sfoderando tutto il suo charme, riesce nell'intento. Poi scappa lungo il treno per raggiungere il vano bagagli e viene inseguita da un uomo con cui ingaggia una lotta spericolata, durante la quale si ritrova appesa a una rete e a penzolare fuori dalla carrozza mentre il suo aggressore taglia i pochi legacci che ancora la reggono. La scena si sposta a un po' di tempo prima: Sydney sta correndo dietro al suo collega Brodien e i due decidono di nascondersi in una discoteca. La missione non è riuscita, infatti un loro collega è morto, così ora anche Brodien rischia la vita. Sydney riesce a salvare il suo collega dagli inseguitori, cambiando alias e truccando il suo collega. Tornata a L.A., il direttore Hayden Chase vorrebbe declassarla a lavoro d'ufficio, ma Sydney piuttosto decide di lasciare l'agenzia. Nello stesso tempo Vaughn è a Washington e ha deciso di fare la stessa cosa, così lo comunica a Weiss. Poco tempo dopo, Syd è in metropolitana e dopo essere scesa ad una fermata, raggiunge con discrezione la zona vietata ai pedoni ed entra in una porta nascosta, che riporta la classica frase "Authorized Personnel Only". All'interno si cela una sezione occulta della C.I.A., a cui la Chase le ha chiesto di partecipare, per poi fingere il suo allontanamento dall'agenzia. Syd ha accettato sia per affrontare qualcosa di nuovo e sia per allontanarsi dalle sue vecchie conoscenze, ma non sa che in realtà si troverà a lavorare proprio con tutti loro: Vaughn, Dixon, suo padre e il capo della task force, Arvin Sloane. Chase le spiega che hanno accettato la collaborazione con lui per tutti i suoi contatti e che la presenza delle persone che più l'hanno osteggiato forma un controllo implicito: se Sloane dovesse fare una mossa sbagliata, Syd e Dixon saranno lì a fermarlo. La prima missione vedrà Syd e Vaughn su un treno per recuperare un isotopo instabile dalle mani di Yuri Kamarov, chimico che vorrebbe venderlo a un compratore ignoto. Mentre Syd recupererà l'isotopo, Vaughn identificherà il compratore. Syd non è convinta della strada intrapresa, ma è felice di fare di nuovo squadra con Dixon, tornato un agente operativo. Prima della partenza, Vaughn le fa visita e le fa capire che vorrebbe ricominciare da dove avevano lasciato due anni prima, ma lei ha paura e non vuole affrettare le cose, così non lo lascia entrare in casa. Tornati all'inizio dell'episodio, vediamo cosa succede a Vaughn nella carrozza ristorante: il compratore è un asiatico di nome Kazu Tamazaki, il quale lavora per un certo signor Vadik. I due si scambiano il finto isotopo per un sacchettino di diamanti, ma Tamazaki sembra poco convinto e dice a Vaughn che la sua faccia gli è familiare. Lo fa scortare quindi dalla sua guardia del corpo che lo accompagna in una stanza e i due iniziano a lottare, proprio mentre Sydney inizia a sua volta a lottare con l'uomo nel vano bagagli, che si capisce essere alle dipendenze di Tamazaki. Vaughn ha la meglio sull'enorme gorilla e lo stende con una teiera, poi corre nella carrozza bagagli e salva Sydney, facendo cadere l'uomo di Tamazaki dal treno. I due si abbracciano, e una volta tornati a L.A. fanno l'amore. Tuttavia quando Vaughn le chiede come mai non parla con Jack, Sydney non è pronta a spiegarglielo. Tornati all'A.P.O., Sloane incarica Syd di andare a trovare Nadia in Argentina per avere informazioni su Vadik, dato che durante una missione ha avuto a che fare con lui. Jack chiede a Vaughn di fare da tramite con Sydney, ma lui si rifiuta e gli dice che teme di sapere cosa sia successo, ma per il bene di Sydney spera di sbagliarsi.

  • Curiosità:

Questo è il primo episodio ad avere una sigla con immagini tratte dal telefilm: si susseguono gli alias usati da Sydney nelle prime tre serie, apparendo a tempo con la musica.

Solo personale autorizzato (pt. 2)[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sydney va in Argentina a trovare sua sorella che è felice di vederla, ma non ne vuole sapere di tornare a L.A.; così le fornisce informazioni su Vadik e sul suo braccio destro, Kazu Tamazaki. Tornata a casa, Sydney sta aspettando Vaughn per la cena, ma suo padre arriva prima di lui. I due discutono e, quando arriva Michael, Sydney riesce finalmente a confessargli cosa è successo: nella cassetta di sicurezza di Wittenberg ha trovato delle richieste ufficiali di Jack in cui otteneva il permesso di uccidere Irina Derevko. Sydney è sconvolta perché sembra che Jack abbia ucciso sua madre. Sloane spiega alla squadra che Tamazaki anni prima aveva tentato di rubare la spada Shintaro dal museo Hasunaga di Londra; l'idea migliore è di rubare la spada per metterla in vendita al mercato nero e convincere Tamazaki a ricomparire per comprarla. Vista la difficoltà di entrare al museo violando gli allarmi, Sloane fa arruolare anche Marshall all'A.P.O., causandogli un'immensa gioia nel ritrovare i suoi vecchi colleghi di lavoro. Pianificata la missione, il gruppo fa da scorta a Sydney mentre entra nel museo e ruba la spada. Messa alle strette, riesce a scappare e a salvarsi solo grazie all'intervento di Jack, che la recupera usando un'auto della polizia. Dixon organizza un incontro con un collezionista e fa in modo che Tamazaki sappia della spada; intanto Jack e Marshall incontrano lo scagnozzo di Tamazaki, catturato da Vaughn. Ci sono alcune cose su Vadik e Tamazaki che non quadrano e invitano l'uomo a collaborare in cambio di protezione. Così lui rivela che non esiste un Vadik, si tratta di una copertura: Vadik e Tamazaki in realtà sono la stessa persona. Tamazaki propone un incontro a Rio de Janeiro per pagare la spada, ma esige che sia la donna che l'ha rubata a portarla. Sydney e Jack vanno all'appuntamento e Vadik riesce a rapirla. Vaughn, preoccupato, chiama l'unica persona che possa aiutare Sydney, ovvero Nadia. La donna sembra titubante, ma quando capisce che la sorella è in pericolo interviene per salvarla. Intanto Tamazaki chiede a Sydney se stia facendo tutto questo per il "contratto", ma lei non sa di cosa stia parlando. Poi inizia a torturarla mettendole una maschera che le ricopre il viso e riempiendola di acqua.Nel frattempo Nadia porta gli altri nel rifugio di Vadik e, affascinante come non mai, riesce a ingannare la guardia di Tamazaki e a rubargli una scheda magnetica di accesso. Tamazaki spiega a Sydney che l'avevano assoldato per ucciderla, ma il committente è morto il giorno prima che lui completasse il lavoro. Sydney ripete più volte che non ne sapeva niente e Tamazaki le crede, ma decide comunque di ucciderla. Nadia riesce a liberare la sorella appena prima che muoia soffocata dall'acqua, poi Tamazaki la stordisce. Sydney lo insegue e i due iniziano a lottare in una cella frigorifera per prosciutti. Sydney usa delle lame per difendersi dalla Shintaro e, durante la colluttazione, Tamazaki rimane ucciso dalla sua stessa spada. Poco prima di morire, però, le confessa che era stata Irina Derevko ad assoldarlo per ucciderla. Tornati a L.A., Sloane comunica che Nadia farà parte della squadra e poi Sydney parla con Jack e gli chiede se abbia ucciso sua madre per proteggerla. Lui non sa come mai Irina la volesse morta, ma Sydney è comunque sconvolta. Vedendola distrutta e in lacrime, Vaughn, come sempre, la consola abbracciandola. Weiss va a trovare Sydney, ancora ignaro della sua appartenenza all'A.P.O., poi i due sono raggiunti da Nadia e Sydney manda via Eric, visibilmente affascinato dalla sorella. Nadia dice a Sydney che vorrebbe parlare un po' di Irina, così lei la porta a Mosca, dove ha fatto seppellire Irina. Nadia giura sulla sua tomba che si vendicherà trovando chi ha ucciso la madre.

La terribile verità[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bahamas, Sydney e Marshall entrano in una banca con il pretesto dell'apertura di un conto segreto. Nel frattempo Vaughn e Dixon nella stessa banca creano un diversivo iniziando a litigare. Così appena il direttore esce dall'ufficio dove sta prendendo accordi con Sydney e Marshall, loro forzano la cassaforte a accedono ai dati di un conto. Tornati a Los Angeles, Sydney dà una festa nel suo appartamento per il compleanno di Weiss. Ad un certo punto arriva Jack e comunica a Sydney che la missione alle Bahamas è andata bene e che sono riusciti ad avere le informazioni che cercavano su Martin Bishop, intestatario del conto, e sul Valta. Jack vuole sapere se Sydney ha rivelato a Nadia che è stato lui ad uccidere Irina, e Sydney gli risponde che non lo ha ancora fatto anche se è solamente questione di tempo. Durante il briefing all'APO, Sloane comunica che un super computer che rivoluzionerà l'acquisizione di informazioni da reti satellitari, chiamato Valta, è stato rubato 10 giorni prima dai quartieri generali dell'NSA da Martin Bishop, il quale lo sta vendendo ad un gruppo terroristico tedesco. La squadra dovrà dunque recuperare o distruggere il computer, purché non vada nelle mani dei terroristi. Bisogna prima scoprire dove si trova e l'APO suppone che la risposta sia racchiusa all'interno si un potente server nella villa di Bishop in Spagna, e dato che al server non si può accedere dall'esterno, ha inizio la missione. In Spagna, scatta una trappola per ingannare Bishop: Sydney viene usata come esca, ed interpreta Charlene, una misteriosa donna che Bishop salva da un'auto in fiamme ribaltata sulla strada. Bishop porta la donna nella sua villa e scopre che la donna è in fuga da un uomo violento. Nel frattempo Jack sottopone Nadia ad un test psicologico, dicendo poi a Sloane che ne sa abbastanza per occuparsi del problema. Mentre Vaughn sorveglia la situazione dall'esterno, con Bishop fuori dalla villa, Sydney riesce a trovare il server al piano inferiore della villa. Sydney scopre così che il Valta si trova nel container C0717 che si trova nelle Alameda Yards a Malaga. Bishop torna improvvisamente nella villa e comincia ad avere dei sospetti su Sidney, sorprendendola fuori dalla villa. Sloane manda una squadra con Weiss a Malaga per recuperare il Valta, e informa Jack che Sydney è nei guai. A Malaga una squadra CIA distrugge il Valta, ma la missione non finisce bene e Weiss viene catturato. Bishop viene informato immediatamente del raid CIA e scopre che qualcuno ha recuperato i dati del suo server dall'interno della villa. Sydney, che ha capito che la sua copertura è saltata cerca di avvertire gli altri, Vaughn e Dixon irrompono nella villa ma non vi trovano più nessuno. Fortunatamente Marshall riesce comunque a rintracciare la posizione di Bishop tramite il segnale del suo cellulare. Jack dice a Nadia che non le dà alcuna colpa per l'infedeltà di Irina, passandole dei documenti riservati prima di arrivare in Spagna, dove si ritrovano con Vaughn. Bishop tiene prigionieri sia Sydney che Weiss, e li vuole offrire al gruppo terroristico in cambio del computer distrutto dalla CIA. Sydney riesce a liberarsi grazie ad uno speciale orologio inventato da Marshall e neutralizza la guardia, Weiss capisce che Sydney non lavora in banca ma fa sempre parte del mondo dello spionaggio, come ha sempre sospettato. Mentre Vaughn si incontra con Weiss, Sydney rintraccia Bishop e salta sulla sua auto, sparandogli attraverso il tetto. Bishop frena in modo da far cadere Sydney, e mentre la ragazza è a terra e Bishop sta per spararle, arriva Nadia che lo uccide sparandogli diversi colpi di pistola. Nadia dice a Sydney che Bishop è l'assassino della loro madre Irina. Evidentemente Jack nei documenti che le ha fornito durante il viaggio, le ha fatto credere di non essere lui l'assassino. Dopo questa missione anche Weiss entra a far parte dell'APO, apprendendo che tutti i suoi amici adesso lavorano lì. Jack ammette a Sydney di aver modificato i documenti per far credere a Nadia che era Bishop l'assassino di Irina, affermando che una bugia soddisfacente a volte può fare più bene della terribile verità.

Ghiaccio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Siamo in missione in un bazar e Sydney sta aspettando un suo contatto per ricevere una strana arma, il "Ghiaccio 5"; Vaughn e Dixon sono di supporto e il primo ha delle strane visioni in cui gli pare di scorgere Lauren fra la folla. Quando Sydney nota degli uomini che li sorvegliano, cerca di fuggire con il suo contatto, ma lui non si sente bene e inizia letteralmente a "sgretolarsi", finché non esplode in mille pezzi di cristalli di ghiaccio quando un colpo di pistola lo raggiunge. Gli agenti sono sconvolti da questa visione, ma Vaughn sembra essere più stanco degli altri; Marshall spiega che questo "Ghiaccio 5" ha praticamente cristallizzato la vittima che ne aveva ingoiato un campione; l'uomo lavorava in un ospedale in Montenegro agli ordini di Fenton Keene. La squadra dovrà raggiungere l'ospedale e trovare un altro campione dell'arma biologica. Nadia invece, è alle prese con una foto di una giovane Irina che tiene in braccio un bambino, ma dato che Sydney non sa chi sia, lo chiede a Sloane, che non ha una risposta per lei. Vaughn parla con Jack delle sue allucinazioni su Lauren, lui gli spiega che anche a lui succedeva con Irina. Nadia chiede anche a Jack chi possa essere il bambino nella foto, ma lui le risponde in malo modo e non l'aiuta. Syd si fa assumere come volontaria in Montenegro e lavora con un'infermiera, Kiera MacLaine; quando arriva in ospedale un uomo che ha i sintomi di un'infezione causata dal "Ghiaccio 5", Kiera l'allontana ed entra in un'area dell'ospedale riservata solo a chi ha una tessera d'accesso. Mentre Weiss e Nadia cercano di capire chi possano essere dei potenziali compratori di un simile prodotto, Vaughn si traveste da prete e fa da spalla a Sydney, cercando di conquistare la fiducia di Kiera. Sydney riesce a rubarle la tessera e ne fa fare una copia a Dixon, poi entra nell'area top secret. Si tratta di un laboratorio ricco di campioni di "Ghiaccio 5" che vengono testati anche su cavie umane. Inoltre la strana arma è stata anche nebulizzata, in modo da poter agire per via aerea. Intanto Kiera cura Vaughn, che si è fatto prendere a pugni da Dixon per procurarsi un taglio alla fronte. Lui cerca di usare la morale per farla parlare, ma subentra Fenton Keene, che si rivela essere il fratello di Kiera, della quale la donna sembra succube. All'A.P.O. scoprono che anche lei militava nell'IRA con il fratello e hanno compiuto diversi attentati. Vaughn, però, sente di poter fare leva sul suo senso di colpa per convincere la donna a consegnare il fratello alla giustizia. Kiera raggiunge Vaughn alla taverna in cui le ha detto di andare ogni giovedì a "confessare" i fedeli. Grazie al suo travestimento, la donna sembra fidarsi di lui e così anche Vaughn si sfoga e le racconta la sua storia con Lauren, spiegando di averla uccisa per vendicarsi di ciò che gli aveva fatto. Poi però le confessa anche che non riesce a perdonarsi riguardo ciò che ha fatto. Intanto, Sydney ascolta questo dialogo in cuffia e ne rimane abbastanza sconvolta. Kiera spiega a Vaughn che non ha il coraggio di andarsene e lasciare il fratello, ma lui la convince che può aiutarla a scappare. I due tornano al laboratorio, dove Michael svela a Kiera di non essere un prete, ma lì sono raggiunti da Fenton, che intrappola Vaughn e lo lega a un lettino. Minacciando di ucciderlo iniettandogli del "Ghiaccio 5", gli dice anche che la sorella ha un passato pieno di crimini e non è un angelo, ma Vaughn continua a cercare di farla rinsavire. Sydney interviene e inizia a lottare con Fenton, cerca anche di liberare Vaughn dai lacci che lo legano. Durante la colluttazione, Fenton prende di nuovo in mano la siringa e la inietta alla persona alle sue spalle credendo che sia Sydney. In realtà si tratta di Kiera, che inizia a congelare non appena la siringa la perfora. Morendo fra le braccia di Michael, la donna gli fa capire che lo perdona per ciò che ha fatto. Jack, rinsavito, spiega a Nadia che Irina gli aveva spiegato che la bambina nella foto era sua nipote; dopo aver visto quell'immagine, Jack le aveva chiesto di sposarlo sperando che un giorno stringesse anche i loro figli allo stesso modo, e in effetti lo aveva fatto con la piccola Sydney. Nonostante non l'abbia mai vista all'opera con Nadia, è sicuro che lo facesse anche con lei. Sul volo di ritorno dal Montenegro, Michael si sta finalmente assopendo e Sydney gli comunica che ha sentito il suo discorso con Kiera, ma non ne è dispiaciuta anzi, lui può sempre parlare con lei, anche quando si tratta di Lauren. Vaughn, finalmente in pace con i suoi rimorsi, si addormenta.

Benvenuti al Liberty Village[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un russo ruba uno strano dispositivo contenuto in una valigetta, per poi tornare a casa, dove trova ad aspettarlo una donna, che saluta in inglese. La scena si sposta a L.A., dove Sydney e Nadia hanno organizzato una cena a casa loro con Vaughn e Weiss. Quando la coppia più giovane propone di andare a giocare a bowling, Sydney e Vaughn si rifiutano perché il giorno dopo devono lavorare. Weiss fa notare loro che dovrebbero divertirsi di più, poi lui e Nadia escono. Proprio mentre Sydney e Michael si interrogano su ciò che ha detto loro Eric, ricevono una chiamata dall'A.P.O.: il dispositivo rubato è un EMP, un'arma a impulsi elettromagnetici capace di annientare ogni strumento che funzioni a energia elettrica nel raggio di molte miglia. Il ladro è Yuri Korelko, un uomo legato al Contingente d'Ottobre; Sydney e Vaughn dovranno impersonare una coppia, i Tabakov, nota per avere legami con questa associazione. Per infiltrarsi nel Contingente e conquistare la fiducia di Korelko, Sydney e Vaughn non avranno contatti o strumenti, se non un orologio che potrà mandare solo brevi trasmissioni. Arrivati a Mosca, Sydney e Vaughn incontrano Korelko che crea loro delle nuove identità americane: saranno Karen e David Parker, una coppia di neo sposini. Poi li scorta in uno strano villaggio, chiamato "Liberty Village", attrezzato per assomigliare a un classico quartiere periferico di una cittadina americana. I due incontrano una serie di coppie, i loro "vicini", e Sydney fotografa tutti con l'orologio, permettendo ai colleghi rimasti a L.A. di riconoscere vari terroristi internazionali. I quali stanno impersonando delle coppie di sposi americani. Korelko chiede ai due agenti di chiamarlo "Tom" e presenta loro la moglie "Diane". Nei giorni seguenti saranno messi alla prova per vedere quanto valgono: Tom dona loro una nuova pistola russa che dovranno saper montare in venti secondi e poi consiglia alla coppia di sciogliersi un po' perché li trova troppo freddi. Sydney e Vaughn si chiudono in bagno e aprono ogni fonte d'acqua per mascherare le frequenze, poi discutono sul da farsi: Sydney è nervosa perché persino un terrorista russo li considera freddi; Vaughn le suggerisce di andare in perlustrazione mentre lui imparerà a montare l'arma. Mentre finge di fare jogging nel villaggio, Sydney incontra Tom e gli chiede come mai ci sia tanta sorveglianza, lui le spiega che è una precauzione e che a un minimo accenno di disordine dei cecchini entrano in azione e sparano a vista. Tom capisce che Sydney ha avuto iniziativa e Diane tiene monitorati i movimenti dei due agenti anche mentre sono in casa, notando che sono controllati e attenti a ciò che dicono. Sloane incarica Jack di contattare un suo vecchio informatore russo, Alexi Vasilevich, al quale chiede se il Liberty Village sia ancora sotto il controllo del governo, ma lui nega. In cambio di un eventuale aiuto per tirare fuori Syd e Vaughn dal villaggio, Vasilevich chiede dei libri appartenuti a Irina anni prima. La mattina dopo Tom va a prendere Syd e Vaughn per portarli alla loro prima prova sul campo; per avvalorare le apparenze dona loro due fedi finte. Il primo test è in un finto concessionario d'auto, dove loro due dovranno comprare una Spider. Il venditore è un agente addestrato e i tre recitano la loro parte alla perfezione. Quando il venditore chiede a Vaughn come abbia chiesto a Sydney di sposarlo, lui spiega che l'ha portata a Santa Barbara allo zoo, dove ha potuto farle la fatidica domanda di fronte alla sua adorata giraffa dal collo storto. Vaughn racconta l'aneddoto in modo talmente naturale che Syd si commuove. Il venditore spiega che c'è un problema con l'acquisto dell'auto, perché anche una delle altre coppie deve affrontare la stessa prova e portarsi via la macchina, quindi dovranno affrontarsi con loro. Vaughn monta velocemente l'arma, poi affronta l'uomo, mentre Syd lotta con la donna. I due, come sempre, hanno la meglio e scappano con la Spider. Intanto Jack recupera i libri che comprava per Irina anni prima e li fa analizzare da Marshall per capire cosa vi vogliano cercare i russi, dato che i codici con cui Irina veniva informata sulle sue vittime della C.I.A. sono stati decifrati ormai da tempo. Marshall trova un messaggio nascosto in un puntino di inchiostro, ma che in realtà non è stato scritto da Jack, bensì dai russi: all'interno recupera uno strano codice usato da Irina che lo fa risalire alla parola "Sentinel", un agente morto da anni. Visto che i libri non li servono più, li riporta ad Alexi, che gli chiede che fine abbia fatto Irina; Jack, come sempre, glissa sull'argomento e il contatto lo informa che un aereo è pronto a recuperare Syd e Vaughn. I due, intanto, sono nuovamente nel bagno della casa e notano che nella lotta l'orologio si è rotto, così non avranno più modo di comunicare con l'A.P.O.; Syd è ancora colpita da ciò che Vaughn le aveva detto poche ore prima, capisce che l'uomo aveva programmato quel weekend a Santa Barbara anni prima, ma non erano riusciti ad andarci. Vaughn, allora, le risponde che "Karen e Dave" ce l'hanno fatta anche per loro. Tom entra in casa e spiega ai due agenti che partiranno per l'America, dove si insedieranno in diverse città per distruggere i server di alcune banche, ottenendo una realizzazione dell'ideale comunista della divisione delle ricchezze. Nel frattempo, all'A.P.O., Marshall riceve un messaggio dai tedeschi che spiega che i veri Tabakov sono stati trasferiti in un carcere di massima sicurezza, ma questa informazione viene girata un po' in tutto il mondo senza seguire particolare protocolli di sicurezza, quindi ormai lo sapranno anche gli uomini del Contingente d'Ottobre. Prova a mandare il segnale di abbandono, ma ovviamente l'orologio non lo riceve. Diane ha saputo la notizia e chiama Tom, dicendogli di uccidere uno a scelta fra Syd e Vaughn e tenere l'altro per interrogarlo. Syd, però, capisce subito che la copertura è saltata e ingaggia una lotta con Tom, proprio mentre Vaughn ha la meglio su uno degli altri vicini. I due rubano l'EMP ed escono dalla casa, dove vengono fermati da un elicottero che li tiene sotto tiro. Vaughn suggerisce a Syd di attivare l'EMP, che causa subito un arresto dei circuiti dell'elicottero, che va in avaria e cade proprio sulla casa, facendola saltare in aria. Sull'elicottero militare che li riporta a casa, Sloane li ringrazia in video chiamata per l'ottimo lavoro e spiega che l'autorità russa è soddisfatta per lo smantellamento del Contingente d'Ottobre. Poi Jack, chiusa la conversazione, spiega a Sloane che i russi stanno cercando Irina e quindi devono muoversi rapidamente.Syd e Vaughn concludono che per un po' è stato bello impersonare qualcun altro, ma Syd è felice che siano come sono, anche se sono "un po' freddi". Quando Vaughn le propone di sequestrare l'elicottero e cenare con lui a Parigi, lei accetta immediatamente e poi si baciano.

Nocturne[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Amsterdam, in un'aula scolastica, una insegnante di inglese per ragazzi stranieri fugge improvvisamente, crede di essere seguita da qualcuno che la minaccia con la pistola. Presa dal panico, la donna prende la sua pistola, la punta alla bocca e si spara. A Los Angeles Sydney e Vaughn stanno giocando ad hockey quando entrambi i cellulari squillano, si tratta di una convocazione dell'APO. Durante il briefing Sloane dice che una donna di nome Nancy Cahill si è tolta la vita, era un'agente della narcotici sotto copertura, e che prima di uccidersi ha pronunciato in olandese ad una sua alunna la frase "Vertel hen het is Grappig", ovvero "Dì loro che è divertente". Sloane riferisce che anche Jason, il marito della donna, è un agente ed è scomparso. Quindi la missione per Sydney e Jack è andare a casa loro ad Amsterdam per recuperare il maggior numero di informazioni possibili in merito. Nell'appartamento, Jack trova un computer portatile, mentre Sydney entra in un passaggio segreto che porta ad una stanza con strani disegni alla parete. All'improvviso Sydney viene attaccata alle spalle e morsa al collo proprio da Jason, subito arriva Jack e spara all'uomo uccidendolo. Al rientro, Sydney viene immediatamente sottoposta ad alcuni test per capire cosa sia successo; il suo dottore Maneesha Jain dice che i coniugi Cahill durante il loro lavoro sono entrati a contatto con una droga che ha causato loro delle allucinazioni sfociate in atti di estrema violenza. Dagli esami di Sydney sembra che tutto vada bene e riprende il servizio. Sloane dice che Langley vuole che venga trovata sia la droga e sia chi l'ha realizzata, per capire i motivi per cui è usata. Marshall si mette al lavoro sul traffico telefonico dei coniugi e comincia a ricostruire i file cancellati dal portatile recuperato ad Amsterdam. Sydney, tornata a casa, accusa strani sintomi e durante la notte comincia ad avere delle strane allucinazioni. Si misura la temperatura e il termometro indica 44 °C. Nadia rientra con Weiss e trova la sorella in piedi, chiedendole come sta, Sydney conferma che è tutto a posto. Il giorno dopo Sydney parla con Nadia dei suoi strani problemi di salute, ma le dice anche che non è nulla e per non essere esclusa dalla missione le chiede di non dirlo a nessuno. Dai file di Jason recuperati da Marshall sembra che l'uomo dovesse incontrarsi a Bucarest con un uomo chiamato "Il Conte", uno spacciatore di droga. Sloane, nonostante alcune perplessità espresse da Dixon, manda Sydney a incontrare lo spacciatore fingendosi un'associata di Cahil. Dixon ribadisce a Sloane che è stato un errore mandare Sydney nelle sue condizioni ma Sloane è irremovibile. Marshall chiama Jack e lo informa che il periodo di incubazione della droga è di alcuni giorni, come un virus, e nel frattempo la droga altera permanentemente il cervello. Sydney intanto continua ad avere delle allucinazioni. Jack si accorge della cosa e dice a Vaughn di sorvegliare Sydney. Sydney entra con Jack e Vaughn nel locale di Bucarest per cercare "Il Conte". La squadra riesce a catturare lo spacciatore in modo da poterlo interrogare. "Il Conte" confessa di aver recentemente consegnato a Jason dei campioni di una potente droga chiamata "Nocturne", inoltre riferisce che la droga veniva da Praga e si trattava di un vecchio campione scaduto che doveva essere distrutto. Nadia durante le ricerche di un eventuale antidoto per il "Nocturne", scopre l'esistenza del gruppo Grappig, riferendosi alle ultime parole di Nancy Cahill prima di morire. il Grappig è un'affiliazione di scienziati e biochimici guidata dal dottor Letuza. Nancy aveva scoperto da dove proveniva la droga, ma purtroppo non aveva fatto in tempo a salvarsi. Vaughn pensa che a Praga ci possa essere un antidoto. Arrivati a Praga, Vaughn entra nel laboratorio in cerca dei file di Letuza. Sydney nel frattempo presa dalle allucinazioni teme che Jack possa ucciderla come ha ucciso la madre Irina. Perciò gli chiede per precauzione di essere legata prima di impazzire del tutto. Purtroppo la situazione degenera infatti, Sydney riesce a liberarsi prendendo il coltello del padre. Vaughn intanto riesce a trovare le fiale con l'antidoto e torna al furgone, ma non c'è più nessuno. Ad un tratto vede Sydney in lacrime davanti a suo padre privo di sensi. Sydney afferma di averlo ucciso. Ad un tratto estrae una pistola e minaccia Vaughn, accusandolo che il loro rapporto è un gioco crudele a sue spese e che teme che Vaughn la tradirà ancora. Sydney spara a Vaughn, ma la pistola non è carica, fortunatamente Jack l'aveva scaricata. Sydney e Vaughn iniziano a lottare tra loro e Sydney sembra avere la meglio, ma Jack si rialza e riesce a bloccare Sydney. Subito Vaughn inietta l'antidoto per il "Nocturne" a Sydney. Tornati a Los Angeles, Sloane informa la squadra che l'Interpol ha compiuto un raid nei laboratori di Letuza eliminando ogni possibile minaccia del virus. Sloane alla fine ammette con Dixon che mandare Sydney in missione è stato un grave errore tattico. Dixon però questa volta molto arrabbiato afferma di non aver mai capito in 11 anni la vera natura criminale dell'SD-6 perché non avrebbe mai immaginato che potesse esistere una persona così tossica come Sloane. Dixon promette, che quando le vere motivazioni di Sloane verranno alla luce, gliela farà pagare. Vaughn va a trovare Sydney ormai guarita all'ospedale. I due si baciano e Sydney vede un ragno sul suo letto; lei pensa che siano ancora allucinazioni, ma Vaughn rassicurandola, lo allontana e le dice che i ragni portano fortuna.

Ribellione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Vaughn si incontra in un locale in Irkutsk con Anatoly Grodsky, il quale lo informa che la Russia ha prodotto un potente esplosivo chiamato "Black Thorine". Grodsky gli dice che pensa che il suo superiore lo abbia rubato e poi venduto, perciò consegna a Vaughn il numero di conto bancario dell'uomo. All'improvviso entrano nel locale dei soldati e nonostante l'intervento di Sydney, Grodsky rimane ucciso. Sydney, tornata a casa, trova Sloane e Nadia insieme. Sydney si arrabbia e caccia Sloane, dicendo a Nadia che di Sloane non ci si può fidare. Nadia capisce che Sydney non ha ancora superato il passato e lo accetta anche se con difficoltà. Alla sede dell'APO Sloane, dopo una verifica sui numeri di conto recuperati dalla missione, scopre che il denaro è stato depositato nel conto da Boris Tambor, un magnate petrolifero nonché trafficante d'armi. L'uomo si trova a Montecarlo, e Jack dice che ogni sera alle 21.00 ha la sua consueta partita a poker. La loro missione consiste nel recuperare informazioni dal suo palmare e scoprire dove si trova il "Black Thorine" e come pensa di utilizzarlo. Sydney parla a Dixon e gli confessa la difficoltà di lavorare con Sloane. Anche per Dixon non è facile, infatti le confessa che sogna la sua defunta moglie ogni notte, e la donna gli dice sempre di fare la cosa giusta, ecco perché riesce a lavorare con Sloane, non ignorando il passato, ma prendendo nel presente la decisione giusta. Sydney e Nadia al poligono di tiro parlano di Sloane e Sydney dice di capire Nadia e il suo desiderio di conoscere Sloane, come lei aveva bisogno di conoscere meglio sua madre Irina. La squadra a Montecarlo, tramite una microcamera, riesce a vedere Tambor, che a quanto pare quella sera non andrà a giocare a poker come di consueto, ma vedrà una partita di calcio alla televisione. Nadia e Sydney riescono a capire da alcuni particolari nella camera che Tambor sta con una donna, immaginando che quest'ultima sarà annoiata, perché Tambor preferisce guardare la partita durante la loro ultima serata a Montecarlo. Nonostante Sloane non sia d'accordo, Sydney e Nadia si vestono eleganti in abito da sera e trovano la donna al bancone del bar. Sydney e Nadia "agganciano" Bridget, e dopo aver bevuto un po' vanno con lei nella sua suite, superando la sicurezza. Mentre Bridget si cambia, Nadia e Sydney riescono a recuperare i dati e fuggire senza problemi. Al rientro a Los Angeles, Sloane è arrabbiato perché le ragazze hanno corso un grande rischio disubbidendo ai suoi ordini. Sydney si arrabbia quando l'uomo definisce "inaccettabile" quanto accaduto, affermando che ogni cosa le ricorda Francie e Danny, che non ci sono più proprio a causa di Sloane. Marshall intanto è riuscito a recuperare i dati raccolti dal palmare di Tambor, scoprendo che l'uomo venderà il Black Thorine sul suo yacht, chiamato Argento, che sta navigando in acque turche nel Mar Nero. L'esplosivo è nascosto in una cassaforte, così Marshall consegna a Sydney un dispositivo che le permetterà di rilevare la combinazione della cassaforte attraverso gli abiti dell'uomo. Jack chiede a Sloane di permettere a Sydney e Nadia di lavorare insieme anche in questa missione. Sloane accetta anche se non è d'accordo. Sydney e Nadia nel Mar Rosso si imbarcano di nascosto sull'Argento. Sydney usa il dispositivo di Marshall mentre Tambor sta trattando con l'acquirente. Sloane riconosce nell'acquirente Leo Orissa, capo di un'organizzazione criminale russa e suo vecchio collega quando dirigeva l'SD-6. Nadia apre la cassaforte e scopre che non c'è semplicemente una fiala, ma è piena di flaconi di "Black Thorine". Orissa uccide Tambor con l'aiuto della sua complice Bridget, la fidanzata di Tambor, mentre Sydney e Nadia scappano e si tuffano in mare con una bombola di ossigeno. Sloane ha un piano per recuperare comunque l'esplosivo. Dice a Sydney che dovrà fidarsi di lui e le dice di tornare a bordo mentre Nadia dovrà eliminare guardie che si trovano sullo yacht, Sydney va da Orissa e gli dice di lavorare per Arvin Sloane, cosa che fa impallidire Orissa. Sydney guidata da Sloane dice di voler conoscere la locazione ucraina del laboratorio dove si produce il "Black Thorine", così dopo le minacce ricevute l'uomo confessa. Bridget arrabbiata, spara ad Orissa, uccidendolo dopo l'informazione preziosa che ha rivelato, e inizia una colluttazione con Sydney che riesce ad avere la meglio grazie all'aiuto di Nadia. Nadia dice a Sydney che è sempre stata sola, e che adesso è lieta di lavorare in squadra. A Los Angeles, Sloane consiglia un trasferimento a Sydney data la sua difficoltà a lavorare con lui, ma lei decide di restare all'APO anche se non lo perdonerà mai per quello che ha fatto alle persone che amava.

Echi[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

All'APO Sloane è costretto a cedere provvisoriamente il comando della sezione a Jack, dato che la loro imminente missione coinvolge un agente di cui non è autorizzato ad occuparsi, a causa di precedenti accordi fatti con la CIA. Jack dice che l'obiettivo della loro prossima missione coinvolge una vecchia avversaria di Sydney, Anna Espinosa, ex-agente del Direttorio K e seguace di Rambaldi, che era ritenuta morta fino a quel momento. Anna Espinosa dovrebbe ricevere qualcosa da un associato, Milos Sabine, a Bruxelles. Sydney, Dixon e Marshall dovranno assistere all'incontro di Anna ed arrestarla se si presenterà l'opportunità. Sydney e Nadia escono a pranzo e mentre parlano di Anna, Nadia dice di aver visto qualcosa di orribile quando è entrata in connessione con Rambaldi tramite Sloane. Ha avuto una visione in cui lei e Sydney si puntavano la pistola una contro l'altra, poi lei sparava ed uccideva Sydney, che non sembrava sorpresa, come se avesse saputo la sua sorte. Ad un tratto Sydney riceve una telefonata e si allontana per andare a rispondere: è Anna, che proprio dietro Nadia, le punta una pistola. Anna rapisce Nadia e ordina a Sydney di fingersi lei per l'incontro a Bruxelles. A Bruxelles, Sabine afferma che prima dello scambio, vuole che lei uccida un uomo, Willem Karg, che si trova nel bar di un albergo, e di portare come prova una fotografia del corpo ed il suo dito indice della mano destra entro 40 minuti. Sydney fingendosi una prostituta, attira Karg nella sua camera d'albergo, dove si trovano Vaughn e Dixon ad aspettarli. Dixon e Vaughn tagliano il dito dell'uomo per salvargli la vita, poi truccano l'uomo con del finto sangue per scattare una foto del "cadavere", così lo scambio va a buon fine. Anna nel frattempo marchia con il fuoco il collo di Nadia con il simbolo di Rambaldi. Marshall identifica il campione ritirato da Sydney come il "Composto Dante", un raro composto che mescolato con gas ed altri agenti chimici li muta. Marshall crede che Anna lavori per il Fronte Rivoluzionario Cadmus (FRC), che ha rapporti molto stretti con la vecchia Convenzione. L'FRC cerca da un anno di acquisire il composto per costruire una bomba chimica, e propone di parlare con Sark, che è l'unico uomo che aveva legami stretti con la Convenzione. Sydney non pensa che dovrebbero dare a Nadia una copia del Composto Dante, perché ciò potrebbe provocare la morte di Nadia. Sloane afferma che Anna non ucciderà Nadia, dato che non è il suo destino. Sydney capisce che è sempre Rambaldi alla base di tutto. Anna e Sydney si incontrano in una boutique di Beverly Hills per lo scambio del campione ritirato, all'incontro c'è anche Nadia. Nonostante qualche difficoltà Sydney riesce a liberare Nadia. Nel frattempo Vaughn va da Sark, rinchiuso nel penitenziario federale. Vaughn gli chiede come mai l'FRC ha cercato più volte di contattarlo. Sark non risponde e Vaughn lo informa che sarà trasferirto al penitenziario Alder, un carcere di massima sicurezza dove Sark passerà i suoi giorni in isolamento ed al buio. Sydney torna all'APO con Nadia. Il dott. Jain dopo averla visitata, dice che potranno sistemare la pelle del collo di Nadia dove Anna ha eseguito la marchiatura. Nadia riferisce a Sydney che Anna ha affermato che lei e Sydney si sarebbero divise. Sydney spiega allora che, secondo la loro madre Irina, il simbolo di Rambaldi è spiegabile come le due figlie ai lati, ed al centro l'oggetto su cui le due si daranno battaglia, e soltanto una delle due sorelle sopravviverà. Sydney dice che alcune delle predizioni di Rambaldi purtroppo hanno avuto effetto, ma che lei non ci crede, e le persone che ci credono sono pericolose. Jack inietta a Sark, mentre dorme, un dispositivo di tracciamento con una carica esplosiva. Mentre ha luogo il trasferimento notturno di Sark, viene simulato un attacco al veicolo. Un uomo dà a Sark una moto e gli ordina di recarsi al Quartier Generale dell'FRC: l'APO lo seguirà per scoprire dove si trova. Sydney scopre di un incontro tra l'FRC e Vorich, l'amministratore di un'azienda chimica russa. Sydney pensa che Anna si trovi lì. Jack le dice di andare là con Nadia per sorvegliare la situazione, perché se Vorich si trova lì, potrebbe avere un campione di gas. Sloane teme che, se Sydney e Nadia andranno in missione insieme e Anna è da quelle parti, soltanto una delle due sorelle ritornerà. Marshall intanto riesce a rintracciare Sark a Johannesburg e parte subito una squadra di attacco. La squadra APO irrompe in quello che crede il Quartier Generale dell'FRC, ma purtroppo all'interno c'è soltanto Sark in una stanza vuota con una bottiglia di champagne. Sark accetta di localizzare l'FRC ma vuole qualcosa in cambio. In Estonia, Nadia e Sydney trovano Vorich, che viene ucciso da Anna. Nadia lotta con Turner mentre Sydney insegue Anna. Turner cade sul suo stesso cortello, Nadia lo rigira finché l'uomo le rivela poco prima di morire il motivo per cui l'FRC sta assemblando la bomba. Sydney pensa di aver trovato Anna, ma in realtà si tratta di Nadia che subito viene colpita alle spalle proprio da Anna e cade a terra.

Un uomo di parola[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nadia è all'ospedale ancora viva tenuta in coma tramite farmaci, Sydney dice a Sloane che Anna ha la bomba. Sark viene portato all'APO, dove deve fornire informazioni sulla bomba. Sark dice che Ushek San'ko, capo dell'FRC (Fronte Rivoluzionario Cadmus), acquisterà la bomba da Anna. Sark decide di aiutarli a recuperare la bomba a patto che gli venga concesso di vedere il corpo di Lauren Reed, e che anche Vaughn sia presente: Sark afferma che dopo il tempo trascorso in prigione è diventato "un uomo di parola" e non li tradirà. Il corpo di Lauren non è in un cimitero qualsiasi ma in un obitorio della CIA, per evitare che, dopo quanto accaduto, la sua morte diventasse di pubblico dominio. Vaughn apre la bara, e Sark, guardando la posizione dei fori del proiettile, dice che è stato Vaughn ad ucciderla. Sloane parlando con Sydney, dice che secondo la profezia di Rambaldi, Nadia non morirà per mano di Anna. Ad un tratto Anna riesce ad entrare nell'ospedale proprio per uccidere Nadia, ma non riesce ad ucciderla perché Sloane aveva trasferito la figlia in un'altra camera. Sydney tenta di catturare Anna, ma lei riesce a scappare lanciandosi da una finestra dell'ospedale legata ad un tubo dell'idrante. Nel frattempo Marshall osserva il nastro della registrazione della confessione di Turner a Nadia, riguardante il motivo per cui l'FRC sta assemblando la bomba, scoprendo che Anna era là ed aveva assistito alla confessione fatta dall'uomo in fin di vita. Ecco perché Anna voleva uccidere Nadia. Vaughn, Sydney e Sark vanno a Venezia per incontrare Ushek San'ko in un night-club. Sydney deve travestirsi come fosse Lauren per accompagnare Sark. Sydney per essere credibile deve inoltre dimostrare a San'ko la sua intesa sessuale con Sark e lo fa baciandolo e dandogli un morso sul labbro. Ad un tratto San'ko viene ucciso da un proiettile sparato da Anna, così Sydney ammanetta Sark ad una ringhiera e con Vaughn la inseguono. Anna nel frattempo fa liberare Sark ed estrae il dispositivo di tracciamento esplosivo inserito nel collo dell'uomo. Anna, rientrata con Sark, gli propone una collaborazione, dice di aver ucciso San'ko perché non avrebbe pagato abbastanza per la bomba. Anna vuole adesso contrattare con un compratore francese, Michel Guinot, trafficante d'armi e conoscente di Sark. Jack per avere informazioni su Anna decide di risvegliare Nadia dal coma farmacologico, così Jack riesce ad avere da Nadia le preziose informazioni che le aveva rivelato Turner. In questo modo Sydney e Vaughn riescono a rintracciare Anna. nel frattempo il dottor Jain però trova nel sangue di Nadia la droga che le è stata iniettata, e lo riferisce a Sloane. Sark e Anna incontrano Guinot a Venezia per lo scambio, ma Sydney e Vaughn intervengono in tempo, così mentre Vaughn recupera la bomba, Sark riesce a fuggire, bloccando però Anna. Sydney raggiunge Anna e lottano furiosamente fino a quando Sydney riesce ad ammanettare Anna, puntandole contro la pistola. A Los Angeles, Sydney va a trovare Nadia in ospedale, e trova nella sua stanza Weiss che fa dei giochi di magia per Nadia. Sloane parla con Jack accusandolo del rischio che ha fatto correre a Nadia con il suo gesto di risvegliarla prematuramente. Jack afferma di aver fatto quello che era necessario, provocando anche Sloane in merito alla profezia di Rambaldi secondo la quale non era il momento che Nadia morisse. Sloane comunque riprende Jack per aver messo in pericolo la vita della figlia e subito Jack risponde dicendo che Sloane mette in pericolo costantemente la vita di Sydney.

L'indice[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

All'APO Sydney, Weiss e Nadia discutono del compleanno di Nadia, la quale però si dimostra contraria a festeggiarlo, visto che la data di nascita le è stata attribuita dall'orfanotrofio. Sloane organizza un briefing e informa la squadra dell'Indice Blackwell, un disco criptato rubato alla CIA, che lo stava studiando. Il disco contiene informazioni incriminanti contro molti agenti governativi e uomini di potere e nessuno è mai stato in grado di leggere il disco, perché criptato tramite un difficile codice di protezione. La missione consiste nel rubare dalla stanza delle prove di un distretto di polizia parigino un disco Decoder. Vaughn deve partire d'urgenza per l'Arizona e visitare suo zio Charlie che è in ospedale in coma. Dixon parla con Sydney, dicendole che non si fida di Sloane per cui controlla tutto quello che fa ed ha persino installato un controllo della linea dell'ufficio di Sloane. Dixon inoltre afferma di aver intercettato una telefonata di Sloane a Miles Devereaux, un ex-membro dell'Alleanza dei Dodici. Dixon informa dei suoi sospetti la direttrice Hayden Chase, che dice di aver bisogno di maggiori prove per poter intervenire. Dixon perciò chiede aiuto a Sydney per riuscire a decodificare le conversazioni di Sloane. Nel frattempo, in Arizona, in ospedale, un'infermiera di nome Rosemary dice a Vaughn che suo zio Charlie parlava frequentemente di Bill, padre di Michael. Rosemary consegna inoltre a Vaughn una busta che suo zio voleva consegnare al padre Bill. La busta contiene la chiave di un armadietto alla stazione degli autobus, dove Vaugn trova un diario di suo padre in cui ci sono pagine datate fino al 1982 mentre suo padre teoricamente è morto 3 anni prima! Per impedire a Sloane di recuperare il decoder corretto, Sydney mostra a Dixon un masterizzatore di mini-dischi, creato da Marshall, che servirà a realizzare una copia corrotta del Decoder. Nella missione a Parigi, Sydney, vestita da punk americana, si farà arrestare mentre danneggia la vettura di Weiss. Dixon si presenta come avvocato americano di Sydney alla stazione di polizia, dove neutralizza la guardia con un tranquillante. Nadia, collegata alle telecamere del distretto, guida dall'esterno Sydney, che così trova il Decoder. Sydney riesce a cavarsela, salendo su un elicottero pilotato da Weiss. Rientrata all'APO, Sydney convince Sloane, che la rimprovera per la sua imprudenza durante la missione. Sydney informa Sloane del compleanno di Nadia che così organizza a casa sua una cena per festeggiarlo. Alla cena partecipano anche Jack, Weiss e Sydney, la quale riceve una telefonata da Dixon e fingendo che si tratti di Vaughn si alza da tavola e va a parlare nello studio di Sloane, dove accede al suo telefono criptato e trasmette a Dixon le conversazioni criptate dell'uomo con Devereux. Le conversazioni in effetti rivelano il contatto di Sloane con Deveraux, ed un'implicita ricostituzione dell'Alleanza. Mentre Sydney sta per lasciare lo studio di Sloane viene sorpresa da Nadia, che l'accusa di averla usata con il pretesto di festeggiare il suo compleanno, ma Sydney le spiega la situazione. Dixon, portando le conversazioni decodificate di Sloane, convince la direttrice Chase che Sloane va fermato. Così Sydney, Nadia, Dixon e la Chase partono per Bruxells e pedinano Sloane mentre entra in un edificio abbandonato. All'interno dell'edificio Deveraux presenta ad un gruppo di uomini l'Indice Blackwell, che va decriptato usando il Decoder che è adesso in possesso di Sloane. Sydney, Dixon e la direttrice Chase irrompono nell'edificio, lasciando Nadia a controllare il perimetro esterno. I tre trovano Sloane da solo in una stanza che con un portatilea distanza controlla l'incontro dei membri dell'Alleanza con Jack. Sydney capisce che Jack è in pericolo perché ha il falso Decoder, infatti quando Devereaux se ne accorge inizia a picchiare Jack. Nadia, tempestivamente avvertita, irrompe con la sua auto nell'edificio, uccidendo i membri dell'Alleanza presenti e salvando Jack. In Arizona intanto, Vaughn cerca di parlare con suo zio all'ospedale, chiedendosi se suo padre sia ancora vivo. Vaughn incontra un'infermiera e le chiede di poter parlare con la sua collega Rosemary, ma scopre che nell'ospedale non lavora nessuna infermiera con quel nome. Rientrato a Los Angeles, Sloane, inserisce il Decoder nel suo portatile, riuscendo a decriptare l'Indice Blackwell. Sloane chiama subito Jack e gli dice che adesso hanno tutto ciò di cui hanno bisogno.

La strada di casa[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un ristorante di Parigi Sydney sta trattando con un suo contatto per avere un microchip, ma all'improvviso l'uomo viene ucciso. Anche Vaughn era di supporto nella missione e salva Sydney. Appena Sydeny e Vaughn riescono a bloccare l'uomo, questo si uccide tagliandosi la gola con un coltello. Tornati a Los Angeles all'APO, Sloane dice che le informazioni scaricate dal microchip rivelano l'esistenza di un dispositivo di tracciamento biometrico in corso di sviluppo in Austria, se questo venisse collegato ad un'arma, il dispositivo potrebbe tracciare un individuo in base ad un campione di DNA o ad una scansione biometrica. Sloane riferisce inoltre che il cecchino che ha ucciso il loro contatto, lavorava per Sasha Korjev, un trafficante d'armi che sta costruendo una nuova arma di localizzazione. Sydney deve andare a Salisburgo e recuperare il pericoloso dispositivo. Sloane delega a Dixon il compito di trovare Korjev, ma Jack si offre di farlo al suo posto. Vaughn parla a Weiss dei suoi sospetti sulla morte del padre, e Weiss risponde che non può essere che il padre sia ancora vivo, ma Vaughn giura che sul diario che ha ritrovato, c'era sicuramente la calligrafia del padre. Weiss consegna a Vaughn un foglio con il nome di Frank Murdoch, ex-agente delle Forze Speciali di San Diego il cui negozio è citato nel diario di Bill Vaughn. Jack dice a Sloane che la CIA vuole che Korjev sia ucciso, e che lui può arrivare più vicino a Korjev di quanto possa fare Dixon. Jack aggiunge che il suo vecchio amico Korjev avrebbe dovuto essere eliminato anni fa, quando lui ne aveva avuto la possibilità. Nel frattempo in un night club di Salisburgo, Sydney deve recuperare una tessera magnetica da un cameriere del locale per entrare nella zona dove tengono i progetti dell'arma. Così Sydney inizia a chiacchierare con un lavapiatti americano, Sam Hauser, al quale ruba la scheda, che riprogramma per avere accesso completo ai locali tramite un congegno di Marshall. Appena arriva negli uffici scopre in un rapporto che l'arma è pronta e sarà portata fuori dal Paese la mattina seguente. La sicurezza del night club scopre che Sam Hauser, il proprietario della tessera rubata da Sydney, sembra essere penetrato nei locali riservati e inizia la caccia all'uomo; Sydney viene scoperta ma riesce a bloccare la guardia e sente dal suo walkie-talkie che l'arma si trova nel magazzino Delongpre, e che le guardie danno la caccia a Sam per ucciderlo. Così Sydney lo trova e lo convince a scappare con lei per metterlo in salvo. A San Diego Vaughn va da Frank Murdoch, che gli mostra una fotografia fatta insieme al padre nel 1982. Frank dice a Vaughn che Bill è stato abbastanza saggio da sparargli alla schiena, poi ha fumato una sigaretta sul suo corpo sanguinante prima di andare via. Vaughn una volta rientrato dice a Weiss, di non aver trovato Frank. Nel frattempo a Salisburgo Sydney chiama il suo contatto per mettere Sam in un programma di protezione. Quando questo arriva per prelevarli, Sydney si accorge di essere stata tradita dal contatto, li uccide e fugge con Sam. Sydney così spiega a Sam la sua missione, chiedendogli aiuto per arrivare al magazzino dov'è nascosta l'arma e portarla a termine insieme. Jack incontra Sasha Korjev in Angola, il quale ricorda con affetto Jack come suo mentore e gli presenta la moglie Lani. Korjev dopo poco accusa Jack di averlo tradito e fatto abbandonare dalla CIA, ma Jack dice che è stato lui quello ad essere tradito e all'improvviso strangola a morte Korjev. In Austria Sydney scopre che l'arma nel magazzino è stata montata su un piccolo elicottero d'assalto, e dice a Sam di aspettarla in un furgone per recuperarla dopo poco. Sydney riesce a raggiungere l'elicottero liberandosi delle guardie, ma inavvertitamente attiva l'arma proprio contro di lei. Mentre il mini-elicottero le dà la caccia, Sydney scappa per i corridoi del magazzino e cerca di nascondersi. Nel frattempo Sam viene ferito da un uomo di Korjev mentre aspetta il ritorno di Sidney. La quale colpisce l'uomo e si fa scudo con il suo corpo ingannando il mini-elicottero che vede il volto di Sydney sotto il cadavere disattivandosi, per aver eseguito la sua missione. Sydney, dopo aver salutato Sam in partenza per gli Stati Uniti, incontra il padre Jack a Los Angeles all'APO, che le dice che andrà a cenare prima di tornare a casa, e Sydney gli propone di andare con lui.

L'orfana[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anno 1992 Buenos Aires: di notte un uomo si introduce in un orfanotrofio mentre tutti dormono e tenta di rapire una bambina che però riesce a scappare via. La bambina in questione è Nadia. Vaughn mostra a Sydney il diario del padre, chiedendole di accedere agli Archivi Operativi per trovare informazioni e successivamente grazie anche all'aiuto di Sydney, riesce a decifrare da quel diario un indirizzo di Lisbona che potrebbe aiutarlo a risolvere il mistero sul padre. Sloane durante un briefing all'APO, afferma che l'Istituto Bielorusso della Scienza ha sviluppato un componente ottico di nuova generazione, chiamato Vetro Amplificatore, in grado di amplificare un qualsiasi semplice raggio laser in un'arma potentissima. Una fazione di Giacarta ha ingaggiato un argentino, Cesar Martinez, per acquisire il laser per loro conto. Nadia conosce Cesar perché in passato i due vivevano per la strada e facevano piccoli furti insieme. Nadia comunica che Martinez è un freelance, che ha ottenuto una buona reputazione grazie all'omicidio di un agente dell'Intelligence argentina, Roberto Fox. Dunque la missione consiste nel liberarsi di Martinez ed ottenere il Vetro Amplificatore durante una festa che avrà luogo a Minsk in Bielorussia, presso l'Istituto per la Scienza. Subito dopo il briefing, Nadia in privato confida a Sydney di conoscere bene Cesar Martinez. A Minsk, la squadra arriva alla festa, Sydney si avvicina ad un architetto facendosi fare un autografo dall'uomo, perché un congegno ideato da Marshall deve recuperare e decodificare i file del progetto che si trovano nel laboratorio dell'Istituto. Sydney si fa consegnare da Nadia, una carta magnetica rubata ad uno degli scienziati. Nadia riconosce tra gli ospiti Cesar Martinez, ed ha un flashback; ripensa al passato quando Roberto Fox l'aveva ingaggiata per lavorare come spia per il governo argentino. Nadia parla in carcere con Sophia Vargas, direttrice dell'orfanotrofio in cui ha vissuto fino a quel momento, e la donna la incoraggia ad accettare il lavoro. Nadia informa subito la squadra dell'imminente pericolo e subito dopo dei cecchini sparano nel locale dove si tiene la festa, mentre Martinez va a prendere "l'amplificatore laser". Sydney nel frattempo apre la cassaforte e prende il Vetro Amplificatore, quando all'improvviso entrano Cesar Martinez ed i suoi uomini, così Martinez si fa consegnare il Vetro e chiede a Sydney per chi lavora, quando arriva Nadia dicendo che lavora con lei. Tornati a Los Angeles all'APO, Sloane rimprovera Nadia per aver tenuto segreto il suo passato con Martinez, così Nadia afferma di poter recuperare il Vetro da Martinez, non rivelando a nessuno che in realtà lei lavorava insieme a Martinez sotto la supervisione di Roberto Fox. Nadia va a Buenos Aires, incontra Cesar in un ristorante, mentre Sydney e Weiss osservano l'incontro. Martinez accetta di vendere il Vetro a Nadia a patto che lei lo accompagni al loro vecchio ufficio senza che nessuno che li segua. Nadia accetta, togliendosi l'apparecchio che segna la sua posizione e si allontana con l'uomo facendo perdere le sue tracce. Martinez chiede a Nadia se pensa ancora a Roberto Fox e lei dice di aver scoperto un terribile segreto, durante una missione aveva trovato ferito il suo partner Diego, il quale le aveva rivelato prima di morire che Roberto Fox era un criminale corrotto che li aveva convinti con l'inganno a lavorare per lui, facendo credere di lavorare per il governo. In realtà faceva rubare loro documenti governativi e Nadia era rimasta sconvolta, dato che pensava fino a quel momento di lavorare veramente per il governo. Nadia conferma i sospetti di Cesar e gli dice di aver ucciso lei Roberto, affermando che lo rifarebbe. Martinez punta verso Nadia una pistola, ma lei riesce a bloccarlo e lo cattura, in quel momento arrivano Sydney e Weiss, che riescono a trovarla grazie a Sloane. Mentre Weiss porta via Martinez, Nadia dice che il Vetro Amplificatore è nella cassaforte. A Lisbona Vaughn si reca all'indirizzo del diario di suo padre: lì trova Sophia Vargas, la direttrice dell'orfanotrofio in cui si trovava Nadia. La donna gli dice che l'unica volta in cui ha incontrato Bill Vaughn è stata quando lui è andato da lei, coperto di sangue e con Nadia in braccio. Vaughn le chiede se magari lei ricorda altri dettagli, e lei dice di aver sentito Bill pronunciare la parola "usignolo" durante una conversazione telefonica.

Quarantena[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sydney, travestita da ballerina, si incontra con un informatore all’Havana. L'uomo le dice che la Terza Fazione sta pianificando un attacco su larga scala su un bersaglio civile. Dice che in un armadietto a Los Angeles, esiste un hard disk con tutti i dettagli e Dixon che sta ascoltando lo recupera immediatamente. Purtroppo la missione viene compromessa perché l'informatore viene scoperto dal suo capo Ulrich, che assiste all'incontro e così un suo uomo tende un agguato a Sydney e la rapisce. Subito dopo Ulrich che ha di fronte Sydney e il suo traditore, spara all'uomo uccidendolo. A Los Angeles Marshall è in ritardo a causa del bambino e Sloane lo chiama sgridandolo di fare in fretta. Nel frattempo all’APO, tentano di accedere al disco recuperato ma quando l’hard drive viene connesso, esplode rilasciando un agente chimico che infetta subito il tecnico addetto al disco. Dixon accorre immediatamente a soccorrerlo, ma rimane infettato gravemente. Il sistema di sicurezza dell'APO reagisce immediatamente per rimuovere il vapore e i locali vengono ermeticamente sigillati. Finalmente arriva Marshall al parcheggio dello stabile, per fortuna in ritardo. Viene immediatamente avvertito dalla squadra della situazione e lui connettendosi alla rete del sistema antincendio vede che sono al sicuro. Vaughn chiama anche Sydney per sapere se la missione è andata a buon fine. Lo squillo del telefono sveglia Sydney, che si accorge di essere sepolta in una bara con il corpo dell’informatore accanto. Dall'APO le spiegano che devono restare in quarantena per 36 ore e non possono intervenire. Marshall che sta ascoltando la telefonata si offre volontario per andarla a recuperare, spiegando che può costruire un congegno che riceve le frequenze del suo cellulare e può localizzare la sua posizione. Marshall parte immediatamente e appena arriva all'Havana con qualche difficoltà a causa della lingua riesce a costruire il rilevatore e si mette a cercarla. Sydney nel frattempo trasmette una foto dell’informatore all’APO così che possano trovare il suo partner. Sydney ad un tratto inizia a ripetersi e dire cose strane, gli altri capiscono subito che sta velocemente perdendo le forze. Jack chiama Marshall, che ha localizzato il luogo, si tratta di un cimitero. Purtroppo il congegno di Marshall smette di funzionare e la batteria del telefono di Sydney si scarica completamente. Marshall dice a Vaughn come accedere al satellite e controllare la zona dove si trova così riescono a trovare Sydney. Marshall si mette subito a scavare e raggiunge la bara. Appena aperta Marshall si rende conto che Sydney è in gravi condizioni, infatti non respira. Marshall prova la respirazione bocca a bocca e un massaggio cardiaco per ravvivarla mentre da Los Angeles la squadra osserva con il fiato sospeso l'evolversi della situazione dal satellite. Fortunatamente Sydney rinviene. Dixon riesce a ristabilirsi, Sloane immediatamente invia le informazioni su Ulrich; hanno ancora bisogno di trovare il bersaglio del suo piano d’attacco con la pericolosa arma batteriologica. Ulrich però conosce Sydney, lei propone di mandare Marshall per trovare le vere informazioni. I due vanno a Berlino, e Sydney addestra Marshall su ciò che deve fare. Marshall entra nel locale e Sydney a distanza lo tiene sotto controllo, Marshall riesce a farsi ricevere nell'ufficio di Ulrich e si presenta come Jack Bristow. Riesce a far trasmettere le informazioni del computer di Ulrich all’APO, ma Vaughn dice che le informazioni sono criptate. Per decriptarle avranno bisogno del computer del seminterrato, protetto da uno scanner retinale. Marshall deve portare Ulrich al seminterrato cercando di caricare una mini pistola nascosta nel telefono, ma la pistola accidentalmente lascia partire un colpo e uccide Ulrich. Jack così dice a Marshall di estrarre l’occhio di Ulrich. Sydney entra immediatamente nel locale per aiutare Marshall, sconfigge le guardie, e insieme, vanno a decriptare le informazioni. Il bersaglio dell’attacco batteriologico è Hong Kong. Vaughn informa la CIA e l’attacco viene sventato. Tornati a Los Angeles, Sloane dice che la Terza Fazione è più estesa di quanto pensassero, e l’APO dovrà convalidare un centinaio di contatti sulle liste. Sydney riporta Marshall a casa, dove lui le confessa che odia mentire a sua moglie, ma capisce anche che è una parte essenziale del suo lavoro. Dopodiché Sydney va alla stazione ad attendere Vaughn, la quarantena è terminata.

Usignolo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Los Angeles. Durante la notte Vaughn si risveglia da un incubo, nel quale è sempre alla ricerca di qualcosa che abbia a che fare con Usignolo e con suo padre Bill. Non avendo trovato nessuna prova che testimoni che suo padre è ancora vivo, Vaughn si demoralizza a tal punto da voler abbandonare i suoi intenti, ma Sydney lo incoraggia a continuare offrendo anche il suo aiuto. Nel frattempo, due scienziati stanno sperimentando un particolare congegno elettronico, chiudendo un uomo vicino ad esso; nel momento in cui l'apparecchio viene attivato, l'uomo si scioglie, perché l'arma ha alterato il suo DNA fino ad ucciderlo. All'APO Sydney chiede aiuto al padre, spiegando la situazione a Jack e chiedendogli di accedere al suo computer, perché con un livello maggiore può ottenere informazioni riservate che a lei sono negate, fortunatamente lui acconsente, lasciandole usare il computer liberamente. Subito però Jack informa Sloane dell'accaduto, proponendogli di lasciarli continuare ed usarli per ottenere informazioni. Le ricerche hanno esito positivo, la parola "usignolo" la porta a due uomini: uno scienziato in Siberia di nome Josef Vlachko e Hans Dietrich, il proprietario di una lavanderia a gettoni immischiato nel mercato di armi. Vaughn non è contento di sapere che anche Jack sia a conoscenza della cosa ma accetta perché si fida di Sydney, perciò entrambi si dirigono a Monaco ed all'interno di un locale Sydney si traveste da cameriera, porta Dietrich in luogo appartato e gli ruba il suo hard drive. Rientrati a Los Angeles i due si mettono al lavoro per decifrare le informazioni del disco. Ad un certo punto Vaughn riceve una telefonata misteriosa da un uomo che gli dice che se vuole sapere qualcosa su suo padre deve recarsi in biblioteca senza avvertire nessuno, neppure Sidney; appena giunto sul luogo riceve altre informazioni, secondo le quali deve iniettarsi una sostanza che lo paralizzerà. Dopo essersela iniettata un uomo di nome Roberts lo avvicina, gli dice che gli darà informazioni sul padre, ma chiede in cambio la serpentina di Usignolo. Come promesso l'uomo gli dà per iniziare il nome di Phillip Burke. Vaughn inizia a indagare e scopre che la morte di Phillip Burke è simile a quella di Bill Vaughn, hanno addirittura la stessa struttura dentale. Nel Frattempo Jack e Sloane vogliono saperne di più sull'argomento e devono insistere con Sydney affinché convinca Vaughn a passare all'APO l'indagine. Così Jack invita Sydney per cena, e gli confida che Usignolo riguarda esperimenti molecolari che alterano i DNA dei soggetti con gli stessi marker genetici. Jack dunque incoraggia Sydney a rendere pubblica la ricerca e usare le loro risorse APO per investigare. Vaughn informa Sydney del suo incontro con Roberts. Lui nonostante qualche perplessità è d’accordo di portare il caso all’APO, ma propone anche una contro missione per recuperare la serpentina da scambiare con altre informazioni sul padre. Quindi all'APO preparano una missione e Jack, decide di andare con Vaughn e Sydney in modo da ottenere da Vlachko informazioni su dove si trova Elena Derevko prima che lo faccia Sydney, quindi eliminarlo. Arrivati in Siberia, dove si trova una base nucleare abbandonata, nonché Usignolo, Jack trova Vlachko il quale nega di sapere dove si trovi Elena; Sydney e Vaughn lavorano sulla serpentina per estrarla, ma sono sorpresi da una guardia che spara al pannello di controllo. Il sistema improvvisamente si attiva e Sydney rimane intrappolata all’interno del locale di sperimentazione. Marshall da Los Angeles tenta di annullare l'avvio dell'arma ma sembra fallire finché improvvisamente Usignolo si arresta senza motivo. Sydney consegna a Vaughn la serpentina fingendo di essere stata picchiata da lui. Più tardi Vaughn manda un messaggio a Sydney dicendo che sta bene. Jack e Sloane discutono sull'accaduto dubitando che le cose siano andate come raccontato da Sydney. Mentre Jack sta per lasciare l'APO Marshall lo rincorre e gli dice che non è stato lui a bloccare il sistema, l'unico che lo avrebbe potuto fare era qualcuno sul posto che avrebbe dovuto staccare il reattore nucleare. Realizza subito che è stato proprio Jack a rimuovere la barra d’alimentazione, salvando Sydney ma esponendosi a livelli pericolosi di radiazioni. Così Jack dice a Marshall che l'ha fatto per salvare sua figlia e che non dovrà riferirlo a nessuno.

Pandora[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante una sparatoria e un inseguimento, Dixon viene ferito da Vaughn. La scena si sposta 48 ore prima, quando Sloane convoca nel suo ufficio Sydney, dicendole di aver scoperto che ha ricevuto uno sms da Vaughn e che quindi gli dà 48 ore per contattarli prima di notificare la cosa a Langley. Nadia riceve una telefonata dalla zia Katya Derevko e va a trovarla in prigione per sapere qualcosa su Irina. Nel frattempo a Parigi Vaughn incontra Roberts, dal quale riceve delle informazioni riguardo a suo padre, promettendogli "la serpentina" che serve ad attivare un congegno creato da Rambaldi. Durante l'incontro gli vengono mostrate delle foto che attestano che il padre Bill è ancora in vita ma per proseguire nelle ricerche ed avere altre notizie è costretto ad aiutarli a recuperare un prezioso manoscritto. Più tardi, Nadia dice a Sydney della sua visita alla zia che ora è ricoverata all'ospedale per una reazione allergica dovuta al cioccolato. Sydney per mettere in guardia Nadia le rivela che la madre aveva assoldato un killer per ucciderla, poi va da Katya per dirle di lasciare in pace Nadia. Katya le dice che sua madre non avrebbe mai voluto ferirla e le confida che Irina voleva vendicarsi, perché era risalita a colui che realmente aveva pagato il killer. Sydney, sotto richiesta di Katya, recupera un carillon e scopre un codice che porta al numero di un conto in banca registrato sotto il nome di “A. Sloane” e dimostrerebbe che proprio lui la voleva morta. Dopodiché Sydney ritorna da Katya e le fa promettere di non dire mai nulla a Nadia. All’APO Marshall segretamente fa un test a Jack per scoprire se ci sono effetti dovuti alla prolungata esposizione alle radiazioni, avvenuta durante la missione "Usignolo"; i risultati mostrano una mutazione genetica in corso su larga scala, e Marshall cerca inutilmente di convincere Jack a farsi visitare da un dottore immediatamente. Vaughn nel frattempo con una partner del gruppo, si intrufola in un ospedale con gli alias di un marito con la moglie ferita, e poi di un dottore e di un'infermiera, riuscendo a rubare un laser che servirà al furto del manoscritto. Vaughn organizza un piano per fare l'assalto al furgone che lo trasporta, ma non sa che la supervisione del trasporto del manoscritto di Rambaldi è affidata a Dixon. Il gruppo si mette subito in azione e Vaughn con la sua partner, utilizzando il laser rubato, si intrufola nel furgone; successivamente il furgone viene bloccato e inizia una sparatoria. Durante la fuga alcuni membri della banda vengono feriti e anche Dixon viene colpito proprio da Vaughn (ma volutamente nel giubbotto antiproiettile). Vaughn rientra con il manoscritto e attacca Roberts, lo picchia finché non gli rivela che il padre di Vaughn è morto davvero nel 1979 e che tutte le prove sono state create apposta. Vaughn chiede a Roberts per chi lavora, e lui risponde che lavora per Sloane. Rientrato a Los Angeles, Vaughn racconta a Sydney che il padre è morto nel 1979 e non può essere altrimenti, perché suo padre non avrebbe mai abbandonato le persone che amava e lo sa perché lui è come suo padre. Le dice inoltre che alla base dell’inganno c'è Sloane, e che lo ucciderà. Successivamente a Santiago in Cile, un uomo va da “Mr. Sloane” e gli dice che non hanno recuperato il manoscritto. Mr. Sloane replica che niente è cambiato e che procederanno come pianificato. Questo Signor Sloane somiglia molto al direttore dell'APO, ma non è lui.

Un altro signor Sloane[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Cracovia atterra un aereo, la dott.ssa Maggie Sinclair, un fisico nucleare viene rapita da uomini che si erano finti personale dell'aeroporto. La donna si ritrova legata ad una sedia in un magazzino e incontra Arvin Sloane, o meglio, uno che gli somiglia molto. Il finto Sloane costringe la donna a costruire uno dei progetti di Rambaldi. La donna, guardando il progetto sul manoscritto, dice che manca un pezzo essenziale per farlo funzionare, la serpentina. Nel frattempo Vaughn e Sydney dicono a Jack che Sloane è il responsabile dell’inganno riguardante il padre di Vaughn, e che ha persino incastrato Irina così che Jack la uccidesse. Jack subito incontra Sloane minacciando di ucciderlo per essere stato preso in giro, Sloane nega tutto, dice di non centrare nulla. Sydney propone di far identificare Sloane a Roberts e vedere se lo conosce veramente; Roberts rimane stupito per la somiglianza, ma dice che quel Signor Sloane non è l’uomo per cui lavora. All’APO Sydney suggerisce di usare Roberts e la serpentina per rintracciare l'altro signor Sloane e combinare un incontro. Il quale viene fissato in un albergo e mentre Sydney pedina Roberts che sta salendo in ascensore vede un uomo molto simile a Sloane che scende e capisce subito che qualcosa non va. Così Sydney informa immediatamente l'APO, ma dopo qualche secondo un'esplosione fa precipitare l'ascensore e Roberts rimane ucciso nell'impatto. Nel frattempo l'altro Sloane con uno dei suoi uomini recupera la serpentina dai resti dell'ascensore, quando arriva Sydney è già troppo tardi e non le resta che comunicare il decesso di Roberts. Successivamente all’APO, Sloane ritiene che trattandosi di Rambaldi e di uno che si comporta come lui, debba evitare qualsiasi altro coinvolgimento in questa faccenda, ma Sydney, ricordando la somiglianza con l’impostore, dice che solo lui può anticipare le mosse del falso Sloane. Mentre Sloane riguarda i manoscritti conservati al DSR, Nadia inizia a preoccuparsi e racconta a Sydney di come la passione di Sloane si sia impossessata di lui, infatti quando si trovavano a Siena, lui era talmente preso da quello che faceva da sembrare un'altra persona. Nadia però accetta la situazione perché Sloane ha garantito che quella parte della sua vita è definitivamente conclusa. Sloane dopo le verifiche sui manoscritti mette al corrente la squadra affermando che l’impostore sta costruendo una fonte d’energia, benché non sappia quale sia il suo reale utilizzo. Sloane inoltre dice che il piano richiede un prodotto chimico particolare lo Xanthium 242; avendo parlato lui stesso con un suo contatto in grado di fornirlo, ha potuto apprendere che gli è stata recapitata un'ordinazione proprio da parte di Sloane. Nadia esprime la sua ansia, ma Sloane la rassicura ancora dicendole che lei è la cosa più importante. Sloane, quello vero, così va in Sicilia e si incontra con il suo contatto Ignazio, e gli conferma che il giorno dopo dovrà consegnare proprio a lui quel prodotto. Così facendo riesce a scoprire anche che la spedizione è diretta a Santiago, in Cile. Così Travestiti da spedizionieri, Sloane e la squadra entrano nello stabilimento del finto Sloane, dove si separano; Sloane e Sydney si devono introdurre nel laboratorio, mentre Vaughn, Nadia e Weiss devono salvare la dott.ssa Sinclair. Sydney non riesce a trovare la password per accedere al laboratorio così Sloane le fa provare con la password "Jacquelyn" e funziona, i due trovano la fonte di energia caratteristica di Rambaldi, un'enorme sfera rossa che ruota sospesa nel vuoto su dei magneti. Vaughn li informa che il falso Sloane e i suoi uomini stanno scappando, così Sydney li insegue e alla fine riesce a liberare la dott.ssa Sinclair, mentre tuttavia il finto Sloane riesce a scappare. Il braccio destro del finto Sloane entra nel laboratorio, e scambia il vero Sloane per il suo capo, così Sloane gli spara al ginocchio e gli chiede sia cosa sta succedendo e sia perché stanno facendo questo esperimento. L'uomo parla di qualcosa relativo all'immortalità, allora Sloane si arrabbia e lo picchia selvaggiamente fino alla morte. Nadia arriva al laboratorio, vede il congegno di Rambaldi e Sloane pieno di schizzi di sangue. Nonostante lui le dica che ora è tutto finito Nadia è comunque sconvolta.

Con la coscienza pulita[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un uomo di nome Alexander fa esplodere l’ambasciata Indonesiana di Copenaghen. Sloane informa dell’attacco terroristico la squadra all'APO e incarica Sydney e Vaughn di trovare informazioni sul prossimo attentato. Sophia era la direttrice dell'orfanotrofio dove Nadia è stata da piccola, la chiama dicendole che verrà a trovarla a Los Angeles. All'aeroporto, quando Nadia e Sydney vedono Sophia, è su una sedia a rotelle ed è stata picchiata selvaggiamente. Sophia in seguito dice che già da giorni c'era qualcuno che la seguiva e il giorno prima di vederle l’avevano aggredita. Sloane si serve dell'incontro con la donna per prendere la sua impronta digitale, per fare delle ricerche su di lei. Nel frattempo Jack è dal medico per tenere sotto controllo la malattia contratta per salvare la vita a sua figlia durante la missione in Siberia. Il dottore parla con Jack e gli spiega che nonostante le cure, che possono allungargli la vita, non c’è più niente da fare. Sophia regala a Nadia un ciondolo che rappresenta il patrono dell’orfanotrofio. Vaughn e Dixon nel frattempo intercettano Reims (agente CIA sotto copertura che da tempo non li contatta) ad Amsterdam e gli confessa che Milos Kradic vuole comprare un’arma batteriologica chiamata Hydrosek, un veleno che potrebbe distruggere interi ecosistemi ed uccidere anche mezzo milione di persone. Intanto Dixon si mette d’accordo per sventrare il prossimo attacco terroristico. Sloane riceve i dati da Marshall della ricerca che gli aveva affidato su Sophia, così scopre la verità sul passato di Sophia e che gli uomini che l'hanno aggredita cercavano Nadia. Nel frattempo Dixon e Vaughn catturano l’Hacker che doveva incontrare Kradic. Sydney scopre tramite Marshall che Sloane ha fatto ricerche su Sophia e lo mette in guardia dicendogli di stare attento a non far soffrire Nadia. Dixon nei panni dell’Hacker, procede con la sua missione ed entra nel gruppo di Kradic. L’avanzare della malattia di Jack lo porta a perdere la memoria, così non ricordando che il suo dottore gli aveva impiantato una capsula per regolare la medicina che prende, se la toglie. Il dottore accorgendosi che Jack sta perdendo la memoria rapidamente, a causa della sua malattia, gli consiglia di dire la verità a Sydney finché è in tempo e di avere la coscienza pulita per il giorno in cui la dovrà lasciare. Kradic scopre che nel gruppo c’è un infiltrato di nome Dixon, così Remis si sacrifica facendosi sparare per non compromettere la missione APO. Jack e Sloane decidono di raccontare a Nadia e Sydney la verità sulla sorella di Irina cioè Elena, la peggiore e la più pericolosa delle sorelle Derevko. Sembrerebbe che Elena, sparita da 30 anni, da tempo stia tenendo sorvegliate sia Nadia che Sydney ed abbia cattive intenzioni. Sophia nel frattempo, grazie al ciondolo regalato a Nadia, spia la conversazione fra Sloane e gli agenti dell’APO.

Miraggio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Vienna, Sydney va in missione con Dixon e Vaughn, finge di essere la cameriera del locale dove Kradic deve ricevere l’Hydrosek, un’agente tossico. Intanto all'APO Sloane si accorge che stranamente Jack, senza alcun motivo, non è ancora venuto al lavoro. Nel locale di Vienna un uomo misterioso con gli occhiali, che ha seguito Kradic da Amsterdam, piazza esplosivi all'interno del night-club. Vaughn, che controlla la situazione dal bar, vede due uomini con una valigetta contenente l'Hydrosek. L'uomo con gli occhiali mette un bicchiere sul vassoio che ha in mano Sydney, la quale subito si accorge che si tratta di una bomba e lo getta in un angolo vuoto del locale. La bomba esplode, e l'uomo con gli occhiali fa esplodere anche le altre. Subito nel locale scoppia una guerra, l'uomo riesce ad impadronirsi della valigetta con l'Hydrosek e fugge, ma Sydney lo insegue e Kradic riesce a impossessarsi della valigetta e si allontana. Dixon e Vaughn lo inseguono nel seminterrato e lo bloccano: Kradic minaccia di usare l'Hydrosek nel sistema di filtraggio dell'acquedotto cittadino. Dixon finge di abbassare la pistola, e poi uccide Kradic. La squadra così rientra a Los Angeles con la pericolosa arma batteriologica. Dopo aver saputo che il suo uomo non è riuscito a recuperare l'Hydrosek, Sophia che ora soggiorna a casa di Sydney e Nadia organizza per loro una cena con i rispettivi fidanzati. Sydney e Vaughn non possono però partecipare per cercare Jack. Quindi appena Weiss e Nadia arrivano, Sophia prende gli oggetti di Nadia, tra cui il suo portatile, e li sistema in un'altra stanza dove sta già aspettando l'uomo con gli occhiali, che usando il portatile di Nadia ottiene l'accesso a tutti i documenti dell'APO senza farsi scoprire. Sydney e Vaughn, informati appunto della scomparsa di Jack, vanno a casa sua e trovano un'agenda su cui Jack registra i suoi valori vitali, così scoprono che è affetto da un malattia causata da un agente alcalino. Intanto il dottore a cui si affida Jack, gli dice che in passato aveva fatto degli esperimenti su dei topi affetti da radiazioni e iniettandogli una sostanza sono riusciti a sopravvivere e che se Jack fosse riuscito a recuperare quella sostanza, forse ci sarebbe stata una speranza anche per lui. Mentre Sydney va da Marshall e scopre la malattia di suo padre, Jack chiede ad un suo contatto la sostanza che il dottore gli aveva raccomandato e che potrebbe salvarlo. Sydney va da Sloane e mobilita tutta l’APO per rintracciare suo padre che potrebbe essere in pericolo di vita. Jack intanto va dal dottore con la sostanza che dovrebbe guarirlo. L’APO grazie all'aiuto satellitare di Marshall rintraccia Jack così Sydney e Vaughn lo salvano da morte certa. Jack era in un edificio abbandonato, in una camera vuota e si stava iniettando un veleno. Jack viene subito soccorso e portato in ospedale. Vaughn all'APO, dice che Jack sembrava in preda ad allucinazioni e si è brevemente svegliato chiedendo di un certo dottor "Liddell". Sloane dice che, 25 anni prima, Atticus Liddell aveva sviluppato una tesi sul trattamento delle mutazioni genetiche, l'uomo faceva la spia per gli stati uniti in Unione Sovietica, e quando la sua copertura era saltata Jack gli aveva dato una nuova identità, facendolo sparire, dunque soltanto Jack sa dove si trova ora Liddell. Jack si risveglia in ospedale e parla con Sydney chiamandola "Laura", il nome usato da Irina Derevko ai tempi del loro matrimonio. Sloane ha un'idea, propone di sfruttare le allucinazioni di Jack convincendolo di vivere nel 1981, e più precisamente il giorno in cui ha recuperato Liddell dalla Russia, ricreando l'ambiente familiare di quel periodo. Così lo stesso Jack potrebbe rivelare il luogo dove ha nascosto Liddell e poterlo curare sul serio. Sydney così interpreta il ruolo della madre Irina, entra in una casa ricostruita per riprodurre esattamente l'appartamento di Jack e Irina quando lei era piccola. Jack così con qualche esitazione cade nel tranello e pensa di trovarsi davvero nel 1981, si convince definitivamente vedendo una bambina che somiglia a Sydney andare a suonare il piano, rivela così il posto dove è nascosto il Dottore. Sydney parte subito per la Finlandia e riporta a Los Angeles il dottor Liddel. Marshall parlando con Nadia e Weiss scopre che il trasferimento dell'Hydrosek in un luogo meno protetto tramite la loro rete interna non è stato richiesto da loro. Capendo che qualcuno è riuscito a penetrare nel sistema, Nadia e Weiss vanno nel deposito in cui è custodito l'Hydrosek e scoprono che è stato rubato. L'uomo con gli occhiali, che era venuto con Sophia, alias Elena Derevko, per commettere il furto, adesso giace morto davanti all'ingresso. Sydney porta a Los Angeles il dottor Liddel, il quale promette che lo guarirà.

Sogni...[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In Umbria, sul monte Inferno, il finto Sloane s'incontra con alcuni monaci per avere il liquido dell'orchidea, che è l'elisir di lunga vita che Rambaldi racconta nei suoi manufatti. Quest'orchidea fu portata da Marco Polo dalla Cina in Italia. Il finto Sloane discute con il capo dei monaci riguardo agli effetti che questo liquido produce sulle api rendendole pacifiche. Il monaco si rifiuta di dare il liquido al finto Sloane, così attiva un congegno di Rambaldi e fa impazzire le api, che si rivoltano contro i monaci uccidendoli quasi tutti. Il capo dei Monaci, non ancora morto, viene ricattato dal finto Sloane che ha l'antidoto per salvarlo dalla puntura delle api, ma lui si rifiuta di consegnargli il liquido e così viene ucciso. Intanto presso l'APO viene intercettato a Parigi il finto Sloane, così Dixon,Vaughn e Nadia partono per la missione e dopo aver catturato il finto Sloane, lo portano all'APO. Sotto interrogatorio rivela a Jack degli avvenimenti accaduti in passato, di cui erano a conoscenza solo loro due. Marshall scopre che i due Sloane hanno le stesse onde cerebrali ed informa gli agenti dell'APO che all'SD-6 diretto da McHallan, esisteva un programma per convincere le persone di essere altre persone cambiando le loro onde cerebrali. Dixon e Vaughn vanno a trovare McHallan, il quale conferma di aver cambiato le onde cerebrali ad un uomo somigliante a Sloane. Dopo Sloane confessa a Sydney e agli agenti dell'APO, che quando era alla Omnifam, aveva fatto mettere una sostanza nell'acqua potabile per modificare il carattere delle persone, rendendole più pacifiche. Marshall suggerisce di iniziare una terapia per ristabilire le onde cerebrali dell'uomo che finge di essere Sloane. Così il vero Sloane viene sottoposto a ipnosi, partendo dal nome Jacklyn, per fargli ricordare un sentimento molto forte che servirà per ristabilire le onde cerebrali dell'altro Sloane. In seguito si scopre che Jacklyn era la figlia di Emily e di Sloane e che era morta appena nata. Così Marshall trasmette l'impulso del forte sentimento al finto Sloane, che ricorderà il suo vero nome, Ned Bolger, un caporale dei Marines. Il vero Sloane non si vuole risvegliare perché ormai nella sua testa ha creato il ricordo di Jacklyn ed Emily, la sua famiglia. Così toccherà a Nadia parlare con suo padre per farlo risvegliare dall'ipnosi, successivamente Sloane rivela a Nadia che non si voleva svegliare a causa di tutti i crimini commessi in passato.

Discesa[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nadia saluta Sophia che può tornare a Lisbona. Intanto Vaughn chiede la mano di Sydney a suo padre, ma mentre Jack esprime il suo disaccordo per il gesto di Vaughn, entra la CIA e mette sotto inchiesta l'APO, perché sono stati rubati i manufatti di Rambaldi. Mentre la Cia controlla la casa di Nadia e Sydney, trova un microfono dentro il ciondolo che Sophia aveva regalato a Nadia, così Jack informa Sydney e Nadia, che Sophia potrebbe essere Elena Derevko. Un anno prima in Cina, Nadia e Sloane avevanointrapreso un viaggio e avevano scoperto da un informatore che a Siena esisteva un altro congegno di Rambaldi. Così Nadia e Sloane vanno a Siena, ma Nadia, dopo aver aperto il congegno, ha una visione del male che potrebbe causare quell'oggetto, così torna indietro senza. A causa di questo Sloane e Nadia litigano, ma Sloane, deciso nel suo intento, si dirige nel luogo in cui è contenuto il congegno, sfortunatamente cade in una trappola e solo grazie all'aiuto di Nadia, riesce a salvarsi. Intanto Sydney va a Cannes, e grazie ad un seguace di Rambaldi trova il posto in cui si nasconde l'uomo che può mettere insieme tutti i congegni. Sydney e Sloane perciò si dirigono in Messico, trovano il corpo dell'uomo e da una cassetta scoprono che è stato ucciso da Elena, che in questo momento si trova a Praga; così Sloane addormenta Sydney e scappa. Jack viene a sapere da Katya, che Elena era a capo della Convenzione e ha una base a Praga. Dixon, Nadia e Sydney vanno in missione a Praga e durante la missione Dixon viene ferito e portato in ospedale. All'ospedale Sydney e Nadia parlano di ciò che è successo in missione e pensano che Sloane abbia sparato a Dixon. Quando le ragazze lo vedono, Dixon rivela loro che ha visto Irina Derevko tenuta prigioniera.

Salvataggio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

18 mesi prima presso l'Ambasciata Britannica di Vienna, Jack incontra Irina ad un ricevimento. Jack le rileva che sa del sicario ingaggiato da lei per uccidere Sydney, Irina gli risponde che non era previsto che lui lo dovesse sapere. Subito Jack uccide Irina con un colpo alla fronte e lei cade in piscina. All'APO si discute riguardo all'informazione di Dixon secondo la quale Irina è viva e tenuta prigioniera; Jack parlando con Sydney giudica improbabile la cosa. L’APO indaga su Irina, se in realtà può essere ancora viva o meno. A Marshall arriva un filmato su cosa sta succedendo a Mosca; sui cieli di Mosca infatti, è stato attivato il congegno di Muller ma questa volta è grande sei isolati e può contagiare tutta la popolazione rendendola più violenta. Subito capiscono che è opera di Elena Derevko e di Sloane, così per scoprire dove si nascondono, sfruttano l'indice Blackwell, un database di informatori, per rintracciare un loro complice e ottenere delle informazioni. Prima della missione a Ibiza, Vaughn vorrebbe chiedere a Sydney di diventare sua moglie ma viene interrotto da Marshall, in seguito devono partire con urgenza per la gravità della situazione e così Vaughn non fa in tempo a chiederglielo. Vaughn e Sydney sono a Ibiza e cercano un informatore da cui sapranno che la persona che ha ucciso Jack non era la vera Irina ma un clone, quindi Sydney capisce che sua madre è ancora viva e si trova a Tikal imprigionata da Elena. Jack e Nadia raggiungono Sydney a Tikal per andare in missione a recuperare Irina. Nadia e Sydney liberano Irina, ma durante la missione vengono scoperte da alcuni soldati così iniziano uno scontro, dove Sydney casca in una trappola, ma fortunatamente viene salvata da sua madre. Giunti al punto di recupero Irina dà un cazzotto a Jack per quello che aveva fatto, e partono per Los Angeles. Durante il viaggio in aereo Irina racconta a Sydney delle torture che aveva subito da Elena per farla parlare, perché Irina era venuta in possesso di una profezia di Rambaldi che in seguito lei stessa aveva distrutto, perciò era l’unica a sapere il contenuto della profezia. Nadia parla con Irina e le rivela che lei è sua figlia. Arrivati a Los Angeles Irina viene arrestata dal caporale Chase, Sydney sapendo che l’unica a poter disattivare il congegno di Muller è sua madre, va dal Direttore per convincerla a revocare l'ordine d'arresto di Irina. Sydney convince la Chase ma ad un patto, secondo il quale Irina potrà andare in missione, ma dopo dovrà scontare il resto della sua vita in carcere. Sull'aereo per Mosca, Vaughn finalmente riesce a chiedere a Sydney se vuole diventare sua moglie, lei un po’ stupita gli risponde di si però chiede a Vaughn di richiederglielo sulla spiaggia di Santa Barbara, quando la missione sarà finita. Dopodiché Sydney, Vaughn, Jack, Irina e Nadia si paracadutano su Mosca.

Prima del diluvio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sydney, Irina, Jack, Vaughn e Nadia atterrano con i loro paracadute a Mosca e lo scenario che si presenta davanti ai loro occhi è raccapricciante. Mentre stanno perlustrando il territorio per trovare la loro squadra di supporto, incontrano Brodien, l'agente della CIA, unico sopravvissuto all'attacco di tutti gli uomini avvelenati da Elena Derevko. Brodien rivela loro che le persone infette appena vedono qualcuno lo aggrediscono e poi lo uccidono. Nel frattempo tutti insieme organizzano un piano per arrivare al congegno, che si trova oltre la metropolitana. Quando viene aperto l'ingresso della metropolitana, un uomo infetto uccide Brodien. Sloane ed Elena sanno che stanno per arrivare gli agenti dell'APO insieme ad Irina per disattivare il congegno. Sydney e Nadia sono arrivate alla sala di controllo e per far funzionare la metropolitana devono sbloccare i comandi manualmente. Marshall e Weiss riescono a scoprire, sempre grazie all'indice Blackwell, del materiale per ricattare il Ministro russo e farsi dare un codice che gli serve per poter accedere ad alcuni dati della rete Sovietica. Irina e Jack vedono un cavallo color rosso sangue e Irina dice a Jack che nella profezia di Rambaldi quando si vedranno cavalli color rosso sangue e cadranno angeli dal cielo la prescelta (Sydney) e il passeggero (Nadia) si scontreranno e solo una di loro vivrà. Mentre Sydney, Irina, Jack e Vaughn salgono sulla metro, Nadia sblocca i comandi ma viene assalita dalle persone infette, Sydney prova a salvarla ma senza risultati. La metro arriva vicino all'edificio in cui si trova il congegno, Irina tranquillizza tutti dicendo che Nadia è ancora viva anche se non sa come. Dopodiché si sentono degli spari così viene fermata la metro, tutti scendono e vedono che Sloane ha ucciso alcuni degli uomini mandati da Elena per fermare la squadra. Intanto Nadia riesce a salvarsi ed esce dalla stazione, dove vede una statua di un angelo, e soccorre un uomo che chiede aiuto; purtroppo è una trappola ed Elena la cattura. Nadia non vuole unirsi a sua zia, così Elena le inietta dell’acqua infetta rendendola violenta. Sydney va sul tetto dell'edificio dove si trova il pannello di controllo del congegno per disattivarlo. Irina con Jack e Vaughn, catturano Elena e la costringono a confessare qual è il filo da tagliare per disattivare il congegno. All'improvviso arriva anche Nadia sul tetto e si scatena contro Sydney. Sydney dopo il combattimento riesce ad immobilizzarla legandola ad una catena, ma mentre Sydney sta per tagliare il filo, Nadia riesce a liberarsi e cerca di aggredire nuovamente la sorella, ma Sloane arriva e colpisce Nadia alle spalle, salvando così Sydney, Vaughn arrivato sul tetto la aiuta. Dopo che Sydney taglia il filo avranno quindici secondi per mettersi in salvo. La squadra riesce a disattivare il congegno e a mettersi in salvo dalla massa di acqua che gli cade sulla testa dovuta allo scioglimento della sfera che sovrastava la città. A fine missione Jack fa scappare Irina per non farle scontare la pena in prigione. Rientrati a Los Angeles finalmente Sydney e Vaughn riescono a fare il viaggio verso Santa Barbara, ma mentre sono in macchina e parlano delle loro nozze, Vaughn confessa che non è stato un caso che si siano incontrati e che il suo vero nome non è Michael Vaughn. Proprio in quel momento dall'altra parte della strada arriva un camion e vengono coinvolti in un incidente.

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione