Douglas O-46

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Douglas O-46
Douglas O-46.jpg
Descrizione
Tipo aereo da osservazione
Costruttore Stati Uniti Douglas
Data primo volo 1935
Data entrata in servizio 1936
Utilizzatore principale Stati Uniti USAAC
Altri utilizzatori Filippine Philippine Army Air Corps
Esemplari 90
Costo unitario US $. 28 000
Sviluppato dal Douglas O-43
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10,54 m (34 ftin)
Apertura alare 13,94 m (45 ft 9 in)
Altezza 3,25 m (10 ft 8½ in)
Superficie alare 30,8 (332 ft²)
Peso a vuoto 2 166 kg (4 776 lb)
Peso carico 3 011 kg (6 639 lb)
Propulsione
Motore un radiale Pratt & Whitney R-1535-7
Potenza 725 hp (541 kW)
Prestazioni
Velocità max 322 km/h (200 mph, 174 kt)
Velocità di crociera 275 km/h (171 mph, 149 kt)
Velocità di salita 9,0 m/s (1 765 ft/min)
Autonomia 700 km (435 mi, 378 nm)
Tangenza 7 360 m (24 150 ft)
Armamento
Mitragliatrici 2 Browning calibro 0.30 in (7,62 mm)
Note dati riferiti alla versione O-46A

i dati sono estratti da McDonnell Douglas Aircraft since 1920[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Douglas O-46 fu un aereo da osservazione monomotore ad ala alta sviluppato dall'azienda aeronautica statunitense Douglas Aircraft Company negli anni trenta.

Ultima evoluzione della serie di pari ruolo realizzati dall'azienda statunitense e direttamente derivato dal Douglas O-43, venne adottato dal United States Army Air Corps (USAAC), componente aerea dell'United States Army (esercito statunitense), rimanendo in servizio dalla seconda parte degli anni trenta fino all'inizio della Seconda guerra mondiale.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito di un programma di miglioramento delle caratteristiche dei propri modelli da osservazione la Douglas avviò lo sviluppo di una nuova variante derivata dal Douglas O-43. Il prototipo, indicato inizialmente come XO-46, era stato ricavato dalla 24ª cellula dell'O-43 e se ne differenziava per l'adozione di un'ala dal diverso disegno e di un motore aeronautico dalla diversa architettura, dal Curtiss V-1570 12 cilindri a V raffreddato a liquido ad un motore radiale raffreddato ad aria, il Pratt & Whitney R-1535-7.

L'USAAC emise un ordine di fornitura per 90 esemplari di serie, indicati come O-46, realizzati tra il maggio 1936 e l'aprile 1937.

Un ulteriore sviluppo proposto, una variante indicata come O-48 equipaggiata con un radiale Wright R-1670-3, non venne mai realizzato.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre agli esemplari utilizzati nei reparti dislocati negli Stati Uniti Continentali, utilizzati principalmente come aerei utility e nella formazione degli equipaggi, furono almeno undici gli O-46 che operarono all'estero. Due risultano essere rimasti distrutti nel raid dell'8 dicembre 1941 compiuto dai giapponesi su Clark Field, nelle Filippine.

In patria un incarico operativo fu svolto dal Maryland Air National Guard che utilizzò l'O-46A in missioni di pattugliamento marittimo nei tratti di costa del New Jersey alla ricerca di sottomarini nemici.[2]

Gli esemplari rimasti vennero dichiarati obsoleti alla fine del 1942 e messi a terra.

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

L'unico O-46A sopravvissuto, il s/n 35-179, fa parte della collezione del National Museum of the United States Air Force situato presso la Wright-Patterson Air Force Base vicino a Dayton, Ohio.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Filippine Filippine
Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francillon 1979, p. 134
  2. ^ Armstrong 2005, p. 50

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) William M. Armstrong, Baltimore in World War II, Mount Pleasant, South Carolina, Arcadia Publishing, 2005, ISBN 978-0-7385-4189-1.
  • (EN) Donald David, The Complete Encyclopedia of World Aircraft, Lyndhurst, NJ, Barnes Noble Books, 1998, ISBN 0-76070-592-5.
  • (EN) Rene Francillon, McDonnell Douglas Aircraft since 1920, London, Putnam, 1979, ISBN 0-370-00050-1.
  • (EN) F.G. Swanborough, Peter M. Bowers, United States Military Aircraft Since 1909, New York, Putnam, 1964, ISBN 0-85177-816-X.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]