Douglas B-23 Dragon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Douglas B-23 Dragon
Un B-23 Dragon in volo
Un B-23 Dragon in volo
Descrizione
Tipo bombardiere medio
Equipaggio 6
Costruttore Stati Uniti Douglas
Data primo volo 27 luglio 1939
Utilizzatore principale Stati Uniti USAAC
Esemplari 38
Sviluppato dal Douglas B-18 Bolo
Dimensioni e pesi
Lunghezza 17,8 m (58 ft 6 in)
Apertura alare 28,0 m (92 ft 0 1n)
Altezza 5,6 m (18 ft 6 in)
Superficie alare 92,3 (993 ft²)
Carico alare 130 kg/m² (26,7 lb/ft²)
Peso a vuoto 8 677 kg (19 089 lb)
Peso carico 12 000 kg (26 500 lb)
Peso max al decollo 14 700 kg (32 400 lb)
Propulsione
Motore 2 radiali Wright R-2600-3
Potenza 1 600 hp (1 194 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 454 km/h (282 mph)
Velocità di salita 7,6 m/s (1 493 ft/min)
Autonomia 2 300 km (1 400 mi) con 1 800 kg (4 000 lb) di bombe
Tangenza 9 630 m (31 600 ft)
Armamento
Mitragliatrici 3 Browning M1919 calibro 7,62 mm (.30 in)
1 Browning M2 calibro 12,7 mm (.50 in) nella torretta posteriore
Bombe fino a circa 1 800 kg (4 000 lb)
Rapporto peso/potenza 0,17 hp/lb (200 kW/kg)

i dati sono estratti da Joe Baugher's Encyclopedia of American aircraft[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Douglas B-23 Dragon era un bombardiere medio bimotore ad ala bassa prodotto dall'azienda statunitense Douglas Aircraft Company negli anni quaranta.

Sviluppato dal precedente pari ruolo B-18 Bolo, lo sostituì progressivamente nelle file della United States Army Air Forces.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver realizzato il B-18 Bolo, sviluppato su una specifica dell'United States Army e che ebbe come concorrente diretto il Boeing B-17 Flying Fortress, il favore riscontrato dall'US Army per quest'ultimo spinse la Douglas a considerare un programma di sviluppo al fine di migliorare le prestazioni complessive del proprio modello. Il progetto incorporava numerose modifiche tra le quali l'adozione di un impianto motore più potente, sostituendo gli originali radiali Wright R-1820 a 9 cilindri singola stella da 1 000 hp (746 kW) ciascuno con una coppia di Wright R-2600-1 14 cilindri doppia stella da 1 600 hp (1 194 kW). Al termine delle modifiche il progetto originale era così variato che al modello venne assegnata la nuova designazione XB-22.

Le modifiche effettuate vennero considerate soddisfacenti e l'USAAC modificò il Contract AC9977, il precedente contratto di fornitura, richiedendo che l'ultimo lotto di 38 esemplari di B-18A fosse sostituito da altrettanti nuovi modelli assegnando loro la definitiva designazione B-23.[2] Il B-23 era caratterizzato da un'ala dalla maggiore apertura e dall'aspetto molto simile a quella utilizzata dal Douglas DC-3, da un carrello d'atterraggio completamente retrattile e da un più pesante armamento difensivo costituito anche da una postazione in coda vetrata, primo bombardiere operativo statunitense ad adottare questa soluzione.[2]

Il primo B-23 venne portato in volo per la prima volta il 27 luglio 1939 e la produzione in serie proseguì fino al settembre 1940.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Benché più veloce e meglio armato del precedente B-18 da cui derivava, il B-23 risultava inferiore ai pari ruolo North American B-25 Mitchell e Martin B-26 Marauder, che beneficiavano di una progettazione più recente. Per questo motivo i 38 esemplari prodotti non vennero mai usati in combattimento andando a ricoprire ruoli alternativi quali aereo da addestramento, da ricognizione, da trasporto con la nuova denominazione UC-67 e come banco prova volante.

Un esemplare degli UC-67 venne riportato alla configurazione originale B-23 per essere esposto presso il National Museum of the United States Air Force.

Il piano verticale di coda venne utilizzato dalla divisione aeronautica della Ford per sostituirlo alla soluzione originale a doppia deriva sul bombardiere quadrimotore Consolidated B-24 Liberator ma, pur avendo riscontrato un miglioramento delle prestazioni, non venne adottato dalla produzione di serie. Al contrario venne più tardi adottato sul derivato Consolidated PB4Y-2 Privateer utilizzato dalla U.S. Navy nel ruolo di pattugliatore marittimo.

Al termine della seconda guerra mondiale, l'imprenditore statunitense Howard Hughes acquistò un esemplare di B-23 che fece convertire ad aereo di trasporto civile ad uso personale.

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto del Dragon risultava molto simile al Douglas DC-3, ovvero bimotore ad ala bassa e di costruzione interamente metallica. La fusoliera, caratterizzata da un muso ampiamente vetrato ed una cabina di pilotaggio rialzata, terminava posteriormente in un'impennaggio di coda tradizionale dalla deriva di grandi dimensioni. Il carrello d'atterraggio era triciclo classico, completamente retrattile, con le gambe di forza anteriori che si ritraevano nelle gondole dei motori ed il ruotino posteriore che veniva integrato nella parte sottostante la coda. La propulsione era affidata a 2 motori radiali Wright R-2600-3 capaci di  600 hp (1 194 kW) ciascuno. L'armamento difensivo era costituito da tre mitragliatrici Browning M1919 da 7,62 mm (0,30 in) più una Browning M2 da 12,7 mm (0,50 in) nella torretta posteriore, il primo bombardiere statunitense in servizio operativo ad essere equipaggiato di una postazione per il mitragliere in coda dotata di finestratura.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Joe Baugher, B-23 "Dragon" in 2000. URL consultato il 03.01.2005.
  2. ^ a b Mondey 1982, p. 111.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Mondey, David. The Hamlyn Concise Guide to American Aircraft of World War II. London, Hamlyn Publishing Group Ltd., 1982 (republished 1996 by the Chancellor Press, reprinted 2002). ISBN 1-85152-706-0.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]