Chris Vrenna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chris Vrenna
Chris Vrenna e la sua ex moglie Carrie Borzillo
Chris Vrenna e la sua ex moglie Carrie Borzillo
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Industrial
Industrial metal
Alternative rock
Musica elettronica
steampunk
Periodo di attività 1988 – in attività
Strumento batteria, tastiere, voce, pianoforte, sintetizzatori, chitarra, basso
Gruppo attuale Tweaker
Gruppi precedenti Nine Inch Nails
Sito web

Chris Vrenna (Erie, 23 febbraio 1967) è un musicista statunitense di origine italiana[senza fonte], famoso soprattutto per aver militato nei Nine Inch Nails negli anni 1989-1997.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Musicista[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Pennsylvania, Vrenna si trasferì a Chicago negli anni ottanta. Qui iniziò ad interessarsi alla musica Industrial e per qualche tempo fece parte di alcune band locali come i Die Warzau e gli Stabbing Westward[1] In seguito conobbe Trent Reznor, che divenne il suo migliore amico, ed insieme suonarono brevemente negli Exotic Birds. Nel 1988 Vrenna entrò a far parte della band di Reznor, i Nine Inch Nails, come batterista. Vi restò sino al 1991 quando lasciò la band unendosi temporaneamente ai Stabbing Westward[2]. Sostituito da Jeff Ward, dopo la morte di quest'ultimo Vrenna tornò a far parte dei Nine Inch Nails restandovi sino al 1997. Come membro dei Nine Inch Nails ha vinto un Grammy Award nel 1996 nella categoria Best Metal Performance grazie alla canzone Happiness in Slavery eseguita a Woodstock '94.[3] In quegli anni Vrenna suonò anche in tour con in KMFDM, in occasione del Money tour, e con gli Smashing Pumpkins in occasione dei Grammy Awards del 1997.[4] Ha anche collaborato col supergruppo industrial Pigface.[5]

Da inizio millennio si dedica al suo progetto solista denominato Tweaker con cui ha pubblicato due album. Dal 2004 è membro dei Marilyn Manson. All'inizio come batterista, in seguito all'infortunio di Ginger Fish, e successivamente come tastierista, dopo l'abbandono di Madonna Wayne Gacy. Mentre era libero da impegni ha suonato la batteria in tour coi Gnarls Barkley.[1]

Il 23 novembre 2011 lascia i Marilyn Manson spiegando che il suo lavoro su Born Villain ormai è terminato ed ora vuole dedicarsi a nuovi progetti di produzione, scrivere colonne sonore di film e fare collaborazioni musicali.

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Chris Vrenna è anche noto produttore, remixer, programmatore e tecnico del suono. Oltre che per le band di cui ha fatto parte e per il suo progetto solista, in tale veste ha lavorato anche per altri gruppi. Fra questi: U2, Weezer, Hole, David Bowie, Green Day, Skinny Puppy, Metallica, Rob Zombie.[6]

Nel 1997 ha lavorato come programmatore per gli Smashing Pumpkins. Mentre era in tour con la band, Axl Rose lo invitò ad unirsi ai Guns N' Roses. Dopo un paio di settimane trascorse con la band di Rose, Vrenna decise di rifiutare.[7]

Altre collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Chris Vrenna ha curato la parte musicale per alcuni videogiochi: Doom 3, Quake 4, American McGee's Alice, Enter The Matrix, Sonic The Hedgehog e Need for Speed Most Wanted.[8]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vrenna era sposato con la scrittrice Carrie Borzillo. I due hanno recentemente divorziato.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Tweaker[modifica | modifica wikitesto]

  • The Attraction to All Things Uncertain (2001)
  • 2 a.m. Wakeup Call (2004)

Con i Nine Inch Nails[9][modifica | modifica wikitesto]

Con Marilyn Manson[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Scar the Martyr[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Intervista a Chris Vrenna
  2. ^ (EN) Chris Vrenna in Allmusic, All Media Network.
  3. ^ Past Winners Database - 1995, Los Angeles Times. URL consultato il 7 dicembre 2006.
  4. ^ News, Starla.org. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  5. ^ Myspace dei Pigface
  6. ^ RecordProduction.com
  7. ^ Intervista del 2002
  8. ^ Pagina di Chris Vrenna presso Tsunami Entertainment
  9. ^ Discografia dei Nine Inch Nails presso Ninwiki

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 27266935 LCCN: no2009074726