Chiesa greco-cattolica croata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa greco-cattolica croata
Classificazione cattolica
Fondata XVIII secolo
Associazione È una Chiesa sui iuris della Chiesa cattolica
Diffusione Croazia
Primate Papa Francesco
Nikola Kekić
Forma di governo episcopale
Fedeli 160.000
Vescovi 1
Presbiteri 38

La Chiesa greco-cattolica croata è una Chiesa sui iuris di rito bizantino della Chiesa cattolica.

L'eparchia che comprende la Chiesa greco-cattolica croata è l'eparchia di Križevci. Un tempo aveva giurisdizione sulle repubbliche jugoslave di Croazia, Serbia, Macedonia, e Bosnia Erzegovina; i suoi fedeli si potevano trovare soprattutto tra gli abitanti della Croazia centrale e orientale, della Macedonia, e tra i ruteni e gli ucraini della Croazia orientale, della Bosnia settentrionale e della Serbia settentrionale. La liturgia fa uso della lingua slava ecclesiastica e dell'alfabeto cirillico.

L'eparchia di Križevci è attualmente guidata dal vescovo Nikola Kekić. La maggior parte dei vescovi cattolici in Croazia sono di rito latino.

Dopo la formazione delle repubbliche indipendenti da quella che era stata la Jugoslavia, nel 2001 fu istituito l'esarcato apostolico di Macedonia, con giurisdizione sui fedeli di rito bizantino residenti in Macedonia e che fa parte della Chiesa greco-cattolica macedone. Nel 2003 fu creato un altro esarcato per i greco-cattolici in Serbia e Montenegro, chiamato esarcato apostolico di Serbia e Montenegro, poi nel 2013 ristretto alla sola Serbia, e il cui primo esarca, Djura Džudžar (Дюра Джуджар), stabilì la sua sede a Ruski Krstur; anche questo esarcato non fa più parte della Chiesa croata bensì della Chiesa greco-cattolica serba.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo