Rito alessandrino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il rito alessandrino è un rito liturgico del cristianesimo, noto anche come Liturgia di San Marco. Il rito condivide elementi della liturgia di San Basilio e delle liturgie di Cirillo di Alessandria e Gregorio Nazianzeno. La Liturgia di San Cirillo il Grande, in particolare, è una modifica della prima liturgia alessandrina attribuita all'apostolo Marco, considerato dalla tradizione come il primo vescovo di Alessandria d'Egitto.

Il rito alessandrino si suddivide in due sotto-riti.
Il rito copto è nord-africano, caratteristico principalmente dell'Egitto e usa appunto la lingua copta come lingua liturgica; è in uso, con le dovute differenze, tanto nella Chiesa ortodossa copta quanto nella Chiesa cattolica copta.
Il rito Ge'ez è centrafricano, in lingua omonima, utilizzato soprattutto in Etiopia, Eritrea e Somalia, dalla Chiesa ortodossa etiopica, dalla Chiesa ortodossa eritrea e dalla Chiesa cattolica etiope.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]