Chiesa greco-cattolica russa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa greco-cattolica russa
Classificazione cattolica
Fondata XVIII secolo
Separata da Chiesa russo-ortodossa
Associazione È una Chiesa sui iuris della Chiesa cattolica
Diffusione Russia, Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Stati Uniti d'America, Argentina, Australia, Singapore
Primate Papa Francesco
Forma di governo episcopale

La Chiesa greco-cattolica russa è una Chiesa sui iuris di rito bizantino della Chiesa cattolica. Storicamente rappresenta uno scisma della Chiesa russo-ortodossa. Ora è in piena comunione con la Santa Sede e soggetta all'autorità del Papa come definito dal Codice canonico orientale. A tutto il 2006, questa Chiesa non ha gerarchia, e le sue poche parrocchie sono servite da preti ordinati in altre Chiese cattoliche bizantine, preti provenienti dalla Chiesa ortodossa, e preti cattolici di rito latino con facoltà birituali, principalmente gesuiti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In Russia, dopo il graduale sviluppo del Grande Scisma, un piccolo gruppo di famiglie russe si definì come "Vecchi cattolici", ((RU) старокатолики (starokatoliki)), da non confondersi con la Chiesa vetero-cattolica, che formalmente si separò dalla Chiesa cattolica in seguito alle riforme del Concilio Vaticano I. Lo status di questo gruppo di "Vecchi cattolici" russi, famiglie e gruppi di individui ai quali l'unione con Roma rimase cara ed essenziale, o la sua relazione con l'attuale Chiesa greco-cattolica russa non sono chiari.

La moderna Chiesa greco-cattolica russa deve molto all'ispirazione del visionario poeta e filosofo Vladimir Solov'ëv (1853 - 1900), il quale, sulla scia di Dante, affermava che, come il mondo aveva bisogno dello Zar come monarca universale, così la Chiesa aveva bisogno del Papa di Roma come capo spirituale universale. Seguendo gli insegnamenti di Solov'ëv un prete russo-ortodosso, Nicholas Tolstoy, entrò in piena comunione con la Sede di Roma sotto la Chiesa cattolica greco-melchita (Patriarcato di Antiochia). Solov'ëv ricevette l'ultima comunione sacramentale da padre Tolstoy convinto che così facendo sarebbe rimasto anche un fedele membro della Chiesa russo-ortodossa. Le autorità ortodosse parlano di Tolstoy in termini di "apostata" ed "ex-prete", ma tendono a concedere che Solov'ëv sia morto da cristiano ortodosso. Tuttavia, Solov'ëv non ritrattò mai i suoi sentimenti in favore dell'unione con la Chiesa cattolica e la Sede di Roma, e tuttora, molti greco-cattolici russi parlano di loro stessi come membri della "Chiesa russo-ortodossa in comunione con Roma".

La Chiesa greco-cattolica russa formalmente si unì con Roma nel 1905. Nei primi anni di vita del movimento i Vecchi credenti erano molto diffusi. Nonostante le continue persecuzioni dei cattolici russi, anche se Nicola II e specialmente la Rivoluzione di febbraio alleviò un po' la persecuzione, nel 1917 fu fondato il primo esarcato apostolico per i cattolici russi con il reverendo Leonid Feodorov, in precedenza seminarista ortodosso, come esarca, ma presto arrivò la Rivoluzione d'ottobre, che disperse i cattolici russi nei gulag siberiani e nei centri della diaspora russa in tutto il mondo. L'esarca Leonid Feodorov fu deportato nel campo di concentramento comunista di Solovki. Fu rilasciato nel 1932, ma morì tre anni dopo. Fu beatificato nel 2001 da papa Giovanni Paolo II. Nel 1928, fu fondato un secondo esarcato apostolico a Harbin per i cattolici russi in Cina.

Subito dopo il collasso dell'Unione Sovietica, alcuni cattolici russi hanno cautamente cominciato ad apparire. In un articolo del 2005, il prete greco-cattolico russo Sergei Golovanov disse che erano in attività sul suolo russo tre preti greco-cattolici russi di rito bizantino, due dei quali avrebbero fatto uso della liturgia russa secondo la riforma del patriarca Nikon di Mosca del XVII secolo, mentre il terzo avrebbe usato il rito medievale dei Vecchi Credenti, cioè quello precedente alla riforma liturgica di Nikon. Tutti i greco-cattolici russi usano lo slavo ecclesiastico come lingua liturgica. Nel 2006, i due esarcati ufficialmente esistevano ancora ma non erano stati nominati nuovi vescovi di rito russo alla loro guida.

Ci sono parrocchie e comunità di fede greco-cattoliche russe a Mosca, San Pietroburgo, San Francisco, New York, Denver, Melbourne, Buenos Aires, Dublino, Meudon, Parigi, Chevetogne, Lione, Berlino, Monaco di Baviera, Roma, Milano, e Singapore.

Organizzazione territoriale[modifica | modifica sorgente]

Esarcato apostolico di Russia, da cui dipendono le seguenti parrocchie:

  • Mosca:
    • San Filippo metropolita di Mosca. Parrocchia ortodossa russa in comunione con la Santa Sede.
    • Santi apostoli Pietro e Andrea. Chiesa ortodossa russa in comunione con la Santa Sede.
  • San Pietroburgo:
    • Comunità della Santa Croce
    • Comunità di San Michele arcangelo della Chiesa ortodossa russa in comunione con Roma.
  • Oblast' di Omsk:
    • Santi Cirillo e Metodio. Sargatskoje, paese di circa 8.000 abitanti a 75 km da Omsk. Parrocchia ortodossa russa in comunione con la Santa Sede.
  • Nižnevartovsk:
    • Comunità greco-cattolica di San Nicola

Esarcato apostolico di Harbin, in Cina

Altre parrocchie greco-cattoliche russe nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Queste parrocchie sono soggette agli ordinari locali di rito latino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paroisse catholique byzantine saint irenee de lyon - Nom de domaine gratuit redirigé par New.fr
  2. ^ [1]
  3. ^ Sant'Antonio Abate all'Esquilino - Churches of Rome Wiki
  4. ^ Russia Cristiana.Org
  5. ^ Byzantine Catholic Church in Ireland

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]