Chiesa greco-cattolica slovacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa greco-cattolica slovacca
Classificazione cattolica
Fondata 1646
Associazione È una Chiesa sui iuris della Chiesa cattolica
Diffusione Slovacchia, Repubblica Ceca, Canada
Primate Papa Francesco
Forma di governo episcopale
Congregazioni 254
Membri 350 000
Presbiteri 374
Una tradizionale chiesa in legno a Svidník, nella Slovacchia nordorientale

La Chiesa greco-cattolica slovacca, è una chiesa sui iuris di rito bizantino, parte della Chiesa cattolica in piena comunione con la Santa Sede. Secondo le statistiche dell'Osservatore Romano nel 2008, la Chiesa conta circa 350.000 fedeli.

Storia[modifica | modifica sorgente]

A partire dall'Unione di Užhorod del 1646, che fu unanimemente accettata sul territorio che include l'odierna Slovacchia orientale, la storia della Chiesa greco-cattolica slovacca si è intrecciata con quella della Chiesa greco-cattolica rutena per secoli.

Al termine della Prima guerra mondiale, la maggior parte dei ruteni e slovacchi di rito bizantino si trovavano entro il territorio cecoslovacco, che comprendeva due diocesi, Prešov e Mukačevo. Fra le guerre mondiali, ebbe luogo fra questi cattolici di rito bizantino una significativa migrazione verso la Chiesa ortodossa cecoslovacca. Eretta il 22 settembre 1818, l'eparchia di Prešov fu sottratta nel 1937 dalla giurisdizione del primate d'Ungheria e resa immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Dopo la Seconda guerra mondiale, l'eparchia di Mukačeve nella Rutenia subcarpatica fu annessa dall'Unione Sovietica, di conseguenza l'eparchia di Prešov ebbe giurisdizione su tutti i greco-cattolici rimasti in Cecoslovacchia.

Dopo che i comunisti si impadronirono del paese nell'aprile del 1950, a Prešov fu convocato un falso sinodo dove cinque preti ed alcuni laici firmarono un documento che dichiarava l'unione con Roma interrotta e domandava di essere ricevuta nella giurisdizione del Patriarcato di Mosca, in seguito Chiesa ortodossa di Cecoslovacchia. L'eparca di Prešov Pavel Peter Gojdič e il suo ausiliare Vasil' Hopko furono incarcerati e Gojdič fu ucciso nel 1960. Entrambi sono stati beatificati da Giovanni Paolo II.

Il regime cecoslovacco dichiarò soppressa la Chiesa greco-cattolica, che continuò ad operare clandestinamente. Alcuni fedeli incominciarono a frequentare la Chiesa cattolica di rito romano. In alcuni villaggi le comunità, prive di sacerdoti, continuarono a riunirsi per anni, recitando le parti della Divina Liturgia riservate ai fedeli e osservando il silenzio durante le parti che avrebbe dovuto recitare il sacerdote mancante. Per i sacramenti si rivolgevano ai sacerdoti del rito romano e i battesimi erano a volte amministrati dai laici.[1]

Durante la Primavera di Praga del 1968 alle vecchie parrocchie greco-cattoliche fu consentito il ritorno alla fede cattolica. Di 292 parrocchie, 205 votarono per ristabilire la comunione con Roma. Questa fu una delle poche riforme di Alexander Dubček che sopravvissero all'invasione sovietica del 1968. Tuttavia, la maggior parte degli edifici di culto restò in mano alla Chiesa ortodossa.

Dopo la caduta del comunismo con la Rivoluzione di velluto del 1991 e la divisione della Cecoslovacchia in Repubblica Ceca e Slovacchia, la maggior parte delle proprietà della Chiesa è stata restituita alla Chiesa greco-cattolica slovacca entro il 1993. È stato eretto un vicariato apostolico per i greco-cattolici in Repubblica Ceca, elevato nel 1996 ad esarcato apostolico con circa 9.000 fedeli. Nel 1997 papa Giovanni Paolo II eresse l'esarcato apostolico di Košice.

Il 30 gennaio 2008 papa Benedetto XVI ha riorganizzato la Chiesa greco-cattolica slovacca rendendola una chiesa metropolitana sui iuris con l'elevazione ad arcieparchia metropolitana dell'eparchia di Prešov, l'elevazione dell'esarcato apostolico di Košice ad eparchia e l'erezione dell'eparchia di Bratislava[2].

All'estero[modifica | modifica sorgente]

Fra gli emigrati in America settentrionale, i greco-cattolici slovacchi non furono separati dai ruteni. Tuttavia, hanno un'eparchia propria in Canada, l'Eparchia dei santi Cirillo e Metodio di Toronto, mentre non c'è una circoscrizione ecclesiastica propria negli Stati Uniti.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

SK dieceze reckokat SK.jpg

Calendario ecclesiastico[modifica | modifica sorgente]

Il calendario ecclesiastico greco-cattolico slovacco ha inizio il 1º settembre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista all'arcivescovo Cyril Vasil', S.J., L'Osservatore Romano, 25 luglio 2009
  2. ^ Notizia relativa alla riorganizzazione sul sito della Santa Sede

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo