Rito latino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per rito latino si intende propriamente un rito liturgico usato nella Chiesa latina.

Alcuni adoperano il medesimo termine per indicare la stessa Chiesa latina. Il canone 1109 Codice di Diritto Canonico tratta della valida assistenza dell'Ordinario o del parroco, entro i confini del proprio territorio, ai matrimoni anche dei non sudditi, "dummodo eorum alteruter sit ritus latini". [1] Questa espressione alcuni la rendono non come "purché almeno uno di essi sia di (un) rito latino",[2] ma come "purché almeno uno di essi sia del rito latino".[3] I riti liturgici sono diversi, mentre la Chiesa latina è unica.

Su questo significato dell'espressione "rito latino", vedi l'articolo Chiesa latina.

Riti liturgici latini[modifica | modifica wikitesto]

I riti latini (o occidentali) più conosciuti e ancora in uso sono:

Si possono menzionare anche altri riti latini, ora caduti per lo più in disuso, legati ad aree geografiche:

Alcuni ordini religiosi hanno conservato il proprio rito (ad esempio il rito benedettino e il rito domenicano) fino al XX secolo ma l'hanno abbandonato dopo il Concilio Vaticano II.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Codex iuris canonici, canon 1109
  2. ^ Codice di diritto canonico, canone 1109
  3. ^ Così nella versione inglese curata dalla Canon Law Society of America e nelle versioni portoghese e tedesca, ma non nelle versioni francese, italiana e spagnola.
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo