Carmine Lupertazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmine Lupertazzi
Carmine nell'episodio Finale d'analisi
Carmine nell'episodio Finale d'analisi
Universo I Soprano
Lingua orig. Inglese
Autore David Chase
1ª app. in Uomo d'onore (ep. 29)
Ultima app. in Il cugino di Tony (ep. 54)
Interpretato da Tony Lip
Voce italiana Elio Zamuto
Sesso Maschio
Professione boss mafioso
Parenti Carmine, Jr. (figlio)

Carmine Lupertazzi, Sr., interpretato dall'attore Tony Lip, è il boss dell’omonima Famiglia mafiosa nelle prime 5 stagioni della serie televisiva I Soprano dell'emittente televisiva statunitense HBO. È il padre di Little Carmine.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carmine Lupertazzi fa parte della generazione mafiosa di Johnny Boy e Corrado Soprano, con i quali ha intrattenuto decennali rapporti d'affari criminali[1].

Il boss ha comandato la Famiglia (una delle "Cinque Famiglie" di New York, organizzazioni di finzione che hanno solo il nome che richiama le vere organizzazioni malavitose) fin dagli anni settanta, mantenendo un basso profilo e celandosi dietro alla copertura di ristoratore e gestore di club: è stato tuttavia arrestato più volte tra gli anni '70 e '80. In quello stesso periodo, il suo consigliere di fiducia Angelo Garepe e il braccio destro Phil Leotardo vennero arrestati e condannati a vent'anni di carcere. Usciranno nel 2004, all'inizio della stagione 5.

Calmo, opportunista e riflessivo, Carmine Sr. si dimostra ponderato e intelligente nelle azioni, padre premuroso ma anche spietato mandante di omicidi: ha un rapporto conflittuale col boss in seconda Johnny Sack, che a sua volta si scontra spesso, verbalmente, con Little Carmine. Desiderio dell'anziano boss è che la Famiglia continui a portare il suo nome e non vada in mano a Johnny Sack, ma sembra presagire che non sarà così. Il figlio, infatti, non sembra affatto portato al comando: indeciso, poco lungimirante, amante del lusso (vive stabilmente a Miami) e incapace d'impartire ordini precisi e attuarli (più volte si rivolge a Tony confidando di non sapere quale decisione prendere), diviene facile bersaglio di Johnny Sack, che non perde occasione per denigrarlo e per ritagliarsi una fetta di affari in proprio.

Carmine Sr. è inconsapevole dell'attentato che Johnny ordisce alle sue spalle e che non si attua per pura casualità (ep. 52). Tuttavia, il fato lo attende lo stesso, visto che viene colpito da infarto e muore (ep. 54), lasciando un pesante vuoto di potere che scatenerà la guerra interna alla famiglia in atto per tutta la stagione 5. Carmine riappare in sogno a Tony, nel celebre episodio Sogni angoscianti: si tratta di un presagio funereo per la decisione che Tony deve prendere riguardo al destino di suo cugino, Tony Blundetto.

Apparizioni dopo la morte[modifica | modifica wikitesto]

Appare in sogno a Tony nell'episodio 63, Sogni angoscianti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Sopranos: The Complete Book, HBO ISBN 1-933821-18-3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]