Corrado Junior Soprano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corrado Junior Soprano
Coniano.png
Universo I Soprano
Lingua orig. Inglese
Soprannome zio Junior
Autore David Chase
1ª app. in Affari di famiglia (ep. 1)
Ultima app. in Made in America (ep. 86)
Interpretato da Dominic Chianese
Voce italiana Carlo Reali
Sesso Maschio
Professione Boss de jure della Famiglia DiMeo
Affiliazione Famiglia DiMeo
Parenti

Corrado "Junior" Soprano è uno dei personaggi principali della serie televisiva I Soprano; solitamente viene chiamato dai familiari Zio Junior o semplicemente Junior. Zio, mentore e, in gioventù, figura di riferimento per il protagonista Tony Soprano, è interpretato dall'attore Dominic Chianese e doppiato in italiano da Carlo Reali. Nelle numerose scene in flashback riferite alla giovinezza di Tony è invece interpretato da Rocco Sisto. Il personaggio è basato sulla figura del boss del New Jersey Joseph Sodano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Zio Junior è il fratello maggiore del boss del New Jersey Johnny Boy Soprano, padre di Tony. Terminate le scuole superiori, negli anni sessanta, Junior e Johnny Boy entrano a far parte della famiglia mafiosa dei DiMeo[1]: nel giro di poco tempo entrano in possesso della macelleria Da Satriale, futuro punto di riferimento dell'organizzazione. Da parte di Junior vi è un sottinteso risentimento verso il fratello, divenuto boss della famiglia nonostante fosse il più giovane dei due. Dopo la morte di Johnny Boy, Junior sostituisce per Tony la figura paterna e non perdonerà mai al nipote l'ascesa al potere. Junior si aspettava il riconoscimento come un diritto, avendo passato l'intera vita al servizio della famiglia.

Il breve periodo di comando di Junior, che va dalla morte di Jackie Aprile, Sr. (ep. 4). fino all'arresto (ep. 13), è solo di facciata, in quanto, a sua insaputa, i caporegime hanno già ufficiosamente riconosciuto Tony come boss e seguono i suoi ordini. Tony continua a far credere allo zio di essere un suo sottoposto, in modo tale che un'eventuale retata dell'FBI (che infatti avviene) decapiti il vertice virtuale della famiglia, ma continui a lasciargli spazio per le sue attività criminali.

Gli attentati a Tony[modifica | modifica sorgente]

I contrasti con Tony non si fermano: con l'appoggio di Livia decide di uccidere il nipote. L'attentato non va a buon fine e Tony rimane solo ferito; Tony, dopo aver tolto i poteri allo zio, elimina i suoi uomini di fiducia (Mikey Palmice e Chucky Signore) e poi quindi cerca di eliminare sia lo zio che la madre. Junior viene però arrestato (fine stagione 1).

Quando la sua pena si traduce in arresti domiciliari, Tony delega a Bobby Bacala il compito di prendersi cura di lui. Al rilascio di Richie Aprile inizia un rapporto di amicizia con quest'ultimo e si ritrova coinvolto nella lotta tra i due per il potere.

Dopo aver sconfitto il cancro allo stomaco a Junior iniziano a comparire i primi segni di demenza senile, Tony si rifiuta di metterlo in una casa di riposo e l'affida a Bobby e a sua sorella Janice, diventata la moglie di Bobby.

Convinto che il suo storico nemico "Little Pussy" Malanga sia in casa attenta una seconda volta al nipote; Junior viene arrestato ma il suo avvocato riesce a farlo ricoverare in un istituto di igiene mentale, mentre Tony entra in coma. Nell'istituto Junior viene isolato dal resto della famiglia: solo Bobby va a fargli visita una volta, mentre A.J. si reca a trovarlo per ucciderlo ma non riesce nell'intento. Ridotto all'impotenza tramite medicinali, dopo diversi eccessi, Junior finisce ben presto i soldi (Tony si rifiuta di accudirlo ancora) e il suo stato di demenza è così avanzato che crede che la nipote Janice sia Livia (ep.86). Tony si reca per l'ultima volta dallo zio (la prima dopo il secondo attentato) e lo lascia con uno sguardo compassionevole.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Sopranos: The Complete Book, HBO ISBN 1-933821-18-3

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The Sopranos: The Complete Book, 2007 HBO ISBN 1-933821-18-3
  • Glen O. Gabbard, The Psychology of the Sopranos Love, Death, Desire and Betrayal in America's Favorite Gangster Family - Basic books, 2002
  • Michael Hammond, Lucy Mazdon, The Contemporary Television Series, Edinburgh University Press, Edimburgo 2005
  • Martha P. Nochinsom, Dying to Belong: Gangsters Movies in Hollywood and Hong Kong, Wiley Blackwell, 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]