Famiglia Lupertazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella serie televisiva I Soprano dell'emittente statunitense HBO, la Famiglia Lupertazzi è una delle cosiddette "Cinque Famiglie" di New York, una delle maggiori organizzazioni criminali di stampo mafioso operanti in USA. I Lupertazzi devono la loro fama alle relazioni che intrattengono con la Famiglia DiMeo del boss Tony Soprano, protagonista della serie televisiva: rispetto ai DiMeo, i Lupertazzi hanno un’organizzazione superiore in uomini e contatti, oltre a un maggior raggio d’azione criminale[1]. Viene citata come una delle maggiori famiglie del Paese ed è probabilmente ispirata alla famiglia Gambino per le sue dimensioni e perché particolarmente influente a Brooklyn, ed alla famiglia Lucchese per la somiglianza con il nome Lupertazzi e perché molto influente nel New Jersey.

Le “Famiglie” cui si accenna spesso ne I Soprano sono organizzazioni di finzione; tuttavia si ispirano, nel nome collettivo, nei personaggi e nei contenuti generali, alle vere Cinque famiglie newyorchesi. Spesso addirittura vengono citate reali figure mafiose quali John Gotti, Sammy Gravano, Joseph Massino e Paul Castellano.

Ne I Soprano, oltre ai Lupertazzi, si conoscono altre tre famiglie su quattro di New York: i Tarese, i Mangano e i Paglieri. L’unico personaggio di queste rimanenti famiglie che compare sullo schermo è George Paglieri, vecchio boss che organizza l’incontro chiarificatore tra i DiMeo e i Lupertazzi nell’ultimo episodio della serie (ep. 86).

Storia e struttura[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Lupertazzi controllava da decenni Brooklyn, Queens e Long Island (oltre ad avere una banda che operava a Miami) ed era conosciuta per i suoi stretti rapporti con la Famiglia DiMeo, che controllava invece il North Jersey. La famiglia era guidata da Carmine Lupertazzi Sr. fino alla sua inaspettata morte nel 2004. Non avendo stabilito il suo successore, ben presto si scatenò una lotta per il potere tra suo figlio, "Little" Carmine Lupertazzi, e Johnny Sack, il suo secondo in comando. Le bande della Famiglia si allearono con uno dei due contendenti: Phil Leotardo e Jimmy Petrille si schierarono a fianco di Johnny Sack, mentre i capomandamento Rusty Millio, Jerry Basile e il consigliere Angelo Garepe si schiearono con "Little" Carmine. Tony Soprano tentò una mediazione e propose a Johnny Sack una spartizione di potere ponendo al vertice della famiglia un triumvirato composto da Little Carmine, Johnny stesso, e Angelo. Il gangster però rifiuto la proposta trovandola insultante nei suoi riguardi. La lotte interne proseguirono e alla fine Sack riuscì ad indurre Little Carmine a ritirarsi in Florida e a rinunciare a qualunque pretesa sul titolo di boss. Divenuto capo della famiglia, Sack si preoccupò di riallacciare i rapporti con Tony Soprano, diventati gelidi a causa del coinvolgimento di Tony B. negli affari dei Lupertazzi. L'F.B.I, grazie alla decennale collaborazione di Jimmy petrille, consigliere di Sack e amico già di suo padre, fece irruzione a casa del boss e lo assicurò alla giustizia. Con Johnny Sack in prigione, Phil Leotardo, fu nominato capo "de facto" della famiglia Lupertazzi.

Membri dell'organizzazione centrale[modifica | modifica wikitesto]

Anthony[modifica | modifica wikitesto]

Peter Bucossi[modifica | modifica wikitesto]

Jerry Basile[modifica | modifica wikitesto]

Lorraine Calluzzo[modifica | modifica wikitesto]

Lorraine Calluzzo è un'affiliata dei Lupertazzi. Nonostante sia una cugina di Little Carmine Lupertazzi ha avuto una storia con lui. Per questo dopo la morte di Carmine Lupertazzi entra nella fazione di Little Carmine, occupandosi della riscossione del pizzo assieme al suo giovane amante, Jason Evanina. Nonostante un primo avviso da parte di Johnny Sack tramite Phil Leotardo, Lorraine continua a estorcere il pizzo. Per questo viene uccisa assieme a Jason Evanina da Billy Leotardo e Joe Peeps, nella sua villa.

Albert "Albie" Cianflone[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Albie Cianflone.

Charles Cinelli[modifica | modifica wikitesto]

Dominic[modifica | modifica wikitesto]

Salvatore "Coco" Cogliano[modifica | modifica wikitesto]

Butch DeConcini[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Butch DeConcini.

Raimondo "Ray-Ray" D'Abaldo[modifica | modifica wikitesto]

Jason Evanina[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Garepe[modifica | modifica wikitesto]

Consigliere di Carmine Lupertazzi per più di 30 anni prima di finire in galera negli anni ottanta per uno scandalo edilizio negli Yonkers: dietro le sbarre diviene amico fraterno di Tony Blundetto e, come lui e Michele "Feech" La Manna, viene rilasciato nel 2004. Dopo la morte di Carmine e il vuoto di potere che ne consegue, Angelo prende le parti di Little Carmine e di Rusty: sebbene si definisca "ritirato" dall'attività, Angelo rimane un'importante figura all'interno della famiglia, come dimostra il fatto che Tony propone un triumvirato al comando (Angelo, assieme a Little Carmine e Johnny Sack). Invischiato quindi suo malgrado nelle beghe per la successione al comando, Angelo recluta il suo amico Tony B. per uccidere Joe Peeps, membro della banda Leotardo. Quando l'omicidio si compie, per vendetta Phil Leotardo e suo fratello Billy uccidono Angelo, sparandogli in testa dopo averlo chiuso in un bagagliaio.

La morte di Angelo ha due importanti ripercussioni: Little Carmine decide di togliersi di mezzo e dà quindi via libera a Johnny Sack per il comando della Famiglia di New York; inoltre, evento maggiormente cruento e determinante, scatena l'ira di Tony B. che uccide Billy Leotardo e innesca la faida che porta alla fine della saga. Una curiosità a margine riguarda la morte di Angelo: Chase omaggia chiaramente la fine di Billy Batts, il personaggio interpretato da Frank Vincent in Quei bravi ragazzi.

Dominic "Fat Dom" Gamiello[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Infante[modifica | modifica wikitesto]

Jimmy Lauria[modifica | modifica wikitesto]

Associato della banda di Phil Leotardo: prende parte al pestaggio ai danni del genero di Hesh e alla successiva riunione per definire il risarcimento: lo si vede anche all'ospedale dopo l'attacco di cuore a Phil e alla festa per il suo ritorno all'interno della Famiglia.

Billy Leotardo[modifica | modifica wikitesto]

Phil Leotardo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Phil Leotardo.

Carmine Lupertazzi, Sr.[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Carmine Lupertazzi.

"Little" Carmine Lupertazzi, Jr.[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Little Carmine.

Jason Masucci[modifica | modifica wikitesto]

Rusty Millio[modifica | modifica wikitesto]

John Minervini[modifica | modifica wikitesto]

Guardia del corpo di Carmine Lupertazzi: dopo la sua morte, è stato visto come guardia del corpo di Phil Leotardo.

Mook[modifica | modifica wikitesto]

Muzzy Nardo[modifica | modifica wikitesto]

David Pasquale[modifica | modifica wikitesto]

Joseph "Joey Peeps" Peparelli[modifica | modifica wikitesto]

Jimmy Petrille[modifica | modifica wikitesto]

Eddie Pietro[modifica | modifica wikitesto]

John "Johnny Sack" Sacramoni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Johnny Sack.

Faustino "Doc" Santoro[modifica | modifica wikitesto]

Faustino "Doc" Santoro è un anziano soldato della Famiglia Lupertazzi, che aveva l'antipatia del resto della famiglia a causa del suo comportamento e dei suoi modi di fare. Dopo che Phil Leotardo rinuncia al titolo di boss, Santoro ordina l'assassinio Gerry Torciano, possibile boss e protetto di Phil. Anche dopo questo, Phil lo riconosce come boss dei Lupertazzi. Tuttavia, Santoro osa mangiare dal piatto di Phil, che si vendicherà del lungo feltro di umiliazioni. Mentre esce da un centro massaggi di New York, viene ucciso assieme alla sua guardia del corpo dai sicari di Phil, che diviene il nuovo boss dei Lupertazzi. Faustino Santoro è probabilmente ispirato al vero boss della Famiglia Gambino Paul Castellano.

Gerardo "Gerry" Torciano[modifica | modifica wikitesto]

Yaryna[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Sopranos: The Complete Book, HBO ISBN 1-933821-18-3