Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1997-1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stagione 1997-1998
Campionato Campionato italiano
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Numero squadre 14 serie A
? serie B
Stagione regolare
Prima classificata Bolzano Bolzano
Top scorer Igor Maslennikov (Bolzano)
Retrocesse in Serie B Val Venosta Val Venosta, Varese Varese e Ritten-Renon Ritten-Renon
Scudetto.svg Finale scudetto
Campione italiano Bolzano Bolzano
Finalista Vipiteno Broncos Vipiteno Broncos

Il Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1997-98 fu organizzato dalla FISG.

Serie A1[modifica | modifica sorgente]

Dopo le polemiche esplose alla fine della stagione precedente sui torti arbitrali subiti dal Milano 24 e sul discusso gentlement agreement che prevede non più di quattro transfert-card per squadra, il campionato parte senza l'iscrizione della formazione milanese, che viene dirottata dal suo presidente Umberto Quintavalle nell'hockey in-line.

Il Varese torna nella massima Serie, ma i problemi di organico la danno tra le possibili retrocesse.

Formula[modifica | modifica sorgente]

La formula del torneo prevede la Regular Season, dalla quale le prime sei della classifica finale accedono al Master Round, mentre le altre otto disputano un girone intermedio che determina le quattro formazioni che devono giocarsi l'accesso ai playoff. Le formazioni perdenti e quelle non qualificate formano il Relegation Round, al termine del quale, vengono decise le tre formazioni che devono retrocedere.

Formazioni[modifica | modifica sorgente]

Sono 14 le squadre iscritte: Alleghe HC, Asiago Hockey AS, HC Bolzano, HC Brunico, SG Cortina, Courmaosta, SHC Fassa, Feltreghiaccio, HC Gardena, HC Laces Val Venosta, HC Merano, Renon Ritten Sport Hockey, AS Hockey Varese Bears e WSV Vipiteno Broncos.

Regular Season[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
1. Bolzano 64
2. Asiago 57
3. Brunico 56
4. Fassa 52
5. Merano 51
6. Gardena 49
7. Vipiteno 48
8. Cortina 38
9. Alleghe 35
10. CourmAosta 28
11. Renon 28
12. Feltreghiaccio 19
13. Val Venosta 9
14. Varese 5

Seconda Fase[modifica | modifica sorgente]

Nella seconda fase, sia per il Master Round che per il poule di mantenimento, le squadre mantengono metà dei punti acquisiti nella prima fase.

Master Round[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
1. Bolzano 79
2. Asiago 68
3. Fassa 60
4. Merano 54
5. Gardena 48
6. Brunico 34

Poule di mantenimento[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
7. Vipiteno 59
8. Alleghe 53
9. Cortina 43
10. CourmAosta 38
11. Renon 32
12. Feltreghiaccio 22
13. Varese 15
14. Val Venosta 6

Le qualificazioni, al meglio delle tre gare, mettono di fronte Vipiteno-CourmAosta ed il derby bellunese Alleghe-Cortina. Gli ampezzani superano le civette con un doppio 5-4; entrambe le gare sono vinte ai rigori. Il Vipiteno, invece, elimina il CourmAosta alla terza gara (5-2; 2-3; 5-4).

Vipiteno - CourmAosta 5-2 (2-0,1-1,2-1)
CourmAosta - Vipiteno 3-2 (0-1,1-1,2-0)
Vipiteno - CourmAosta 5-4 (2-0,1-0,2-4)
Alleghe - Cortina 4-5 OT (1-2,1-1,2-1,0-1)
Cortina - Alleghe 5-4 OT (0-3,1-0,3-1,1-0)

Vipiteno e Cortina accedono ai playoff.

Relegation Round[modifica | modifica sorgente]
Teams Punti
9. CourmAosta 24
10. Alleghe 17
11. Feltreghiaccio 15
12. Val Venosta 14
13. Varese 11
14. Renon 7

Il Relegation Round vede imporsi il Courmaosta. Laces Val Venosta, Varese e Renon retrocedono nella serie cadetta.

Play off[modifica | modifica sorgente]

All'inizio dei playoff, la finale annunciata è Bolzano-Asiago ma il Vipiteno rompe il patto di gentlemen agreement e inizia con dieci transfer-card (anziché quattro) rinforzando di molto la squadra e battendo così l'Asiago, vittoria ottenuta violando il patto tra le società. Successivamente i Broncos batteranno anche il Fassa ed accederanno così per la prima volta nella loro storia alla finale scudetto.

  Quarti di finale Semifinali Finali
                                                   
  1  Bolzano Bolzano 3 6      
8  Cortina Cortina 2 3      
  1  Bolzano Bolzano 7 6 10  
  5  Merano Merano 6 5 4  
5  Merano Merano 5 7    
  6  Gherdëina-Gardena Gherdëina-Gardena 4 3      
    1  Bolzano Bolzano 5 5 9 6
  7  Vipiteno Broncos Vipiteno Broncos 3 1 7 2
  2  Asiago Asiago 1 5 2      
7  Vipiteno Broncos Vipiteno Broncos 5 1 3      
  7  Vipiteno Broncos Vipiteno Broncos 6 6 6 7
  4  Val di Fassa Val di Fassa 8 4 4 5  
3  Bruneck-Brunico Bruneck-Brunico 3 2 2    
  4  Val di Fassa Val di Fassa 2 4 4      


†: partita terminata ai tempi supplementari; ‡: partita terminata ai tiri di rigore


Scudetto.svg L'Hockey Club Bolzano vince il suo quindicesimo scudetto.
Formazione Campione d’Italia: Christian Alderucci - Sean Basilio - Trevor Burgess - Armando Chelodi - Luigi Da Corte - Stephan Figliuzzi - Daniele Giacomin - Günther Hell - Paolo Lasca - Stefan Mair - Igor Maslennikov - Mario Nobili - Robert Oberrauch - Martin Pavlu - Kai Rautio - Ruggero Rossi De Mio - Christian Timpone - Lucio Topatigh - Carmine Vani - Mikhail Vassilev - Sergei Vostrikov - Harald Zingerle - Rheinard Wieser.
Allenatore: Jan Czeslav Panek.

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra
1 Bolzano Bolzano
2 Vipiteno Broncos Vipiteno Broncos
3 Val di Fassa Val di Fassa
4 Merano Merano
5 Asiago Asiago
6 Gherdëina-Gardena Gherdëina-Gardena
7 Bruneck-Brunico Bruneck-Brunico
8 Cortina Cortina
9 CourmAosta CourmAosta
10 Alleghe Alleghe
11 Feltreghiaccio Feltreghiaccio
12 Val Venosta Val Venosta
13 Varese Varese
14 Ritten-Renon Ritten-Renon

Marcatori[modifica | modifica sorgente]

Il Top scorer stagionale è Igor Maslennikov del Bolzano con 145 punti (52 gol e 93 assist), seguito da Sergei Vostrikov (Bolzano, 142 p.ti, 71 + 71), Danny Gravelle (Vipiteno, 136 p.ti, 63 + 73), Kevin Riehl (Alleghe, 123 p.ti, 63 + 60) e Denis Chalifoux (Vipiteno, 117 p.ti, 59 + 58).

Serie B[modifica | modifica sorgente]

Playoff[modifica | modifica sorgente]

  Quarti di finale Semifinali Finali
                                       
   Como Como 3 5  
 Settequerce Settequerce 2 2  
   Como Como 0 2  
   Auronzo Auronzo 1 6  
 Auronzo Auronzo 8 13
   Falchi Bosco Falchi Bosco 1 3  
     Auronzo Auronzo 4 6 5
   Zoldo Zoldo 6 4 2
   EV Bozen EV Bozen 14 6  
 Valpellice Valpellice 0 1  
   EV Bozen EV Bozen 1 4
   Zoldo Zoldo 3 7  
 Zoldo Zoldo 10 7
   Kaltern-Caldaro Kaltern-Caldaro 4 5  


‡: partita terminata all'extratime

Coppa Italia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coppa Italia 1998 (hockey su ghiaccio).

La coppa Italia 1998 fu la quarta edizione del torneo, che venne riproposta dopo 7 anni dall'ultima edizione.

  Semifinali Finale
           
 Bruneck-Brunico Bruneck-Brunico 1  
 Val di Fassa Val di Fassa 5  
     Val di Fassa Val di Fassa 0
   CourmAosta CourmAosta 4
 Cortina Cortina 3
 CourmAosta CourmAosta 4  

Coccarda Coppa Italia.svg L'Hockey Club CourmAosta vince la sua prima Coppa Italia, che è anche il primo trofeo per la squadra di Courmayeur.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Parte di questo testo è stato preso da hockeytime.net, col consenso dell'autore.