Coppa Italia (hockey su ghiaccio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la Coppa Italia di hockey su ghiaccio femminile, vedi Coppa Italia (hockey su ghiaccio femminile).
Coppa Italia
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Tipo Club
Federazione FISG
Paese Italia Italia
Organizzatore LIHG
Cadenza annuale
Apertura ottobre
Chiusura dicembre
Partecipanti variabili
Formula Eliminazione diretta
Sito Internet hockeyghiaccio.net
Storia
Fondazione 1973
Numero edizioni 18
Detentore Ritten-Renon Ritten-Renon
Maggiori titoli Asiago Asiago, Milano Vipers Milano Vipers, Cortina Cortina e Bolzano Bolzano (3)
Ultima edizione Coppa Italia 2013-2014
Coccarda Italia.svg
Trofeo o riconoscimento

La Coppa Italia è la coppa nazionale italiana di hockey su ghiaccio. Le prime due edizioni si svolsero nel 1973 e nel 1974 ma, successivamente, la competizione non fu più riproposta fino al 1991. Altra pausa fino al 1998, ma anche in quel caso fu un episodio isolato. Una vera regolarità, la Coppa Italia riuscì a raggiungerla solo dalla stagione 2000-2001.

Il regolamento attuale prevede la partecipazione di 6 squadre, 4 delle quali raggiungono la final four per l'assegnazione del trofeo. La squadra che si fa carico dell'organizzazione dell'evento è ammessa di diritto alla medesima final four.

Nell'albo d'oro della competizione spiccano il Bolzano, il Cortina, l'Asiago ed i Milano Vipers con tre vittorie a testa. Tra le vincitrici della coppa Italia vi sono anche squadre non più militanti nei prime categorie del campionato italiano (Pontebba) o addirittura scomparse (CourmAosta).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Coppa Italia di hockey su ghiaccio venne creata nella stagione 1972-1973, e venne disputata anche l'anno seguente. Entrambe le edizioni furono vinte dal Cortina, squadra di punta dell'epoca, ma poi intervenne una lunga pausa, tanto che la terza edizione della coppa si giocò solo nella stagione 1990-1991. Questa fu vinta dall'Asiago. La quarta edizione di Coppa Italia fu disputata sette anni dopo, nel 1997-1998, con vittoria finale del CourmAosta.

Nel 2000-2001 la federazione decise di fare della Coppa Italia un evento stabile. Da allora infatti viene giocata annualmente e nel 2013-2014 si gioca la diciottesima edizione. Benché con alcune modifiche alla formula, la competizione è sempre stata sostanzialmente uno specchio fedele dei valori in campo, essendo stata vinta dalle società che si contendevano anche lo scudetto nei medesimi anni. Il ciclo dei Milano Vipers ha portato tre vittorie in quattro anni, dal 2003 al 2006, per poi lasciare spazio alle altoatesine: il Bolzano, anch'egli vincitore tre volte dal 2004 al 2009, il Renon, il Val Pusteria. Nel 2012, da segnalare il ritorno alla vittoria del Cortina dopo 38 anni, grazie alla vittoria sul Bolzano ai rigori. L'edizione successiva ha visto il successo del Valpellice, che conquista il primo trofeo della sua storia, mentre l'anno seguente ha visto nuovamente la vittoria di una squadra altoatesina, il Ritten-Renon, capace di superare un'altra compagine sudtirolese, il Val Pusteria, per 4-3 ai rigori.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Il Cortina vincitore dell'edizione 2011-2012

La formula è variata spesso negli anni. In linea di massima, fino al 2006, la formula era la seguente, mutuata da altri sport quali il basket: le prime quattro squadre classificate al termine del girone di andata (o del primo girone di andata e ritorno, quando ne siano previsti due) del campionato di Serie A avevano accesso ad una final four che si teneva perlopiù nel mese di dicembre.

Dalla stagione 2006-2007, il torneo è stato rivoluzionato: non più un mini torneo, ma una competizione lunga tutta la stagione e che coinvolge tutte le squadre di Serie A e Serie A2.

Nel 2010 si è tornato ad un torneo che coinvolge solamente quattro squadre, le prime tre della Serie A e la prima della Serie A2 al termine del primo girone di andata e ritorno[1]. Nelle edizioni 2011-2012 e 2012-2013, invece, alla final-four di Coppa Italia hanno preso parte le sole prime 4 classificate al termine del primo girone di andata e ritorno di Serie A.

Nell'edizione 2013-2014 vennero introdotti i quarti di finale (disputati tra le prime squadre classificate nel primo girone di andata della regular season) per determinare tre delle quattro squadre della Elite.A partecipanti alla final four, ospitata dal Ritten-Renon che perciò fu qualificato di diritto.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Titoli per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Titoli Anni
Asiago Asiago 3 1991, 2000-2001, 2001-2002
Cortina Cortina 3 1973, 1974, 2011-2012
Milano Vipers Milano Vipers 3 2002-2003, 2004-2005, 2005-2006
Bolzano Bolzano 3 2003-2004, 2006-2007, 2008-2009
Ritten-Renon Ritten-Renon 2 2009-2010, 2013-2014
CourmAosta CourmAosta 1 1998
Pontebba Pontebba 1 2007-2008
Val Pusteria Val Pusteria 1 2010-2011
Valpellice Valpellice 1 2012-2013

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • L'accoppiata scudetto-Coppa Italia (double) si è verificata sette volte: tre volte ad opera dei Milano Vipers, nelle stagioni 2002-2003, 2004-2005 e 2005-2006; una volta a testa per Cortina (1973-1974), Asiago (2000-2001), Bolzano (2008-2009) e Renon (2013-2014).
  • Maggior numero di vittorie consecutive (2):
Cortina (1973 e 1974), Asiago (2001 e 2002), Milano Vipers (2005 e 2006)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le novità dei campionati di serie A e serie A2, 21 settembre 2010. URL consultato l'11 ottobre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Hockey su ghiaccio Portale Hockey su ghiaccio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Hockey su ghiaccio