Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1984-1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stagione 1984-1985
Campionato Campionato italiano
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Numero squadre 10 serie A
? Serie B
Stagione regolare
Prima classificata Bolzano Bolzano
Top scorer Dale Derkatch (HC Bolzano)
Retrocesse in Serie B Como Como
Scudetto.svg Finale scudetto
Campione italiano Bolzano Bolzano
Finalista Alleghe Alleghe

Il campionato italiano di hockey su ghiaccio 1984-85 è stato organizzato come di consueto dalla FISG.

Serie A[modifica | modifica sorgente]

Formazioni[modifica | modifica sorgente]

Le formazioni ai nastri di partenza sono dieci. Oltre a Bolzano, Varese, Alleghe, Gardena, Asiago, Brunico, Merano e Cortina, le nuove iscritte sono Auronzo, che torna nel massimo campionato dopo otto anni, e per la prima volta il Como.

Formula[modifica | modifica sorgente]

La formula del campionato prevede un girone di qualificazione con una singola andata e ritorno. Nella seconda fase è previsto un torneo intermedio suddiviso in due gironi. Le prime quattro si qualificano ai playoff e la classifica finale determina gli accoppiamenti, mentre le ultime due giocano uno spareggio per non retrocedere. Vengono mantenuti i punti ottenuti negli scontri diretti.

Prima fase[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
1. Bolzano 33
2. Varese 25
3. Alleghe 23
4. Gardena 19
5. Asiago 18
6. Brunico 18
7. Auronzo 14
8. Merano 13
9. Cortina 12
10. Como 5

Seconda fase[modifica | modifica sorgente]

Girone A[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
1. Bolzano 17
2. Alleghe 13
3. Brunico 11
4. Cortina 9
5. Auronzo 5

Girone B[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
1. Gardena 17
2. Varese 16
3. Merano 10
4. Asiago 9
5. Como 3

Spareggio retrocessione[modifica | modifica sorgente]

Lo spareggio retrocessione viene vinto dall'Auronzo. Il Como, alla sua prima partecipazione nel massimo campionato, ritorna nella serie cadetta.

  Spareggio retrocessione
           
 Auronzo Auronzo 5 6
 Como Como 2 2


Play-off[modifica | modifica sorgente]

Serie giocate al meglio delle 3 gare.

  Quarti di finale Semifinali Finali
                                       
   Bolzano Bolzano 9 2 9  
 Asiago Asiago 6 6 4  
   Bolzano Bolzano 4 3 6[1]  
   Varese Varese 6 2 4  
 Varese Varese 3 3
   Bruneck-Brunico Bruneck-Brunico 1 2  
     Bolzano Bolzano 5[2] 4 14
   Alleghe Alleghe 0 3 3
   Gherdëina-Gardena Gherdëina-Gardena 4 2  
 Cortina Cortina 3 0  
   Gherdëina-Gardena Gherdëina-Gardena 12 4 2
   Alleghe Alleghe 10 7 5  
 Merano Merano 6 3
   Alleghe Alleghe 12 5  


Il Bolzano vince il titolo e Ron Chipperfield può così festeggiare il suo primo scudetto da allenatore, dopo esser stato costretto ad interrompere la propria carriera di giocatore per problemi alla schiena.

Finale 3º/4º posto[modifica | modifica sorgente]

La lotta per la conquista del terzo posto vede fronteggiarsi Gardena e Varese. I gialloneri hanno la meglio superando il Gardena in 3 gare.

  Finale 3º/4º posto
           
 Gherdëina-Gardena Gherdëina-Gardena 6 5 4
 Varese Varese 3 9 9


Finale 5º/6º posto[modifica | modifica sorgente]

  Finale 5º/6º posto
           
 Bruneck-Brunico Bruneck-Brunico 11 12
 Merano Merano 3 1


Finale 7º/8º posto[modifica | modifica sorgente]

  Finale 7º/8º posto
           
 Asiago Asiago 5 6
 Cortina Cortina 3 2


Scudetto.svg L'Hockey Club Bolzano vince il suo nono titolo.
Formazione Campione d’Italia: Buno Baseotto - Bruno Bertiè - Giacinto Boni - Paolo Casciaro - Dale Derkatch - Hubert Gasser - Mauro Giacomin - Paolo Lasca - Robert Oberrauch - Gino Pasqualotto - Martin Pavlu - Luciano Sbironi - Maurizio Scudier - Gianni Spoletti - Herbert Strohmair - Robert Sullivan - Moreno Trisorio - Maurizio Vacca.
Allenatore: Ron Chipperfield.

Classifica finale[modifica | modifica sorgente]

Pos. Squadra
1 Bolzano Bolzano
2 Alleghe Alleghe
3 Varese Varese
4 Gherdëina-Gardena Gherdëina-Gardena
5 Bruneck-Brunico Bruneck-Brunico
6 Merano Merano
7 Asiago Asiago
8 Cortina Cortina
9 Auronzo Auronzo
10 Como Como

Marcatori[modifica | modifica sorgente]

La classifica marcatori è aggiudicata da Dale Derkatch (Bolzano) con 125 punti (50 gol e 75 assist), seguito da Bob Sullivan (Bolzano, 110 p.ti, 64 + 46), Errol Rausse (Alleghe, 109 p.ti, 50 + 59), Bruno Baseotto (Bolzano, 97 p.ti, 50 + 47) e Frank Nigro (Gardena, 94 p.ti, 44 + 50).

Serie B[modifica | modifica sorgente]

Gruppo Est[modifica | modifica sorgente]

?

Gruppo Ovest[modifica | modifica sorgente]

Teams Punti
1. Valpellice 23
2. Bergamo 12
3. Aosta 11
4. Milano 2
5. Torino -

Il Torino diede forfait a tutte le partite che doveva disputare.

Playoff[modifica | modifica sorgente]

  Quarti di finale Semifinali Finali
                                       
   Val di Fassa Val di Fassa 9 5  
 Ritten-Renon Ritten-Renon 2 2  
   Val di Fassa Val di Fassa 5 6  
   HC Fiemme Fiemme Cavalese 4 0  
 Vipiteno Broncos Vipiteno Broncos 3 5
   HC Fiemme Fiemme Cavalese 3 6  
     Val di Fassa Val di Fassa 10 8
   Selva Selva 2 5
   Valpellice Valpellice 5 0  
 Kaltern-Caldaro Kaltern-Caldaro 1 1  
   Valpellice Valpellice 5 4
   Selva Selva 11 12  
 Selva Selva 13 12
   Bergamo Bergamo 3 2  


Finale 3º/4º posto[modifica | modifica sorgente]

  Finale 3º/4º posto
           
 Valpellice Valpellice 6 2
 HC Fiemme Fiemme Cavalese 7 4


Il Fassa viene promosso in serie A, Cavalese si aggiudica la terza piazza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La partita finì 3-3 ma l'arbitro internazionale Gustavo Alajmo per dei problemi nell'organizzazione dei tiri di rigore decide di far rigiocare la partita, col Bolzano che vince 6-4.
  2. ^ L'allenatore dell'Alleghe Mike Kelly ritira la squadra sul 2-0 per il Bolzano (e verrà così in seguito sospeso per un anno). La partita termina 5-0 per forfait dell'Alleghe.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Parte di questo testo è stato preso da hockeytime.net, col consenso dell'autore.