Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1954-1955

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stagione 1954-1955
Campionato Campionato italiano
Sport Ice hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Numero squadre 8 Serie A
? Serie B
Campione italiano Flag of None.svg HC Milano Inter

Il Campionato italiano di hockey su ghiaccio 1954-55 fu la 22ª edizione del campionato nazionale.

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Si ritorna alla formula del doppio girone di qualificazione con partite di andata e ritorno più un girone finale per la conquista dello scudetto. Inoltre è introdotto lo spareggio tra le ultime due formazioni di ogni gruppo che costringe la perdente ad affrontare la vincente del Campionato di Promozione (la serie cadetta) per rimanere nella massima serie o retrocedere.

Formazioni[modifica | modifica wikitesto]

A causa dei risultati economici inferiori alle aspettative, l’iscrizione del Torino, neopromosso, è a rischio per il mancato finanziamento della società Torino Sport, di cui la squadra di hockey fa parte. Al termine di diverse riunioni la società Torino Sport decide di vendere il Palazzo del Ghiaccio al Valentino ad una società privata, mentre per ciò che riguarda l'HC Torino, le subentra la Fiat.
Problemi finanziari anche ad Ortisei, dove per continuare l’attività si chiede l’intervento degli enti locali. Problemi anche per i Diavoli Rossoneri Milano, notevolmente indeboliti rispetto agli anni passati a causa dei problemi finanziari già presenti nella stagione precedente: dopo le dimissioni del presidente la società fu commissariata e fu costretta ad abbandonare momentaneamente il Campionato per svolgere una tournée all’estero per reperire nuovi fondi.

Gironi di qualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Teams Punti
1. Bolzano 11
2. Cortina 9
3. Torino 4
4. Ortisei 0

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Teams Punti
1. HC Milano Inter 12
2. Auronzo 8
3. Alleghe 4
4. Diavoli Rossoneri Milano 0

Girone Finale[modifica | modifica wikitesto]

Le partite del girone finale previste a Bolzano, come da accordi tra le società, sono dirette da arbitri svizzeri per ovviare il ripetersi delle polemiche delle stagioni passate. Diventa decisivo lo scontro dell'ultima partita in programma, che davanti ad un palazzo gremito in ogni ordine di posto è ad appannaggio della formazione meneghina per 4-1.

  • Milano Inter - Auronzo 13-5
  • Bolzano - Cortina 5-2
  • Milano Inter - Cortina 14-7
  • Bolzano - Auronzo 10-7
  • Milano Inter - Bolzano 4-1
Teams Punti
1. HC Milano Inter 6
2. HC Bolzano 4
3. Cortina 1
3. Auronzo 1

Il Milano Inter si riconferma Campione d'Italia chiudendo il girone finale a punteggio pieno.

Scudetto.svg L'Hockey Club Milano Inter vince il suo quindicesimo (ed ultimo) scudetto in 22 edizioni del campionato.
Formazione Campione d’Italia: Giancarlo Agazzi - George Beach - Mario Bedogni - Vittorio Bolla - Franco Bollani - Giampiero Branduardi - Ernesto Crotti - William Cupolo - Umberto Gerli - Salvatore Guccione - Carlo Montemurro.

Spareggio retrocessione[modifica | modifica wikitesto]

  • Diavoli Rossoneri Milano - Ortisei 3-2
Spareggio ultima Serie A/prima Serie B[modifica | modifica wikitesto]
  • Ortisei - Asiago 5-4

La squadra alto atesina, sconfitta nello spareggio contro i Diavoli Rossoneri, prevale sull'Asiago, vincitore del torneo di Promozione (il campionato di Serie B), per 5-4, relegando la squadra vicentina tra i cadetti.

Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Parte di questo testo è stato preso da hockeytime.net, col consenso dell'autore.