Base Vostok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Base Vostok
Ста́нция Восто́к
Ста́нция Восто́к
Stato Antartide Antartide[1]
Territorio Territorio antartico australiano
Coordinate 78°27′51.92″S 106°50′14.38″E / 78.464422°S 106.837328°E-78.464422; 106.837328Coordinate: 78°27′51.92″S 106°50′14.38″E / 78.464422°S 106.837328°E-78.464422; 106.837328
Altitudine 3488 m s.l.m.
Gestita da Russia Russia
Tipo Base permanente
Fondazione 1957
Popolazione 25
Mappa di localizzazione: Antartide
Base Vostok
Foto panoramica della stazione Vostok. La torre gialla sulla sinistra è la centrale elettrica, gli edifici a strisce diagonali sono la mensa e gli alloggi degli scienziati, mentre l'edificio con la sfera a righe sul tetto è la stazione meteorologica. Sono stati scavati tunnel nelle zone circostanti per mantenere le carote di ghiaccio a una temperatura ideale di −55 °C. (Credit: Todd Sowers LDEO, Columbia University, Palisades, New York.)

La base permanente Vostok (in russo Станция Восток) sorge nel cuore del Plateau Antartico (78°28′S 106°48′E / 78.466667°S 106.8°E-78.466667; 106.8 a quota 3 488 m), in una zona in cui la calotta glaciale raggiunge i 3 700 m circa di spessore all'interno del territorio antartico australiano. Realizzata dai sovietici in occasione dell’Anno geofisico internazionale a 1 410 km dalla base Mirnyj, 1 260 km dalla più prossima linea costiera, 1 280 km dal Polo Sud e 1 310 km dalla stazione McMurdo, fu aperta il 16 dicembre 1957. La sua operatività ha subito quattro interruzioni: dal gennaio 1962 al gennaio 1963, dal febbraio al novembre 1994, dal gennaio al dicembre 1996, dal febbraio 2003 al febbraio 2004: il che non consente di disporre di un archivio meteorologico completo, anche se sono state proposte alcune ricostruzioni per i periodi mancanti, calcolate per estrapolazione. Per la sua ubicazione, con Amundsen-Scott, rappresenta il più importante centro di studio del clima antartico.

Clima[modifica | modifica sorgente]

A Vostok, la notte polare va dal 23 aprile al 21 agosto, il giorno polare dal 21 ottobre al 21 febbraio. La temperatura media annua (1958-2006, con interruzioni) è di −55,3 °C (deviazione standard: 0,8 °C), la più bassa documentata sulla Terra. Il mese più caldo è dicembre (−31,9 °C), il più freddo agosto (−68,0 °C); nel semestre invernale, però, per tutti i mesi da aprile a settembre sono stati registrati casi in cui la media è scesa sotto i −70 °C (Kernlose winter), con un minimo di −75,4 °C nell’agosto 1987. L’evoluzione del clima su base decennale, analizzata sull’unico trentennio disponibile in modo completo, è stata la seguente (media annua):

  • 1964-73 −55,38 °C
  • 1974-83 −55,26 °C
  • 1984-93 −55,24 °C

Si nota un lieve incremento termico, che pare in atto anche nel XXI secolo.

Gli estremi annuali[modifica | modifica sorgente]

Indicata come Polo del freddo terrestre, nel corso della sua storia operativa Vostok ha registrato una temperatura massima di -12,2 °C (11 gennaio 2002), mentre è detentrice del record mondiale di temperatura minima, di cui si elencano i dieci valori giornalieri più bassi (graduatoria non definitiva, poiché le ricerche d'archivio proseguono):

  • 21 luglio 1983 -89,2 °C
  • 20 luglio 1983 -88,8 °C
  • 24 agosto 1960 -88,3 °C
  • 20 agosto 1992 -87,9 °C
  • 25 agosto 1958 -87,4 °C
  • 5 settembre 1968 -86,9 °C 
  • 2 settembre 1987 -86,0 °C
  • 9 settembre 1998 -86,0 °C
  • 8 agosto 1958 -85,8 °C
  • 14 settembre 1982 -85,8 °C

Si può notare come gli estremi vengano spesso toccati nei giorni in cui ha termine la notte polare (21 agosto) o nei successivi, in accordo con le caratteristiche messe in luce dalle ricerche di micrometeorologia nel clima antartico.


VOSTOK Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Est Aut Inv Pri
T. max. mediaC) -29,0 -39,4 -52,9 -60,3 -59,2 -59,3 -56,7 -60,7 -57,5 -53,5 -38,8 -28,0 -32,1 -57,5 -58,9 -49,9 -49,6
T. min. mediaC) -35,5 -47,4 -63,9 -70,4 -70,5 -70,8 -73,8 -75,4 -71,8 -61,3 -45,4 -35,1 -39,3 -68,3 -73,3 -59,5 -60,1
Giorni di calura (Tmax ≥ 30 °C) 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 31 28 31 30 31 30 31 31 30 31 30 31 90 92 92 91 365
Nuvolosità (okta al giorno) 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
Precipitazioni (mm) 0,1 0,0 0,2 0,5 0,4 0,5 0,6 0,7 0,4 0,2 0,1 0,0 0,1 1,1 1,8 0,7 3,7
Giorni di neve 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 0 0 0 0 2 0 2

Le precipitazioni[modifica | modifica sorgente]

Date le caratteristiche dell’Antartide, risulta inutilizzabile ogni formula di classificazione delle precipitazioni (pluviofattore di Lang, indice di aridità De Martonne, indice di Crowther); tuttavia, l’indicazione empirica secondo cui un’area è qualificata come desertica se soggetta a precipitazioni medie annue inferiori a 150 millimetri, rende Vostok paragonabile alle più aride località del mondo. Secondo i dati d’archivio (1958-2004), la media si attesta a 19,9 mm. In 492 mesi rilevati (fino al 2004) se ne contano 102 (20,7% dei casi) con assenza di precipitazioni; si rintracciano due serie di undici mesi consecutivi a 0,0 mm (marzo 1982 - gennaio 1983; ottobre 1991 - agosto 1992; ai dieci mesi marzo - dicembre 1995 è seguita l’interruzione delle osservazioni). Il mese in cui, più di frequente, non si osservano precipitazioni, è dicembre (media 0,6 mm); all’opposto, maggio (2,6 mm) è il meno arido. I mesi con più precipitazioni sono comunque quelli invernali. Date le basse temperature e l’umidità relativa ridotta, ci si attenderebbe il contrario; ma questo regime è determinato da un’attività ciclonica più intensa d’inverno, quando l’ingerenza delle correnti umide oceaniche si fa strada all’interno del continente. Le precipitazioni di Vostok sono classificate per cadute di neve (in media 26 giorni all’anno), aghi di ghiaccio (247 giorni) e brina (225 giorni), in molti casi in quantità così esigue da non essere rilevabili. Occorre comunque aggiungere che le misure sono rese difficoltose dalla forza del vento. Gli estremi annui, vanno da 0,2 mm (1982 e 1995) a 66,4 mm (1958). Il mese più abbondante, invece, è stato il giugno 1958 (18,6 mm).

Logistica e identificativi[modifica | modifica sorgente]

Vostok, dislocata in cinque edifici, occupa un'area di circa 2 500 , di cui 1 000  di ambienti e può ospitare fino a un massimo estivo di 25 persone; d'inverno, in media sono 13. Per la sua operatività annuale occorrono 170 000 kg di carburante e 400  d'acqua, ottenuti per scioglimento della neve. Vostok fa parte della rete dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale: il codice identificativo è 89606.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'Antartide non appartiene ad alcuno stato, il suo utilizzo internazionale è regolato dal Trattato Antartico per soli scopi pacifici.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]