Artinite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Artinite
Artinite on serpentine w- hydromagnesite Basic magnesium carbonate Mistake Mine Fresno County California 2178.jpg
Classificazione Strunz 05.DA.10[1]
Formula chimica Mg2(CO3)(OH)2·3(H2O)[2][1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino monoclino[2]
Classe di simmetria sfenoidica
Parametri di cella a = 16.56, b = 3.15, c = 6.22[1]
Gruppo puntuale  
Gruppo spaziale C 2 or C 2/m[1]
Proprietà fisiche
Densità 2,02-2,04[2] g/cm³
Durezza (Mohs) 2,5[2]
Sfaldatura perfetta[2] secondo {100}, buona secondo {001}[1]
Frattura irregolare[1]
Colore bianco[1]
Lucentezza sericea,[1] vitrea
Opacità traslucido[1]
Striscio bianco[1]
Diffusione rara[2]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'artinite è un minerale, un carbonato idrato di magnesio.

Individuata nel 1902 in Val Malenco e caratterizzata dal mineralogista dell'Università di Pavia Luigi Brugnatelli (9 dicembre 1859 - 27 aprile 1928), la roccia prende il nome da Ettore Artini (1866 - 1928), suo collega dell'Università di Milano, che in seguito gli restituì il favore dedicandogli la brugnatellite, da lui descritta nel 1909. Il cloruro analogo dell'artinite è la chlorartinite.

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

In cristalli monoclini aghiformi e fibrosi.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

L'origine del minerale è secondaria, dovuta all'alterazione di rocce serpentinose[2], provocata da acque carbonatiche; la paragenesi è con idromagnesite, brucite, calcite e aragonite.

Il minerale si può trovare entro marmi formatisi mediante processi termometamorfici.[2]

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

In masse botrioidali o globulari composti da sottili cristalli aciculari[2]. A volte presente anche in incrostazioni. Quando si presenta in aggregati raggiati di cristalli millimetrici e di color bianco candido, il minerale riveste notevole interesse collezionistico.

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica sorgente]

È solubile, con viva effervescenza, nell'acido cloridrico diluito; per riscaldamento perde acqua. Solubile con effervescenza anche in altri acidi[2], è infusibile. Fragile.[2]

Località di ritrovamento[modifica | modifica sorgente]

Nella Valmalenco dove il minerale fu scoperto nel 1902 da Pietro Sigismund, collezionista di minerali valtellinesi e successivamente studiato da Luigi Brugnatelli, professore dell'Università di Pavia che dedicò il nome del minerale ad Ettore Artini mineralogista e direttore del Museo civico di storia naturale di Milano.[2]
È presente nel giacimento di magnetite di Liconi, nel comune di Cogne, in Val d'Aosta;
nelle cave di amianto alla base del monte Fobé ad Emarèse e a Saint-Vincent associato a idromagnesite trovato durante la costruzione del tratto della autostrada A 5 tra Ivrea ed Aosta[2], sempre in Val d'Aosta.
Si trova in bei campioni e in relativa abbondanza alla Rocca Castellaccio[2], nel comune di Torre Santa Maria. È presente anche in Val d'Astico, nel Vicentino nelle cave di marmo di Pedescala e Cogollo del Cengio.
In Liguria l'artinite è segnalata nella cava di monte Ramazzo sopra Borzoli, in provincia di Genova ed a Carro, comune in provincia della Spezia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j Dati Webmin
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Francesco Demartin, Matteo Boscardin, Artinite in I minerali dalla A alla Z, vol. 2° pag. 475, Peruzzo, Milano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mineralogia - Cornelis Klein - Zanichelli (2004).
  • Le rocce e i loro costituenti - Morbidelli - Ed. Bardi (2005).
  • Minerali e Rocce - De Agostini Novara (1962).
  • Guida al riconoscimento dei minerali - Borelli e Cipriani - Mondadori (1987).
  • Atlante delle rocce magmatiche e delle loro tessiture - Mackenzie, Donaldson e Guilford - Zanichelli (1990).
  • Atlante delle rocce sedimentarie al microscopio - Adams, Mackenzie e Guilford - Zanichelli (1988).
  • I minerali d'Italia - SAGDOS - 1978.
  • Minerali e Rocce - Corsini e Turi - Enciclopedie Pratiche Sansoni (1965).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia