Classificazione Strunz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La classificazione Strunz prende il nome dal mineralogista tedesco Hugo Strunz. Prevede la suddivisione dei minerali in nove classi in base a criteri "cristallochimici" in quanto prende in considerazione sia la composizione chimica sia l'aspetto cristallino. Fu proposta per la prima volta nel 1938 e da allora ha subito una costante opera di aggiornamento, man mano che si affinavano le determinazioni di struttura e venivano precisate le composizioni chimiche.[1]

L'ultimo aggiornamento (il nono) è del 2001, effettuato da Hugo Strunz in collaborazione con Ernest Henry Nickel, ed è quello adottato dall'Associazione Mineralogica Internazionale; è conosciuta con il nome di Classificazione Nickel-Strunz.

Classi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Classificazione Nickel-Strunz.

Si presentano le classi di minerali relative all'ultimo aggiornamento. Per i dettagli si veda la voce di approfondimento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mottana, A.; Crespi, R.; Liborio, G.; Minerali e rocce, Mondadori Ed., 1977

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia