Costante di reticolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Definizione di una cella unitaria utilizzando un parallelepipedo con lunghezze a, b, c e angoli α, β, e γ formati dai lati.

La costante di reticolo (o parametro di reticolo o parametro di cella o costante cristallografica) è un valore costante che definisce la distanza tra celle unitarie in un reticolo cristallino. I reticoli nelle tre dimensioni hanno generalmente tre costanti, indicate con le lettere a, b, e c. Tuttavia, nel caso speciale di strutture cristalline cubiche, tutte le costanti sono uguali e si è soliti riferirsi solo ad a. Similmente, in strutture cristalline esagonali, le costanti a e b sono uguali, e ci si riferisce solamente alle costanti a e c.

I tre parametri a, b e c sono sufficienti a definire le caratteristiche geometriche di una cella, tuttavia tra le costanti del reticolo vengono considerati anche i valori dei tre angoli ad essi associati (α, β, e γ), in modo da averne una descrizione completa.[1]

Nel caso di leghe la costante reticolare può essere calcolata con la legge di Vegard.

Nel Sistema Internazionale le costanti di reticolo sono misurate in metri, valori tipici sono dell'ordine di diversi angstrom (10−10 m). Le costanti di reticolo possono essere determinate sperimentalmente utilizzando tecniche, quali la diffrazione dei raggi X e la microscopia a forza atomica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Font Altaba, pp. 6-7

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]