A che ora è la fine del mondo?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A che ora è la fine del mondo?
Artista Luciano Ligabue
Tipo album Studio
Pubblicazione 28 ottobre 1994[1]
Durata 34:57
Dischi 1
Tracce 8
Genere Alternative rock
Pop rock
Etichetta WEA Italiana
Produttore Luciano Ligabue
Formati CD, MC
Certificazioni
Dischi di platino Italia Italia (3)[2]
Luciano Ligabue - cronologia
Album successivo
(1995)
Singoli
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 0/5 stelle[3]

A che ora è la fine del mondo? è il quarto album di Luciano Ligabue, pubblicato dalla Warner Music Italy su CD (catalogo 450 9 98171 2) e musicassetta (450 9 98171 4) nel 1994.[1]

L'album[modifica | modifica wikitesto]

Autoprodotto, è stato definito dall'artista come una raccolta di "schegge sparse", ovvero di brani incisi in tempi diversi e slegati fra loro.[4][5] È l'ultimo lavoro in collaborazione con i Clan Destino e il primo in cui Ligabue collabora con altri musicisti. Rappresenta una sorta di transizione tra la fase iniziale della carriera dell'artista, con i primi tre album prodotti da Angelo Carrara[6] (collaborazione interrotta nei mesi antecedenti questa pubblicazione),[7] e quella che seguirà con Buon compleanno Elvis insieme alla nuova formazione denominata "La Banda" e al produttore Fabrizio Barbacci.[4]

Il 27 novembre 2008 viene pubblicata una versione rimasterizzata del CD (Warner Music Italy catalogo 518 6 51652 5),[1] la confezione contiene un libretto di 40 pagine[5] che spiega la genesi di ciascun brano dell'album e contiene le vignette della storia di Gino, fumetto scritto da Ligabue e disegnato da Gigi Cavalli Cocchi.

Successo, classifiche e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 raggiunge la 6ª posizione nella classifica italiana, risultando il 50º album più venduto.[8]

Complessivamente otterrà un buon successo, conquistando 3 dischi di platino.[9][10]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

  • Gringo '94
    Pezzo rock scritto e modificato più volte dalla metà degli anni '80 in poi,[11] in cui si narra della vita di El Gringo, personaggio parodia dell'ex Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan.[12] Ligabue ha puntualizzato che questa metafora si può estendere alla superpotenza americana in generale[11]
« Anche se cambiano i presidenti, gli Stati Uniti continuano a sentirsi gli 'sceriffi' del mondo con una legge e una giustizia sole: le loro. »
(Luciano Ligabue)
Registrato e mixato al Logic studio a fine marzo 1994.[11]
  • Fuoritempo
    Pezzo rock[16] il cui testo narra di persone che si sentono fuori posto e fuori tempo.[16] Come nei due brani precedenti Ligabue suona con i Clan Destino, qui Lele Melotti sostituisce Gigi Cavalli Cocchi alla batteria.[17]
Registrato allo studio Esagono di Rubiera a fine giugno 1994.
La canzone, utilizzata nei primi concerti con gli Orazero a fine anni ottanta[14] e occasionalmente in alcune date del primo tour, è stata passata nel 1992 ai Rats, che l'hanno incisa, con la partecipazione dello stesso Ligabue come cantante e produttore,[16] nel loro CD Indiani padani e in un singolo promozionale.
Il testo è una sorta di applicazione del rock and roll come filosofia di vita, citando indirettamente il concetto alla base di It's only rock'n'roll (but I like it) dei Rolling Stones.[17]
Registrato allo studio Esagono nel settembre 1994.[18]
  • Male non farà
    Altra ballata con influenze soul[19] nella cui chiusura sono presenti i vocalizzi dell'allora poco conosciuta Jenny B.[20] È l'unica canzone della discografia di Ligabue che contiene una voce solista femminile. Il pezzo, destinato al gruppo dei Timoria, è stato da loro inserito nelle ristampe dell'album Storie per vivere (il brano non era ancora disponibile all'epoca della prima pubblicazione) e in un singolo promozionale.[20]
Registrato allo studio Esagono a fine giugno '94.[20]
  • Gringo '91
    Versione del 1991 della seconda canzone dell'album. A differenza del riarrangiamento del 1994, il testo è leggermente diverso, ma non nei contenuti.[19] Vengono richiamate sonorità presenti nel coevo album Lambrusco coltelli rose & pop corn di cui questo brano avrebbe potuto far parte.[21] Infatti, fu il primo ad essere inciso durante le sessioni di registrazione di quell'album, ma fu in seguito escluso dal disco perché il testo non era concettualmente attinente.[21] All'epoca, la formazione dei Clan Destino contava Giovanni Marani, autore delle parti di pianoforte, alle tastiere.[21]
Registrato allo studio Blanche di Medicina (BO) nella primavera del 1991.[21]
  • Urlando contro il cielo
    Versione dal vivo cantata dal pubblico del brano pubblicato in Lambrusco coltelli rose & pop corn, registrata nel 1991 durante il Neverending Tour che seguì l'uscita dell'album.[22] Si tratta del primo pezzo live inciso dal cantante e che, a detta dello stesso, non deve mancare nella scaletta dei suoi concerti.[22]
L'arrangiamento di questa versione si differenzia per l'introduzione più lunga, infatti l'attacco della chitarra di Cottafavi è preceduto dalle variazioni del bridge e del ritornello del pezzo eseguite al pianoforte da Giovanni Marani.[22]

I video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto per promuovere l'album Lambrusco coltelli rose & pop corn, ma contiene l'audio pubblicato in A che ora è la fine del mondo?, era originariamente disponibile solo in videocassetta sull'home video Videovissuti e videopresenti del 1993.

Tutti i videoclip sono stati inseriti nei DVD Primo tempo del 2007 e Videoclip Collection del 2012, quest'ultimo distribuito solo nelle edicole.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Luciano Ligabue, eccetto dove indicato.

  1. A che ora è la fine del mondo? – 4:23 (testo: Luciano Ligabue – musica: Mike Mills, Bill Berry, Peter Buck, Michael Stipe)
  2. Gringo '94 – 4:26
  3. Cerca nel cuore – 3:27 (testo: Luciano Ligabue – musica: Luciano Ligabue, Gianfranco Fornaciari)
  4. Fuoritempo – 4:33
  5. L'han detto anche gli Stones – 4:13
  6. Male non farà – 5:10
  7. Gringo '91 – 4:10
  8. Urlando contro il cielo (live) – 4:35

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Clan Destino[modifica | modifica wikitesto]

(eccetto brani 1 e 5)

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

A che ora è la fine del mondo?

Negrita in L'han detto anche gli Stones

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Scheda album su www.ligachannel.com, Ligabue sito ufficiale, 14 gennaio 2008. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  2. ^ Ligabue: Quello che sono oggi su www.newsic.it. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Mariano Prunes, Recensione, scheda album, testi su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  4. ^ a b c d e Bertoncelli, p.51
  5. ^ a b Minervini
  6. ^ Minervini, p.15,38
  7. ^ Minervini, p.10
  8. ^ Classifica vendite album 1994 su www.hitparadeitalia.it, Hit Parade Italia. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  9. ^ Ligabue, biografia su www.barleyarts.com, Barley Arts Promotion. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  10. ^ Vedi nota 2
  11. ^ a b c Minervini, p.22
  12. ^ Minervini, p.33
  13. ^ Ernesto Assante, La fine del mondo al ritmo di Ligabue in archivio, La Repubblica.it, 13 novembre 1994. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  14. ^ a b c Minervini, p.24
  15. ^ a b Bertoncelli, p.52
  16. ^ a b c Minervini, p.25
  17. ^ a b Minervini, p.26
  18. ^ a b Minervini, p.27
  19. ^ a b Bertoncelli, 2ª ed., p.204
  20. ^ a b c Minervini, p.32
  21. ^ a b c d Minervini, p.33-34
  22. ^ a b c Minervini, pp.37

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]