5. SS-Panzer-Division "Wiking"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
5ª SS-Panzerdivision "Wiking"
5th SS Division Logo.svg
L'insegna divisionale caratterizzata da uno scudo appuntato, intagliato al cantone sinistro del capo, con cerchio solare (Sonnenrad)
Descrizione generale
Attiva 1940 - 1945
Nazione Germania Germania
Servizio Waffen-SS
Tipo corazzata
Dimensione divisione
Soprannome Wiking
Comandanti
Comandanti degni di nota Felix Steiner
Herbert Gille
Karl Ullrich

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 5ª SS-Panzerdivision "Wiking" era una divisione motorizzata prima e corazzata poi delle Waffen-SS durante la Seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

durante una consegna di decorazioni sul fronte russo (estate 1942)

La 5ª SS-Panzerdivision "Wiking" fu costituita nel dicembre 1940, inizialmente denominata "Germania", venne rinominata "Wiking" nel gennaio 1941. Il mese successivo, un gruppo di volontari finlandesi venne aggregato alla divisione; così formata, gli uomini iniziarono l'addestramento nel campo dell'esercito di Heuberg, addestramento concluso nell'aprile del 1941.

Trasferita sul Fronte Orientale, la divisione venne assegnata al Gruppo d'armate Sud, e inviata a Tarnapol in Galizia il 29 giugno 1941, impressionando i generali della Wehrmacht per l'aggressività e la destrezza nell'assalto. In agosto la "Wiking" si trovava lungo il Dnepr, nel tentativo di stabilire una testa-di-ponte; ben presto le prime unità corazzate riuscirono a sfondare la resistenza sovietica e a raggiungere Dnepropetrovsk e poco dopo Rostov; con il sopraggiungere dell'inverno, la divisione prese posizione lungo la linea del fiume Mius.

La successiva offensiva tedesca della primavera ed estate del 1942 spinse la divisione in pieno Caucaso, nel tentativo di raggiungere i campi petroliferi intorno a Baku, dove rimase fino alla primavera dell'anno successivo. In questo periodo, come normalmente avveniva per tutti i reparti militari tedeschi, diverse unità vennero trasferite: primo fra tutti il Reggimento "Nordland", che divenne il nucleo per la nuova divisione "Nordland", in seguito anche i reparti estoni e lituani furono trasferiti nella nuova divisione.

Nell'ottobre 1943 la divisione fu trasformata in divisione corazzata. Con il rafforzamento della potenza militare sovietica, nell'estate e nell'autunno del 1943, la divisione venne dapprima impegnata nell'area di Kharkov e del fiume Dnepr, e, successivamente, col collasso della linea del Dnepr la Wiking rimase intrappolata nella sacca di Korsun-Sevcenkovskij insieme ad elementi dell'8ª armata di Wöhler, e si ritrovò a giocare un ruolo chiave nei successivi tentativi di sfondamento, uscendone, però, stremata.

I pochi superstiti della sacca di Korsun-Sevcenkovskij vennero riuniti per formare un Kampfgruppe (gruppo di combattimento) e vennero trasferiti in Polonia per un periodo di riposo; allo stesso tempo però i sovietici continuarono nella loro marcia di avvicinamento alla Germania, pertanto la "Wiking", insieme con la "Totenkopf", la 19. Panzer-Divisione della Wehrmacht e la 1. Fallschirm-Panzer-Division "Hermann Göring" della Luftwaffe, riuscì, a fronte di sacrifici immani, a contenere i sovietici sulla Vistola e a impedirli di raggiungere immediatamente Varsavia, stabilizzando il fronte fino alla fine del gennaio 1945.

La "Wiking" abbandonò la zona di Varsavia nel dicembre 1944 e trasferita a sud, nel tentativo di rompere l'accerchiamento intorno a Budapest e di liberare i 45.000 soldati tedeschi che vi erano rimasti intrappolati. Due settimane di aspri combattimenti non riuscirono a migliorare la situazione, consumando uomini e materiali, per cui la divisione venne trasferita a ovest della capitale ungherese, per arginare l'avanzata sovietica, venendo impegnata in diverse operazioni difensive, fino in Cecoslovacchia, dove si arrese in parte agli americani, in parte ai sovietici nel maggio 1945.

Reparti stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Volontari finlandesi nel campo di addestramento di Gross Born nel 1941

La divisione "Wiking" non fu conosciuta solamente per l'audacia e la combattività dei propri uomini, ma anche per il gran numero di soldati non tedeschi, molti dei quali volontari provenienti da diversi paesi dell'Europa Occidentale e nordica. Questa la lista, per nazionalità, degli uomini impegnati:

  • Paesi Bassi: 631 uomini provenienti dai Paesi Bassi furono arruolati nel Reggimento di Fanteria "Westland" nel giugno 1941;
  • Fiandre: uomini provenienti da questa zona del Belgio furono arruolati nel Reggimento di Fanteria "Westland";
  • Norvegia: 294 norvegesi vennero arruolati il 22 giugno 1941, nel Reggimento di Fanteria "Nordland";
  • Danimarca: 216 danesi entrarono nel Reggimento di Fanteria "Nordland" nel giugno 1941;
  • Svizzera: informazioni contrastanti parlano di poco meno di 800 svizzeri arruolatesi nella divisione;
  • Finlandia: 421 finlandesi entrarono nella divisione nel 1941, e un nuovo Battaglione di Volontari Finlandesi venne aggregato nel 1942;
  • Svezia: qualche decina di svedesi servirono come volontari;
  • Estonia: estoni prestarono servizio nel Battaglione di Granatieri Corazzati "Narwa"
  • Vallonia: uomini provenienti da questa zona del Belgio furono arruolati nella Brigata d'Assalto "Wallonien";
  • Volksdeutsche: diversi uomini erano Volkdeutsche (uomini di stirpe tedesca) provenienti dai Balcani e da altre località.

Teatri operativi[modifica | modifica wikitesto]

Decorati con la Croce di Cavaliere[modifica | modifica wikitesto]

Gustav Schreiber

In totale furono 55 gli uomini decorati con la Croce di Cavaliere della Croce di Ferro.

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

L'insegna divisionale[modifica | modifica wikitesto]

L'insegna divisionale è caratterizzata da uno scudo appuntato, che presenta un intaglio al cantone sinistro del capo, di nero alla bordura d'argento a un cerchio solare (Sonnenrad) destrorso anch'esso alla bordura d'argento. Il Sonnenrad, svastica solare, simbolo runico di origine antico norvegese, utilizzato come simbolo della Società Thule, caratterizzava i reparti delle SS formati da personale proveniente dai Paesi del nord Europa. Il medesimo simbolo appare infatti nell'insegna della 11. SS-Freiwilligen-Panzergrenadier-Division Nordland, oltre che nell'insegna del corpo di Schalburg, ramo delle Allgemeine-SS formato da personale di origine danese.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo