4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division
4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division.svg
Simbolo di divisione.
Descrizione generale
Attiva 1939 - 1945
Nazione Germania Germania
Servizio Waffen-SS
Tipo fanteria meccanizzata
Dimensione divisione
Battaglie/guerre Fronte occidentale
Operazione Barbarossa
Fronte orientale
Battaglia di Berlino

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 4. SS-Polizei-Panzergrenadierdivision era una divisione delle Waffen-SS impiegata in combattimento durante la Seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La 4. SS-Polizei-Panzergrenadierdivision fu costituita il 10 gennaio 1939 presso il campo di addestramento di Wandern con personale proveniente dall'Ordnungspolizei. Tale divisione venne considerata come unità di seconda linea, e non pienamente parte delle SS, tanto che i soldati indossavano l'uniforme ordinaria dell'Ordnungspolizei con l'aggiunta dell'aquila dell'esercito.

Nel giugno 1940 la divisione fu inizialmente posta in riserva nella vittoriosa Campagna di Francia, solamente tra il 9 e il 10 giugno gli uomini ottennero il battesimo del fuoco, entrando in azione nell'attraversamento del fiume Aisne lungo il canale delle Ardenne, venendo in seguito pesantemente impegnata contro le retroguardie francesi che si stavano ritirando, e contribuendo in maniera decisiva nella presa della città di Les Islettes. Alla fine di giugno l'unità venne nuovamente destinata a riserva.

Il 27 giugno 1941 la divisione fu trasferita sul Fronte Orientale e inserita nella riserva del Gruppo d'armate Nord. Nell'agosto successivo entrò in azione nei pressi di Luga nel tentativo di stabilire una testa di ponte; nonostante ripetuti assalti, che causarono la morte di 2.000 soldati, solamente con l'aiuto di altre divisioni dell'esercito gli uomini della "Polizei" riuscirono ad avere la meglio sulla tenace resistenza sovietica. Dopo la battaglia di Luga, la divisione fu trasferita a nord per partecipare all'assedio di Leningrado.

Solamente nel gennaio del 1942, dopo essersi distinta in questi combattimenti, la divisione ottenne lo "status" di divisione delle Waffen-SS.

Dal gennaio al marzo del 1942 la divisione fu impegnata nella zona del fiume Wolchow nei tentativi di circondare e distruggere la 2. Armata d'Assalto Sovietica. Tra gennaio e febbraio 1943 i soldati della "Polizei" vennero impegnati nell'arginare l'avanzata sovietica a sud del Lago Ladoga, e, successivamente, nella ritirata ad ovest di Kolpino.

Sempre nel febbraio del 1943, la divisione, in seguito alle pesanti perdite dell'inverno precedente, fu ridotta a un Kampfgruppe (gruppo di combattimento), mentre altri reparti divisionali vennero trasferiti ad ovest per essere riorganizzati.

Dopo essere stata riorganizzata, la divisione fu trasferita nei Balcani: alcune unità vennero impegnati in azioni contro i partigiani in Grecia, mentre altre furono impegnate nei pressi di Belgrado. Nel gennaio del 1945, la "Polizei" venne trasferita in Slovacchia, e poi in Pomerania per assistere le altre divisioni tedesche che cercavano di arginare l'avanzata russa. Poco dopo la divisione venne trasferita a Danzica, ma rimasta intrappolata, si ritirò dapprima nella penisola di Hela, per poi sfuggire alla cattura da parte dei sovietici, ed arrendersi agli americani presso Wittenberge-Lenzen.

Teatri operativi[modifica | modifica wikitesto]

Decorati con la Croce di Cavaliere[modifica | modifica wikitesto]

In totale furono 25 gli uomini decorati con la Croce di Cavaliere della Croce di Ferro.

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

L'insegna divisionale[modifica | modifica wikitesto]

L'insegna divisionale è caratterizzata da uno scudo appuntato, che presenta un intaglio al cantone destro del capo, di nero alla bordura d'argento a un gancio di lupo (Wolfsangel) verticale anch'esso alla bordura d'argento. L'insegna runica (Wolfsangel), originalmente utilizzata come talismano per tenere lontani i lupi mannari, divenuta in seguito simbolo araldico e emblema della città di Wolfstein, fu utilizzata nel XV secolo come simbolo delle rivolte contadine contro i mercenari dei principi tedeschi, assumendo il simbolo di libertà e indipendenza. Originalmente utilizzata come simbolo da parte della NSDAP, venne successivamente utilizzata nelle sue varianti orizzontale (come per il caso della 2. SS-Panzer-Division Das Reich), verticale (come nel caso dell'insegna della 4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division) o posta in sbarra (come nel caso del simbolo dei reparti Wehrwolf formati negli ultimi mesi di guerra).

nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo