29. Waffen-Grenadier-Division der SS (russische Nr. 1)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
29. Waffen-Grenadier-Division der SS "RONA" (1. Russa)
Ronav.png
Simbolo divisionale della
29. Waffen-Grenadier-Division der SS "RONA"(1. Russa)
Descrizione generale
Attiva settembre del 1943-marzo 1945
Nazione Germania
Ucraina
Bielorussia
Alleanza Potenze dell'Asse
Servizio Waffen-SS
Tipo reparto di fanteria
Dimensione divisione
Colori Bianco, blu e rosso
Battaglie/guerre
Battaglia sul Fronte Orientale e impiegata per contrastare la rivolta di Varsavia
Comandanti
Comandanti degni di nota * Brigadeführer Bronislaw Kaminski (Бронислав Каминский)
* Generalleutnant der Polizei Heinrich Jürs
* Generalmajor der Polizei Christoph Diehm

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 29. Divisione fanteria delle SS (1. russa) (Waffen-Grenadier-Division der SS RONA (russische Nr. 1) in tedesco) fu una delle 38 divisioni ufficiali costituita dalle Waffen-SS durante la seconda guerra mondiale.

Il numero della divisione sarà successivamente ripreso nel marzo del 1945 per la creazione della 29. Waffen-Grenadier-Division der SS (italienische Nr. 1) composta interamente da volontari italiani.

Le origini con la Brigata Kaminski[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della Russkaya Osvoboditelnaya Narodnaya Armiya (Armata popolare russa di liberazione) risalgono al dicembre 1941, quando il sindaco dell'autonomia di Lokot, Ivan K. Voskobinkov, ordinò di formare una milizia per arrestare gli attacchi dei partigiani sovietici alle ferrovie della zona. Risposero all'appello tra i 400 e i 500 volontari che svolsero a dovere il loro compito, tanto che l'Armata Rossa decise di inviare un manipolo specializzato in operazioni di infiltrazione che, in concerto con i partigiani della zona, fu incaricato di uccidere il sindaco ribelle Voskobinkov, riuscendo in poco tempo nell'operazione. Nuovo sindaco di Lokot' nonché comandante del gruppo armato divenne Bronislav Kaminski, ex membro dello staff di Voskobinkov che subito si adoperò per dotare i propri uomini di un equipaggiamento migliore.[1]

Dopo uno scontro con circa 3.000 partigiani nella zona di Komariči i tedeschi del gruppo d'armate Centro si misero in contatto con Kaminski e gli concessero più autonomia e il controllo di una zona abitata da circa 1.700.000 persone, chiedendo ed ottenendo in cambio di inserire nella formazione antipartigiana alcuni loro soldati. La prima operazione congiunta con il nuovo alleato tedesco avvenne il 5 giugno 1942 a nord di Brjansk, quando gli uomini di Kaminski, inquadrati in una compagnia, funsero da interpreti e da guide fino al termine delle operazioni avvenuta in ottobre. Kaminski dopo poco diede un nome alla sua unità: Russkaya Osvoboditelnaya Narodnaya Armiya, cioè "Armata popolazione russa di liberazione", nota anche come RONA o POHA, quest'ultima sigla riferita al nome in cirillico; i tedeschi la chiamarono "brigata Kaminski". Col tempo le file della brigata si ingrossarono con disertori partigiani, coscritti del distretto di Lokot, bielorussi, ucraini e alcuni polacchi, inoltre arrivò l'artiglieria e qualche carro T-34/76.[1]

Questo periodo positivo cessò nell'estate 1943 con i successi dell'Armata Rossa al fronte che causarono diserzioni nella brigata di Kaminski, che scampò anche a diversi attentati orchestrati dai suoi uomini. La repressione fu dura e alcuni ufficiali dissidenti vennero impiccati. I tedeschi comunque aumentarono la loro presenza nella brigata e ricominciarono le operazioni antipartigiane in preparazione alla battaglia di Kursk: operazioni Nachbarlife, Zigeunerbaron, Freischütz, Tannenhauser e Osterei. La sconfitta registrata a Kursk dalla Wehrmacht impose alla brigata Kaminski di ritirarsi fino alla Bielorussia, con le diserzioni (sempre punite duramente quando ve ne fu l'occasione) in continuo aumento. La formazione combatté ancora una volta contro i partigiani nell'area di Lepel' (voblasc' di Vicebsk), quindi cambiò nome in Volksheer-Brigade Kaminski poco prima di passare sotto il controllo delle Waffen-SS nel luglio 1944, che gli affibbiarono il nuovo nome di Waffen-Sturm-Brigade RONA in parallelo alla nomina di Kaminski a brigadeführer.[1]

Designazioni successive[modifica | modifica wikitesto]

  • Settembre 1943 : Russkaya Ovsoboditelnaya Narodnaya Armija (RONA o POHA in caratteri cirillici)
  • Marzo 1944 : Volksheer Brigade Kaminski
  • Luglio 1944 : SS-Sturmbrigade RONA
  • Agosto 1944 : 29. Waffen Grenadier Division der SS (russische Nr.1)

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Effettivi : 10.000 uomini, composti essenzialmente da volontari russi, ucraini e bielorussi.
  • Insigne : РОНА sormontato dalla croce germanica
  • Croci di ferro ottenuti : 0

Decorazioni ricevute da Bronislav Kaminski (Бронислав Каминский)[modifica | modifica wikitesto]

Kaminski con un ufficiale, 21 marzo 1944
  • Iron Cross 1^ Class (27 Jan 1944)
  • Iron Cross 2^ Class (27 Jan 1944)
  • Anti-Partisan Badge (31 July 1944)
  • Ostvolk Medal 1^ Class (1944)
  • Ostvolk Medal 2^ Class (1944)
  • Wound Badge in Black

Forza della divisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Dec. 1941 400-500
  • Gen. 1942 800
  • Feb. 1942 1.200
  • Mar. 1942 1.650
  • Lug. 1941 5.000
  • Dic. 1942 8.000 - 10.000
  • Feb. 1943 9.000 - 10.000
  • Mar. 1943 8.000
  • Ago. 1943 6.000
  • Set. 1943 12.000 - 15.000
  • Lug. 1944 4.000 - 5.000


Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera russa di Sant'Andrea adottata dal ROA, Esercito Russo di Liberazione
Inizio nomina Fine nomina Grado Nome
Gennaio 1942 28 agosto 1944 Waffen-Brigadeführer Bronislav Kaminski (Бронислав Каминский)
28 agosto 1944 27 settembre 1944 SS-Brigadeführer
Generalmajor der Polizei
Christoph Diehm
27 settembre 1944 Ottobre 1944 SS-Gruppenführer
Generalleutnant der Polizei
Heinrich Jürs


Ordine di battaglia del 29. Waffen-Grenadier-Division der SS (1. Russa)[modifica | modifica wikitesto]

Bronislav Kaminski al comando del 29. Waffen-Grenadier-Division der SS RONA (1. Russa), nella primavera del 1944.
  • Waffen-Grenadier-Regiment der SS 72 (russisches Nr.1)
  • Waffen-Grenadier-Regiment der SS 73 (russisches Nr.2)
  • Waffen-Grenadier-Regiment der SS 74 (russisches Nr.3)
  • Waffen-Artillerie-Regiment der SS 29 (russisches Nr.1)
    • SS-Füsilier-Bataillon 29
    • SS-Pionier-Bataillon 29
    • SS-Panzerjäger-Abteilung 29
    • SS-Nachrichten-Abteilung 29
  • SS-Versorgungs-Regiment 29
      • SS-Veterinär-Kompanie 29
      • SS-Sanitäts-Kompanie 29
    • SS-Feldersatz-Bataillon 29

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Bronislav Kaminski e la RONA. URL consultato il 21 dicembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]